Archivi del mese: ottobre 2015

radioMussolini: 31ott.-1939

radioMussolini31ottTanto per essere precisi voglio ricordare che:
nel 1931 hanno iniziato i lavori di bonifica dell’AgroPontino; i bufali vengono tratti in cattività e sostituiti con trattrici e aggeggi meccanizzati.
– Il 30 giugno 1932 fu fondata Littoria che fu inau­gurata il 18 dicembre.
– Il 5 agosto 1933 fu trebbiato il primo grano e fu fon­data Sabaudia che venne inaugurata il 15 aprile 1934.
– Il 18 dic. 1934 fu costituita la provincia di Littoria e il 19 dic. fu fondata Pontinia.
– Il 18 dic. 1935, giornata della fede, in pieno assedio economico, fu fondata con il solco: Aprilia.
– Il 29 ottobre 1937 fu inaugurata Aprilia.
– Infine il 25 aprile 1938 fu fondata Pomezia.
– Ieri 29 ottobre 1939 viene inaugurata Pomezia.

Andiamo avanti!

Vogliamo, come ha detto l’Adele del podere di Pome­zia, che il sorgere del sole la mattina sui campi dia ai coloni una gioia tanto intensa da stordirli ed esaltarli!
Tanto per cominciare il nuovo calendario del Partito non mi piace.
Un muso duro, degli sgorbi e la ginna­siale scritta di “usque ad finem” non mi piace!
E passiamo ai cambi della guardia nel Governo e nel Partito.
Galeazzo è raggiante — fa e fa; è riuscito a mettere a posto i suoi protetti
Ecco il nuovo segret. del Partito. Ettore Muti un tarchiato giovanotto, grande eroe, un puro — ma quel che conta è che sia idoneo a fare il segret. del Partito. Speriamo bene…
Ricci alle Corporazioni. Strano il suo aspetto non muta dal «cliché» del popolano rincivilito
Riccardi agli Scambi — (prudente, serio, posato)
Pavolini alla Cultura Popolare (è all’altezza del suo compito — ma è uno schizofrenico pericoloso)
Host Venturi alle Comunicazioni (una specie di Ci­rano di Bergerac a riposo)
Tassinari all’Agricoltura (un Menenio Agrippa fedele)
Serena ai Lavori Pubblici (un ligio incorruttibile)
Russo sottosegret. alla Presidenza (uno che dice sì)
Soddu alla Guerra (un vecchio retrogrado, inadatto)
Pricolo all’Aeronautica (è bravo — ma io preferivo Valle e Valle era invece inviso a Ciano)
Nannini alla Bonifica (un uomo allo specchio).
Lombrassa commissario per le migraz. interne (un le­gnoso per niente simpatico).
Starace l’espulso ha avuto un dono: è capo di Stato Magg. della Milizia.
Aumentano in modo impressionante i tesserati ma il fenomeno non è da attribuirsi a fervore per l’idea, ma unicamente a sfondo pratico per i vantaggi che l’iscrizione offre all’accesso al pubblico impiego; van­taggi in ogni ordine di classi.
La tessera è una piccola miniera da sfruttare ai fini personali —
Le associazioni fasciste una base per il lancio alle carriere ai benefici alle credulità dell’uomo della strada — pronto a simulare, a buffoneggiare e a conclu­dere: “tira a campà…!”.

Annunci

Ottobre 39: la situazione italiana

Italia-vigila-title
(DAL CORRISPONDENTE ROMANO – D.P)

In questo tragico periodo della Storia del mondo, in cui ad oriente e ad occidente popoli in armi combattono sui continenti e lottano per il predominio dei mari, l’ Italia ha assunto un suo particolare atteggiamento di attesa, dopo aver tentato tutte le vie che potessero condurre al mantenimento della pace europea.

In tali circostanze, pur restando con l’arma al piede, l’Italia non doveva e non poteva rinunciare alle sue attivita’ normali; anzi si trovava di fronte a nuovi, grandissimi problemi di produzione, che era necessario risolvere sul piano autarchico, inquadrandoli alla situazione economica creata dal crescente dissesto finanziario del mondo causato dallo stato di guerra in Europa.

Autarchia

Tra questi problemi forse il piu’ importante e’ quello dei combustibili solidi e liquidi. Il carbone estero necessario a completare la produzione italiana era normalmente fornito dall’Inghilterra, dalla Germania e dalla Polonia. E’ evidente che tali fonti, se non si chiuderanno completamente, subiranno tuttavia notevoli falcidie, imposte dalla stessa meccanica elementare delle contingenze della guerra. Sarà quindi indispensabile diminuire il consumo del carbone, ove ciò sia possibile. Non certo nelle industrie siderurgiche e meccaniche; ma nel riscaldamento, nel gas per uso domestico, sulle linee ferroviarie non ancora elettrificate.

Alcune di queste economie sono già in atto; altre, come quella del riscaldamento, saranno realizzate nell’inverno e sono preparate dall’ orario continuato, gia’ introdotto negli uffici pubblici e che sara’ presto esteso anche alle aziende private.

D’altra parte è opportuno tener presente che, per deterrninati usi, il carbone puo’ essere sostituito dalle ligniti, dalle torbe, dai carboni vegetali di produzione nazionale.

Autarchia2Per i trasporti il combustibile liquido potra’ essere largamente sostituito dal gassogeno, prodotto dal carbone di legna, particolarmente abbondante nei nostri boschi; altri surrogati a questo combustibile sono il metano, il propano e il butano, per i quali sarà pero’ necessario compiere notevoli sforzi tecnici per gli impianti delle officine produttrici.

Per quanta riguarda i grassi, perfezionamenti tecnici saranno apportati alla macellazione, in modo da ottenere una completa utilizzazione di questo prodotto altrettanto essenziale per la vita umana quanto per lo sviluppo delle industrie.

Allo scopo di organizzare e fissare nuovi piani di attività nazionale è stata costituita presso il Ministero delle Corporazioni la Commissione Suprema dell’Autarchia, che provvede ad orientare gli organi corporativi ed industriali verso i nuovi compiti imposti dalla necessita’ di difendere e di potenziare la Nazione.

FIAT-il-lavoro-fascista

Cosi’, ai margini del ciclone che sta per sconvolgere I’Europa, l’Italia fascista, sotto la guida vigile e sicura del Duce, si prepara alle inevitabili ripercussioni del conflitto, continuando a lavorare con fervore e calma ammirevoli.


war report: 31ott-1939

Oggi il ministero aereo britannico ha annunciato il primo incontro tra combattenti inglesi e bombardieri tedeschi, sul territorio francese.
Un aereo germanico è stato abbattuto.
warReportParigi ha riferito una maggiore attività dell’artiglieria in entrambi i lati. I tedeschi, per la prima volta, hanno fatto uso delle loro armi più pesanti per bombardare un villaggio 8 miglia dietro le linee francesi.
Mosca, ribadendo ancora una volta la neutralità dell’URSS, ha deplorato l’attacco britannico contro la Germania e ha aggiunto che le proposte della Finlandia non sono state accettate.
Italia. Importanti nodifiche nell’assetto del Governo sono state apportate in mattinata. L’intento era quello di rafforzare la neutralità dell’Italia.
Londra. E’ stato affermato che la Gran Bretagna ha desiso di riconoscere l’occupazione italiana in Albania e la nomina di un Console Generale a Tirana.
Il piroscafo City of Flint ha riferito di essere arrivato ​​a Tromsoe, in Norvegia. E’ stato visto esibire la svastica e, più tardi, è stato accompagnato da una nave da guerra norvegese.
Il Primo Ministro d’Australia, ha annunciato l’abbandono del piano per l’australiana SRAF  a favore di un servizio di ricognizione squadrone generale entro ed intorno la Gran Bretagna.


31 ottobre 1939: news

war-News

 

Attività politica e diplomatica. In Italia, cambio della guardia nelle alte gerarchie del Governo e del Partito Nazionale Fascista.
Il ministro degli esteri, Molotof, presenta alla quinta sessione sessione del Soviet Supremo, un rapporto sulla situazione internazionale, passando in rassegna le relazioni dell’URSS con i diversi Stati del mondo.

Attività militare. Sul fronte occidentale azioni di artiglieria, colpi di mano, imboscate, pattuglie in continuo movimento. Esplorazioni aeree da ambo le parti. Un comunicato ufficioso francese afferma che areoplani francesi hanno compiuto, dall’inizio della guerra 250 voli di ricognizione diurni e 74 notturni sulla linea Sigfrido. Nessun bombardamento, ma numerosi scontri aerei. Il comunicato riconosce la perdita di 8 apparecchi francesi e fa ammontare a 24 gli aerei germanici abbattuti.


30 ottobre 1939: news

Attività politica e diplomatica. Oggi la delegazione finlandese ritorna a Mosca con le controproposte.
Nel frattempo l’URSS annette i territori polacchi da lei occupati. Trattato tedesco-lettone per l’evacuazione dei tedeschi dalle regioni baltiche.

Attività militare. Sul fronte occidentale le condizioni del tempo sono favorevoli alle operazioni di routine. Movimento di pattuglie e azioni di artiglieria locale.
I sommergibili germanici affondano il piroscafo inglese da carico Malabar di 7000 tonn. e i motopescherecci inglesi St. Nidan e Lynx.

Malabar-sneaton


ebrei a Varsavia (seconda parte)

(segue da ebrei a Varsavia – prima parte)

All’interno del ghetto, la popolazione manca delle cose in­dispensabili per la propria sopravvivenza: il cinquanta per cento muore letteral­mente di fame. La razione di viveri concessa è ridotta a 184 calorie il giorno per persona: la morte per sfi­nimento rientra nel programma pre­stabilito da Hans Frank. Per intere giornate i cadaveri rimangono espo­sti nelle strade, finché dei volontari non li raccolgono e li trasportano nelle fosse comuni.
La quantità di calorie spettante agli abitanti di Varsavia è stata così suddivisa dal governatore: tedeschi 2310 calorie il giorno; stranieri 1790; polacchi 634; ebrei 184.
Per ogni caloria i tedeschi paga­no 0,3 zloty, gli stranieri 0,8 zloty, i polacchi 2,6 zloty, gli ebrei 5,9 zloty.
Alla fame e alle epidemie si ag­giungono le deportazioni sistematiche e le fucilazioni.
Nel 1942 la media giornaliera delle fucilazioni nel ghetto di Var­savia (come in altre città polacche), sarà di circa 2000 persone.

prigionieri-in-attesa
Oltre al genocidio degli ebrei, i tedeschi si preoccupano di elimina­re in Polonia anche la classe diri­gente è tutti coloro che sono in grado di tenere vivo il fermento del nazionalismo polacco e della re­sistenza contro gli invasori. Fa par­te di questo piano di sterminio l’istituzione dei campi di concen­tramento, nei quali saranno avviati dapprima polacchi ed ebrei e, in se­guito: russi, lituani, ungheresi, in­glesi, francesi, americani, italiani.
Quando fu dichiarata la guerra vi erano in Germania cinque o sei campi di concentramento. Successi­vamente ne sorsero a decine, so­prattutto nei territori occupati: Au­schwitz, Belsen, Buchenwald, Fos­senberg, Mathausen, Natzweiler, Ra­vensbrùck, Sachenhausen, Dachau, Treblinka, Neuengamme, Maidanek, Orianenburg. In essi furono “elimi­nati” dodici milioni di uomini, «Mille anni passeranno…», ammetterà Frank a Norimberga, “e questa colpa del­la Germania non sarà cancellata”. I prigionieri erano immatricolati con un numero tatuato sull’avambrac­cio. Alcune categorie erano contraddistinte da speciali distintivi di ri­conoscimento. I politici con un trian­golo rosso, i delinquenti comuni con un triangolo verde, le prostitute nero, i preti violetto, gli omoses­suali rosa, gli ebrei portavano la stella di David.

distintivi
Il più grande campo di concen­tramento in Polonia è quello di Auschwitz (Oswiecim). Si calcola che vi abbiano trovato la morte quat­tro milioni di persone. Il primo co­mandante del campo, R. Hess, durante il processo a suo carico, ammise di aver ucciso due milioni e mezzo di persone. In ventiquattr’ore si pote­vano cremare fino a novemila cada­veri.

Il 14 giugno 1940 il primo convoglio di settecento prigionieri giungerà da Cracovia a Oswiecim. Ma il nucleo primitivo si accresce ben presto con la costruzione di numerosi altri campi secondari distaccati nella zo­na. Nell’ottobre del 1941 si inizia la costruzione del distaccamento di Drzezinka, che ha una capacità di duecentomila prigionieri. La pianifi­cazione e il progressivo ampliamento dell’immenso agglomerato di Oswie­cim sono affidati alle SS. Collabo­rano alla realizzazione alcune centi­naia di ingegneri, tecnici, e specia­listi presi tra i prigionieri, i lavora­tori civili e gli stessi militi delle SS.

I.-G.-Farbenindustrie

A Monowice, uno dei distaccamenti di Oswiecim, la I. G. Farbenindu­strie fa costruire enormi impianti per la produzione di benzina sinte­tica e d’altri prodotti chimici e im­piega come manodopera i detenuti del campo. L’ingegner Faust della I. G. Farbenindustrie discute con Himmler in persona i particolari del­la costruzione dello stabilimento e dell’organizzazione del lavoro.
Il lavoro forzato è uno dei mezzi di cui si serve la macchina bellica tedesca per sostituire i cittadini del Reich in armi e mantenere la pro­duzione industriale. Si comincia dalla Polonia. Frank si propone co­me obiettivo di trasportare in Ger­mania « almeno un milione di lavo­ratori dell’industria e dell’agricoltu­ra, maschi e femmine, allo scopo di garantire la produzione agricola e di rimpiazzare i lavoratori che man­cano nel Reich».


war report: 30ott-1939

In giornata, un aereo da ricognizione è stato visto sulla costa nord-est dell’Inghilterra. Dopo un breve scontro con aerei inglesi l’apparecchio della Luftwaffe è scomparso in una nuvola di fumo.
Parigi annuncia attività lungo tutto il fronte con appoggio anche dell’artiglieria locale. Caccia francesi e aerei da ricognizione sono stati visti sorvolare tutta la zona nord orientale.
Il ministero britannico ha annunciato che la Royal Air Force ha effettuato un’ ampia ricognizione sui campi d’aviazione germanici del nord. Tutti gli aerei sono rientrati indenni.
Gli equipaggi dei pescherecci da traino St. Nidan e Lynx II sono stati affondati venerdì notte da un U-boat tedesco e sono stati ripescati sulla costa scozzese dal peschereccio Lady Hogarth.

U-boot-by-night
In Inghilterra è stato avviato un dossier sulle condizioni nei campi di concentramento tedeschi. L’ufficio addetto comunica di stare ricevendo notizie da tutti i Paesi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: