Archivi del mese: giugno 2019

30 giugno 1943: news

war-News

Situazione militare
(comunicati ufficiali rilasciati in pubblicazioni dell’epoca)
.

FRONTE ORIENTALE.
Nel Mar Nero 2mila tonnellate di naviglio nemico affondate dai sommergibili tedeschi.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO.
Attacco aereo tedesco su Bona.
Incursioni aeree nemiche sulla Sicilia.
49mila tonnellate di naviglio nemico affondate nel Mediterraneo e nell’Atlantico, oltre a 3 velieri ed un cacciatorpediniere.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.
nessuna notizia di rilievo pubblicata in data odierna

FRONTE del PACIFICO.
nessuna notizia di rilievo pubblicata in data odierna

Annunci

bollettino 1131: 30 giugno 1943

 

 

Il porto di Bona è stato efficacemente bombardato da formazioni aeree tedesche.

Messina e dintorni e la costa calabra dello Stretto, hanno subito una nuova incursione. Alcune bombe sono state sganciate anche su Porto Empedocle.

Il nemico ha perduto io apparecchi: 5 in combattimento con la caccia dell’Asse nel cielo di Comiso e 5 ad opera delle artiglierie con­traeree precipitati rispettivamente nei pressi di Licata, Pozzallo, Tremestieri, Comiso e Castelvetrano.

Nell’azione su Livorno, citata nel bollettino di ieri, altri due quadri­motori nemici, colpiti dal tiro delle batterie della difesa, sono caduti in mare presso l’isola di Gorgona.

Nelle incursioni citate dal bollettino odierno sono stati finora accer­tati: 2 morti e 10 feriti a Porto Empedocle.

Polonia. Il capo dell’esercito polacco Grot-Rowecki viene arrestato dai tedeschi a Varsavia.

URSS. Molti attacchi locali prendono il via in molti posti sul fronte.

Isole Salomone. La Task Force 31 di Rear-Admiral Turner è approdata alla 43a Divisione USA e ai Commandos marini sotto il generale Hester sull’isola Rendova. Sull’isola di New Georgia, a nord di Rendova, le unità del 3 ° reggimento di fanteria degli Stati Uniti arrivano a Segi Point. In serata, i Raiders occupano il porto di Viru.

Sbarco USA a Sasavele, Vangunu, Isole Baraulu, al largo della Nuova Georgia. A Vangunu, i marines statunitensi si scontrano con le truppe giapponesi che si oppongono alla loro penetrazione da Oleana Bay a Wickham Anchorage. Le operazioni sono supportate dagli aerei dell’ammiraglio Fitch. L’aviazione giapponese affonda la McCawley, una nave da sbarco, e raggiunge un’altra.

In Nuova Guinea atterraggio della forza australiano-americana MacKechnie nella baia di Nassau, vicino a Salamaua. Progredisce immediatamente, combattendo contro una forte resistenza giapponese.


29 giugno 1943: news

war-News

Situazione militare
(comunicati ufficiali rilasciati in pubblicazioni dell’epoca)
.

FRONTE ORIENTALE.
Presso Velikie luki, a sud di Staraja Russa attacchi sovietici russi respinti.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO.
Aerei tedeschi hanno attaccato il porto di Pantelleria.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.
Attacco aereo britannico su Colonia e sulla Germania occidentale e nord-occidentale.

FRONTE del PACIFICO.
nessuna notizia di rilievo pervenuta in data odierna


bollettino 1130: 29 giugno 1943

Velivoli germanici da combattimento hanno agito con favorevoli ri­sultati sugli impianti del porto di Pantelleria.

Livorno, Reggio Calabria, Messina ed altre località. della Sicilia e della Sardegna sono state bombardate dall’aviazione nemica: ingenti i danni subiti dalla città di Livorno, in corso di precisazione le per­dite delle popolazioni.

Nove velivoli venivano abbattuti dalla caccia nazionale: 6 in Sar­degna e 3 a Livorno; 9 distrutti dalle artiglierie contraeree: uno in Sardegna, 4 in Sicilia e 4 a Livorno, dei quali 2 caduti in mare al largo dell’Ardenza, uno nei pressi di Tombolo e uno nei boschi di Salviano.

Un altro aereo avversario, colpito dalle batterie della difesa delle Isole Ione, precipitava in mare.

Nelle incursioni citate dal bollettino odierno, sono state finora ac­certate:

— 175 morti e 300 feriti a Livorno;
— 14 morti e 52 feriti a Reggio Calabria;
— 4 feriti a Messina.

Nelle isole Salomone, le acque del porto di Shortland sono minate per proibire lo sbarco di rinforzi giapponesi.
Un convoglio americano in rotta verso la Nuova Georgia è avvistato dai giapponesi, ma erroneamente credono che sia destinato a Guadalcanal.


bollettino 1122: 21 giugno 1943

Nel corso di attacchi contro un convoglio fortemente scortato, un nostro sommergibile, al comando del tenente di vascello Arcangelo Giliberti da Napoli, colava a picco nel Mediterraneo occidentale un piroscafo e ne colpiva un secondo. Un altro mercantile di medio ton­nellaggio è da ritenersi sicuramente affondato in vicinanza delle coste tunisine, ad opera di un nostro aerosilurante.

Velivoli dell’Asse hanno attaccato, con favorevole esito, naviglio alla fonda nel porto di Biserta.

L’aviazione nemica ha compiuto incursioni sui dintorni di Napoli, su Foggia, Spinazzola (Bari), Reggio Calabria, Villa S. Giovanni, Castelvetrano, Porto Empedocle, Licata, Siracusa. Risultano comples­sivamente abbattuti 26 velivoli avversari: 10 dalla caccia italo – ger­manica e 16 dalle artiglierie contraeree di cui 4 a Napoli, 2 a Reg­gio Calabria, 8 a Castelvetrano, 1 a Miligheddu (Enna) e 1 a Porto Empedocle.

Nell’azione di aerosiluramento, di cui dà notizia il bollettino odier­no, si sono distinti i seguenti piloti:

— tenente Giuseppe Fragola da Torino;
— sergente Guerrino Tassinari da Bergamo.

A seguito delle incursioni citate dal bollettino odierno, sono state finora accertate tra le popo- lazioni civili, le seguenti perdite: a Reg­gio Calabria 12 morti e 56 feriti; a Siracusa 5 morti e 22 feriti; in provincia di Napoli e negli altri centri della Sicilia, complessivamente 2 morti e 23 feriti.

Inizio dell’Operazione Toenails per l’invasione della Nuova Georgia: parte del 4° Battaglione Raiders lascia Guadalcanal e sbarca a Segi Point, a sud dell’isola, seguita da un battaglione della 103° fanteria.


28 giugno 1943: news

war-News

Situazione militare
(comunicati ufficiali rilasciati in pubblicazioni dell’epoca)
.

FRONTE ORIENTALE.
Attacchi sovietici nei settori di Velikie Luki e di Demidoff.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO.
Attacco aereo italiano a Biserta.
Incursioni aeree nemiche sulla Sicilia e sulla Calabria.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.
Un convoglio tedesco attaccato da aerei britannici al largo di Schwaningen.

FRONTE del PACIFICO.
nessuna notizia di rilievo pervenuta in data odierna


bollettino 1129: 28 giugno 1943

 

 

 

 

Una nostra formazione aerea ha efficacemente attaccato a Biserta attrezzature portuali e naviglio alla fonda.

Bombe e spezzoni sono stati lanciati nel pomeriggio di ieri dall’aviazione nemica su Gerbini (Catania), la cui popolazione ha su­bìto qualche perdita e, nella notte scorsa, su Reggio Calabria e al­cuni minori centri della provincia, dove vittime e danni sono in corso di accertamento.

Le artiglierie della difesa di Reggio abbattevano due apparecchi; un altro aereo veniva distrutto in combattimento da cacciatori germanici sulle coste meridionali della Sicilia.

In Nuova Guinea, arrivo in massa delle truppe americane a Kiriwina e Woodlark. Inizia la costruzione degli aerodromi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: