qui Malta: oggi 18gennaio1941

6 ore di fuoco. Bello pesante.

Al mattino pioggia, più fine in seguito.
A Malta se l’aspettavano. C’è poco da discutere. Per questo avevano ripristinato l’efficente difesa aerea mostrata nei giorni precedenti.
Ma lo sapevano anche i tedeschi. E infatti dal mattino presto le prime squadriglie del 10° Flingerkorps si sono concentrate per distruggerle.I primi aerei si sono visti di mattina;

09:40 -10:00 : questo è il primo avviso di raid aereo per un singolo nemico che ha attraversato l’Isola da una grande altezza in ricognizione.
La difesa AA ha cominciato ad impegnarsi; senza pretese.

stuka-over-malta14:15 :  avviso di un raid di 80 aerei avvistato a 18 miglia al largo che si stanno dirigendo verso l’isola. Tre Fulmar e cinque FTRS Hurricane sono allertati. Una grande formazione di bombardieri in picchiata attraversa la costa e attacca Hal Far; 40 HE fanno cadere 500kg bombe ad alto potenziale, distruggendo un hangar e vaporizzando un Hurricane all’interno, poi incendiando anche altri due hangar.
La mensa ufficiali è distrutta, le comunicazioni telefoniche sono tagliate e le rete idriche sono saltate. Ci sono diversi crateri sulle passerelle, ma la striscia di passaggio a NW/SE rimane ancora usabile.

 

14:58 : Un altra grande formazione di predoni nemici si è precipitata verso l’interno su Delimara. I razziatori hanno colpito Luqa con altre 40 bombe. La sezione del segnale radar, un blocco della caserma e un centro di decontaminazione sono distrutti; altri uffici e la NAAFI sono tutti danneggiati. Diverse bombe provocano crateri anche sulla pista e l’aeroporto è resi inutilizzabile. L’Energia elettrica, le comunicazioni telefoniche sono divelte. Un aereo Wellington è bruciato, uno Hurricane è distrutto e un Maryland è gravemente danneggiato. Tutti gli altri aeromobili rimasti a terra sono risultati leggermente danneggiati da schegge.

15:27 : Un’altra formazione di 8 aerei attraversa St Thomas Bay e  attacca di nuovo Hal Far, danneggiando l’aeroporto e gli edifici attorno. Tre aerei Swordfish sono bruciati, un altro è distrutto; molti altri riportano danni di lieve entità. Un oggetto è segnalato galleggiante giù sopra Marsa, forse una mina.
I Raiders sono impegnati dalle difese di terra degli aeroporti; parecchi colpi sono restituiti. Un aereo nemico è riportato in fiamme vicino Tarxien. Tre Hurricane e tre Fulmar sono in volo. Un Fulmar si perde sopra Grand Harbour con alcuni sopravvissuti. Un altro aereo cade nel fossato del mare di Kalafrana; uno dei membri dell’equipaggio è stato salvato.
Pochi minuti dopo, più di cinque aerei nemici attraversano la costa a grande altezza e sorvolano l’isola. I cannoni AA impegnano i predoni; il bombardamento viene rimandato. In totale i combattenti su Malta rivendicano cinque perdite nemiche confermate. Un aereo nemico è riportato schiantarsi in mare al largo Wied Zurrieq; altri dieci sono ritenuti danneggiati. Una bomba inesplosa è riportata in un edificio a Marsaxlokk.

16:10 : Tutto chiaro. Il cielo è libero. Si raccolgono morti e feriti.

16:30-16:45 : un avviso di raid per una formazione di tre velivoli nemici è segnalato a 18 miglia al largo della costa. Tre Hurricane li ingaggiati e nessuna incursione si materializza.

Perdite militari: Aircraftsman Trevor David Backes, Royal Air Force, 148 Squadron; Aircraftsman Edward Shirley Barlow, Royal Air Force Reserve volontariato; Gunner Norman Brady Goatley, 7 HAA Regiment Royal Artillery.

Vittime nemiche: Leutnant Horst Dunkel, 7 / LG1, pilota di JU 88; Unteroffizier Arthur Haner, 7 / LG1, JU 88 membro dell’equipaggio; Gefreiter Heinrich Mueller, I / StG 1, mitragliere di JU 87 Stuka; Unteroffizier Heinrich Schurmann, 7 / LG1, JU 88 membro dell’equipaggio; Unteroffizier Richard Zehetmair, I / STG1, pilota dello Stuka JU 87 .

 

Il Governo di Malta evacua le città e chiede immediati aiuti militari.
Il Governatore, l’Arcivescovo e il Luogotenente Governatore hanno separatamente visitato Senglea e Vittoriosa, oggi, per vedere di persona i danni derivanti dalle incursioni di giovedì e per fare il punto sulle operazioni di soccorso. Di fronte alla vastità della devastazione, il Lt. gen. Dobbie ha deciso di evacuare le città, con effetto immediato.

Il Governatore ha anche chiamato immediatamente i comandanti militari per ottenere l’assistenza e gli sforzi di recupero. Da giovedi, centinaia di volontari hanno lavorato giorno e notte, scandagliando le zone colpite in un disperato tentativo di trovare sopravvissuti. Royal Engineers, Royal Malta artiglieria e Re reggimento Malta lavorerà a fianco membri della Opere Dipartimento pubblica ei Sicurezza antiaerea (ARP) del personale in tutto il giorno si sposta per eliminare i detriti dalle zone bomba malconcio. 12 persone sono salvate dopo 48 ore. Sepolti sotto quaranta piedi di macerie.
malta18gen1941


18 gennaio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Da Londra si ha che il primo Ministro Churchill si è recato a Glasgow per ispezionare gli apprestamenti difensivi della città, accompagnando l’inviato speciale americano Hopkins per mostrargli quello che la Gran Bretagna sta organizzando per la sua difesa.
In tal occasione egli ha pronunciato un discorso in cui, accennando alla situazione attuale dell’Impero britannico ha detto fra l’altro che bisogna prevedere ancora un lungo periodo di colpi duri e di severe prove incitando ad intensificare le misure di difesa e di precauzione poichè i pericoli di fronte ai quali l’Inghilterra si trova non permettono negligenze che potrebbero rivelarsi fatali.
L’inviato di Roosevelt ha inoltre ammesso che a questi duri colpi sulle città e sui distretti industriali l’Inghilterra non è in grado di rispondere in adeguata misura.

Da Vichy che il Governo di Vichy ha fatto pubblicare un comunicato ufficiale nel quale smentisce categoricamente le notizie pubblicate sulla stampa estera secondo la quale i membri del Ministero avrebbero rassegnato collettivamente le dimissioni per permettere al Maresciallo Pétain di formare un nuovo governo.

La notizia di oggi che reparti inglesi avrebbero occupato l’isola di Tahiti, situata nell’Oceano Pacifico ed appartenente alla Francia, ha provocato a Tokio una grave agitazione poichè l’isola di Tahiti, situata nelle vivinanze dei possedimenti giapponesi, rappresenta come base navale mista americana ed inglese posta fra le isole Haway e le Filippine, una vera minaccia per l’Estremo Oriente.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. 29mila tonn. di naviglio mercantile nemico affondate da un sommergibile. Voli di ricognizione sull’isola britannica. Un porto della costa occidentale, Londra ed altri importanti obiettivi bellici inglesi sono bombardati. Posa di mine innanzi ai porti.
3 apparecchi inglesi e 2 tedeschi abbattuti.


war report: 18gen1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

 

Regno Unito: Il cacciatorpediniere britannico HMS Castleton è stato fortemente danneggiato dai bombardamenti tedeschi, mentre era in riparazione a Portsmouth, in Inghilterra.

 

Mediterraneo: the Illustrious Blitz: La Luftwaffe è ritornata, ma l’obiettivo odierno si è spostato sugli aeroporti nel tentativo di metterli fuori uso.
I caccia e bombardieri di X Fliegerkorps, compresi i Zerstörers di III./ZG 26, hanno attaccato i campi d’aviazione della RAF a Luqa e Hal Far, a Malta. Takali era già inutilizzabile a causa della pioggia, che lo ha trasformato in un pantano e gli assalitori sono riusciti a mettere Luqa fuori combattimento per un bel po ‘, ma hanno perso undici dei loro aerei nel procedimento. 6 aerei della RAF sono stati devastati e molti altri campi d’aviazione, come Luqa e Hal Far, sono danneggiati.
(c’è un servizio abbastanza particolareggiato su oggi…)

 

Fronte Occidentale: Sopra il Mare del Nord, di mattina, Fw. Mickel di 1./JG 1 ha abbattuto un bombardiere RAF Blenheim ottenendo la sua prima vittoria.

 

Nord America: Un curioso incidente diplomatico si è verificato presso il consolato tedesco di San Francisco:
quando l’ufficio ha esposto la bandiera del Reich in riconoscimento della festa nazionale tedesca (che commemorava l’anniversario dell’unificazione del Paese nel 1871).
A mezzogiorno la bandiera è stata ammainata da una folla inferocita che l’ha strappata a pezzi.

 

Oceano Atlantico: L’incrociatore tedesco “Admiral Scheer” (la nave fantasma) ha catturato la petroliera norvegese Sandefjord, a 1.000 miglia al largo delle coste dell’Angola, nella West Africa portoghese. La nave, con il suo carico di 11.000 tonnellate di greggio, è stato inviata in Francia come nave bottino.

L’incrociatore Kormoran ha affondato la petroliera britannica British Union, a 700 miglia ad ovest delle Isole Canarie, uccidendo 10 uomini. 28 sopravvissuti sono stati catturati dal Kormoran e 7 sopravvissuti sono stati salvati dall’incrociatore ausiliario britannico HMS Arawa, l’indomani.


17 gennaio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Il Ministro degli esteri di Bulgaria, Popov, ha ricevuto il Ministro d’Italia a Sofia e lo ha intrattenuto in lungo e cordiale colloquio.

Da Washington si ha che il Presidente Roosevelt ha riunito ieri il Ministro della guerra Stimson, il Ministro della Marina Knox, il Ministro degli Esteri Cordell Hull, il Capo di Stato Maggiore dell’esercito Marshall e il Comandante in capo della flotta, ammiraglio Stark, in una conferenza durata alcune ore, per la quale non è poi trapelata nessuna notizia, nè nessun comunicato ufficiale.
Le recenti dichiarazioni del segretario agli esteri americano, Cordell Hull, alla Commissione parlamentare degli esteri sono definite dalla Corrispondenza Politico-Diplomatica, come un abile tentativo di giustificare il passato politico dell’oratore stesso la cui mentalità è aderente, in pieno, allo spirito del trattato di Versailles.

Si apprende da fonte autorevole che il Governo giapponese ha deciso di non pubblicare alcuna dichiarazione circa le affermazioni fatte dal Segretario di Stato americano Hull, innanzi alla Commissione degli Affari esteri della Camera dei Rappresentanti, il 14 scorso.

Secondo informazioni che la Swisse riceve da da Berlino, òla crisi francese, apertasi con l’eliminazione di Pierre Laval dal Governo francese, verrebbe risolta con la nomina di Flandin a Presidente del Consiglio e con quella di Laval a Ministro degli Esteri.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. Attacco aereo al porto di La Valletta.
Bombe su tre navi mercantili ad ovest della scozia e presso le coste sud-occidentali inglesi. Attacchi aerei sull’Inghilterra occidentale e meridionale. Incursione aerea britannica sul territorio tedesco.
5 apparecchi inglesi e 3 tedeschi perduti.


war report: 17gen1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

 

warReport1941

Regno Unito: la corvetta inglese HMS Rododendro ha colpito una mina a Liverpool Harbor, in Inghilterra.  Doveva già rimanere fuori servizio per tre mesi per le riparazioni.

Swansea è stata bombardata da circa 100 bombardieri della Luftwaffe che hanno fatto cadere una elevata concentrazione di bombe incendiarie, forse 32.000 in tutto. I danni principali sono stati inflitti alle aree commerciali e domestiche.
178 bombe esplosive ad alto potenziale e 7000 incendiarie sono cadute su una Swansea innevata nell’incursione più pesante fino ad oggi. St. Thomas era facilmente la regione più colpita per i danni significativi mai registrati ad Hafod e Bonymaen.
97 i feriti e 55 i decessi confermati.

 

Mediterraneo: i bombardieri tedeschi della Luftwaffe  hanno attaccato ancora Malta.
I danni sono gravi.

 

Fronte Occidentale: L’Hptm. Herbert Ihlefeld di Stab I./LG 2 ha ottenuto la suo ventiseiesima vittoria quando ha distrutto uno Spitfire britannico, oggi alle 16:00.

 

Fronte Orientale: NOVITA’: Molotov ha incontrato l’ambasciatore tedesco Schulenburg, a Mosca.
I sovietici sono rimasti sorpresi di non aver ricevuto alcuna risposta dalla Germania per la loro offerta di unirsi all’Asse (datata 26 novembre 1940).
Schulenburg avrebbe risposto che la cosa doveva essere prima discussa con l’Italia ed il Giappone.

 

Asia: Chiang Kai-Shek ha dichiarato ufficialmente lo scioglimento della Nuova Quarta Armata comunista.
Le forze del Kuomintang, sotto l’ordine di Chiang Kai-Shek, hanno aperto il fuoco contro la forza comunista.

La battaglia di Ko Chang si è conclusa con una vittoria decisiva per le forze navali francesi di Vichy durante la guerra franco-thailandese. Una squadra navale francese ha attaccato l’ancoraggio sull’isola di Thai a Ko Chang, vicino al confine tra Thailandia e Cambogia, affondando due cannoniere e danneggiando una nave di difesa costiera, uccidendo 36 uomini.

 

Nord America: La 38° Divisione degli Stati Uniti è stata introdotta nel servizio federale (Divisione Nazionale Guardia da Indiana, Kentucky e West Virginia).

 

Oceano Atlantico: Il sommergibile tedesco U-96 ha attaccato transatlantico britannico Almeda Star, a 200 miglia ad ovest di Isola di Lewis, nelle Ebridi Esterne,in  Scozia alle 07:45, sparando quattro siluri e con il suo cannone. Le quattro scialuppe di salvataggio lanciate prima che l’Almeda Star affondasse, non sono mai state ritrovate, quindi è pensabile che tutti a bordo della nave siano stati persi (137 dell’equipaggio, 29 artiglieri, e 194 passeggeri).

Il sommergibile italiano Marcello si è avvicinato un convoglio alleato fuori delle Ebridi Esterne, Scozia, ma è stato rilevato da un cacciatorpediniere di scorta che ha attaccato il sottomarino con cinque bombe di profondità. Il Marcello ha subito danni al suo serbatoio dell’assetto, costringendolo a terminare la sua guerra per rientrare alla base per le riparazioni.

Il sommergibile tedesco U-106 ha affondato la nave britannica Zealandic, al largo delle Ebridi Esterne, in Scozia, con tre siluri.
73 sopravvissuti sono scesi in tre scialuppe di salvataggio, ma nessuno di loro è mai stato trovato.


16 gennaio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
Da Vichy si ha che il Maresciallo Pétain, in una intervista concessa al New York Times, occupandosi delle gravi difficoltà di approvvigionamento della Francia non occupata, ha aspramente deplorato il blocco britannico che tende ad affamare il popolo francese.

war-NewsLa notizia diramata in questi giorni della United Press da Buenos Aires, circa un progetto russo per la costituzione di una flotta mercantile di 200 vapori per il commercio tra le Americhe e la Russia ha destato vivissimo interessamento a Londra.
Secondo quanto riferisce la stessa United Press da Londra, il Governo britannico starebbe assumendo informazioni dirette su tale argomento nei circoli commerciali argentini.

Le nuove convenzioni recentemente firmate a Roma per regolare la materia degli scambi con la Danimarca comprendono tre distinti strumenti che si completano a vicenda e che consistono in un accordo commerciale, un accordo per i pagamenti e un protocollo per per l’estensione di accordi italo-danesi all’unione doganale italo-albanese.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. Bombardamento di un accampamento di truppa e altro obiettivo nell’Inghilterra sud-orientale. Attacchi aerei su città dell’Inghiliterra centrale e su Londra.
Dover bombardata; mine posate innanzi a porti inglesi.
Incursione aerea inglese sulla Germania settentrionale e su Wilhelmshaven.


war report: 16gen1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

 

Germania: Hans-Joachim Marseille ha iniziato un periodo di riposo a casa a Berlino, Germania.

Nord Africa: le forze britanniche hanno iniziato i primi attacchi della loro controffensiva dal Kenya nell’Africa orientale contro l’Etiopia controllata dagli italiani.

Regno Unito: L’uso delle donne nell’Auxiliary Air Force (WAAF) è stato avviato in Gran Bretagna.

Il dragamine HMT Desiree ha colpito una mina ed è affondato nel Tamigi, nel sud dell’Inghilterra.

Mediterraneo: the Illustrious Blitz: Oggi gli attacchi della Luftwaffe sono iniziati di nuovo contro la portaerei HMS Illustrious, ora ferma al Grand Harbour, in riparazione.
I tre giorni di grazia, dopo l’ultimo attacco della Luftwaffe, erano stati usati bene dai difensori, con ogni arma AA a disposizione situata intorno al porto. Un esperto ufficiale di artiglieria di brigata, lt. Sadler, che aveva comandato le armi Dover durante la battaglia d’Inghilterra, aveva recentemente impostato le difese in modo da formare un’area di sbarramento impressionante contro gli Stuka.
I cannonieri di altre navi nel porto, come quelli sull’incrociatore HMAS Perth, erano pronti, così come i quelli sull’Illustrious stessa. Le sirene antiaeree hanno cominciato ad urlare alle 13:55 e presto le orde di bombardieri: 70 Ju87, Ju88, 10 Macchi C.202s, 10 CR.42s e 20 Bf110, scortati da Ju87 sono entrati in gioco. Il fuoco di sbarramento pre-pianificato si è scatenato immediatamente, ma la prima ondata di 65 Ju88 è riuscita a fare immersioni solo da 8.000 piedi.
Altri Ju87, arrivando da 10.000 piedi in aiuto dei primi, hanno contrastato un trio di Fulmar dall’Illustrious e e 4 Hurricane che si stavano gettando nel calderone della battaglia. In breve hanno piazzato un colpo pesante sull’Illustrious e danneggiato la nave rifornimento Essex con una bomba che ha ucciso 15 uomini e feriti altri 23. La seconda ondata di bombardieri ha preso di mira il Grand Harbour e ha dapprima distrutto la raccolta di pesce, così necessaria per i maltesi assediati e le strutture del porto, poi le bombe successive hanno trovato il loro obiettivo nelle tre città intorno a Grand Harbour, distruggendo e danneggiando centinaia di case, causando soprattutto un’infinità di vittime civili. Un vero disastro.

malta-blitz_3
malta-blitz_2

Due bombe 1.000 lb sono cadute tra la Illustrious e la Perth e un’altra è caduta nel piccolo spazio tra la Perth ed il molo, sollevando la poppa della nave 7000 tonnellate fuori dall’acqua e costringendola ad immergere il ponte di poppa. L’esplosione ha distrutto l’albero dell’elica e ha causato una spaccatura delle cuciture del serbatoio dell’olio. Perdite di olio e acqua di mare hanno inondato le camere dove alloggiavano le munizioni delle torrette della contraerea che in breve sono state spazzate via.

malta-blitz_1

Asia: Le truppe francesi hanno lanciato un contrattacco di successo contro le truppe thailandesi presso i villaggi di Yang Dang Khum e Phum Preav in Cambogia, nell’Indocina francese, ma un’incomprensibile strategia ha costretto i francesi a fare marcia indietro da qualsiasi territorio guadagnato. I thailandesi non erano in grado di inseguire i francesi in ritirata, perchè i loro carri armati sono stati tenuti lontani dai cannoni della Legione straniera francese.

Oceano Atlantico: L’Obst. Verlöhr, Gruppenkommandeur del I./KG 40, ha visto un convoglio alleato nella parte occidentale dell’Irlanda e ha poi affondato due navi.
Ma a causa del piccolo numero di velivoli disponibili, l’Obst. Verlöhr non è potuto essere aiutato da altri bombardieri e così il resto del convoglio è presto risultato perduto perchè la piccola formazione è stata costretta a tornare alla base per mancanza di munizioni.

Il sommergibile tedesco U-96 ha affondato il trasporto truppe britannico Oropesa, con tre siluri, a 150 miglia a nord ovest di Irlanda, alle 06:16; 106 uomini sono stati uccisi. I sopravvissuti alla deriva in 6 scialuppe di salvataggio, ma con solo 5 scialuppe di salvataggio, contenenti 143 unità, sono stati trovati e successivamente salvati.

Il sommergibile italiano Luigi Torelli ha attaccato un convoglio alleato a 350 miglia ad ovest dell’Irlanda,  affondando la nave greca Nicolas Filinis (3 morti, 26 sopravvissuti).


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: