discorsi segreti

… o meglio: –

cose che non si potevano dire in quel momento…

L’antefatto.

Dunque erano stati avviati da un po’ gli aiuti britannici alla Russia, ma non tutto era filato subito liscio. C’è da annotare che i dialoghi con i russi non sono mai stati, e mai lo saranno, facili, di suo e pertanto capirsi può anche risultare difficoltoso spiegarsi bene.
E’ vietato scherzare o fare allusioni non pertinenti e occorre spesso ripetere le cose per essere sicuri che non ci siano fraintendimenti di sorta. I traduttori sono spesso bravi, ma qualche liscia se la cavano anche loro e talvolta occorre fare concessioni extra per non urtare la sensibilità altrui. Detto questo, tanto per illustrare il clima, un’ultima considerazione. Quando si parla con qualcuno che ha davvero bisogno di te è necessario ricordarsi che di 10 cose che dirai, lui ne sentirà e ricorderà solo 2: quelle che gli interessano di più.

 

Il fatto.

All’inizio di settembre Churchill aveva inviato un messaggio a Stalin che recitava:

Con il mio messaggio del 6 settembre vi informavamo che erava­mo disposti a dichiarare guerra alla Finlandia. Siete convinto che una dichiarazìone di guerra della Gran Bretagna alla Finlandia, Ungheria e Romania sia realmente un buon affare? Si tratta soltanto di una formalità, poiché un blocco rigorosissimo nei confronti di questi paesi è già in atto. Sono contrario a tale passo, in primo luogo perché la Finlandia conta molti amici negli Stati Uniti, ed è prudente tener conto di questo fatto.
In secondo luogo, perché Romania e Ungheria sono paesi pieni di nostri amici; Hitler li ha sopraffatti e se n’è servito per farsi cavare le castagne dal fuoco. Qualora però la fortuna dovesse volgersi contro quel bandito; essi con ogni probabilità si schiererebbero al nostro fianco.
Una dichiarazione di guerra da parte britannica servirebbe soltanto a irrigidire tutti e a dare l’impressione che Hitler sia a capo di una grande alleanza i un’Europa, compatta contro di noi. Vi prego dì non supporre che sia una mancanza di zelo o di spirito di cameratismo a farci dubitare dell’opportunità di tale passo. I nostri Dominions, salvo l’Australia, sono riluttanti. Tuttavia, se ritenete che ciò rappresenti per voi un effettivo vantaggio e che ne valga davvero la pena, lo farò di nuovo discutere in sede di Gabinetto.
Spero che i nostri rifornimenti siano smistati ad Arcangelo man mano che arrivano. Piccoli quantitativi cominciano a transitare attra­verso la Persia. Alimenteremo al massimo le due vie di comunicazione. Vi prego di fare in modo che i nostri tecnici, i quali accompagnano i carri armati e gli aerei, abbiano la possibilità di consegnare questi mezzi di lotta ai vostri uomini nelle migliori condizioni possibili. Attualmente, la nostra missione a Kuibyscev non è al corrente di tutti questi pro­blemi. Essa desidera soltanto rendersi utile. Questi mezzi di lotta ven­gono inviati a nostro rischio e pericolo, perciò desideriamo vivamente che possano dar saggio delle loro qualità nelle migliori condizioni.
Un ordine da parte vostra è necessario.
Non posso riferirvi sui nostri piani militari immediati più di quan­to voi non potete dirmi dei vostri; ma siate certo che non rimarremo con le mani in mano.
Allo scopo di costringere il Giappone a rimanere tranquillo, stiamo inviando nell’Oceano Indiano la nostra nave da battaglia più mo­derna, la Prince of Wales, che è in grado di affrontare ed affondare qualun­que nave giapponese e stiamo allestendo in quella zona una potente squadra da battaglia. Sto insistendo presso il presidente Roosevelt affinché aumenti la sua pressione sui giapponesi e li intimorisca così da impedire che venga bloccata la strada di Vladivostok.
Non sprecherò parole in complimenti, poiché voi sapete già da Beaverbrook e Harriman quali siano i nostri sentimenti nei confronti della vostra splendida lotta. Abbiate fiducia nel nostro appoggio in­stancabile.

 

Dopo qualche tempo Stalin, attraverso l’ambasciatore Maiskij, consegnò la seguente risposta:

Sono pienamente d’accordo con voi che sarebbe necessario chiarire definitivamente le relazioni tra l’U.R.S.S. e la Gran Bretagna.
Tale chiarezza per il momento non esiste. La mancanza di chiarezza è dovuta a due ragioni:
a) non esiste fra i nostri due paesi alcuna intesa precisa circa gli scopi di guerra e i piani per l’organizzazione post-bellica della pace;
b) non esiste alcun accordo tra l’U.R.S.S. e la Gran Bretagna circa gli aiuti militare nella guerra contro Hitler in Europa.
Fino a quando non vi sarà un accordo su queste due questioni non potrà esservi alcuna chiarezza nei rapporti anglo-sovietici .
Più an­cora: per essere franco, fino a quando perdurerà l’attuale situazione, sarà difficile arrivare ad una reciproca fiducia. S’intende che l’accor­do circa i rifornimenti all’URSS ha una grandissima importanza, ma esso non basta a risolvere né ad esaurire l’intero problema delle relazioni tra i nostri due paesi. Se il generale Wavell e il generale Paget, che citate nel vostro messaggio, verranno a Mosca con l’inten­zione di concludere un accordo sulle due fondamentali questioni accennate, sarei naturalmente lieto di conoscerli e discutere con essi tali questioni. Se invece la missione dei generali dovesse limitarsi ad uno scambio di informazioni e all’esame di altre questioni secondarie, penso che non varrebbe la pena d’inviare quei generali.
In tal caso mi sa­rebbe inoltre molto difficile trovare il tempo per le conversazioni.
A proposito degli aiuti, potete essere certo che stiamo prendendo tutte le misure necessarie per provvedere al rapido trasporto e alle opportune destinazioni di tut­to il materiale bellico che giunge ad Arcangelo dalla Gran Bretagna. La stessa cosa sarà fatta per quel che riguarda la via attraverso la Persia. A questo proposito mi permetto di richiamare la vostra attenzione sul fatto (sebbene si tratti di una questione secondaria) che carri armati, aeroplani e pezzi di artiglieria arrivano con imbal­laggi difettosi, che talvolta parti dello stesso veicolo sono caricate su navi diverse, che gli aeroplani, a causa dell’imballaggio difettoso, ci arrivano a pezzi; e questo è male.

Annunci

26 settembre 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

A Tokio è stato solennemente celebrato il primo anniversario del Patto Tripartito.

Secondo quanto si apprende da Helsinki, negli ambienti finlandesi il passo compiuto dall’Inghilterra presso il Governo di Finlandia, mirante ad una pace separata fra questo Paese e la Russia è stato accolto con indifferenza ed ha dato motivo a varie riflessioni circa quelli che potrebbero essere stati i motivi che hanno spinto la Gran Bretagna ad una simile iniziativa.
(trovo che questa cosa sia interessante. Soprattutto alla luce del fatto che pochissimi giorni fa Winston Churchill, come ha lasciato scritto nelle sue memorie, che ogni tanto cito:

Con il mio messaggio dcl 16 settembre vi informavamo che erava­mo disposti da qualche tempo a dichiarare guerra alla Finlandia. Siete convinto che una dichiarazione di guerra della Gran Bretagna a Finlandia, Ungheria e Romania sia realmente un buon affare? Si tratta soltanto di una formalità, poiché un blocco rigorosissimo nei confronti di questi Paesi è già in atto. Sono contrario a tale passo, in primo luogo perché la Finlandia conta molti amici negli Stati Uniti, ed è prudente tener conto di questo fatto…

Nota team557. Poi c’è da tener conto di un altro aspetto. Le linee di rifornimento da Murmansk e Arcangelo al fronte russo-tedesco. Tanto che gli americani si erano prodigati ad ammonire i finlandesi, con termini molto energici, circa le possibili conseguenze della situazione bellica e, soprattutto, dei rifornimenti anglo-sovietici)

Da Berlino viene comunicato ufficialmente che in conseguenza dell’atteggiamento assunto dal Governo dell’Iran nei riguardi della colonia tedesca in quel paese e dopo l’invasione delle truppe inglesi e sovietiche, il Governo del Reich si è visto obbligato ad ordinare la chiusura della rappresentanza diplomatica iraniana in Germania e nei territori occupati, accordando il tempo di dieci giorni ai loro componenti per partire.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Ad est di Kiew il numero dei prigionieri russi è aumentato a 492mila uomini.
(a mio modo di giudicare, l’impegno della custodia dei prigionieri mi sembra stia impiegando troppe risorse militari)
Attacchi aerei a Charkov, Tula e Mosca.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. Un piroscafo inglese incendiato da aerei nelle acque inglesi.


war report: 26set1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale (Alleato).

warReport1941

Oceano Atlantico: i sottomarini tedeschi U-124 e U-203 hanno attaccato il convoglio alleato HG-73,  a 500 miglia a nord delle isole Azzorre e affondando 6 navi mercantili. La nave HMS Larkspur ha contrattaccato l’U-203 con cariche di profondità, ma non ha causato danni. L’U-124 ha affondato la  nave Cervantes, la Lapwing e la Petrel e l’U-203 ha affondato la Avoceta, la  Cortes e la Varangberg. L’U-66 ha affondato la nave Bianco.

Il Convoglio SC-46, uno dei convogli più fortemente colpiti dalla Seconda Guerra Mondiale, è stato attaccato da 14 U-boats, che hanno affondato 15 navi, per un totale di 65.776 tonnellate. Le imbarcazioni U-Boot che hanno segnato o condiviso uccisioni erano:  gli U-81; U-82, U-85, U-98, U-202, U-207, U-372, U-432 e U-652.

 

Mediterraneo: il sottomarino britannico HMS Tetrarch ha affondato la nave italiana Città Di Bastia, al largo della Grecia. La nave italiana era in viaggio dal Pireo a Creta.

Le prime relazioni di “bande di partigiani” che operano nei Balcani sono ricevute a Berlino.

 

Nord Africa:  il posamine britannico Latona e i cacciatorpedinieri Jackal, Kimberley e Hasty sono partiti da Alessandria, Egitto con truppe e forniture per Tobruk assediata.

 

Fronte Occidentale: la RAF ha volato ancora in operazioni Roadstead e Rhubarb.

 

 


Fronte Orientale
: Unternehmen Barbarossa. Il governo francese libero di Gaulle ha firmato un’alleanza con l’Unione Sovietica.

Armata Nord: nel settore di Leningrado il generale Kulik ha preso il comando della 54° armata sovietica, rimpiazzando il gen. Khozin.

Armata Centrale: In Ucraina la maggior parte dei combattimenti cessa attorno a Kiev, non appena le ultime unità nella sacca si sono arrese.
Il maresciallo tedesco del von Rundstedt è riuscito a nutrire a far riposare i suoi soldati. Al contrario, le forze sovietiche circondate stanno morendo di fame e stanno esaurendo le munizioni, non avendo ricevuto forniture e essendo senza comandante, dopo la morte del generale Mikhail Kirponos nell’imboscata tedesca del 20 settembre. Sono stati distrutti 4 armate sovietiche, che comprendevano 850.000 uomini. 150.000 sono fuggiti e circa 300.000 sono stati presi prigionieri dai tedeschi. Solo in 6.000 torneranno dalla prigionia. La sacca di Kiev rimane ancora oggi la più grande sacca di combattenti nemici mai circondati nella storia della guerra. In definitiva, ha prodotto oltre 665 000 POW; il maggior numero di POW mai acquisiti durante una singola battaglia. Oltre a 100.000 soldati dell’esercito russo sono stati uccisi in questa prigionia.
Pochi giorni dopo l’occupazione di Kiev, gli edifici del centro furono fatti saltare, uccidendo anche centinaia di membri della Wehrmacht.
Gli ufficiali SS e la Wehrmacht si sono incontrati e hanno deciso che in rappresaglia la maggioranza degli ebrei di Kiev verranno uccisi.

Armata Sud: la 9° e la 18esima armata sovietica attaccano le forze rumene dell’Esercito tedesco, del sud del gruppo.

altre notizie.

Il Fronte Attivista Lituano è stato bandito e la maggior parte dei suoi leader sono stati arrestati.

Un poliziotto lituano a Kovno pensava di aver sentito un colpo sparato in una strada del ghetto ebraico. Quando furono informate le autorità tedesche, i 1800 uomini, donne e bambini che vivevano sulla strada sono stati portati alla fortezza locale e subito fucilati.

 

Asia: Raizo Tanaka è stato nominato comandante della Seconda Squadra Distruttori. Ha portato la sua bandiera a bordo dell’incrociatore Jintsu.

Forze giapponesi circondano Changsha. L’11esimo esercito giapponese inizia ad attaccare Changsha, durante la notte.

 

Germania: come annunciato ieri, la corazzata tedesca Tirpitz ha navigato con altre navi da guerra per pattugliare le isole Aaland, nel Mar Baltico, per evitare manovre navali d’attacco sovietiche.

 

Nord America: la Marina Militare americana ordina la protezione di tutte le navi impegnate nel commercio nelle acque difensive degli Stati Uniti – pattugliando, coprendo, accompagnando, segnalando o distruggendo le forze navali tedesche e italiane incontrate.
(in questo modo sperano di provocare il famoso ed agognato incidente internazionale-chiave, col quale poter dichiarare guerra all’Asse)

L’ufficio degli Affari Esteri tedesco (The German Charge d’Affaire) di Washington risponde alla nota statunitense del 19 settembre circa le riparazioni per l’affondamento del cargo USA SS Robin Moor.
I tedeschi scrivono al Presidente Roosevelt che “non sono in grado di fornire una risposta adeguata del governo del Reich”.

L’opinione del Congresso americano sulle accuse di propaganda nei film americani è che siano sospese ed eventualmente riprese nel gennaio del 1942. Secondo la loro opinione, i media si sono mostrati universalmente critici, durante le audizioni, per gli attacchi fatti sull’industria cinematografica, in quanto i senatori isolatori che hanno avviato il processo si sono mostrati poco corretti e paranoici rispetto ad Hollywood rispetto a qualsiasi minaccia reale da parte di Hitler.
In pratica, il fatto non sussiste.

 

Sud Pacifico: nel tour di Pearl Harbor, Mountbatten incontra il generale Short e l’ammiraglio Kimmel e prepara gli ufficiali degli Stati Uniti sugli sviluppi della guerra in Europa e le riporta le lezioni apprese.


25 settembre 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Una conferenza, di stile prettamente ginevrino, sotto la presidenza di Winston Churchill, si è riunita a Londra.
Vi hanno partecipato naturalmente, a quanto informano le notizie diramate a Londra, 16 delegazioni – tutte alleate dell’Inghilterra – (eh, volevo ben vedere…)
Erano fra questi gli esponenti della Cecoslovacchia, della Polonia, della Jugoslavia e di altri Stati che furono, nonchè i rappresentanti  dei Governi già da lungo tempo spodestati dai loro stessi popoli e ancora rappresentanti del fuoruscitismo di tutti quei Paesi che sono ora sotto il controllo delle Potenze dell’Asse.
Tema della conferenza era il risanamento dell’Europa dopo la guerra in corso.
(naturalmente, secondo solo all’idea, al progetto britannico e, ovviamente, sempre senza chiedere l’opinione degli interessati. Che è un po’ come dire:
vedi, vidi, vici, commeatus et occupavit
)

L’ambasciatore sovietico a Londra, Maiskij, ha tenuto un nuovo discorso nella sede della Camera di Commercio americana della capitale britannica. Il diplomatico bolscevico ha voluto ancora una volta mettere in guardia gli amici inglesi e americani, ammonendoli di non farsi troppe illusioni su un possibile consolidamento della resistenza sovietica, col favore dell’imminente stagione invernale.

A Washington, il movimento iniziato dal Governo per l’abrogazione della legge di neutralità (avevo ragione io. Gli americani si fanno le leggi di comodo e poi si scrivono le leggi di comodo per abrogarle…) e per l’armamento della marina mercantile si va intensificando con l’intervento  della maggioranza parlamentare rooseveltiana e particolarmente con gli esponenti, Rayburn e Connally, che annunciano la presentazione di una personale mozione per sostenere questo successivo passo presidenziale verso la belligeranza.
Si attende pertanto un vivace dibattito in seno al congresso americano quando lo stesso Roosevelt chiederà importanti modifiche alla legge sulla neutralità. Fra queste modifiche, dovrebbe figurare quella intesa ad ottenere che si possa procedere all’armamento di tutte le navi da trasporto destinate all’Inghilterra ed alla Russia. Sembra, tuttavia, che 120 navi siano già state armate senza attendere le decisioni del Congresso (non vorremo mica stupirci, vero?)

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Tentativi di sfondamento eseguiti da forza sovietiche accerchiate ad est di Kiew sono stati respinti. Mosca e Tula bombardate da aerei germanici.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. 78mila tonnellate di naviglio mercantile inglese affondate da sommergibili germanici nell’Atlantico. Attacco aereo diurno sulle coste orientali della Scozia e, notturno, a Dover.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. 8 apparecchi inglesi abbattuti ad est di Sollum in combattimenti aerei.


war report: 25set1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale (Alleato).

warReport1941

Oceano Atlantico: nel primo viaggio di scorta della US Navy ai convogli durante la Seconda Guerra Mondiale si è concluso correttamente. La scorta della Marina USA ha consegnato il convoglio HX-150 alle scorte britanniche al punto concordato del Mid-Ocean Meeting Point. Tutte le navi hanno poi raggiunto i porti in modo sicuro.

 

Mediterraneo: l’Italia inizia l’occupazione della Croazia. Gli italiani riconquistano la zona demilitarizzata per assicurarsi il fianco adriatico dell’Italia.

La forza H si è distaccata dalle navi mercantili nelle prime ore del mattino, per cui la ricognizione aerea dell’Asse poteva pensare che la Force H fosse ancora in zona. Aerei Fulmars dell’Ark Royal hanno fornito una copertura aerea sopra il convoglio. Gli aerei italiani hanno poi rilevato la Force H nel pomeriggio e hanno ordinato alle corazzate di darle battaglia vicino alla costa italiana.

 

Fronte Occidentale: la Raf ha volato in operazioni Rhubarb sulle coste francesi.

(le operazioni Rhubarb erano basate sul sistema semplice del viaggiare al di sopra delle nuvole o della nebbia, abbassarsi all’improvviso e distruggere tutto quello che era possibile ed utile alla guerra, per poi fuggire ritornando al di sopra della stessa cortina per essere indisturbati nel rientro. La tattica del mordi e fuggi. Obiettivi frequenti erano dalla Manica sull’Olanda occupata, il Belgio, le coste Francesi -con una certa prudenza perchè lì la contraerea tedesca pizzicava parecchio – ed in particolare si concentravano su depositi di carburante, convogli di tutti i tipi, terrestri o fluviali, basi aeree nemiche o industrie in genere e centrali elettriche)

 

 


Fronte Orientale
: Unternehmen Barbarossa. La relazione Jager (rilasciata il 1 dicembre 1941) annota che 215 maschi adulti, 229 femmine adulte e 131 bambini, tutti ebrei, sono stati oggi uccisi a Jahiuna, in Lituania, per un totale di 575 persone.

Armata Nord: Hitler (ancora in zona) ha ordinato una sospensione di tutte le operazioni per attaccare Leningrado, nella Russia settentrionale, sospendedo l’ordine che la città fosse affamata nell’assedio.
L’assedio formale della città, che durerà circa 900 giorni, inizierà di l’ a poco.

Armata Centrale: le forze tedesche continuano a ridurre sistematicamente i resti definitivi delle forze sovietiche nella sacca di Kiev.

Armata Sud: le truppe tedesche e rumene, sotto il generale tedesco Erich von Manstein, cattrano l’Istmo di Perekop di 7 km, che collega la penisola di Crimea alla terraferma ucraina. Le forze sovietiche sono ora isolate nella stessa Crimea e nel principale porto ucraino di Odessa, nel Mar Nero. Gli arrivi di paracadutisti tedeschi iniziano copiosi, vicino a Perekop.

altre notizie.

Per prevenire uno contattacco dalla flotta sovietica, nel Golfo di Finlandia, la flotta tedesca baltica di nuova costituzione (le navi da battaglia Tirpitz, Admiral Scheer, Köln e Nürnberg, 3 cacciatorpediniere e 5 navi a torpedo) pattuglia il Mar Baltico. L’Admiral Scheer è danneggiata quando due cariche di profondità esplodono sul ponte (ritornerà al cantiere Blohm & Voss ad Amburgo attraverso il canale di Kiel per le riparazioni fino al 24 ottobre).

 

Asia: la portaerei giapponese Zuikaku è stata immessa in servizio.
Il capitano Tsunekichi Fukuzawa è stato nominato comandante della nave di riparazione Akashi.

 

Germania: la RAF invia un aereo per attaccare Emden, nel provare gli aerei B-17 Fortress di giorno.

 

Nord America: John F. Kennedy si è arruolato nella Marina americana. Kennedy è stato nominato ufficiale della US Naval Reserve.

Il duca e la duchessa di Windsor sono stati salutati dal presidente Franklin D. Roosevelt e dalle folle mentre arrivavano a Washington per la loro prima visita.

Sud Pacifico: Marshall ha chiesto a Stark di convertire temporaneante tre torpediniere in cargo per aumentare il carico dei rinforzi inviati alle Filippine.


24 settembre 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Da fonte inglese si apprende come i generali Wavell ed Anchileck, comandanti le forze britanniche dell’India e del medio Oriente, abbiano chiesto a Londra che il materiale  bellico destinato alla Russia, via Iran, non venga fatto proseguire, ma bensì assegnato al loro eserciti.

Un gruppo di paracadutisti è stato lanciato due notti fa da un aeroplano sovietico in territorio bulgaro e, precisamente, nei pressi di Harmanli. La polizia ricerca attivamente gli emissari di Mosca venuti in Bulgaria sicuramente per compiere attentati terroristici e distruggere opere di pubblica utilità.
Circola anche la voce che questi incursori siano stati rilevati da formazioni di locali e alla fine sopraffatti.

Secondo informazioni giunte dall’Iran, l’ex Scià si sarebbe consegnato alle autorità di occupazione che lo avrebbero inviato in India (sotto custodia cautelare).
(in questo modo si cambiano i governi di una nazione, si cambia lo sviluppo, si cambia la storia di un paese. E’ in questo modo che gli inglesi che fanno pagare il fatto di non aver avuto abbastanza attenzione e cura per gli interessi britannici? La Gran Bretagna andrebbe punita per questi episodi. Senza timore di smentita)
Casualmente, mancano sempre le notizie dei gioielli della Corona trafugati dai britannici.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE.
Continua la lotta ad est di Kiew. Nella baia di Kronstadt attacchi aerei a navi da battaglia sovietiche e cacciatorpediniere.
Pietroburgo e Mosca bombardate.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.

Attacchi aerei sul Canale di San Giorgio e sulla Costa meridionale dell’Isola.

 


war report: 24set1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale (Alleato).

warReport1941

Oceano Atlantico: il Corpo marittimo statunitense della prima brigata di Marina provvisoria è stata distaccata dalla Marina americana per il nuovo servizio in Islanda.

Il convoglio alleato ON.18 è divenuto il primo convoglio a ovest da accompagnare con navi americane, in occasione dell’incontro con i cacciatorpedinieri  Madison, Gleaves, Lansdale, Hughes e Simpson, nel mezzo dell’Oceano Atlantico.

 

Mediterraneo: Tito, guidando una banda male armata e attrezzata di 70.000 partigiani, attacca e prende la città di Uzice con la sua fabbrica di fucili in grado di produrre 400 pistole al giorno. Tito e le sue truppe  terranno la città per due mesi.

La campagna mediterranea degli U-boat ha avuto inizio quando U-371 ha superato Gibilterra, entrando nel Mar Mediterraneo. Nelle prossime due settimane  altri 6 U-Boats entreranno nel Mediterraneo. La forza sottomarina tedesca avrà d’ora in poi circa il 50% della sua forza attiva subacquea impegnata nel Mediterraneo.

L’operazione Halberd è lanciata dagli Alleati per trasportare forniture a Malta. Il convoglio iniziale è di nove trasporti che trasportano 81.000 tonnellate di attrezzature militari e forniscono una scorta di tre corazzate, un vettore, cinque crociere e diciotto cacciatorpediniere.
L’operazione Halberd era al momento il più grande sforzo militare offerto della guerra. La Force H, sotto il comando dell’ammiraglio James Somerville, ha accompagnato il convoglio come difesa contro le navi di superficie italiane.
La forza H consiste delle navi da Nelson, Rodney e Principe del Galles con gli aerei della Ark Royal che operava con 12 Fairey Swordfish e 27 Fairey Fulmars.
La Force H ha anche gli incrociatori Kenya, Edimburgo, Sheffield, Euryalus e Hermione, ed è stato scortato dai distruttori Isaac Sweers, ORP Garland e ORP Piorun e Duncan, Farndale, Lance, Legion, Lightning, Lively, Oribi, Cossack, Gurkha e Zulu. I sottomarini HMS Ursula e Unbeaten pattugliano a sud dello Stretto di Messina mentre l’Upright” e l’Utmost pattugliano a nord dello Stretto. Il sottomarino polacco ORP Sokół pattuglia a nord della Sicilia con l’Urge e l’Upholder mentre il sottomarino olandese O-21 pattuglia a sud della Sardegna. Malta aveva recentemente ricevuto 27 combattenti di lunga portata (22 Bristol Beaufighters e 5 Bristol Blenheims), che avevano bombardato e colpito gli aeroporti italiani in Sicilia e in Sardegna e avrebbe fornito copertura aerea per il convoglio dopo che la Force H si ritirava. L’ammiraglio Somerville ha cambiato la sua bandiera da Nelson a Rodney e la Nelson ha navigato a ovest nell’Atlantico alle 18:15 accompagnate dal Garland, Piorun e Isaac Sweers per dare l’impressione che la Force H era stata ridotta.

 

Nord Africa: l’incrociatore britannico Abdiel e i cacciatorpediniere Napir, Kingston e Hotspur sono partiti da Alessandria d’Egitto con truppe e forniture per l’assedio di Tobruk, in Libia.

 

Oceano Indiano: l’incrociatore ausiliario tedesco Kormoran ha fermato, evacuato e poi colpito la nave greca Stamatios G. Embiricos, nell’Oceano Indiano, a 600 miglia ad ovest delle isole delle Maldive. l’equipaggio di 31 uomini è stato catturato.

 

Fronte Occidentale: la tariffa del tabacco a Parigi, in Francia, è scesa a 4 sigarette al giorno per gli uomini e per le donne.

 


Fronte Orientale
: Unternehmen Barbarossa. Nei pressi di Leningrado, dopo quattro giorni di attacchi della Luftwaffe, sulla flotta Baltica sovietica, la corazzata Marat è affondata, la Oktyabrskaya Revolutsiya è stata colpita da 6 bombe e due incrociatori sono rimasti pesantemente danneggiati.

Armata Nord: Meretskov assume il comando della 7° esercito sovietico sul Svir.
La 18.Armee continua ad attaccare senza successo Leningrado. Prevalentemente con tiri di artiglieria pesante.

Armata Centrale: mentre Hitler si incontrava con Rundstedt, presso la sede del Centro Esercito del Gruppo di Centro si verifica un’esplosione di una bomba nella sede tedesca dell’Hotel Continental a Kiev.
Contemporaneamente il 5. esercito sovietico e il 21° si stavano arrendendo nella sacca di Kiev. Non ci sono stati feriti.

Armata Sud: l’Armeegruppe Sud lancia i suoi attacchi verso Kharkov e la penisola di Crimea. L’offensiva di Armeegruppe Sud è sul ponte vitale per la Crimea a Perekop, una barriera difensiva naturale sovietica grandemente fortificata del grande “Tartarengrab” (Tartarengrab), che si estende attraverso lo stretto istmo di Perekop per 5 – 7 chilometri e che separa la  Penisola di Crimea dall’Ucraina. L’attacco è stato portato da elementi di von Manstein. I difensori, ancora in pezzi, si sono spostati rapidamente sull’asse di Kharkov e i Panzer penetrano entro 40 miglia da Kharkov. Tuttavia, gli attacchi dell’11.Armee nell’istmo di Perkov che portano in Crimea sono stati fermati da una difesa ostinata.

altre notizie.

Il gruppo tedesco dell’Einsatzgruppe C ha istituito la sua sede a Kiev, in Ucraina.

 

Asia: Il Consolel giapponese alle Hawaii, Nagai Kita, è incaricato di riferire il numero e il tipo preciso di navi da guerra ormeggiate a Pearl Harbor. Il seguente messaggio è stato inviato al consolato giapponese a Honolulu, Territorio delle Hawaii:

messaggio originale
D’ora in poi, vorremmo avere relazioni sulle navi lungo le seguenti linee per quanto possibile: 1. Le acque (di Pearl Harbor) devono essere suddivise approssimativamente in cinque sottosezioni.
Area A. Acque tra Ford Island e l’Arsenal.
Area B. Acque adiacenti all’isola sud e ad ovest dell’isola di Ford. (Questa zona si trova sul lato opposto dell’isola dalla zona A.)
Zona C. East Loch.
Zona D. Centro di Loch.
Area E. West Loch e gli itinerari idrici comunicanti.

Per quanto riguarda le navi da guerra e i vettori aerei, vorremmo renderci conto di quelle in entrata, (non sono così importanti) legate a banchine, boe e serrature. (Designare i tipi e le classi brevemente. Se possibile, vorremmo avere menzionate il fatto se ci sono due o più navi lungo lo stesso molo)“.

Il messaggio è nel codice J-19 ed è stato tradotto il 9 ottobre.
Il messaggio è stato intercettato dai servizi di intelligence americani, ma la mancanza di decrittori e problemi di comunicazione avrebbe ritardato la traduzione fino al 9 ottobre, quando i funzionari decisero di ignorare il messaggio e considerarlo come routine normale di spionaggio, già in corso a Mania, Panama e Seattle.

I giapponesi dell’11° armata continuano ad avanzare verso Changsha senza la minima opposizione.

cinesi sulla riva del fiume Miluo, nella battaglia per Changsha

Regno Unito: il Concilio interreligioso si è incontrato nel Palazzo di San Giacomo. Rappresentanti di 15 Paesi alleati hanno affermato all’unanimità i principi comuni della politica fissati nella Carta atlantica. I paesi sono Australia, Belgio, Canada, Cecoslovacchia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Sudafrica, URSS e Jugoslavia. La Carta atlantica impegna i firmatari a un mondo del dopoguerra della mutua cooperazione e della libertà per i paesi ora sotto l’occupazione nazista, senza annessioni o cambiamenti di frontiera senza i desideri liberamente espressi dai cittadini interessati.

 

Nord America: sul fronte difensivo, dalle osservazioni di Lindbergh a Des Moines, il primo comitato americano ha pubblicato una dichiarazione che nega che Lindbergh o i suoi colleghi, membri dell’AFC, siano anti-semitici e invitano gli ebrei ad aderire ai ranghi dell’organizzazione.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: