Archivi del mese: febbraio 2017

28 febbraio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
A Roma muore l’ex-Re di Spagna, Alfonso XIII.

Si annuncia che la Francia e la Tailandia hanno accettato le proposte di pace di Tokio.

Il Presidente della Repubblica turca, Ismet Inonu, ha ricevuto, alla presenza del Ministro degli Esteri, Saragioglu, il Ministro degli Esteri inglese Eden.
war-News

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. 90mila tonnellate di naviglio mercantile nemico affondate: numerose navi mercantili danneggiate. Attacchi aerei sull’Inghilterra occidentale e sud orientale.

Annunci

war report: 28feb1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

Germania: Durante la notte 23 aerei britannici Hampden, partiti da Waddington, nel Lincolnshire, in Inghilterra, hanno attaccato ancora la corazzata Tirpitz a Wilhelmshaven, in Germania. Nubi basse hanno portato solo 4 aeromobili a localizzare la corazzata e non sono riusciti a colpire il bersaglio. Questo è la 16° incursione in 7 mesi, ma la Tirpitz non ha subito ancora nessun danno grave.

L’ambasciatore giapponese Oshima, torna a Berlino per la seconda volta per incontrarsi con Hitler.

Il RAF Bomber Command invia 116 aerei per attaccare Wilhelmshaven, per la terza volta in pochi giorni, durante la notte.

Il generale von Manstein ha preso il comando dei tedeschi del 56° Korps.

 

Nord Africa: A Kufra, sono stati avviati negoziati tra la Francia Libera e i britannici.

A 4/16 del Punjab, meno due compagnie, con il 1° Royal Sussex, è stato ordinato di effettuare un’operazione contro il Mescelit Pass. La sera del 28 febbraio una compagnia ha fatta un’attacco frontale, mentre l’altro si è spostata sul fianco sinistro, trascorrendo la notte del 28 febbraio/1 marzo nel nulla più profondo del deserto.

 

Regno Unito: Il conto delle vittime britanniche di questo mese è salito a 789 morti e 1068 feriti.

Il Generale Sir Henry Maitland Wilson è stato chiamato a comandare le forze di terra alleate stanziate in Grecia.

 

Fronte Occidentale: Nella Francia di Vichy le razioni di pane sono state ridotte da 350g a 280g, oggi.

 

Mediterraneo: Un raid della Luftwaffe, sul campo d’aviazione della RAF, ad Hal Far, a Malta, ha distrutto quasi tutti gli aerei a terra lasciando i britannici senza nessun aereo utile per le operazioni di difesa.

I Greci dell’Esercito dell’Epiro attaccano l’11 ° Armata italiana ad ovest di Klisura.

Questo giorno in cui si è registrato il maggior successo della RAF durante la campagna di Grecia. Uno squadrone di caccia della RAF Hurricane e uno squadrone di Gladiators della RAF hanno abbattuto 27 aerei italiani sulle montagne albanesi a sostegno delle truppe greche a terra.

 

L’operazione Abstention si è conclusa con una vittoria italiana, quando l’ultimo residuo dei commandos inglesi sono dovuti fuggire a gambe levate. Poco dopo la mezzanotte, i comandanti di entrambi i comandi i gruppi ed i fucilieri Forestali hanno considerato l’estrema precarietà della loro situazione e l’impossibilità di tenere la posizione del Nifti Point. Si è pertanto deciso un immediato ritiro dall’isola ed entro tre ore dallo sbarco, le truppe sono dovute essere evacuate sotto la copertura delle tenebre. I soldati britannici non avrebbero messo più piede sull’isola per più di due anni ancora. 40 commandos britannici sono stati abbandonati alle spalle con quel ritiro forzato. Inoltre, più di due dozzine di uomini della popolazione locale sono state arrestate e poi imputate di ‘aiutare il nemico’.  Alla fine sono stati inviati a Brindisi, Italia per essere imprigionati. Il fallimento dell’operazione Abstention è stata una completa disfatta per gli inglesi. Il Primo Ministro ha dichiarato scioccato, incredulo;

Sono completamente depresso per questa operazione.”

L’operazione disastrosa è stata descritta da Cunningham come:

“… Un’operazione fallimentare giudicata con troppa faciloneria“.

 

Oceano Atlantico: Il transatlantico britannico Anchises, è stato danneggiato da una flotta di aerei Fw200 tedeschi e ha iniziato affondare lentamente, dalle 11:30. I restanti 33 membri dell’equipaggio sono scesi in una scialuppa di salvataggio; 12 di questi sono stati uccisi accidentalmente investiti dalla prua della corvetta HMS Kingcup, che era arrivato a salvarli.
Nel pomeriggio, aerei tedeschi sono tornati e hanno completato l’opera affondando definitivamente l’Anchise con le bombe.

Il sommergibile tedesco U-108 ha affondato la nave britannica Effna, a 200 miglia a sud dell’Islanda alle 23:32, uccidendo l’intero equipaggio di 33 marinai.


27 febbraio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Alla Presidenza del Consiglio sono stati scambiati, in forma solenne, i documenti di ratifica del Patto di amicizia perpetua ungaro-jugoslavo fra il Ministro degli Esteri Bardossy ed il Ministro Zinzar Markovic.

I giornali tedeschi pubblicano, mettendola in particolare risalto, la notizia del ricevimento offerto ad Ankara all’Ambasciatore tedesco, von Papen, in onore del Presidente dei Ministri e del Ministro degli Esteri turchi.
Al ricevimento, improntato allo spirito della più cordiale amicizia fra le due nazioni, hanno partecipato anche il Ministro degli Approvvigionamenti di Turchia, numerosi capi di Missioni amiche e molti altri alti funzionari turchi.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. 6500 tonnellate di naviglio commerciale e battelli di vedetta britannici affondati. Attacchi aerei a Limpton e sull’isola di Malta. Durante quest’ultimo attacco, 10 apparecchi inglesi distrutti al suolo e 6 abbattuti. Nel Mediterraneo un vapore da carico di 5000 tonn. affondato; un cacciatorpediniere incendiato nel porto di Tobruk. Attacchi aerei su Londra, Cardiff e aerodromi dell’Inghilterra sud-orientale. Tentativo di incursione aerea nemica su Calais e sulla Germania occidentale. tra il 23 ed il 26 febbraio: 33 apparecchi inglesi abbattuti o distrutti al suolo; 10 apparecchi tedeschi perduti.


war report: 27feb1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

Germania: Durante la notte, 30 bombardieri britannici Wellington della RAF e i gli Squadroni Avis Wyton del Cambridgeshire, da Marham nel Norfolk e da Stradishall nel Suffolk, hanno attaccato la corazzata Tirpitz. Ancora ferma in un fiordo.
I 26 aerei che sono arrivati per primi hanno attaccato e hanno segnalato il successo, anche se i risultati effettivi sono stati decisamente discutibili. È stato riportato che il tempo ha interferito notevolmente nel successo dell’operazione, che non ha permesso nessuna osservazione affidabile dei risultati.

 

Nord Africa: All’inizio di febbraio è stato deciso di sciogliere la Gazelle Force. Creata in origine con il compito di attaccare gli italiani a nord di Kassala e allo stesso tempo, in qualità di guardia al fianco est del fiume Atbara, aveva cambiato il suo ruolo e agiva come guardia avanzata delle truppe mobili della 4° divisione indiana, nella sua rapida avanzata da Kassala a Agordat e poi più in alto fino alle porte di Keren.
Si è deciso quindi di formare una nuova forza in base al nome di Kestrel al posto della Gazelle, con effetto dal 27 febbraio. Questa doveva essere comandata dal tenente colonnello P. S. Myburgh.

 

Asia: Il Vice Ammiraglio Yamamoto Koki è stato nominato il comandante del porto navale Mako nelle isole Pescadores, a Taiwan.

 

Regno Unito: La nave SS Old Charlton (1,562t), nave da carico, da Hartlepool a Londra e con un carico di carbone, è stata affondata da aerei tedeschi, fuori Felixstowe.

 

Nord America: L’ex-ambasciatore degli Stati Uniti in Francia ha fatto un annuncio pubblico in cui ha accusato gli Stati Uniti di non fare abbastanza per risovere la presente crisi internazionale, ma anzi di peggiorarla.

 

Mediterraneo: operazione Abstention: Prima dell’alba, le torpediniere italiane Lupo e Lince hanno fatto una piccola ricognizione su Castellorizo. La forza era composta da soldati della 50° divisione di fanteria Regina. Circa 65 uomini hanno trascorso diverse ore di ricognizione per valutare la composizione e la distribuzione della forza britannica, mentre erano in svolgimento diverse azioni in esecuzione. Dopo circa 5 ore le forze si sono riunite per attendere le loro imbarcazioni per il rientro. Dopo essersi trasferiti dalla zona calda, le torpediniere italiane Lupo e Lince hanno bombardato le posizioni britanniche, uccidendo 3 persone e ferendone altre 7.
Una seconda ondata della forza d’invasione britannica, coi fucilieri forestali Sherwood a bordo della nave d’imbarco HMS Rosaura, era programmata per arrivare a Castellorizo durante le prime ore del mattino del 26.
Questo atterraggio però non si verificherà, perchè ai commandos britannici verranno negati i rinforzi di cui avevano bisogno per tenere l’isola.
Un convoglio britannico in avvicinamento aveva ricevuto nel frattempo segnalazioni che parlavano di torpediniere italiane. L’Admiral Renouf temeva per la vulnerabilità della ‘piccola’ nave Rosaura e per le truppe che trasportava e quindi ha ordinato immediatamente al convoglio di girarsi verso Alessandria al fine di trasferire le truppe su distruttori più grandi e armati fino ai denti per un secondo tentativo da operarsi il giorno successivo.
Renouf contemporaneamente ordina alla torpediniera Hereward di attaccare l’attività marittima italiana segnalata. In breve riesce individuare gli avversari ma per il fuoco opposto si deve girare di nuovo in mare aperto e a mani vuote. I britannici avevano perso così l’iniziativa. Gli italiani, d’altra parte, stavano correndo in avanti per iniziare il loro contropiede sulla zona. Una flottiglia navale, guidata personalmente dall’ammiraglio Biancheri, stava navigando per consegnare a Castellorizo quasi 340 soldati e marinai. La forza comprendeva anche circa 50 uomini di un plotone anticarro con due cannoni da 47 mm e un plotone da mortaio dotato di una coppia di mortai da 81 mm. Gli italiani si  trasferiscono verso l’interno in modo rapido e guadagnano terreno mentre avanzano e spingono gli inglesi indietro, costringendo la maggior parte dei difensori a scavarsi delle trincee in una piccola zona dell’isola conosciuta come Nifti Point. Più tardi, i Forestali di Sherwood vengono di conseguenza trasferiti alle torpediniere HMS Decoy e HMS Hero. Alle truppe riescono ad unirsi altre due cacciatorpediniere: la Jaguar, l’Hasty e gli incrociatori leggeri Bonaventura e Perth. Il loro compito è quello di mettere più unità possibili in salvo. Dopo la mezzanotte alcune imbarcazioni britanniche riprenderanno a bordo le pattuglie fuori da Nifti Point. Il loro soggiorno sull’isola, era a quel punto finito.

L’Italia, dietro un preciso disegno di legge, manda in Spagna 7.500 milioni di lire come aiuto militare a sostegno della guerra civile spagnola.

Oceano Atlantico: Gli incrociatori da battaglia tedeschi Scharnhorst e Gneisenau si sono incontrati e riforniti dalle petroliere Ermland e Friedrich Breme, a 1.000 miglia ad ovest delle Azzorre. Essi hanno inoltre trasferito 180 prigionieri catturati dalle navi alleate affondate il 22 febbraio.

Il sommergibile tedesco U-47 ha affondata la nave britannica Holmelea ad occidente dell’Irlanda durante la notte; 27 uomini sono stati uccisi e 11 sono sopravvissuti.

La petroliera norvegese Sandefjord, catturata dall’incrociatore tedesco Admiral Scheer nell’Oceano Atlantico il 18 gen 1941, è arrivata in Francia con un carico di 11.000 tonnellate di greggio.
Era in procinto di essere rinominata Monsun e in predicato di entrare nel servizio tedesco.

Il sommergibile italiano Bianchi ha affondato la nave britannica Baltistan ad ovest dell’Irlanda; 51 sono stati uccisi, altri 18 sono sopravvissuti.

Oceano Indiano: In Nuova Zelanda l’incrociatore HMNZS Leander ha affondato l’incrociatore italiano mercantile Ramb I, a 200 miglia ad ovest delle Maldive nell’Oceano Indiano. Il Leander aveva intercettato il Ramb I al largo delle isole Maldive ma ne aveva messo in discussione la sua presenza effettiva.
la nave italiana ha cercato di ingannare il Leander con segnali fuorvianti, ma, anche non battendo i colori nazionali, è stata riconosciuta e le è stato ordinato di fermarsi.
La bandiera italiana quindi è stata alzata e, a quel punto, ha aperto il fuoco da 3.000 yd (2.700 m), sfiorando al primo colpo di colpire la nave inglese, che ha poi risposto con cinque salve, in due minuti, colpendo il Ramb I seriamente, danneggiandolo e lasciandolo in fiamme. 113 sopravvissuti sono stati quindi raccolti dal Leander e portati in Addu Atoll, nelle Maldive.

affondamento-del-ramb-i

 


26 febbraio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Nei giornali rumeni viene data la notozia che il Ministro d’Italia Pellegrino Chigi ha fatto al generale Antonescu la seguente comunicazione:

«il Duce approva calorosamente l’atteggiamento del Conductor dello Stato rumeno nei riguardi dell’Inghilterra. Mussolini ha apprezzato moltissimo l’azione rettilinea del governo rumeno che ha nettamente stroncato ogni possibile manovra britannica, confermando in tal modo e senza il minimo equivoco la solidarietà della Romania con le Potenze dell’Asse».

Nei circoli politici e giornalistici di Berlino si prende posizione contro certe voci diramate dalla propaganda nemica in merito ad un presunto infiltramento tedesco in Bulgaria. La Bulgaria — si è dichiarato in Wilhelmstrasse — è uno stato legato da stretta amicizia con la Germania e quindi quest’ultima non intraprenderebbe mai nessuna azione atta turbare tali rapporti.

Il Ministero degli Esteri di Inghilterra è giunto ad Ankara.

Il Ministro degli Esteri di Jugoslavia, Markovic, è giunto in visita ufficiale, a Budapest ed è stato ricevuto dall’Ammiraglio Horty.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. Un piroscafo commerciale di 8mila tonn., una nave di sorveglianza ed un cacciatorpediniere affondati.
Scontro di un drappello di esploratore motorizzato tedesco e di uno inglese, a sud est di Agedabia, in Libia.
Un apparecchio unglese abbattuto sull’isola di Malta.
Attacchi aerei ancora su Hull, Harwich e Great-Yarmouth; sull’Inghilterra orientale, ancora su Ipswich e Norwich.
3 apparecchi inglesi abbattuti. Incursioni aeree britanniche sulla Germania occidentale. Un apparecchio inglese abbattuto.


war report: 26feb1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

Regno Unito: La Luftwaffe ha condotto un raid pesante su Cardiff.

 

Fronte Occidentale: Lo sciopero di febbraio ad Amsterdam è stata l’unica grande protesta civile contro il trattamento degli ebrei in Europa durante la WW2. In effetti otterrà l’attenzione che meritava. Tutto è iniziato quando un gruppo di resistenza comunista ha ucciso un membro NSB (collaboratore dei nazisti). Lo sciopero sarà interrotto dopo una pressione implacabile dai tedeschi, con uccisioni ed arresti.

operazione Circus: un’incursione diurna di 12 bombardieri Blenheim, pesantemente scortati da caccia, ha colpito Calais. Però c’è stata una fiera risposta della Luftwaffe che ha mietuto diverse vittime.

Francisco Franco ha di nuovo rifiutato la richiesta di Hitler  di entrare in guerra. Franco  ha risposto tardivamente dopo tre settimane alla vecchia lettera di Hitler, esprimendo il totale supporto per l’Asse, ma ha espresso che l’entrata della Spagna in guerra sarebbe un prezzo troppo alto da pagare.
Franco ha ribadito:

Io sto già oggi al vostro fianco, completamente e decisamente a vostra disposizione, ma non posso entrare in guerra”.

 

Mediterraneo: Un attacco pesante è stato portato sul campo d’aviazione britannico di Luqa a Malta da più di sessanta bombardieri tedeschi e Stukas con caccia di scorta, distruggendo anche sei Wellingtons RAF sul terreno e lasciando il campo di aviazione distrutto. Altri cinque Hurricane della RAF sono stati abbattuti dai caccia di scorta Bf109.

Prima dell’alba, il cacciatorpediniere britannico HMS Decoy, il cacciatorpediniere HMS Hereward e la cannoniera HMS Ladybird hanno sbarcato 200 commandos e 24 Royal Marines sull’isola Dodecanneso, tenuta dagli italiani di Castellorizo, al largo delle coste della Turchia. Questi uomini avevano il compito di sopraffare e sottomettere la guarnigione italiana, stabilire un perimetro difensivo e prepararsi per l’arrivo della seconda forza in programma per il giorno successivo. Questa seconda forza da Cipro consisteva negli incrociatori leggeri HMAS Perth e HMS Bonaventura, le torpediniere e la corazzata HMS Rosaura. Trasportando una compagnia di fucilieri, i Sherwood Foresters, avevano il compito di garantire e di difendere l’isola in massa, avrebbero assicurato che il forte di Castellorizo appena vinto rimanesse in possesso dell’impero britannico.
Poco dopo la Royal Navy ha previsto la creazione di una base di motosiluranti nel porto, che si trova a meno di 80 miglia da Rodi, per dare agli inglesi un vitale base operativa nel tentativo di soppiantare tutti gli italiani del Dodecaneso. I cacciatorpediniere britannici HMS Decoy e HMS Hereward hanno proceduto indisturbati nel porto di Megisti; il loro arrivo inaspettato ha senza dubbio sorpreso la 35° guarnigione italiana.
I commandos britannici hanno attaccato tutto il giorno e più di un terzo dell’intera forza italiana è stata presa prigioniera. Prima è caduta la stazione radio, ma l’operatore radio è stato comunque in grado di lanciare un allarme a Rodi con le notizie su ciò che stava accadendo alla base; così i rinforzi italiani sono arrivati.
Un forte contingente di Savoia-Marchetti S.79 e Savoia-Marchetti S.m.81 Pipistrello sono stati inviati a dare battaglia ed hanno attaccato le posizioni britanniche recentemente vinte poche ore prima, dopo che i commandos erano scesi a terra. Gli aerei italiani hanno anche danneggiato pesantemente l’HMS Ladybird che aveva annullato le torpediniere all’interno del porto che agiva come punto di riferimento per il contingente a terra e, a quel punto, per gli inglesi c’è stato poco da fare: i pochi rimasti si sono ritirati di corsa a Cipro.

Eden e Dill hanno continuato la loro missione in Medio Oriente con una visita in Turchia, ma non hanno ottenuto alcuna risposta reale ai loro sforzi per interessare i turchi ad un’alleanza.

 

Oceano Atlantico: Il sommergibile tedesco U-47 ha attaccato il convoglio OB-290, a 190 miglia a nord ovest dell’Irlanda prima dell’alba, affondando 3 navi mercantili e danneggiandone un’altra. L’U-47 è stato attaccato a sua volta con bombe di profondità e ha quindi chiesto l’assistenza di bombardieri Fw 200 di I. / KG 40 di sede a Bordeaux, in Francia. I velivoli hanno attaccato il convoglio dalle 09:00 alle 18:45, affondando altre 8 navi.

Bombardieri tedeschi hanno affondato 4 navi mercantili e motosiluranti tedesche hanno affondato nave mercantili in varie località della costa britannica.

Durante la notte il RAF Bomber Command ha inviato 126 aerei per attaccare i civili di Colonia.

 

Sud Pacifico: Istituzione della prima stazione ad alta frequenza per il ritrovamento (HFDF)  dell’aeroporto di  Garbutt, in Australia.


25 febbraio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

E’ stato firmato a Mosca un accordo sugli scambi commerciali tra l’URSS e la Svizzera.

Il Generale Antonescu lancia un appello al Paese con il quale, rese note le realizzazioni compiute sino ad ora, dal 6 settembre 1940, giorno in cui egli assunse la direzione della cosa pubblica rumena e annuncia che domenica prossima avrà luogo in tutto il Paese un Plebiscito sull’opera che egli ha svolto. Il Plebiscito dovrà esprimere l’approvazione o meno del popolo rumeno sul modo come il Generale Antonescu ha governato il Paese.
Alla votazione potranno partecipare tutti i rumeni di qualunque professione e dal ventunesimo anno di età.
Gli ebrei sono esclusi dalla parteciazione a tale plebiscito.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. 257mila tonnellate di naviglio mercantile nemico affondate. Attacchi aerei sull’Inghilterra orientale, sui porti di Harwich, Ipswich ed Ermouth oltre che su Londra.
Voli nemici sui territori occupati. Un apparecchio inglese abbattuto.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: