Archivi del mese: novembre 2017

30 novembre 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Si informa da Buenos Aires che nella sua corrispondenza domenicale alla “Razon”, Hore Belisha, esaminando i risultati dei primi dodici giorni dell’offensiva in Cirenaica ha affermato:
la grande offensiva ha deluso le speranze che aveva suscitato alla vigilia…

Le truppe del presidio di Singapore hanno ricevuto l’ordine di tenersi pronte a marciare.

Tutta la stampa portoghese è insorta contro un altezzoso articolo nel quale il Daily Telegraph affermava minacciosamente che l’Inghilterra non permetterebbe mai che l’isola di Timor diventasse una seconda Indocina, in seguito alla concessione della linea aerea Timor-Isole Palau.

Parlando in ocasione dell’inaugurazione della settimana delle navi da guerra Alexander, il primo Lord dell’Ammiragliato ha detto:

la battaglia dell’Atlantico è una battaglia senza sosta che certamente non è ancora stata vinta.
Questa è una battaglia nella quale noi abbiamo finora adoperato tutte le nostre scarse navi da scorta, fino al limite di resistenza del materiale e degli uomini.
Per quanto concerne la stuazione nell’Estremo Oriente, l’oratore ha detto che il Giappone è sul punto di commettere un tragico errore ed ha quindi sentito il bisogno di rendere omaggio al Presidente Roosevelt che ha definito – quel grande uomo che guida il suo popolo con perfetta perizia -“.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Attacchi sovietici in massa nella regione di Rostov e nell’ansa del Donetz.
Attacco aereo a Taganrog. Continua l’ivestimento di Mosca.
Nel periodo di tempo dal 22 al 28 nov, l’arma sovietica ha perduto 207 apparecchi, 79 in duelli aerei e 53 al suolo.
Durante lo stesso periodo sono andati perduti 22 aerei germanici.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Contrattacchi di truppe italo-tedesche in Cirenaica. Attività aerea dell’Asse su colonne britanniche e su Marsa Matruk.


Aerial Oriental front: fine 1941

part 3

 

Il punto.

Ad inizio di novembre 1941 risultava già chiaro che la campagna tedesca di bombardamento su Mosca era stata un fallimento. Da 20 giorni, i raid non impegnavano più di 10 bombardieri; e questo non era dovuto alle difese contraeree russe, ai numerosi palloni antiaereo, nè all’aviazione sovietica, ma a 2 fattori principali: il primo era quellodelle basi aeree un po’ troppo lontane. La cosa piegava gli aerei a caricare più carburante e quindi meno bombe (ricordo che i tedeschi non avevano bombardieri a 4 motori, ma solo bimotore). Il secondo punto è più strutturale. Come ha avuto modo di criticare Churchill, durante la battaglia d’Inghilterra, i bombardamenti tedeschi non facevano così male…


I carichi di bombe si erano infatti rivelati non adeguati alla vastità dell’area da colpire, il numero dei bombardieri disponibili, adeguatamente riforniti, stava rapidamente diminuendo per problemi di resistenza locale, bombardamento russo e, come detto, distanza dalla basi principali. Oltre, naturalmente, a difficoltà tecniche e ambientali.All’inizio dell’attività aerea su Mosca effettivamente i piloti tedeschi ammisero di essere rimasti frustrati dalle difese sovietiche; e per difese, intendo le normali contraeree ma soprattutto le cellule fotoelettriche. Ammisero candidamente di essere stati abbagliati daoltre 300 proiettori che li seguivano per consentire una visuale ideale per le postazioni AA. Poi, i sovietici, sempre inizialmente avevano messo a disposizione della capitale sovietica almeno 600 caccia; un dato importante, se si calcola che nei raid più numerosi i tedeschi avevano impiegato tra i 150 e i 200 aerei, in totale.
Secondo fonti russe, nei primi raid la contrarea ha dichiarato di aver sicuramente abbattuto un totale di 22 bombardieri.
Quando la notizia era giunta alla Wilhelmstrasse, Hitler era quasi allibito: non si spiegava la resistenza sovietica ancora in atto, soprattutto dopo aver annunciato per certo che 17.322 aerei russi erano stati distrutti, catturati o resi inutilizzabili.


I tedeschi, infatti, ignoravano che nella seconda metà del 1941 i russi avevavo quadruplicato la produzione di aerei e un impulso particolarmente vigoroso era stato dato allo studio di nuovi caccia. Per esempio, i Lag3 passarono da 323 a 2.141, gli Yak 1 da 335 a 1019.
Come ha affermato qualcuno: i generali vincono una battaglia, ma la guerra la vincono i popoli e l’industria. Ed è vero.
Con 1187 nuovi bombardieri la produzione era triplicata rispetto al semestre prebellico; in tutto nel 1941 furono ultimati 15.735 velivoli.
Quantità nemmeno paragonabili alle forze messe in campo dalla Germania.
La Luftwaffe disponeva solo di Heinkel111 e Junker88, con un carico di bombe limitato: 2 tonnellate, ma soprattutto pesava sull’efficacia dei bombardamenti il raggio forzato alle 1000/1511 miglia massime.
Le piste più vicine erano a 400 miglia ad ovest di Mosca pertanto era impossibile volare oltre la città per attaccare le concentrazioni di truppe.
Non ultimo, il discorso della velocità. Gli aerei tedeschi era calcolato fossero 160 km orari più lenti dei sovietici Yak1 e questo si dimostrava letale per la forza aerea tedesca.
Per tutti questi motivi il contributo aereo su Mosca, almeno fino a questo punto, fu molto limitato.
A fine dicembre la Luftwaffe si aspetta novità tecniche interessanti ed infatti, queste ultime arriveranno nel 1942, ma non piaceranno tanto ai tedeschi.


war report: 30nov1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale (Alleato).

warReport1941

Oceano Atlantico: cacciabombardieri Whitley, con base in Irlanda del Nord, hanno attaccato i sottomarini tedeschi U-71 e U-563 con cariche di profondità nel Golfo di Biscaglia, danneggiando l’U-71. L’U-206 è affondato nel Golfo di Biscaglia con l’aiuto del radar ASV (Air to Surface Vessel), da un bombardiere britannico Whitley. Innanzitutto, Bletchley Park intercettò una trasmissione fatts co la macchina Enigma e riuscì a localizzare l’U-206 nel Golfo di Biscaglia, diretto verso il Mediterraneo. Un Whitley VII, in volo da Chivenor, fu incaricato di darle la caccia. Il suo radar ASV ha localizzato l’U-boat in un raggio di cinque miglia, consentendo all’aereo di entrare e distruggere il sottomarino con le sue cariche di profondità Mk VIII. Questo è il primo successo del radar ASV e segna l’inizio degli sforzi anti-sottomarini britannici, nel Golfo di Biscaglia.

L’U-Boat di supporto Python era in procinto di trasferire le provviste ai sottomarini U-68 e U-A, quando tre navi tedesche sono state avvicinate dall’incrociatore pesante britannico Dorsetshire. L’U-A ha tentato un siluro contro il Dorsetshire ma lo ha mancato con 5 siluri.
Avendo notato l’attività frenetica attorno al Python mentre si avvicinavano, il comandante del Dorsetshire, ha segnalato alla nave di rifornimento in fuga, chiedendo la sua identità. Non ricevendo risposta, sparò due colpi di avvertimento, a cavallo della nave, facendo riemergere il Python e costringendo il suo capitano a dare l’ordine di abbandonare la nave. Il Python è stato così affondato, lasciando 414 uomini alla deriva in undici barche aperte e sette zattere. Certo della nave che affondava e temendo un contrattacco da parte degli U-Boat, il Dorsetshire si è allontanato verso sud alla massima velocità. Informati del naufragio del Python, lo SKL notificò l’accaduto all’ammiraglio Karl Dönitz, che reindirizzò altri due U-Boats,l’ U-129 e l’U-124 che hanno subito proceduto ad assistere i probabili sopravvisuti nei  soccorsi.

 

Mediterraneo: Malta ha subito il suo millesimo allarme aereo antincendio della guerra. In mare, gli aerei britannici di Malta hanno affondato la nave italiana Capo Faro e danneggiato la nave Iseo, che era in viaggio da Brindisi, in Italia, a Bengasi, in Libia. Stavano trasportando carburante e altri rifornimenti che erano molto necessari per la campagna dell’Asse in Nord Africa. La Iseo è tornata in Italia.

Con l’aumento dei convogli dell’Asse, la Force “K” parte da Malta alla ricerca di altri convogli italiani. La nave italiana Adriatico, in rotta verso Bengasi, è affondata dalla forza “K”.

 

Nord Africa: grande incursione notturna della British Royal Air Force (RAF) su Bengasi. La RAF attacca durante la notte Bengasi con 26 bombardieri.

La Royal Air Force britannica (RAF) ha annunciato che dall’inizio della battaglia libica a mezzanotte del 30 novembre 1941, che 176 aerei della Luftwaffe erano stati distrutti.

 

Nord Europa: una forza sovietica, composta da due cacciatorpediniere, una nave da guerra e altre navi minori è arrivata a Hanko, in Finlandia, per evacuare le truppe, mentre un’altra forza, consistente in una nave da guerra “Maya”, 3 dragamine, 2 cacciatori sottomarini e 1 cannoniera, è partita da Kronstadt, in Russia per Hanko.

 

 

 


Fronte Orientale
: la prima armata sovietica e la ventesima armata hanno iniziato ad attaccare il 3.Panzergruppe tedesco e il 4.Panzergruppe. Stalin ha ordinato a Zhukov di riconquistare Dedovsk, a 32 km a nord-ovest di Mosca. Sembrava che avesse confuso la città di Dedovsk con un villaggio insignificante chiamato Dedovo. Quando Zhukov ha indicato questa confusione, Stalin ha ordinato a Zukov, Rokossovsky (16a armata) e Govorov (5a armata) di sovrintendere alla riconquista del villaggio. I tre alti comandanti si presentarono a Dedovo e trasmisero gli ordini di Stalin al comandante della divisione locale. Quest’uomo, un po ‘confuso, mandò una compagnia di fucilieri e due carri armati per cacciare i tedeschi dalle due case che avevano catturato dall’altra parte del burrone. A 19 miglia a nord di Mosca, le pattuglie della 2.Panzerdivision (4.Panzergruppe) hanno poi catturato la stazione ferroviaria di Lobnya. Tuttavia, l’attacco tedesco si stava esaurendo di fronte allo sfinimento, al freddo, alla mancanza di rifornimenti e alla rigida resistenza sovietica.
Il 56.Infanterie-Divisionen tedesco aveva marciato a piedi senza rifornimenti attraverso la foresta russa, ma si stava avvicinando all’autostrada a Solnechnogorsk.
La 2.Panzerdivision tedesca e la 106.Infanterie-Division stavano cercando di raggiungere il Canale Mosca-Volga. A modo loro c’era la 2ª Divisione dei fucili di Mosca nel villaggio di Ozeretskoye. La stazione di Lobnya e la periferia di Kiovo erano già fortificate. Le corsie preferibilmente avvicinate sono state pesantemente coperte da batterie anticarro. I colpi di mortaio tedeschi sono caduti sui russi mentre deponevano le loro mine. A sud, la Panzerarmee di Guderian è ferma attorno a Tula mentre la fanteria di 4.Armee, di von Kluge, non si è spostata dalle trincee del centro.

Gli eserciti di Timoshenko inseguono costantemente le forze di Paul Ludwig Ewald von Kleist verso Taganrog e respingono le truppe ungheresi e rumene nel bacino di Donetz.

La Legione francese, composta da simpatizzanti nazisti provenienti dalla Francia, è arrivata alla 4.Armee tedesca.

Il feldmaresciallo Walter von Reichenau ha sostituito il feldmaresciallo Gerd von Rundstedt, nel ruolo di comandante del gruppo di armate tedesco del Sud nella regione del Caucaso meridionale della Russia. Il Feldmaresciallo Rundstedt è sollevato dal suo comando del Gruppo di armate del Sud per aver rifiutato di cancellare i suoi ordini per la ritirata nel settore di Rostov.

altre notizie.

Un improvviso surriscaldamento delle temperature nella regione intorno a Leningrado, in Russia, ha comportato una diminuzione dello spessore del ghiaccio sul Lago Ladoga, che ha portato alla diminuzione delle forniture fornite dai veicoli terrestri che guidavano sul ghiaccio; solo 61 tonnellate di cibo sono arrivate in città, oggi.

Il primo treno di ebrei deportati da Berlino è arrivato a Riga. Questi ebrei vengono uccisi all’arrivo causando alcune polemiche all’interno del comando nazista. Lo stesso giorno Himmler aveva inviato a Heydrich un messaggio su questo trasporto che dichiarava “trasporti ebrei da Berlino, nessuna liquidazione“. Questo messaggio fu trasmesso a Riga, ma troppo tardi per salvare gli ebrei che erano appena arrivati ​​lì.

La maggior parte dei Cetniks di Mihailovic accetta di servire sotto l’amministrazione fantoccio di Nedic, in parte per combattere i partigiani, in parte per evitare attacchi tedeschi, e in parte per infiltrarsi nel governo.

 

Asia: l’imperatore Showa ha ordinato al primo ministro Hideki Tojo di procedere con i piani per l’inizio della Guerra del Pacifico e successivamente Tojo ha ufficialmente respinto le proposte degli Stati Uniti di allentare la tensione in Estremo Oriente. L’ammiraglio Nagano e l’ammiraglio Shimada assicurano l’imperatore Hirohito che la flotta giapponese imperiale è sicura della vittoria.

I cacciatorpediniere giapponesi Akembono e Ushio sono partiti dalla Baia di Tokyo, in Giappone, per Midway, dove avrebbero poi bombardato le strutture militari statunitensi appena iniziate le ostilità.

Fonti britanniche nel Borneo riportano i movimenti navali giapponesi. Al momento, hanno presunto che fossero destinati alla Malesia o alle Indie Orientali.

 

Germania: l’ambasciatore giapponese in Germania Hiroshi Oshima è stato informato dai suoi superiori che la guerra con gli Stati Uniti era vicina e avrebbe dovuto informare Adolf Hitler e Joachim von Ribbentrop di tali notizie.

L’incrociatore mercantile tedesco Komet è arrivato ad Amburgo, in Germania, dopo un viaggio in circumnavigazione di 516 giorni, per 87.000 miglia. Ha affondato 5 navi, catturato 1 nave e condiviso altri due affondamenti in questa missione.
Il predatore tedesco Thor è partito da Kiel, per la Francia, per iniziare la sua seconda pattuglia.

Il RAF Bomber Command manda 181 aerei per attaccare Amburgo, durante la notte. Oltre 150 tonnellate di bombe sono state sganciate su Amburgo, Emden (con 50 aerei), Bremerhaven, Wilhelmshaven, Kiel e Luebeck.

 

Regno Unito: Winston Churchill ha inviato a Franklin Roosevelt un messaggio che richiedeva una conferenza sull’imminente guerra con il Giappone. Roosevelt ha rifiutato la richiesta per evitare di apparire come se stesse portando gli Stati Uniti in guerra per la difesa dell’impero britannico.

Il governo del Regno Unito consegna un ultimatum alla Romania per il suo ritiro dai territori sovietici.
(sia chiaro che Churchill, se non avesse la certezza dell’appoggio americano, non avrebbe mai potuto fare una richiesta così alla Romania. Qui ci si fa sempre grandi con i mezzi degli altri…)

 

Nord America: il presidente Roosevelt si sta affrettando a tornare a Washington in auto e treno privato da Warm Springs, in Georgia, dove che la sua breve vacanza del Ringraziamento è stata interrotta dalla grave situazione nel Pacifico.
Solo ieri ha lasciato Washington, affermando che la politica degli Stati Uniti nei confronti del Giappone era di “infinita pazienza“.


29 novembre 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Prima di partire per Warn Springs, in Georgia, il Presidente Roosevelt ha nuovamente conferito con il Segretario di Stato Cordell Hull, con i Ministri della Guerra, Stimson e della Marina, Knox, nonchè con i capi delle Forze Armate di terra, generale Marshall e di mare, amm. Stark, passnado con essi in rassegna i preparativi già compiuti ed in corso per fronteggiare qualsiasi sviluppo della situazione nel Pacifico.

Nei circoli nipponici si dichiara a proposito delle informazioni secondo le quali gli Stati Uniti avrebbero deciso di istituire il pattugliamento aereo sulla strada della Birmania, che tale provvedimento è considerato come un atto direttamente ostile ed una aggressione armata provocatoria da parte delle Potenze del gruppo A. B.C. D. (Stati Uniti, Inghilterra Cina, India olandesi).
(se gli U.S decidono di pattugliare quella strada non è certamente considerabile come un gesto di amicizia..; forse i nipponici non avevano ancora inquadrato del tutto la figura di Roosevelt…)

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Continua l’attacco contro Mosca.
Attacchi sovietici presso Rostov e nel bacino del Donetz.
Le truppe germaniche di occupazione di Rostov sgombrano, secondo gli ordini ricevuti, il settore centrale della città per intraprendere le indispensabili misure di rappresaglia contro la popolazione, la quale, contrariamente al diritto internazionale, partecipa ai combattimenti.
Tentivi di sortita da Pietroburgo falliti.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. Scontro fra battelli vedetta tedeschi e battelli celeri inglesi, nella Manica. I britannici hanno avuto la peggio. Un mas britannico distrutto e due danneggiati gravemente.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Attacco italo-tedesco contro le truppe inglesi che avanzano da sud-est verso Tobruk.
Attacco aereo a Sidi el Barrani.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: