21 gennaio 1942: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Il Ministro della Marina giapponese, Ammiraglio Shinada, ha tracciato un quadro delle operazioni navali compiute sino ad oggi dalle Forze Armate nipponiche. Egli ha dichiarato che la flotta giapponese domina praticamente il Pacifico, dalla Malesia e dalle Indie Olandesi, sino alla costa occidentale  degli Stati Uniti. Essa sta ora collaborando attivamente all’azione contro Singapore, nelle Filippine, a Borneo e nelle Indie Olandesi. La Flotta è in procinto di ampliare rapidamente l’entità delle sue operazioni contro le navi da guerra nemiche e specialmente contro i sottomarini nelle acque asiatiche e contro le basi statunitensi nel Pacifico.
Scimada ha comunicato i suguenti particolari sui successi ottenuti dalla flotta giapponese dallo scoppio della guerra:

Navi da guerra affondate:
7 navi da battaglia, 2 portaerei, 3 incrociatori, 6 cacciatorpediniere, 18 sottomarini e 26 altre unità, quali cannoniere e dragamine.
Sono stati danneggiati inoltre 4 navi da battaglia, 6 incrociatori, una portaerei e 3 cacciatorpediniere.
Sono state affondate 35 navi mercantili e danneggiate altre 28, mentre 81 sono state catturate o sequestrate, oltre a 500 battelli minori. Distrutti o danneggiati almeno 977 aerei nemici.
Dall’inizio della guerra, la flotta giapponese ha perduto 4 cacciatorpediniere, 4 dragamine, 3 sottomarini, 4 navi trasporto e 67 aeroplani, mentre un incrociatore è stato parzialmente danneggiato.
A proposito delle operazioni navali nelle Filippine, Scimada ha dichiarato che all’inizio della guerra la Marina nipponica ha abbattuto o distrutti al suolo 336 aeroplani ed ha affondato 4 cacciatorpediniere, 7 sottomarini e 5 navi mercantili, danneggiando numerose altre unità, fra cui una portaerei.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Aspri combattimenti nel settore del Donetz e nei settori centrale e settentrionale. Attività aerea germanica su tuttto il fronte. Un piroscafo danneggiato nello stretto di Kersch; un cacciatorpediniere ed un piroscafo sovietico affondati nel Mar Glaciale Artico. Un cacciatorpediniere e due piroscafi danneggiati.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. Attacchi di aerei germanici sulla Costa orientale inglese e sud-orientale dell’Inghilterra. Incursione aerea inglese sulla Germania nord-occidentale. 4 bombardieri inglesi abbattuti.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Attività d’artiglieria nella Cirenaica occidentale. Attacchi aerei italo-tedeschi sulla Litoranea della Cirenaica e su Malta.

FRONTE del PACIFICO. Offensiva nipponica in Birmania. Continuano i combattimenti in Malesia, nelle Filippine e negli altri settori del fronte.

Annunci

bollettino 598. 21gen1942

 

 

Sul fronte cirenaico scarsa attività d’artiglieria.
Colonne motorizzate e corazzate nemiche, in movomento intenso nelle retrovie, sono state efficacemente attaccate da reparti dell’Aviazione che hanno anche bombardato, con buon successo, le opere portuali di Derna e Tobruk ed incendiato un mercantile alla fonda.
In ripetute azioni contro Malta, velivoli tedeschi hanno sganciato bombe di medio e grosso calibro su importanti obiettivi molitari: un piroscafo di medio tonnellaggio è stato colpito innanzi il porto di La Valletta. Risultano abbattuti in combattimento un Hurricane e un Gladiator.
Apparecchi inglesi hanno sorvolato nella notte sul 20, la regione di Eleusi (Grecia), dove il lancio di spezzoni incendiari ha causato soltanto alcuni danni a fabbricati civili.


20 gennaio 1942: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

A Rangoon si annuncia che l’arresto del Primo Ministro della Birmania, dott. U. Saw, sarà seguito tra breve in Birmania dalla sospensione di ogni garanzia costituzionale.
Così la Costituzione del 1935 non sarà più in vigore e ne seguirà il completo annullamento della forma blanda di auto-amministrazione.

Il Ministro degli Esteri, Shigenori Togo, ha pronunciato alla Dieta l’atteso discorso sulla situazione. Dopo aver espresso il suo compiacimento di rivolgere la parola ai componenti dell’assemblea in un momento in cui le forze imperiali nipponiche, coi loro splendidi successi, vanno demolendo il dominio anglo-americano nell’Asia orientale e dopo aver reso omaggio all’eroismo dei combattenti e dei caduti e all’esemplare contegno della popolazione, il Ministro ha detto che, a dispetto della propaganda nemica, quasi tutto il mondo ha compreso che il Giappone è stato trascinato dai nemici in questa guerra e che cento milioni di giapponesi, animati da una volontà ferrea, intendono  portarla a felice conclusione.

Ospite per alcuni giorni del Capo di Stato Maggiore dell’esercito magiaro, è giunto a Budapest il Maresciallo von Keitel.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. In Crimea le truppe sovietiche si ritirano verso est. Continuano i combattimenti negli altri settori. Attività aerea germanica su tutto il fronte.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Attività di pattuglie e di artiglieria nella Cirenaica occidentale. Attacchi aerei italo-tedeschi su impianti portuali contro la Litoranea e nella zona a sud di Agedabia.
Un piroscafo inglese danneggiato a Tobruk. Bombardamento aereo di La Valletta e degli aerodromi  dell’isola di Malta.

FRONTE del PACIFICO. Continua l’aspra battaglia in Malesia e negli altri settori del fronte.


bollettino 597. 20gen1942

 

In un combattimento avvenuto tra Agedabia e Marsa Brega abbiamo respinto, ed in parte catturato, nuclei avversari; alcuni mezzi blindati sono stati distrutti dal nostro fuoco.
Le aviazioni italiana e tedesca hanno svolto intensa attività sulle retrovie nemiche e sull’isola di Malta.
Nostri aerosiluranti portatisi nel Mediterraneo orientale all’attacco di un convoglio fortemente scortato hanno colpito un mercantile di oltre 5mila tonnellate e carico di truppe.
Altro piroscafo di grande tonnellaggio è stato colpito e gravemente danneggiato da velivoli tedeschi nel mare di Tobruk.
Apparecchi inglesi hanno lanciato un limitato numero di bombe dirompenti e di spezzoni incendiari su Paternò e Lentini (Siracusa), stamane su Catania e Vizzini: nessuna vittima, danni irrilevanti.
Un bombardiere è stato abbattuto dalla difesa contraerea di Catania.

L’aerosilurante che ha colpito il trasporto di 5mila tonnelllete, di cui al bollettino odierno, era pilotato dal ten. Faggioni Carlo e dal maresciallo Locatelli Battista.

Il Bollettino Militare reca il seguente movimento:
Il generale Vittorio Ambrosio, designato d’Armata, cessa dal Comando della II Armata e assume – da oggi corrente mese – la carica di Capo di Stato Maggiore dell’Esercito.
Alla stessa data il Generale di Corpo d’Armata, Mario Roatta, cessa dalla carica di Stato Maggiore dell’Esercito e assume il Comando della II Armata.


piccola anteprima

dal 20 gennaio, i bollettini di guerra italiani – nel blog, giorno per giorno.


19 gennaio 1942: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

In occasione della stipulazione dell’accordo militare fra Giappone, Itaia e Giappone il Duce ha così salutato il popolo nipponico, a mezzo del Capo di Stato Maggiore della Marina giapponese:

L’Italia, cooperando col Giappone e con la Germania, con ferrea decisione e a costo di qualunque sacrificio, combatterà contro i nemici comuni fino alla vittoria finale“.

E’ giunto a Parigi il Plenipotenziario politico italiano, Ambasciatore Gino Buti.

A Tokio il capo di Stato Maggiore dell’esercito, generale Sugiyama, ed il Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Nagano, hanno offerto una colazione agli addetti delle Forze Armate dell’Asse per celebrare la firma della convenzione militare italo-tedesca-nipponica e brindare alla vittoria comune.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Le truppe tedesche riconquistano Feodosia in Crimea. Attacco russo sul Donetz e nei settori centrale  e settentrionale. Un mercantile sovietico danneggiato nelle acque di Murmansk.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. Attacco aereo germanico alle coste sud-occidentali inglesi.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Azioni di ricognizione italo-tedesche in Cirenaica. Attacchi aerei sulla costa cirenaica e ad un convoglio inglese nella Grande Sirte.

FRONTE del PACIFICO. Continua l’avanzata nipponica in Malesia. Sbarco nipponico nel nord dell’isola di Celebes. L’azione aerea giapponese contro le Indie Olandesi e nel sud delle Filippine assume ora un più ampio sviluppo.


18 gennaio 1942: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

A Berlino è stata firmata una convenzione militare tra la Germania, l’Italia e il Giappone, la quale stabilisce le direttive per le operazioni comuni contro i comuni nemici.
Per la Germania ha firmato il Capo del Comando Supremo delle Forze Armate, per l’Italia un plenipotenziario del Comando Supremo delle Forze Armate italiane, per il Giappone un plenipotenziario del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito giapponese e un plenipotenziario del Capo di Stato Maggiore della Marina giapponese.

La Camera Turca ha approvato il progetto di legge che emenda la legge sul reclutamento nel senso che il servizio militare delle truppe che si trovano sotto le armi  o che vi saranno chiamate viene portato a tre anni.

Si apprende da fonte ufficiale inglese che per ordine del Governo britannico è stato proceduto l’arresto dell’attuale Primo Ministro della Birmania, U. Saw.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Attacchi sovietici nel settore di Sebastopoli. Violenti combattimenti nei settori medio e settentrionale. Attività aerea germanica su tutto il fronte. Un sottomarino russo affondato nel Mare Glaciale Artico.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. 21mila tonnellate di naviglio britannico affondate nell’Atlantico. Una nave danneggiata. Un convoglio inglese attaccato nel Mare del Nord da aerei germanici. Alcune navi danneggiate. Porti della costa sud-occidentale britannica bombardati. Attacco inglese ad un convoglio tedesco nella Manica. Un battello rapido inglese affondato. Incursione aerea inglese sulla Germania nord-occidentale.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Resa della guarnigione tedesca ed italiana nella zona di Sollum. Attacchi aerei italo-germanici sulla Litoranea. Attacco di sommergibili tedeschi ad un convoglio inglese nelle acque di Tobruk. Un cacciatorpediniere inglese distrutto.

FRONTE del PACIFICO. Colonne nipponiche a 60 Km da Singapore. Attacchi aerei su Singapore per tutta la giornata. Bombardamenti di aerei nipponici a Sumatra, Celebes e Amboina. Continuano i combattimenti nel Borneo e nelle Filippine.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: