Archivi del mese: settembre 2017

30 settembre 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

In un discorso pronunciato a Skaplie, il Ministro della Guerra di Bulgaria, generale Dasklov, ha sottolineato la incrontrollabile volontà del popolo bulgaro di difendere la ormai raggiunta unità nazionale.

Alla Camera dei Comuni il Primo Ministro Churchill ha fatto le annunciate dichiarazioni sulla situazione della guerra e particolarmente sull’atteggiamento dell’Inghilterra nei confronti dell’Unione sovietica.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Nel corso delle operazioni ad est del Nipro, le truppe italiane hanno distrutto potenti forze nemiche e catturato parecchie migliaia di prigionieri.
Nel settore nord 210 fortini espugnati. Attacchi aerei a Charchov, Leningrado e Murmansk.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. Ad estdi Great Yarmouth, una nave da carico di 8mila tonn. distrutta; un cacciatorpediniere affondato. Attacchi aerei alla costa orientale scozzese e sud-orientale dell’Isola.
Incursioni aeree nemiche sulla Germania settentrionale e nei pressi di Berlino. 11 apparecchi inglesi abbattuti.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Attacchi aerei a Tobruk.
Nel Mediterraneo una nave da carico danneggiata. Un apparecchio britannico abbattuto.


war report: 30set1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale (Alleato).

Mediterraneo: il sottomarino italiano Adua ha attaccato le navi britanniche che navigano per Malta da Gibilterra (avendo appena completato la scorta dell’operazione Halberd il giorno precedente) a 250 miglia ad est di Gibilterra. I cacciatorpedini britannici HMS Gurkha e Legion contrattaccano con cariche di profondità affondando il sottomarino italiano, uccidendo tutti i 46 di bordo.

La Turchia crea un embargo sulle esportazioni di cromo per la Germania.

 

Fronte Occidentale: Pierre Laval è stato dimesso dall’ospedale dopo aver recuperato dalle ferite sostenute durante il tentativo di assassinio fallito contro di lui, il 25 agosto 1941.

Comando di combattimento RAF ha volato in operazioni Roadstead. La RAF ha inviato 41 aerei per attaccare Cherbourg durante la notte.

Jean “Max” Moulin è stato inviato a Londra per incontrare Charles de Gaulle, leader della Resistenza francese e gli altri leader francesi esiliati. Nel gennaio 1942 l’organizzazione SOE lo ha paracadutato in Francia per creare un movimento organizzato di resistenza.

Tynemouth 1941 – 30set

 


Fronte Orientale
: Unternehmen Barbarossa. Il punto.

La fine di settembre è vista dalla maggior parte degli storici come la fine dell’operazione Barbarossa. L’avanzata dell’esercito tedesco in Russia è, a tutt’oggi, ineguagliata nella storia della guerra. In una sola stagione, la Wehrmacht ha distrutto circa 2 milioni di nemici ed ha avanzato per quasi 500 miglia su una frontiera totale di 1000 miglia.
Tuttavia, nonostante questo trionfo delle armi, i tedeschi non possono essere soddisfatti dei loro obiettivi, nella campagna.
Leningrado è circondata, ma non catturata. Mosca era ancora a 180 miglia di distanza e Rostov poco più lontana.
L’esercito sovietico è stato ferito, molto distrutto ma ancora in campo. Alla fine di settembre, 1360 impianti industriali pesanti sovietici sono stati spostati, dalle aree occupate dai tedeschi, negli Urali e in altri punti verso est. La Russia sta iniziando la sua ripresa dall’attaccamento estivo. Nel frattempo la Germania aveva perso la metà della loro forza di carri e quasi ed il 10% dei suoi soldati in combattimento.

Armata Nord: i difensori di Leningrado hanno fermato i tedeschi a sette miglia dalla città, in vista delle guglie della chiese. Oggi il Generale Zhukov arriva a occuparsi delle difese della città.

Armata Centrale: si avvia l’operazione Typhoon, un attacco da parte delle forze tedesche a Mosca; come Hitler aveva affermato: “l’ultima battaglia dell’anno per l’annientamento del nemico”.
Dopo essere riusciti a spostarsi nel profondo della parte posteriore delle forze di Yeremenko, il Corpo tedesco si invola verso Bryansk.
Tre eserciti sovietici sono quindi subito circondati. La seconda fase dell’operazione prevede quindi la ricerca di tutte le forze nemiche che scappano lungo un ampio fronte da parte di tutti e tre i gruppi di Panzer; questo farà seguire il cammino verso Mosca, sia con la cattura che con l’incrocio della città.

Armata Sud: il 1.Panzergruppe di Kleist attacca ad est, dal Dniepr a Dnepropetrovsk e si arresta facilmente attraverso la linea difensiva sovietica. Si dirige per Donetsk e Berdyansk, sul Mare di Azov.
La leadership della flotta sovietica del Mar Nero ha cominciato a considerare le forze di evacuazione a Odessa, in Ucraina, alla regione di Crimea della Russia (ora anche in Ucraina).
Le truppe italiane sono in grado di circondare alcune grandi unità dell’esercito rosso nei pressi di Petrikovka.
Gli italiani hanno preso più di 10.000 prigionieri di guerra.

 

altre notizie.

Oggi si registrano nuovi attacchi tedeschi contro le forze sovietiche sull’isola di Saaremaa (Osel), nel Mar Baltico, al largo della costa dell’Estonia.

Timoshenko prende il comando del Front Southwestern Soviet. La Stavka ha iniziato ad assemblare una nuova 6° armata intorno a Krasnograd.

La relazione Jager (rilasciata il 1 dicembre 1941) annota che 366 maschi adulti, 483 femmine adulti e 597 bambini, tutti ebrei, sono stati uccisi a Trakai, in Lituania per un totale di 1.446 persone.

 

Asia: l’11esima armata giapponese, tagliata fuori da Changsha, durante la notte inizia a ritirarsi a nord con gravi perdite, verso Yoochow.
Le stime cinesi raggiungono fino a 40.000 perdite per i giapponesi: una vittoria importante per i cinesi. Le truppe cinesi a Changsha hanno proclamato la vittoria alla seconda battaglia di Changsha dopo aver spinto le truppe giapponesi nella regione di Yueyang.

I rappresentanti di Francia e Thailandia hanno definito ulteriormente i confini tra la Thailandia e l’Indocina francese, secondo il trattato di pace del 9 maggio 1941.

 

Germania: I bombardieri britannici hanno attaccato Stettino e Amburgo, in Germania, dopo il tramonto per la seconda notte consecutiva. La RAF invia 82 aerei per attaccare sempre Amburgo di notte. La RAF poi invia altri 40 aeromobili per attaccare Stettino durante la notte.

 

Regno Unito: la RAF  ritira i bombardieri B-17 dal servizio.

Le incursioni della Luftwaffe sul nord-est sono state effettuate da ottanta aeromobili tedeschi che hanno volato sopra la Gran Bretagna. Un grosso attacco sul distretto di Tynemouth ha causato 60 morti e danni ovunque. Il peso principale dell’attacco è caduto sul Nord Shields, ad ovest di Tynemouth, dove sono cadute circa cinquanta persone.
I bombardieri tedeschi hanno attaccato i cantieri navali a Tyneside dove il Submarine HMS Sunfish è stato gravemente danneggiato durante l’attacco. Le navi Eileen Duncan e la Star of Deveron sono stati attaccate e affondate. Tre bombe sono cadute sul Prince Albert Edward Dock. Una bomba da 1.000 kg è caduta nel dock No.3 in Docks medio, passando per il lato di una nave e sul fondo del bacino. Un’altra è caduta sul lato occidentale dei Docks Centrali, demolendo la mensa e l’atterraggio del traghetto di Whitehill Point; affondando il traghetto con 4 dell’equipaggio a bordo. Le ultime bombe di questa serata disastrosa sono discese nei giardini di Mayfair e nel cimitero di Harton.  Il secondo attacco ha segnato un successo su due ville semi-indipendenti che sono state completamente distrutte. 34 bombe sono cadute e circa 300 persone sono state rese senza tetto o sono state evacuate dalle loro case.

Il centro di detenzione a Peel, Isola di Man, aveva guardie rafforzate dopo i recenti disturbi creati; altri 20 fascisti britannici arrestati sono stati trasferiti a Liverpool di conseguenza.

 

Sud Pacifico: la Divisione War Plans sviluppa piani per la stoccaggio di munizioni e POL [petrolio, petrolio e lubrificanti] in tutto il Pacifico sud-occidentale.


cifre di guerra, robe di guerra: sett1941

Durante un mio acuto di curiosità (ma come cacchio parlo?) sono andato a vedere 2 robe sull’impegno di Churchill nei confronti della Russia di Stalin. Begli amici!, qualcuno dirà; beh, non sempre gli amici si scelgono e, a volte comunque, è meglio tenerseli che averceli contro.

Dalle memorie del mastino inglese traggo l’informazione che il 5 settembre 1941 sono stati inviati 440 caccia Hurricane (di generazione I)  [e che ti mando gli ultimi modelli?]. La cosa, per la cronaca, costò un sacrificio decisamente pesante per l’Inghilterra che al momento doveva soddisfare continue richieste interne e da Malta. Per i non addetti a queste cose, aggiungo che oltre agli aerei servivano anche i tecnici per rimontare gli aerei sul posto (almeno 5) + 2 tecnici per spiegare l’uso del radar + alcuni traduttori (mica tutti parlano inglese e russo, anzi quasi nessuno…). Tuttociò unitamente alle promesse pianificate e controllate della nuova produzione anglo-americana che dovrà tenere conto delle nuove, continue e asfissianti richieste russe, contaccambiate da tiepidi sorrisetti di circostanza e tiepidissimi ringraziamenti, fatti sempre a voce bassa (uhm, deve essere bello essere generosi con queste persone…). Churchill, di questo, ebbe a lamentarsene innumerevoli volte ma, costretto a far buon viso a cattivo gioco, cercò sempre di soprassederne.

In effetti, il relazionarsi con i propri alleati gioca spesso un ruolo determinante, ai fini del risultato.
Tant’è che il buon Winston sollecitò l’amico Roosevelt affinchè inviasse a Londra al più presto Averell Harriman, allo scopo di poter far conoscere ai russi quali aiuti potessero aspettarsi per il 1942 in compenso delle perdite subite dalla loro industria bellica e di metterli in condizione di studiare i loro piani in conformità alle loro aspettative.

Nel frattempo di questi ciappi, ci si mise anche il Canada a bofonchiare per le 5mila tonnellate di alluminio aggiuntive alle 2000 mensili, già concordate, dicendo: «beh, se qui ce ne chiedono ancora ci mandano di corsa in rovina!».

Il 12 settembre arriverà, come un fulmine a ciel sereno, una domanda dal compagno Stalin:
Permettetemi un’osservazione a proposito del materiale consegnato (alluminio, carri armati ed aereoplani). Se il Governo sovietico fosse costretto a distruggere le unità della sua flotta a Leningrado per impedire che cadano in mano nemica, il Governo di Sua Maestà sarebbe disposto a riconoscere, a guerra finita, al Governo sovietico il diritto ad un certo compenso, da parte di Sua Maestà, quale indennizzo per le navi perdute?

Frattanto le prime missioni anglo-americane di aiuti partivano, con una flottiglia capitanata dall’incrociatore London, da Scapa Flow alla volta di Arcangelo attraverso il Mare Artico, proseguendo poi in aereo quindi, per Mosca.

Verrà consegnato quindi un protocollo di spedizioni per la Russia che conterrà promesse confortanti:

programma di un ciclo continuo di convogli, con partenza ogni dieci giorni.

giungeranno ad Arcangelo il 12 ottobre:

20 carri armati pesanti;
193 aerei da caccia;

partiranno il 12 ottobre:

140 carri armati pesanti;
100 Hurricane;
200 carri veloci Bren;
200 fucili anticarro con relative munizioni;
50 pezzi da 2 libbre con relative munizioni;

partiranno il 22 ottobre:

200 aerei da caccia;
120 carri armati pesanti.

Le cifre riportate rappresentano la quota totale di aerei per il mese di ottobre; 280 carri armati arriveranno in Russia entro il 6 novembre e, per poco dopo, la cifra salirà a 315 mensili.

In cambio, Stalin, ad ogni arrivo, rinverdiva il suo savoir faire con la richiesta continua di un secondo fronte, mostrandosi inaccessibile alle argomentazioni che ne provavano l’impossibilità. La crisi drammatica che attraversava li scusava. E l’ambasciatore a Mosca doveva sostenere perennemente il fuoco di fila delle loro richieste.


29 settembre 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Le Delegazioni inglese ed americana alla conferenza di Mosca, sono giunte il 28set nella capitale sovietica.
La delegazione inglese è giunta al completo con a capo Lord Beaverbrook, quella americana è giunta anch’essa al completo e con a capo Harriman.
Nella medesima giornata, Stalin, Presidente del Consiglio dei Commissari del Popolo dell’URSS, ha ricevuto entrambi in presenza di Molotov, Presidente della delegazione sovietica e Commissario del Popolo degli Affari Esteri e di Litvinov, membro della delegazione sovietica alla conferenza.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE. Tre divisioni sovietiche accerchiate a nord est di Dniepropetrovsk. 13mila prigionieri, 69 cannoni ed altro materiale bellico, catturati. Attacchi aerei sul Donetz, a Mosca e Leningrado. Un incrociatore sovietico colpito a Kronstadt.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE. Attacchi aerei sul Canale di San Giorgio e sulla costa sud-orientale dell’Inghilterra. Una petroliera di 12mila tonn. affondata nell’Atlantico meridionale.
Incursioni aeree inglesi sulla Germania. Un apparecchio inglese abbattuto.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: