Archivi del mese: maggio 2016

31 maggio 1940: news

Attività politica e diplomatica.
A Belgrado ha luogo la ratifica del trattato di Commercio russo-jugoslavo.
Il Principe Reggente Paolo riceve il Ministro russo a Sofia.
E’ la prima udienza ufficiale accordata ad un rappresentante sovietico in Jugoslavia.
Si ha da Atene che Sir Stafford Cripps, inviato sraordinario britannico in Russia, prosegue il suo viaggio per Mosca, in qualità di ambasciatore.
(war-Newsdopo le epaturnie sovietiche riportate ieri, deve essere successo qualcosa in Inghilterra. Qualcuno deve aver scritto una nota infuriata, o ha telefonato al sign. Giuseppino Stalin dicendo: «sentimi bene: se io ti mando un ambasciatore egli, in quel momento, è il rappresentante ufficiale del nostro Paese, a prescindere dal fatto che sia “straordinario” o “permanente”. Per tanto, il vostro Ministero degli Esteri DEVE accettarlo così come ve lo inviamo. Con tutti i crismi dell’ufficialità!».
A Limoges si riunisce il Parlamento belga. Sono presenti 89 deputati e 54 senatori. Al termine della riunione i Presidenti della Camera e del Senato leggono, rispettivamente in francese e in fiammingo, la seguente dichiarazione:
«I senatori e rappresentanti belgi residenti in Francia esprimono all’unanimità i loro sentimenti, stigmatizzano la capitolazione di cui Leopoldo III ha preso l’iniziativa e di cui porta la responsabilità di fronte alla storia; si inchinano con rispetto davanti a quelli che sono già caduti per la difesa della nostra indipendenza e rendono omaggio al nostro esercito che ha subito una sorte immeritata; affermano la loro fiducia nella nostra gioventù che a breve scadenza farà riapparire i nostri colori sulla linea del fuoco: si dichiarano solidali con il Governo che ha constatato l’impossibilità giuridica e morale per Leopoldo III di regnare; indirizzano ai loro compatrioti nel Belgio occupato dal nemico l’espressione della loro fraterna ed ardente simpatia, sicuri del loro indefettibile patriottismo; attestano la loro ferma decisione di consacrare tutte le forze del Paese e delle sue Colonie al proseguimento della lotta contro l’invasore fino alla liberazione del suolo della patria a fianco delle Potenze che hanno risposto immediatamente all’appello del Belgio attaccato; esprimono la loro profonda gratitudine alla Francia e alla Gran Bretagna che hanno accolto fraternamente in casa loro i rifugiati ed affermano la loro incrollabile fiducia nella vittoria del diritto e della storia».
(questa dichiarazione è stata redatta nella Francia del centro-sud, ben lontano dal fronte, dove le notizie del fronte vero e l’umore del popolo belga arrivano con un certo ritardo e, forse, anche un po’ annacquate. Come diceva mio padre: è facile essere rilassati e retorici mentre si ha il … culo al caldo!).
Sedan---forte-abbandonatoSedan: forte francese abbandonato. All’interno sono rimasti 72 cadaveri per diversi mesi.

Da Dusseldorf si ha che nel prender possesso in nome di Hitler della sua carica di Governatore civile dell’Olanda occupata, il Ministro germanico Seiss Inquart ha pronunciato un discorso sulle ragioni dell’invasione tedesca, concludendo con queste parole:
«Non siamo venuti volentieri con la forza delle armi; vogliamo essere protettori per rimanere poi amici nel senso più nobile noi europei conosciamo».
(nel caso specifico, l’imbecille di turno ha detto la solita cretinata insostenibile che i nazisti sfoderano in questi casi. Per certi versi li reputavo intelligenti. Invece no. Hanno perso anche questa volta l’occasione di stare zitti).
(La cosa più incredibile non è tanto nel fatto che l’abbiano detta, ma che ci credano pure!).


Attività militare.
Da comunicati tedeschi si apprende dei combattimenti in corso tra Furnes e Bergues, lungo le coste protette dai canali, ad ovest di Dunkerque e intorno a Cassel.
Un incrociatore alleato è affondato davanti alle coste belghe.
Bombardamenti di apparecchi britannici nella Germania settentrionale.
5 apparecchi alleati abbattuti. 2 apparecchi tedeschi mancano.

Da comunicati francesi si ha che continua la lotta intorno al campo trincerato di Dunkerque, dove una parte delle truppe francesi è riuscita ad imbarcarsi, malgrado l’opposizione germanica.
Sulla Somme e sull’Aisne azioni di fanteria. Tra l’Aisne e la Mosa violenti duelli di artiglieria. L’aviazione francese appoggia validamente i movimenti delle truppe nel nord.

Calais-serbatoi-di-petrolioCalais: quel che rimane dei grandiosi serbatoi di petrolio britannici

Da comunicati inglesi si ottiene la notizia che durante l’occupazione di Narvik, è affondato l’incrociatore ausiliario Curlew. Nelle Fiandre e nelle linee di comunicazione tedesche, cooperando efficacemente alla protezione delle truppe alleate, 13 apparecchi tedeschi sono abbattuti; 3 danneggiati.
(il lettore avrà notato che quasi sempre inglesi e tedeschi non riportano, cioè omettono, le perdite segnalate dalla parte avversa nella giornata. Principalmente per non dare soddisfazione all’avversario, in secondo luogo, per non demoralizzare il proprio pubblico – volevo dire… popolo).

Annunci

war report: 31mag1940

Questa mattina, il War Office riceve un messaggio del gen. Weygand che richiede 4 o 5 divisioni britanniche in difesa di Dunkerque (circa 80/100 uomini). “Da solo non posso difendere questa zona; da solo non ce la faccio!” – era scritto.
Ma dal War Office gli ritorna la richiesta, fatta anche al gen. Gort del BEF, di difendere con le attuali forze e nella misura massima le truppe che stavano evacuando. “Nuove truppe NON CE NE SONO!”.
Una nuova replica di Weygand ha più o meno questa traduzione:
pregate Dio che i tedeschi non ci attacchino seriamente, perchè in quel caso le vostre imbarcazioni tornerebbero a casa vuote…”.Dunkerque03L’Ambasciatore degli Stati Uniti in Argentina, Norman Armour si è incontrato a Montevideo con il ministro degli Stati Uniti in Uruguay Edwin C. Wilson, per quanto riguarda il peggioramento della situazione politica in Uruguay. Hanno chiesto congiuntamente al Segretario di Stato, Cordell Hull, di chiedere al presidente Roosevelt di inviare 40 a 50 navi da guerra verso la costa orientale del Sud America come dimostrazione di forza per evitare che l’Uruguay diventi partnership della Germania. warReport1940Nel corso della giornata, Hull li avrebbe informarti che un incrociatore pesante USS Quincy, spedito a Rio de Janeiro in Brasile, grazie al loro suggerimento, avrebbe visitato Montevideo durante il suo viaggio. Il Dipartimento di Stato ufficiale Laurence Duggan ha suggerito al Sottosegretario di Stato Sumner Welles di promuovere un tour in Sud America a bordo della USS Quincy.
Lo sloop britannico HMS Weston ha affondato il sottomarino tedesco U-13 con cariche di profondità di 14 miglia a sud est di Lowestoft, Inghilterra. L’intero equipaggio di 26 uomini è stato fatto prigioniero.
IL sommergibile tedesco U-101 ha attaccato il convoglio alleato HG-31F e affondato la nave britannica Orangemoor con 8.150 tonnellate di ferro a bordo, ad ovest di Guernsey, uccidendo 18 uomini. La scorta del convoglio ha attaccato l’U-101 con 41 cariche di profondità nel corso di 8 ore; il sottomarino però è sopravvissuto all’attacco.
In Belgio, l’829° Squadron FAA, con i loro velivoli Fairey Albacore di nuova generazione ed in azione per la prima volta, hanno attaccato le E-boats tedesche, al largo di Zeebrugge, in Belgio e gli obiettivi stradali e ferroviari a Westende, in Belgio.

Calais---portoCalais, zona porto; ore 15:30 – 31 maggio 1940

Sul fronte di Dunkerque il cattivo tempo, ha dato agli inglesi la possibilità di portare i cacciatorpedinieri moderni molto vicino alla costa per assistere l’evacuazione, con meno timore per gli attacchi aerei tedeschi; 68.014 uomini sono stati salvati oggi, tra cui il comandante generale Lord Gort del British Expeditionary Force (45.072 unità dal porto e 22.942 dalle spiagge) .
Il cacciatorpediniere francese Leopart e i caccia britannici HMS Express, HMS Icarus, HMS Keith e HMS Winchelsea, sono stati danneggiati dai bombardamenti degli aerei tedeschi.
Le torpediniere tedesche hanno danneggiato i cacciatorpedinieri francesi Scirocco e Cyclone; lo Scirocco è affondato uccidendo i 59 dell’equipaggio e 600 soldati.

I bombardieri medi dei francesi DB-7 dell’Air Force hanno combattuto per la prima volta contro le colonne tedesche vicino a Saint-Quentin, nella regione Picardy della Francia nord-orientale.
Dopo un volo di ricognizione sulla città di Rotterdam hanno riportato notizie di aver visto solo morte e devastazione assoluta.Rotterdam-ultimi-giorni-di-

 


30 maggio 1940: news

Attività politica e diplomatica.
Si ha da Parigi che il Gabinetto belga, riunitosi sotto la presidenza di Pierlot in una città francese, ha approvato il testo di due decreti, uno dei quali dichiara che il Sovrano, essendo in potere dell’invasore non può regnare. Questi decreti saranno presentati alla Camere per l’approvazione.
Gabinetto-Pierlot
Il Gabinetto Pielot dopo la famosa seduta ostile al Re.

Da Parigi si smentisce la notizia che i figli di Leopoldo III del Belgio abbiano lasciato la Francia. La Corona belga e i gioielli della Corona, inviati in Francia 5 giorni or sono, non sono stati restituiti al Ciambellano di corte, che aveva tentato di riaverli prima che la notizia della capitolazione fosse diffusa.
war-NewsDa Washington si informa che Roosevelt chiederà domani al Congresso un altro miliardo di dollari per la meccanizzazione dell’esercito, l’aviazione, l’organizzazione e l’addestramento di un milione di uomini. L’industria americana sarà portata, entro sei mesi, al rendimento della produzione del tempo di guerra.
Alle truppe francesi del nord, comandate dal generale Blanchard, il presidente della Repubblica, Lebrun, ha rivolto il seguente messaggio:
«Nel momento in cui le truppe francesi poste sotto i vostri ordini proseguono nelle Fiandre, in pieno accordo con il corpo di spedizione britannico e col concorso delle marine alleate, una battaglia che prenderà il primo posto negli annuali militari di tutti i tempi, vi rivolgo il saluto riconoscente della Patria».

Attività militare.
L’aviazione germanica attacca nei porti di Ostenda e Dunkerque navi da guerra e da trasporto inglesi: 3 navi da guerra e 16 trasporti sono affondati. 31 altre navi sono colpite, danneggiate o incendiate. 75 apparecchi alleati sono abbattuti. A sud delle linea Poperinghe-Cassel i reparti tedeschi si sono congiunti, accerchiando i gruppi nemici. Sul fronte della Somme inferiore attacco respinto di carri francesi corazzati. Nella giornata di ieri, 89 apparecchi alleati abbattuti. 15 apparecchi tedeschi mancano.
La battaglia intorno a Narvik prosegue con la solita violenza.
Le truppe tedesche operanti da Trondheim occupano Fauske ad ovest di Bodole.
Violenti combattimenti si svolgono sull’Yser e nella regione di Cassel. Le truppe francesi del nord proseguono con vigore e in buon ordine il movimento deciso dal comando.
Combattimenti favorevoli anche sulla Somme.
Sulle coste francesi e belghe scontri aerei con bombardieri e caccia tedeschi. 52 apparecchi tedeschi abbattuti; 7 danneggiati, 10 aerei inglesi mancanti. Attacco alla base di idrovolanti germanici sulla costa olandese. Velivoli da bombardamento pesante appoggiano l’azione delle truppe alleate nel nord. A Bergen una nave trasporto tedesca incendiata: nel Mare del Nord un bombardiere tedesco abbattuto, altri danneggiati.
Nella giornata di ieri 37 apparecchi tedeschi abbattuti, 1 inglese mancante.
Nella Manica sono affondati i cacciatorpedinieri Grafton, Grenade, Wakeful, alcune piccole navi ausiliari e il trasporto Abukir, di 689 tonn.

leggi il mini-controarticolo Pierlot


mini-controarticolo Pierlot

Non sono pratico di dogmi costituzionali ma in questi casi, prima di affermare che il Re Leopoldo ha compiuto un atto incostituzionale, bisognerebbe rivedere l’efficacia dei poteri del Re rispetto al volere del Governo.Gabinetto-Pierlot
Se è vero che la sera del 26 maggio, sera di una furibonda riunione  con il presidente del Consiglio Pierlot ed il Ministro degli Esteri, egli espresse la totale costernazione per il massacro imposto alle sue truppe al fronte e, di conseguenza, la volontà a porre fine ad una lotta impari, allora è lecito pensare che ha disposto dei poteri conferiti alla sua sovranità, sapendo di fare una cosa che sapeva di poter fare. Anche se a certe persone può risultare impopolare  nella sua straordinarietà.
Sicuramente, di fronte all’inutile sforzo delle sue truppe e ai rischi di inasprimento della pressione germanica contro la popolazione civile ha preferito capitolare.
Una decisione prostrante, umiliante e così sofferta è stata presa non certo pensando che sarebbe stata interpretata anti-costituzionale.
Poi, dal mio punto di vista, è assolutamente vero il contrario: cioè che il Governo, nella fattispecie – il Gabinetto Pierlot, è in disaccordo con il Re. O meglio, l’atto incostituzionale semmai è di Pierlot e della sua cricca.
Se non vado errato, il potere esecutivo è affidato al Re e al Governo, ma in casi straordinari basta una sola delle parti.
Il Re non è una figura solo simbolica.
Ma per curiosità, come si fa a dire che si vuole continuare a combattere a fianco degli alleati in un momento dove i franco-inglesi le stanno prendendo di santa ragione? E’ un acuto di orgoglio o di insensata fiducia?


war report: 30mag1940

Le forze germaniche continuano a spingere su tutta la zona di Dunkerque. Intanto l’evacuazione continua, non tanto per l’opposizione della RAF che è modesta, ma per la parziale inefficienza tedesca ordinata da Hitler che ha concesso solo l’uso dell’artiglieria. Goering ha promesso che la Luftwaffe farà il suo dovere. Ma la sommarietà dei suoi ordini di battaglia, la nebbia e un poco di opposizione limiteranno all’eccesso l’arma aerea tedesca.
Dunkerque15Oggi 33.558 soldati alleati sono imbarcati dal porto e 13.752 dalle spiagge vicine. Più tardi verrà rilevato che l’abilità dei piloti nel colpire bersagli fermi non è all’altezza del compito assegnato. Mentre il totale di 860 battelli presenti fluttuava per le partenze ed i nuovi arrivi, anche il bombardamento Luftwaffe diminuiva perchè trasferito – si è detto poi – in altre zone in Francia.
Si è anche affermato che i tedeschi non si aspettavano la contrapposizione della RAF e della Royal Navy britannica e francese.
I tank tedeschi aspettavano impazienti a meno di 4 Km.

tedeschi-in-BelgioSia in Belgio, sia in Francia, l’ingresso delle truppe tedesche autotrasportate nelle città conquistate avviene spesso fra la curiosità ed il favore delle popolazioni locali.

In Francia, la 6° armata tedesca occupa interamente le zone di Lille, Ypres e Ostenda.
Gli alleati sono costretti a stringere di ora in ora le posizioni che occupano, fino a rifugiarsi dietro alle dune della spiaggia.
Oggi la nave ausiliaria Ville d’Oran ha caricato 200 tonnellate di oro della riserva francese ed è partita per Casablanca, nel Marocco francese.
Oggettivamente il bilancio navale alleato delle perdite è stato un disastro epico, offuscato solo dall’importanza della missione di salvataggio.
Quello che qui vorrei rimarcare non è tanto l’aspetto militare, ma la quantità di soldati che hanno perso la vita in questa fase con l’affondamento delle navi trasporto; alcune di queste, cariche com’erano, sono andate a picco in 15 secondi portando con loro migliaia di soldati. Moltissimi sopravvissuti, prima falciati in acqua, sono stati finiti sulle spiagge, una volta arrivati esausti, dalle Spandau tedesche (mitragliatrici Mg).Dunkerque-mapNell’Oceano Atlantico l’U-37 affonda il piroscafo Telena a Capo Finisterre, in Spagna. 18 marinai rimangono uccisi e 18 sopravvivono ripescati da una nave spagnola.
Nel pomeriggio c’è una sorta di tregua nella battaglia intorno a Dunkerque a causa della confusione e il disaccordo nel comando tedesco. Le forze Panzer cominciano a ritirarsi dalla prima linea fino ad assumere posizioni più a sud per la prossima fase della battaglia di Francia. Il ritiro dal combattimento degli Alleati verso la costa è continuato. Le avanguardie francesi hanno combattuto  per la loro via d’uscita e sono arrivate stremate a Dunkerque. Tedeschi riferiscono di aver catturato il loro comandante, il generale Prioux. Feriti e truppe di secondo piano sono state evacuate immediatamente da Dunkerque.
I ministri belgi tengono una riunione di gabinetto a Limoges, in Francia. Essi dichiarano che è impossibile per il Re dimettersi, a causa della pressione degli invasori.  Winston Churchill ordina che soldati britannici e francesi devono essere evacuati da Dunkerque in numero uguale. Senza preferenze.

Dopo la cattura di Narvik, le forze alleate iniziano a spingere le truppe e i marinai di montagna, del generale Dietl, fino al confine con la Svezia, 18 miglia a est.
Dietl, isolato a Narvik dal 10 aprile, è stato sporadicamente fornito e rifornito da lanci. Tuttavia, la sua unica vera speranza di sopravvivenza è la 2° Divisione Gebirgsjäger che ha marciato a nord da Trondheim sin dal 4 maggio. Naturalmente, Hitler non ha dato a Dietl la possibilità di cedere e passare in Svezia per essere internati, ordinandogli invece di combattere.
Mona's-Queen-1940In America, il presidente Roosevelt ha respinto una richiesta datata 28 maggio 1940, dell’Ambasciatore degli Stati Uniti in Francia, William Bullitt, che aveva richiesto una flotta americana nel Mar Mediterraneo. Il Segretario di Stato Cordell Hull, che ha comunicato il rifiuto di Bullitt, ha aggiunto che:
“la presenza della flotta nel Pacifico in questo momento è un contributo molto pratico per il mantenimento della pace in questo mare“.
Roosevelt presenta il suo grande programma di armamento che eleverà la posizione del suo paese a nazione militare dominante.
Nel Mediterraneo Benito Mussolini avvisa Adolf Hitler che l’Italia è pronta per entrare in guerra.
Il nostro Paese attende l’ora dell’annuncio.
Operazione Fish: la corazzata britannica HMS Revenge, il trasporto truppe HMS Antonia e l’ HMS Duchessa di Richmond trasportano 50 milioni di sterline e 10 milioni in oro sono partite dalla Gran Bretagna per Halifax, in Nova Scotia, Canada.
L’oro è destinato per la Banca del Canada, a Ottawa, da mantenere in sicurezza in tempo di guerra.
In Sud America il ministro degli Stati Uniti in Uruguay, Edwin C. Wilson, ha riferito ai suoi superiori in Washington DC, rilevando  forti inclinazioni naziste e tedesche nel sentimento pubblico.


29 maggio 1940: news

Attività politica e diplomatica.
Da Mosca si ha che il Governo russo ha rifiutato di ricevere l’inviato straordinario della Gran Bretagna, Cripps, che avrebbe dovuto continuare in quella capitale le trattative economiche.
(la famosa diplomazia russa…) war-NewsIl Governo russo vuole trattare solo con l’ambasciatore inglese o altro personaggio che lo sostituisca in modo permanente.
(pippe diplomatiche formali …)

Attività militare.
le truppe tedesche superano Bruges, occupano Ostenda e raggiungono Dixmude sull’Yser.
A nord del canale dell’Yser, gli alleati resistono.
Lilla, raggiunta da est e da ovest è occupata.
Anche Armentières è in mano tedesca. Ad est di Cassel i tedeschi sono giunti alla frontiera belga. Si combatte ancora a Bailleuil e a Wormhudt. Dunkerque è sotto il fuoco dell’artiglieria pesante germanica. Sul fronte meridionale attacchi di fanteria francese, appoggiati da carri armati vengono respinti. L’aviazione tedesca ha danneggiato tre cacciatorpediniere, due navi trasporto e tre navi mercantili; ha affondato un sommergibile.
Sulla Manica un torpediniera britannica è affondata da motoscafi tedeschi. Nella giornata di ieri, 24 apparecchi alleati abbattuti; 3 apparecchi tedeschi mancano.
Dunlerque-evacuation-day3
Da Parigi si comunica che le truppe francesi del nord resistono valorosamente, infliggendo al nemico gravi perdite.
Tra la Somme e l’Aisne azioni locali: un colpo di mano tedesco a sud-ovest di Chateau Porcien è sventato.
L’ordine dato alle truppe belghe da Re Leopoldo di cessare il fuoco ed aprire ai tedeschi la strada di Ypres verso Furnes e Dunkerque, ha costretto le truppe franco-britanniche, comandate dai generali Blanchard e Prioux e dal gen. Gort del BEF, a fronteggiare un pericolo ancora maggiore. Esse si sforzano di manovrare verso la costa, combattendo aspramente, appoggiate dalla Marina e comandate dall’Ammiraglio Abrial e dall’aviazione.
Sul fronte della Somme i francesi hanno ridotto la testa di ponte tedesca a sud del fiume, facendo centinaia di prigionieri.
Da fonte inglese ci arriva la notizia di un’intensa attività dell’aviazione britannica nel nord della Francia, a sostegno delle truppe alleate.
32 apparecchi tedeschi risultano abbattuti.
In Norvegia gli alleati riconquistano Narvik, Fegernes e Fodnes.
Dunkerque-day3-evacuation-s


war report: 29mag1940

Un’occhiata alla potenza bellica germanica: oggi, da Trondheim partono per le operazioni nel Mare del Nord, contemporaneamente, 15 U-boots della II generazione.sommergibili-da-900-tonnDal fronte di Dunkerque giungono rapporti che rivelano che 1500 soldati sono imbarcati ogni notte e portati ad Harstad. Hopen (zona molto a rischio) è stata completamente evacuata delle truppe alleate entro sera. Si può dire che una nazione non è mai stata globalmente così impegnata di notte come ora. Come disse uno scrittore famoso: “il popolo, in guerra tira fuori il meglio di sè rivelando talenti che altrimenti, forse, non sarebbero probabilmente mai emersi!“.
La RAF ha bombardato le raffinerie di petrolio vicino ad Ambugo e Brema, gli scali ferroviari nella Ruhr e le linee di comunicazione nelle retrovie. Poi ha cercato di contrastare la Luftwaffe nei cieli sopra Dunkerque.
La resa dell’esercito belga, ha lasciato la strada libera per una rapida avanzata tedesca e a questo punto, si è presentato un grande pericolo per l’esercito in ritirata verso la costa. Per tutta la giornata si sono registrati attacchi tedeschi in centro e sulle posizioni di retroguardia, tra Warneton e Ypres.
Gli assalti sono ripresi e si sono intensificati.
Ad oggi, il conto degli evacuati è di 33.558 soldati, nonostante gli attacchi delle batterie costiere, degli aerei, delle mitragliatrici sul porto. 13.752 sono i francesi salvati dalle spiagge vicine.
Il posamine HMS Waverley, con 600 soldati già a bordo, è stato affondato da una bomba che ne ha ucciso 350, con oltre 70 feriti.
In giornata, l’incrociatore ausiliario francese Ville d’Oran ha assunto 200 tonnellate di oro dalla riserva francese per la spedizione a Casablanca, nel Marocco francese.
Dunkerque14Il 264° Squadron della RAF, con base a Manston, in Inghilterra, ha distrutto 38 aerei nemici in un solo giorno.
Il liner francese Brazzà, con equipaggio di 576 uomini, che traspotava 850 tonn. di merce affoda in meno di 4 minuti per un siluro dell’U-37, portando sul fondo 379 vite.Il peschereccio francese Julien è stato silurato, la barca si è incendiata e i sopravvisuti sono riusciti a fuggire su un gommone.
La nave costiera Blaamannen colpisce una mina e perde 6 membri dell’equipaggio affondando al largo Haugesund, nel Rogaland.
Il vapore Carare colpisce una mina e perde 7 persone, il drifter Ragazza Pamela si scontra con un’altra imbarcazione e affonda a Dunkerque, l’ausiliaria Marguerite Rose è bombardata nel Mare del Nord e affonda, il peschereccio Ocean entra in collisione con l’Isle of Thanet britannico ed affonda.

warReport1940Secondo un resoconto politico accurato appare che:
in Belgio: l’esercito belga si è arreso senza condizioni ed è allo sbando.
in Francia ; secondo vari rapporti, la situazione politica interna è diventata molto molto tesa. Un rapporto parla di una “rivoluzione comunista in fermentazione”.
La situazione dell’esercito alleato nel nord è considerata disperata.
Tunisi è stata dichiarata una zona di guerra e la guardia territoriale ha chiamato 8 mila persone al servizio (popolazione totale di Tunisi 2, 600.000, di cui circa 109.000 francesi e 90.000 italiani.)
Gli alleati condannano delle misure adottate dal Re dei belgi, al Re si rimprovera il tradimento della causa alleata.
Egli è coperto di insulti; Pierlot e il governo belga si dissociano dal Re e dichiarano che la capitolazione non è legale.
In Gran Bretagna, la gravità della situazione politica e militare si esprime con discorsi di Churchill e Duff Cooper.
Uno sforzo enorme è stato fatto per l’evacuazione ma il pericolo ora minaccia il corpo di spedizione nel nord della Francia e, direttamente, il re dei belgi.
Dalla Romania, secondo un telegramma dall’ambasciata di Mosca, Molotov ha smentito tutte le voci su una concentrazione russa di truppe, sulle frontiere rumene.
Il fatto è, però, che la concentrazione di truppe ha avuto luogo.
Il Foreign Office giudica la situazione come segue;
la Russia è pronta per un eventuale intervento nei Balcani appena si presenta un’occasione, ma un vero attacco russo sulla
Bessarabia non è previsto nel presente e nemmeno nel futuro immediato.
Dalla Spagna; l’ansia per quanto riguarda la Spagna è la fornitura di pane, dato che la Francia si rifiuta di consegnare il grano, la Francia chiede materiale bellico come pagamento e la Spagna si rifiuta. L’ambasciatore tedesco sottolinea che, se non vengono effettuate forniture di grano francese, la Spagna potrebbe anche fermare le consegne di minerale in Francia.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: