Archivi del mese: ottobre 2016

31 ottobre 1940: news

Attività politica e diplomatica.

L’Italia, — nota l’ «Aroi»  nel suo odierno n.4 — segue con un misto di disgusto e di ilarità il gioco abituale della stampa e della radio britanniche, il quale naturalmente sta ripetendosi in grande stile a proposito  di quanto avviene nella Grecia, spinta dall’Inghilterra alla provocazione e invitata ora da Churchill ad aiutarsi con le proprie eroiche qualità.
war-NewsE’ già pacifico, leggendo i loro generali sono formidabili. Il “Times” ne decanta le lodi, i precedenti, la imbattibilità. Gli altri organi prevedono in coro una serie una serie di sfolgoranti vittorie, una più luminosa delle altra e solo paragonabili a quelle riportate dagli abissini contro gli italiani, fra le colonne della stampa britannica, nel 1936.
Alla fine i greci, per dare agli italiani una qualche consolazione, permetteranno alle truppe nostre di entrare in Atene, così come il Negus di buona memoria concluse la serie dei suoi successi fuggendo precipitosamente da Addis Abeba e consentendo ai legionari di sfilarvi in parata.

Si informa da Ginevra che il Maresciallo Pètain ha ieri sera, dato alla Radio de Lion un resoconto del suo incontro col Fuhrer, sottolineando il fatto che egli è andato all’incontro di sua volontà e che è entrato nella via della collaborazione senza pressione alcuna. «La collaborazione è stata presa in considerazione — ha concluso il Maresciallo — ed io ne ho accettato i principi. l’applicazione di essa sarà discussa in avvenire».

I ministri degli esteri e vice presidente del Consiglio Laval ha fatto oggi una dichiarazione alla stampa ha fatto oggi una dichiarazione alla stampa rilevando che le prime conversazioni con i rappresentanti germanici hanno avuto luogo in un’atmosfera di cortesia e con uno spirito di mutua comprensione non soliti dopo una disfatta.

Da Bruxelles è confermato che il Governo di Franco ha invitato l’Ambasciatore del Belgio a Madrid, Conte de Romree, a lasciare immediatamente il territorio spagnolo, essendo risultato che il diplomatico ha collaborato attivamente a facilitare la fuga in Inghilterra dell’ex Primo Ministro Pierlot e dell’ex Ministro degli Affari Esteri Spaak.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. Attacchi aerei contro Londra e altri importanti importanti obiettivi bellici dell’Inghilterra centrale e meridionale. Piroscafo inglese di 5mila tonn. affondato a nord dell’Irlanda. Duelli aerei. Una motosilurante inglese affondata sulle coste delle Fiandre. Incursioni aeree britanniche sulla Germania occidentale. 13 apparecchi inglesi e 3 tedeschi abbattuti.

Da Tokio si conferma che i giapponesi hanno completato la distruzione di tutti i ponti sul fiume Mekong, interrompendo così completamente il traffico sulla via della Birmania.

Annunci

war report: 31ott1940

grecia1

Come l’invasione italiana della Grecia ha cominciato a rallentare, fino a fermarsi nelle montagne dell’Epiro, le forze britanniche sono sbarcate nelle isole di Lemno e Creta, nel sud della Grecia per evitare atterraggi italiani sulle isole greche. Le cacciatorpediniere greche Spetsai e Psara sono partite dal Golfo di Patrasso e hanno usato i loro cannoni da 120 mm per bombardare le truppe italiane sulla costa ionica di Albania e della Grecia settentrionale.

Il sommergibile tedesco U-124 ha affondato la nave britannica Rutland a 300 miglia a nord ovest dell’Irlanda alle 21:58, uccidendo l’intero equipaggio di 24 uomini.

L’incrociatore tedesco Widder, è arrivato a Brest, in Francia, dopo un’operazione di 179 giorni nell’Oceano Atlantico che ha visto l’affondamento di 10 navi, per un totale di 58.645 tonnellate.

Dando seguito alle nuove direttive di Churchill diramate ieri, bombardieri della RAF hanno attaccato i civili a Napoli.

napoli-chiesa-di-s-chiara

Secondo un opuscolo britannico il Ministero dell’Aeronautica, pubblicato nel 1941, questa data è stata la fine ufficiale della battaglia d’Inghilterra, ma i bombardamenti su Londra, in realtà, continueranno.

 

naval-losses

 

 

MV Rutland affondata da U-124 – LC;
steamer Hillfern affondato per esplosione interna;
trawler Aldebaran affondato da mina;

 

Battaglia di Inghilterra.

da un articolo apparso nel 1947 sul Daily Mirror:

Il 31 ottobre 1940 per gli inglesi è la data ufficiale della fine della battaglia d’Inghilterra, anche se la Germania aprirà nuove fasi ulteriori fasi di bombardamenti su Londra. Negli ultimi mesi, la grande battaglia aerea che aveva imperversato nel corso sud-est dell’Inghilterra, è sembrata come una delle battaglie più importanti che la Gran Bretagna abbia mai dovuto superare.
La Luftwaffe, come forza attaccante, aveva una forza combinata di bombardieri, caccia e cacciabombardieri. Con un gran numero di equipaggi addestrati direttamente dalle scuole di volo che hanno avuto il vantaggio di volare sia di giorno, sia di notte.
Il Comando Caccia inglese, dall’altro, come forza di difesa aveva solo caccia di prima linea numericamente inferiori.
I vantaggi più grandi che la Gran Bretagna aveva rispetto alla Germania sono stati che hanno usato la Manica come forma naturale di difesa e il vantaggio di volare il più delle volte sul territorio nazionale. Gli sforzi congiunti del capo Air Marshal Hugh Dowding, Air Vice Marshal Keith Park, Air Vice Marshal Trafford Leigh-Mallory, il Ministero Air, i 2.935 piloti che hanno preso parte, nonché le migliaia di personale che hanno presidiato le stazioni radar, le camere filtro e le sale operatorie.
Tutti gli sforzi combinati di tutte queste maestranze hanno dimostrato che lavorando in squadra, si poteva raggiungere la vittoria su un nemico in lotta per ragioni sbagliate.
(punti di vista…*)
La battaglia d’Inghilterra ha segnato la prima sconfitta per le  forze militari di Hitler, che erano convinte che la loro superiorità aerea fosse la chiave assoluta per la vittoria.

   *(ricordo ancora che è stata l’Inghilterra a dichiarare guerra alla Germania e non il contrario. Quindi, da questo punto di vista, tecnicamente e paradossalmente, la Germania si stava difendendo. Comunque ho imparato, mio malgrado, che l’avversario ha sempre ragioni sbagliate, ma chi lo afferma è sempre e solo il vincitore o quello ritenuto tale. Poi se vogliamo discutere, mettendo sul tavolo tutto quello che è opportuno, ci si accorgerà che troppe cose non stanno nel modo scritto dai vincitori. Senza timore di smentita).

Il 31 Ottobre 1940 non fu veramente riconosciuto come data “ufficiale” della fine alla Battaglia d’Inghilterra, ma per ironia della sorte si è rivelò essere uno dei giorni più tranquilli degli ultimi quattro mesi. Vennero effettuati solo attacchi minori che hanno rappresentato solo il disturbo di interrompere la cena di molti dei piloti della RAF“.

   *(io non posso credere che chi ha scritto questo articolo sia così credulone da pensare che un conflitto aereo si possa chiudere come la serranda di un garage, da un momento all’altro. O come un interruttore della luce. E non penso neanche che i piloti della RAF abbiano ritenuto, anche solo per un istante, che si fosse chiuso definitivamente un capitolo solo perchè è l’ultimo del mese. Sarebbe troppo sciocco.
Questo è solo un tono fazioso, dettato dai fasti della vittoria che altri hanno conquistato, ma che tutti si sentono in diritto di decantare. Nessuno vuole disconoscere i meriti dei piloti della RAF ed il risultato conseguito, ma per rispetto delle vite perse da entrambe le parti non mi addentrerei in didascalizzazioni pericolose e pericolanti della Battaglia di Inghilterra. In base a report fotografici e agli scritti dell’epoca, gli eventi mi sembrano dipinti a toni molto più grigi e foschi
).

Per tutta la giornata dalle 07:30 fino al tramonto, ricognizioni e bombardamenti sparsi sono state fatti sull’East Anglia, il Kent, il Sussex, il South Wales, l’Hampshire ed il Lancashire. Bombe sono state sganciate sui campi d’aviazione di Bassingbourn, Martlesham e Poling con obiettivi anche nelle zone di Monmouth e Newport. L’aeroporto di Lawford Heath, che era in fase di costruzione, è stato attaccato alle 13:45 con  cinque HE111 che hanno colpito 16 costruzioni in legno che sono andate divelte. The Royal Ordinance Factory a Glascoed è stata attaccata da un unico aereo nemico alle 12:50.
Il velivolo è sceso ad attaccare con 12 bombe, di cui tre sono  inesplose e poi ha proceduto a mitragliare la fabbrica da un’altezza non superiore ai 200 piedi. Il tetto dell’edificio è stato danneggiato. Alle 13:25, un HE111 è caduto sulla fabbrica Works of the British Portland Cement Co. e ha danneggiato il magazzino degli elettricisti.
Alle 14:44, cinque  aerei nemici hanno mitragliato molte case nelle vicinanze di Castle Bromwic arrecando danni ai civili.

221020161104

Durante la notte, Londra e le Midlands erano gli obiettivi pricipali e sul Tamigi l’attività della Luftwaffe è stata divisa in due fasi, una prima di mezzanotte e l’altra la mattina presto. Condizioni meteorologiche avverse sono responsabili dell’assenza di operazioni nemiche. Alle 18:25 i primi predoni della notte (circa 30) hanno lasciando Dieppe sul solito percorso di Nord Westerly. Forti venti occidentali li hanno soffiati fuori rotta fino a spostarli nella zona di Hastings / Dungeness. Queste incursioni sono state raggiunte da altre due da Calais e tutti poi si sono dirette verso ovest ed il centro di Londra, anche se solo pochi aerei hanno raggiunto il loro obiettivo.
Alle 02:45 due attacchi si sono sviluppati su Londra e le Midlands. Le incursioni, di circa sei velivoli, si sono abbattute nella zona di Weymouth, la maggioranza su Birmingham e, in uno o due casi, più a nord.
Circa 25/30 incursioni da Dieppe/Le Havre sono state interessate durante l’attacco di Londra.
Alle 05:00 l’attacco su Londra ha cominciato a rallentare e le ultime incursioni sulla zona di Midland sono state portate mentre i tedeschi stavano lasciando il paese.

(oggettivamente, non mi sembra che la giornata si sia rivelata proprio come una scampagnata domenicale. Perlomeno, non come descritto nell’articolo di fondo citato sopra).


Grecia. un brutta storia

Roma 26ott.

Mussolini ha deciso di far scattare il piano “Emergenza G” alle prime luci dell’alba.
Il Maresciallo di stato Badoglio, capo di Stato Maggiore Generale, è riuscito ad ottenere dal Duce una proroga di 48 ore.
italiani-a-durazzoL’obiettivo finale è quello di occupare l’intero territorio greco: dall’Epiro a Salonicco, ad Atene, al Peloponneso, alle isole dell’Egeo e dello Ionio.
Ad Atene i vertici politici e militari ignorano completamente l’imminenza dell’attacco italiano.
Quello stesso 26 ottobre, un sabato, nella sede dell’ambasciata di Atene si vivono ore di drammatica attesa.
In mattinata, un telegramma da Roma ha annunciato che nel corso della giornata sarebbero seguite comunicazioni cifrate urgenti e segretissime. Roma riprende le trasmissioni in codice al tramonto.
grazziProprio quel giorno,  l’ambasciatore italiano ha invitato a cena esponenti politici greci per festeggiare la tradizionale amicizia tra Italia e Grecia. “Mi sentivo arrossire” – ricorda Grazzi –  al pensiero che mentre si offriva una cena ai greci,  a Roma era maturato il disegno di pugnalarli alle spalle”.
Solo a tarda notte è possibile visionare il testo completo del lungo dispaccio inviato (alle ore 3:00).
Il telegramma di Mussolini è un perentorio ultimatum italiano alla Grecia (visionabile in news del 28ott.).
ita-a-durazzo1In assenza di accettazione delle proposte fatte, le truppe italiane, alle 6 antimeridiane, avrabbero avuto l’ordine di invadere il territorio greco.

Che cosa è accaduto a Roma per indurre Mussolini ad inviare un ultimatum?

ita-a-durazzo3
Il Duce e gli alti Comandi italiani hanno maturato la decisione dell’attacco in soli tre giorni: dal 12 al 15 ottobre.

 

ita-a-durazzo2Nella mattinata del 15 ottobre Mussolini ha convocato una riunione segreta e, sentito il parere favorevole del Comandante Superiore in Albania, Visconti Prasca, ha dato gli ordini esecutivi.

Due gli esclusi dal vertice ristretto: il Capo di Stato maggiore della Marina, Ammiraglio Cavagnari e quello dell’Aeronautica, generale Pricolo. Ad aggiornare gli assenti penserà il maresciallo Badoglio 2 giorni dopo, in una riunione al Comando Supremo.
Badoglio illustra a tutti i desideri del Duce e afferma che il comando delle operazioni contro l’Epiro  è delegato alle forze dislocate in Albania. Gli viene fatto notare che le truppe inviate in settembre in Albania, però, non sono granchè: sono troppo poco addestrate. Sono truppe di stanza, non da attacco.
Badoglio fa spallucce, glissando la nota.

grecia-arta

Una volta occupato, il comandante di Albania chiederà tre divisioni di rinforzo che dovranno sbarcare nel golfo di Arta per poi proseguire verso Atene.
La Marina, che era stata tenuta completamente all’oscuro di tutto, si trova investita di due compiti decisivi: uno sbarco immediato a Corfù ed uno a Preveza, da lì a 15 giorni.
Mentre per il primo incarico non dice di no, per il secondo si oppone con tutte le sue forze, per motivi tecnici: il fondale è troppo basso.
mussolini1Ecco un primo ostacolo a Mussolini, a Prasca e imposto anche a Badoglio. Il rifiuto della Marina fa cadere subito ogni probabilità di successo per l’operazione G, ammesso che queste possibilità poi esistessero davvero. “Dato che anche l’aeronautica chiede una proroga – dice Badoglio – a questo punto spetta al Duce prendere una decisione definitiva, avendo lui la responsabilità del comando“.

soldato-ita-con-mulo

Dal diario di Ciano, di quei giorni (in breve).

15ott.     Presso il Duce a Palazzo Venezia, ha luogo una riunione per l’affare greco. Vi partecipano Badoglio, Roatta, Soddu, Jacomoni, Visconti Prasca ed io. La riunione è stenografata. Dopo, a P. Chigi, parlo con Ranza e Visconti Prasca, che mostrano il loro piano militare e con Jacomoni, che espone la situazione politica. Dice che in Albania l’attesa è vivissima ed entusiastica.

17ott.   Viene a vedermi il Maresciallo Badoglio e mi parla con grande serietà dell’azione in Grecia. I tre Capi di Stato Maggiore si sono unanimemente pronunziati contro.
Le forze attuali sarebbero insufficienti e la Marina non ritiene di poter eseguire alcun sbarco a Prevesa perché i fondali sono troppo bassi. Tutto il discorso di Badoglio ha un’intonazione pessimistica: prevede il prolungarsi della guerra e con esso l’esaurimento delle nostre magre, magrissime risorse.

18ott. (sera) Mussolini si infuria come una bestia. Dice che andrà personalmente in Grecia “per assistere all’incredibile onta degli italiani che hanno paura dei greci”. Intende marciare a qualunque costo e se Badoglio, che è dubbioso, darà le dimissioni le accetterà seduta stante.

25ott.  von Mackensen comunica intanto qualche maggior
particolare sui colloqui di Hitler coi Francesi e con gli Spagnoli e annuncia la stipulazione di un protocollo segreto tripartito colla Spagna. Il Duce manda una lettera al Gen. Visconti-Prasca: il colpo di sperone sull’ostacolo.

27ott.   Gli incidenti in Albania si moltiplicano: ormai c’è aria di vigilia di azione. Non si tengono più.

28ott.   Le cose sembra che vadano bene. Nonostante il tempo cattivo le truppe marciano con celerità, anche se manca l’appoggio dell’aviazione.
giornali-greciI quotidiani escono con la notizia dell’ultimatum già consegnato al Governo greco; a Mussolini i greci rispondono “OXI”, che significa NO. Metaxas fa leva sull’onore della nazione; l’ordine della mobilitazione è generale.

 

I retroscena segreti.

Dice uno storico: “paradossalmente i rapporti con la Grecia erano stati fino a quel momento abbastanza buoni; le mire espansionistiche di Roma erano semmai verso la Jugoslavia e non certo verso la Grecia. Soltanto nell’estate del ’40, dopo che la nostra offensiva preparata contro la Jugoslavia era stata fermata dal desiderio di Hitler di non provocare incidenti nei Balcani, successe che il gruppo di Ciano premette fortemente perchè si attaccasse la Grecia e così seguirono una serie di provocazioni, di una straordinaria stupidità, ordite dai gerarchi fascisti e dagli uomini di Ciano contro la Grecia che avevano come effetto di far crescere un’indignazione popolare autentica in Grecia senza avere nessuna eco in Italia.
attacco-allincrociatore-grIl culmine di queste provocazioni fu l’attacco proditorio all’incrociatore greco Helli, che fu affondato da un sottomarino italiano, rimasto ufficialmente ignoto, ma chiaramente individuato dai resti del siluro lanciato nel culmine di una festa religiosa, popolarissima in Grecia, il 15 agosto 1940. Il sottomarino italiano Delfino aveva sparato 4 siluri di cui solo uno colpì la nave vicino alle caldaie, causando l’incendio che determinò l’affondamento. Nell’episodio morirono 9 ufficiali e altri 24 furono feriti (ndr. team557)*.
annunci-greci-28ottIl fatto destò in Grecia una sorpresa assoluta. La situazione mostrava due aspetti ben distinti. Da una parte c’era il regime dittatoriale di stampo fascista di Metaxas che rischiava di vacillare sotto la minaccia dell’aggressione italiana, dall’altra vi era il popolo greco, che in maggioranza era contrario al regime, però davanti alla possibilità di un’invasione italiana si doveva raccogliere attorno a Metaxas. Gli inglesi, alleati da tempo della Grecia, spingevano il Governo greco a resistere agli italiani.
D’altra parte a Metaxas non rimaneva altro che una resistenza ad oltranza.
L’aggressione della Grecia apriva un terzo fronte principale per le Forze armate italiane che erano già impegnate pesantemente in Africa settentrionale (secondo fronte), dove Graziani aveva già marciato su Sidi el Barrani e dove stava avanzando verso l’Egitto.
Il primo fronte, per importanza, era il Mediterraneo ove la Marina e l’Aviazione cercavano di acquisire il controllo completo contro la flotta inglese.
E, come se non bastasse, 170 aerei erano stati anche mandati contro l’Inghilterra (un quarto fronte?).

Questa dispersione di forze era originata dalla convinzione dei politici e militari romani che la guerra fosse ormai sicuramente decisa con la vittoria tedesca e che all’Italia rimanesse solo il mettere le mani su alcuni pegni in previsione del trattato di pace. L’opposizione all’Italia era dato dall’appoggio di tutti i partiti al Governo Metaxas con la copertura della flotta inglese nel Mediterraneo.
Il 28ott. intanto le forze contrapposte, a scapito di quanto sostenuto dai reporter inglesi, erano 120mila italiani contro 90mila greci (e non 30mila!).
L’approccio iniziale dell’invasione non fu esattamente da “gita scolastica“, come era stato prospettato da qualche comandante di reparto. Il tempo estremamente piovoso, la mancanza di appoggio aereo, i rifornimenti difficoltosissimi e, non ultimo, la tenace resistenza greca, hanno disegnato l’immediato futuro di una battaglia all’insegna dell’impreparazione dei Comandi e dei soldati italiani che nessuno dei protagonisti aveva desiderato.
Le difficoltà nascevano dal fatto che le truppe italiane erano troppo distaccate dalle loro basi e i rifornimenti divenivano sempre più radi e irti di difficoltà; le strade erano pantano ovunque; poi c’era stato lo smacco della sostituzione delle armi.
Un fatto strano. Fino a tre giorni prima (quindi al 25ott) i reparti che erano stati addestrati per usare mitragliatrici Breda, si sono visti sostituire all’ultimo momento, queste armi con la mitragliatrice Fiat14, un’arma antiquata e poco funzionale, che i soldati non conoscevano affatto; poi la 35, il fucile G91 e pochissimi mortai. Questo era tutto l’armamento. I soldati li chiamavano “i fucili a tappi”.
Ma la cosa incredibile che ad alcuni ufficiali, all’atto della partenza per la Grecia, non è stata consegnata l’arma di ordinanza, oppure è stata consegnata scarica. Senza munizioni. Tanto che alcuni si sono dovuti fermare in armerie nel pressi del porto per acquistare, con soldi personali (189 lire), alcuni caricatori con l’assicurazione che però, una volta in battaglia, le munizioni poi sarebbero poi state disponibili.

* Dopo la guerra, l’Italia, come compensazione per l’affondamento dell’incrociatore Helli ha inviato l’incrociatore Eugenio di Savoia.
La notizia della responsabilità dell’affondamento fu inizialmente mantenuta ignota per non scatenare focolai di una guerra che poi è scoppiata 2 mesi più tardi.


30 ottobre 1940: news

Attività politica e diplomatica.
Il Duce ha ricevuto dal Fhurer il seguente telegramma:

war-News“Al mio ritorno in Germania esprimo a voi, Duce, il mio cordiale ringraziamento per l’ospitalità e per le accoglienze che ancora una volta mi sono state tributate a Firenze. Il travolgente entusiasmo della popolazione fiorentina prova che la politica dell’Alleanza fra Italia e Germania — la cui completa identità di vedute noi abbiamo nuovamente confermata — è radicata nel cuore del Vostro popolo.
Con le armi dei nostri Eserciti e con la fede dei nostri popoli nessuno ci potrà strappare la Vittoria.

Vostro Adolf Hitler”.

Da Washington si ha che, dopo aver conferito con il Segretario di Stato Cordell Hull e col Sottosegretario Sumner Welles, Roosevelt ha deciso di differire la proclamazione della neutralità e il “congelamento” dei crediti greci negli Stati Uniti.
Questo provvedimento, contrariamente a notizie pubblicate all’estero, non è stato ancora preso.

Da Hanoi si ha che, dopo trattative tra le autorità dell’Indocina francese ed il generale Sumita, capo della missione militare giapponese, è stato firmato un accordo relativo all’impiego delle ferrovie per il trasporto delle truppe giapponesi nell’interno dell’Indocina francese.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. 28.900 tonn. di naviglio mercantile nemico sono affondate.
Incursioni aeree su Londra, Portsmouth, Great-Yarmouth, Ramsgate, con la collaborazione del Corpo aereo italiano. Numerosi porti inglesi sono minati. Duelli aerei. Incursioni aeree britanniche sul Belgio, l’Olanda e il territorio del Reich.
47 apparecchi inglesi e 17 tedeschi sono abbattuti.

Da Londra si ha che l’Ammiragliato britannico ha annunciato la perdita della navi ausiliarie Waveflower e Josephbuxton in seguiro ad urto contro mine nemiche.


war report: 30ott1940

t557_warbullettin_sxc

Il Comando del Bomber Command della RAF ha ricevuto l’ordine di iniziare il bombardamento a tappeto sulle città.
Il nulla-osta è stato firmato personalmente da Churchill e da Eden.

Il sommergibile tedesco U-32 ha attaccato la nave britannica Balzac in una tempesta di pioggia, a 100 miglia a nord ovest dell’Irlanda, alle 12:40, ma il siluro è esploso prematuramente allarmando l’equipaggio del Balzac, che ha chiesto il supporto a chi era in ascolto radio. Le cacciatorpediniere britanniche HMS Harvester e HMS Highlander sono accorse da 45 miglia di distanza per attaccare l’U-32. L’U-32 si è allontanato ma è stato comunque danneggiato da bombe di profondità.
Alle 19:08, l’U-32 è riemerso nel tentativo di fuggire, ma l’equipaggio dell’HMS Highlander è stato in grado di rilevarlo nonostante la notte di tempesta. Colpito dalle armi da fuoco, che hanno ucciso 9 uomini, l’equipaggio dell’U-32 ha affondato il sottomarino. Tornato in Germania, è stata emessa una notizia falsa per quanto riguarda il ritorno trionfale dell’U-32 per nascondere la notizia della perdita.

submarine-cannon

Il cacciatorpediniere britannico HMS Fearless è entrato in collisione con la nave britannica Lanark durante una tempesta, al largo Gourock, in Scozia. L’HMS Fearless è stato fortemente danneggiato e  rimarrà in riparazione fino alla fine dell’anno.

Il cacciatorpediniere britannico HMS Sturdy si è arenata a Tiree,in  Scozia, durante una tempesta; 5 uomini sono annegati mentre stavano nuotando verso riva.

Al Comandante dell’aviazione J. R. O’Sullivan è stato ordinato di formare una squadriglia di caccia nel campo d’aviazione civile a Ta ‘Qali, a Malta.

La Luftwaffe tedesca ha lanciato due raid, oltre il sud dell’Inghilterra, alle 11:30 e alle 15:40; i tedeschi hanno perso 8 Bf109 e 1 bombardiere He111, mentre i britannici hanno perso 5 caccia con 4 piloti uccisi.
Londra è stata bombardata pesantemente durante la notte.

 

Battaglia di Inghilterra.

Rispetto ai giorni scorsi, l’attività tedesca è stata ridotta a ricognizioni in due raid principali. La Luftflotte 3 si è unita con l’invio di una forza di oltre 100 velivoli composta da caccia e bombardieri da combattimento che hanno raggiunto Londra e hanno bombardato un folto numero di obiettivi.

Il primo raid è apparso sul radar circa alle 11:30, quando diverse ondate di Ju88 e Bf109 hanno attraversato il Canale verso la costa del Kent. Alle 12:00, 80 aerei della Luftwaffe hanno volato sul Tamigi ed alle 12:15, 2 ondate di 50 e 60 velivoli sono entrate nello spazio aereo britannico a Dymchurch.
Sei delle 10 squadriglie RAF di caccia di pattuglia hanno avvistato i tedeschi e hanno attaccato. Per quasi due ore combattimenti hanno infuriato i cieli del Kent e del Sussex che hanno coinvolto Hurricane e Spitfire.
Alcuni dei Ju88 che erano penetrati in East Anglia sono stati intercettati dagli Hurricane ma hanno avuto la peggio.

Alle 15:30, il secondo raid principale di 130 Bf109 stava attraversando la costa nei pressi di Dover per le aree di Maidstone e East London. Questo attacco è stato diviso in due fasi. Nel primo di circa 80 aerei della Luftwaffe si è avvicinato a Maidstone, e qui, 40 aerei hanno continuato verso nord-ovest e a sud-est di Londra, dove sono state sganciate alcune bombe; questi ultimi velivoli sono stati intercettati e contrastati. Nella seconda fase, cinque piccole formazioni, per un totale di circa 50 aerei, hanno attraversato la costa tra Dover e Beachy Head e una formazione di 12 ha raggiunto Harwich. Molte di queste formazioni sono stati intercettate e costrette al rientro.Durante la notte un attacco importante è stato inviato su Londra e sulle contee circostanti con piccole incursioni anche sul Midlands, Nottingham, Sheffield e gli aeroporti di Duxford e Debden. I primi predoni notturni hanno attraversato la costa subito dopo il tramonto, ma il tempo era cattivo proprio quando tutti gli intercettatori si erano allontanati .
L’Aerodromo di Feltwell (Norfolk) è stato oggetto di attacchi da parte della Luftwaffe in tre ondate: alle 18:01, 18:12 e alle 18:18. Un hangar della RAF è stato colpito e un aereo è andato a fuoco, ma questo è stato rapidamente spento. Alcuni danni sono stati fatti alle strutture e numerosi crateri si sono creati creando forte disagio. Ancora mine magnetiche sono stati posate ad Harwich e nel Tamigi.

chatburn-30ott1940

thanks to Nils Haven and Guido Hanselmann for their support


prima della Grecia. nuove rivelazioni

nuoverivelazioni

nell’articolo:

nuoveprove

 

Nella nota rimessa dall’Italia al Governo greco durante la notte del 28 ottobre sono denuciate le palesi violazioni alla neutralità commesse da Atene.
«La neutralità della Grecia è andata diventando sempre più mera parvenza. La responsabilità di questa situazione risale in primo luogo alla Gran Bretagna e al suo proposito di coinvolgere sempre altri paesi nella guerra.
E’ straordinariamente facile documentare la denuncia della nota italiana. La stessa stampa britannica ha ripetutamente e imprudentemente kasciato comprendere l’esistenza di regolari conversazioni militari e navali, durante gli ultimi mesi, tra lo Stato Maggiore britannico e quello ellenico; si da potersi arguire perfino l’esistenza di un piano strategico già concertato.

Fin dal 2 settembre scorso il Times patrocinava una tesi molto significativa, ammonendo: “in Scandinavia siamo stati secondi: lasciateci, ora, essere almeno primi nei Balcani!“.
Nel medesimo mese di settembre la National Review riconosceva candidamente: “il permanre della pace nei Balcani potrebbe non essere nel nostro interesse”.
E soli tre giorni prima della nota italiana ad Atene, il New York Journal scriveva da oltre Atlantico: “l’ambasciatore britannico in Turchia ha raccomandato al suo governo di far occupare dalla flotta mediterranea inglese l’isola di Creta e le altre isole greche“.
La nota italiana del 28 ottobre denunciava come il Governo greco avesse “favorito i rifornimenti delle forze navali e aeree britanniche“.
La riprova inoppugnabile si ha nell’enorme approvvigionamento di carburante di cui fornisce i dati il collaboratore di aeronautica.
La Grecia, del resto, ha scambiato la nota italiana per una immediata dichiarazione di guerra, in conformità con quelli che erano i suoi preesistenti propositi. L’Inghilterra, naturalmente secondo la sua già conosciuta e bieca abitudine, ha promesso il suo aiuto.
Quale possa essere questo aiuto non si vede ancora bene, o meglio, si vede fin troppo.
A buon conto, perchè su questo problematico aiuto non si accendano ipoteche troppo vistose, la stampa londinese mette cautelatamente le mani innanzi. Il Daily Herald ammonisce:
che non si promettano aiuti più decisivi o più rapidi di quelli che in verità sia possibile dare…“.
Il News Chronicle, a rincalzo, soggiunge: “la verità è che la nostra potenza navale è seriamente impedita, nei suoi movimenti, dopo la capitolazione della Francia e grandi speranze, non potranno essere che deluse“.
E perfino un personaggio ufficiale, come l’ex Primo Lord del mare, Chatfield, in un radio-discorso, si è lasciato andare ad una serie di eloquenti ammissioni che vale la pena di registrarle una ad una.
Uno sbarco di truppe britanniche a Salonicco sarebbe un’impresa insensata. E’ ben difficile operare nell’Adriatico per le navi inglesi. L’esercizio del dominio dei mari per l’Inghilterra non è più semplice e facile come una volta, tanto nel Mediterraneo come nelle stesse acque territoriali inglesi. Le Potenze dell’Asse dominano quasi tutte le coste europee.
I tedeschi nella Manica e nel Mare del Nord e gli italiani nel Mediterraneo rendono sempre più difficile il passaggio di convogli. La flotta britannica corre oggi rischi senza precedenti. Di fronte all’Inghilterra il nemico si trova in una situazione strategica favorevole come non mai: la navigazione inglese è minacciata come non mai dai sottomarini nemici non solo nella Manica e nel Mediterraneo, ma anche nell’Atlantico. Nel Mediterraneo in particolare i nostri convogli, destinati ai porti orientali debbono circumnavigare l’Africa. L’avanzata italiana in Gracia può dividere le forze armate britanniche del Mediterraneo e indebolire le loro possibilità in Egitto“.

Sono pure constatazioni di fatto. Ma ha una certa importanza vederle espresse da un esperto del mare britannico. I greci possono prendere atto del primo bilancio dei vantaggi ricevuti dalla garanzia dell’Inghilterra: forse non avranno alcun aiuto diretto inglese; ma 20mila greci d’Egitto saranno immediatamente incorporati nell’esercito di Wavel!
La linea Metaxas potrà presto fare la fine della linea Maginot.
Non è altrettanto passivo il bilancio della Gran Bretagna, il quale ha già fatto sapere quale sia il primo compenso chiesto alla Grecia. Radio Londra infatti, ha dichiarato esplicitamente che il governo inglese desidera ottenere subito la piena disponibilità della flotta commerciale greca, il cui tonnellaggio supera i 2 milioni di tonnellate, che servirebbero così, a colmare in parte le perdite inflitte dai nemici alla Marina britannica. Non sarà male, però osservare che gran parte di questo tonnellaggio già ora serve liberamente ai trasporti per conto della Gran Bretagna. E da diverso tempo.

La garanzia offerta agli altri l’Inghilterra sa bene volgerla a proprio vantaggio.
I suoi procedimenti è difficile che non tradiscano l’insidia.
Basta seguire i suoi servizi di propaganda.

“L’Italia — come osserva l’Aroi — non può non provare un senso misto di disgusto e di ilarità assistendo al giuoco abituale della stampa e della radio britannica, il quale ora più che mai sta ripetendosi in grande stile a proposito di quanto è avvenuto e avviene in Grecia.
Leggendo i giornali londinesi si dovrebbe dire che è già pacifico che i soldati greci e i loro generali sono formidabili.
Il Times ne decanta le doti, i precedenti, l’imbattibilità.
Gli altri organi prevedono in coro una serie di sfolgoranti vittorie, una più luminosa dell’altra: sono paragonabili, se la memoria non imganna, a quelle riportate dagli abissini contro gli italiani fra le colonne della stampa britannica, nel 1936″.

Il Governo jugoslavo, attraverso l’Agenzia ufficiosa Avala, in rapporto al conflitto italo greco ha diramato una comunicazione ricordando come allorchè il conflitto scoppià tra le Grandi Potenze, la Jugoslavia dichiarà subito la sua stretta neutralità, la quale non risultò legata ad alcuna condizione, salvo quella del rispetto dell’indipendenza jugoslava e della sicurezza delle sue frontiere. Il recente conflitto — ha continuato la dichiarazione ufficiosa di Belgrado — fra l’Italia e la Grecia, conflitto che rammarica molto la Jugoslavia avendo essa rapporti con entrambi i Paesi, ha portato la guerra anche nei Balcani. E’ comprensibile, dunque, che la Jugoslavia debba seguire con la più viva attenzione la situazione creatasi, continuando a dedicare i suoi sforzi per il mantenimento della pace.
Commentando la nota dell’Agenzia ufficiosa il Vrème, dopo aver dichiarato che la Grecia aveva «compromesso» la propria neutralità stabilendo rapporti intimi con l’Inghilterra, soggiunge testualmente a chiarificazione degli orientamenti politici jugoslavi: “la politica estera jugoslava, sempre diretta al mantenimento della pace e alla salvaguardia degli interssi del Paese, è realistica e costruttiva senza pregiudizi e sentimentalismi. In accordo con tutte le forze e specialmente con quelle dei suoi diretti vicini, come Italia e Germania e come è confermato dalle note intese economiche.
La Jugoslavia ha invitato tutti icittadini britannici ad abbandonare il Paese entro un termine massimo di 48 ore.

A lato di tuttociò, appare la dichiarazione turca di non belligeranza, enunciata nel discorso che Ismet Ineonu ha pronunciato inaugurando la sessione della Grande assemblea nazionale.
Qualche giornale svizzero non esclude che Mosca, d’accordo o no con l’Asse, faccia delle vive pressioni sulla Turchia per dissuaderla da qualsiasi proposito di portare soccorso alla Grecia.
Le speranze inglesi di vedere ancara più allargato il conflitto nel vicino Oriente appaiono nettamente frustrate.

Dall’Estremo Oriente all’Estremo Occidente, l’Ambasciatore americano a Londra, Kennedy, in un’allocuzione radiotrasmessa ha annunciato:
il popolo americano intende assolutamente evitare la guerra”. Una dichiarazione degli Stati Uniti sarebbe nefasta alla Gran Bretagna, perchè il materiale da guerra, del resto, sarebbe altrimenti trattenuto a disposizione dell’esercito americano che deve fronteggiare specialissime obbligazioni in vista e in nome della dottrina di Monroe“.


29 ottobre 1940: news

Attività politica e diplomatica.
Il Duce ha accolto il desiderio espressogli dal Segretario del Partito di rinuciare alla carica per dedicarsi completamente all’attività di guerra nella sua qualità di Maggiore dell’arma aeronautica, ruolo naviganti.
war-NewsA sostituire Ettore Muti il Duce ha chiamato il camerata Adelchi Serena che fu già Vice segretario del Partito ed ha coperto sino ad oggi la carica di Ministro dei LL. PP.
Il Cons. Naz. Ing. Guiseppe Gorla, Segretario del Sindacato Naz. Ingegnieri, è stato nominato Ministro dei LL. PP.

Si ha da Istambul che durante una intervista concessa al giornale turco Vatan il ministro degli Esteri Saragioglu ha confernato che la Turchia si manterrà estranea al conflitto italo-greco.

Da Londra informano che al suo ritorno dalla Palestina il Ministro della guerra britannico Eden ha ispezionato le formazioni militari in Egitto. In seguito egli si è recato ad Alessandria e successivamente al Cairo.

Si apprende che il gen. francese Weygand è giunto a Dakar, accolto con gli onori militari della guarnigione del porto.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi.
Attacchi contro la capitale britannica, contro impianti industriali nell’Inghilterra meridionale, Birmingham, Coventry, Liverpool.
Scontro navale tra unità leggere tedesche in perlustrazione e idrosiluranti inglesi.
Incursioni aeree britanniche sulla Germania settentrionale.
10 apparecchi inglesi e 8 tedeschi abbattuti.
dal principio della guerra ad oggi sono stati abbattuti, solamente dalla Marina da guerra germanica 116 apparecchi nemici e precisamente: 26 unità in mare e 90 dall’artiglieria della marina.

naval shot

Da Londra si apprende che l’Ammiragliato comunica:
“numerosi sottomarini nemici concentrati in una certa zona dell’Atlantico hanno affondato in 5 giorni 32 navi per 146.528 tonn., il che rappresenta la più dura perdita subita dalla Marina inglese nel corso di una settimana, eccezion fatta durante quelle subite nell’evacuazione di Dunkerque”.
L’Ammiragliato britannico, dando comunicazione di ciò, afferma che questi successi dei sottomarini devono essere considerati come eccezionali.
Le perdite delle navi neutrali e alleate sono state, nello stesso periodo, di 45 navi per 198.030 tonnellate.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: