Archivi del mese: aprile 2019

30 aprile 1943: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Al Quartier Generale tedesco il Fuhrer ha avuto un colloquio col capo del Governo di Vichy, Laval, alla presenza del Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri del Reich, von Ribbentrop.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE.
Nel Kuban nuovo attacco sovietico senza esito.
1700 tonnellate di naviglio sovietico affondate nel Mar Nero.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO.
In Tunisia  vivaci combattimenti d’importanza locale.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.
Incursioni aeree inglesi sulla Germania occidentale, soprattutto su Essen.

FRONTE del PACIFICO.
In Estremo Oriente continua l’offensiva nipponica nel nord della Cina.


bollettino 1070: 30 aprile 1943

 

In Tunisia i reiterati tentativi avversari di forzare le nostre linee hanno urtato, anche durante la giornata di ieri, contro la strenua difesa delle truppe italiane e germaniche.

L’aviazione dell’Asse, particolarmente attiva, attaccava ammassamenti di forze nemiche incendiando e danneggiando buon numero di auto­mezzi. Diciassette apparecchi anglo – americani venivano abbattuti in combattimento: 10 da cacciatori germanici e 7 da una nostra formazione da caccia, comandata dal capitano pilota Bruno Politi da Milano, in aspri duelli ingaggiati con un gruppo di circa 60 ve­livoli inglesi; altri 2 aerei nemici, attaccati mentre decollavano, erano distrutti da un nostro cacciatore.

Nel corso di una azione avversaria contro un convoglio navale 2 aero­plani nemici sono precipitati in mare, colpiti dalla reazione con­traerea delle navi.

Quattro nostri velivoli non hanno fatto ritorno dalle loro missioni di guerra degli ultimi due giorni.

Nuovo attacco alleato contro la linea di difesa dell’Asse sulle alture che dominano Tunisi. A nord, la 9ª Divisione USA affonda la parte anteriore delle difese. Per sostenere le azioni del 1° esercito britannico di Anderson contro Bou Aoukaz e Ksar Tyr, il generale Alexander stacca dall’8a armata la 4a Divisione indiana e la 6a e la 7a Divisione corazzata britannica.

Gran Bretagna. In attesa dei preparativi per l’invasione dell’operazione Husky in Sicilia, l’intelligence alleata avvierà un’operazione per ingannare le forze dell’Asse. Il sottomarino britannico Seraph fa cadere un cadavere dal porto di Huelva, in Spagna, sperando che sarà recuperato e che i documenti che sono stati messi su di esso saranno inviati ai tedeschi. Secondo i documenti, questo sarebbe il cadavere del comandante Martin, della marina britannica, che trasportava lettere dal generale Nye, vice capo dello stato maggiore britannico, e dall’ammiraglio Mountbatten, capo del Regno Unito. Operazioni combinate, per Eisenhower, Alexander e Cunningham, menzionando piani alleati di invasione della Grecia. I tedeschi riceveranno questi documenti.


29 aprile 1943: news

war-News

Situazione militare
(comunicato ufficiale rilasciato in pubblicazioni dell’epoca)
.

FRONTE ORIENTALE.
Attacchi sovietici sempre nel settore della testa di ponte del Kuban e a sud di Pietroburgo.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO.
In Tunisia attacchi nemici respinti a nord-ovest di Medjez el Bab. Attacchi e contrattacchi in altri settori.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.
Nella acque della Manica scontro navale tra forze tedesche scortanti un convoglio e cacciatorpediniere e siluranti inglesi: 2 motocannoniere affondate; 3 altre danneggiate; 2 unità tedesche perdute.
Incursioni aeree nemiche sulle coste della Germania nord-occidentale, sul Mar Baltico, sulla Prussia orientale e sui Paesi occupati: 22 apparecchi nemici abbattuti.
Attacco aereo tedesco sull’Inghilterra meridionale.

FRONTE del PACIFICO.
In Cina continuano i combattimenti nell’Hopel ed in Birmania sulla frontiera indiana.


bollettino 1069: 29 aprile 1943

Proseguono i combattimenti sul fronte tunisino: vigorosi contrat­tacchi locali di reparti italiani e germanici hanno avuto esito for­tunato.

Due apparecchi venivano distrutti durante la giornata dalla caccia tedesca e 4 altri da batterie contraeree. Nostri velivoli colpivano con siluro un piroscafo nella rada di Philippeville, incendiavano e af­fondavano una motosilurante nel Mediterraneo centrale, abbatteva­no 4 Curtiss nel cielo del Canale di Sicilia.

Azioni di bombardieri avversari causavano ieri perdite e danni a Napoli, Messina, Siracusa e Lampedusa; sette quadrimotori preci­pitavano a seguito di duelli con nostri cacciatori: 4 a Napoli, 2 a Messina, 1 sul litorale di Agrigento.

A seguito delle incursioni segnalate dal bollettino odierno si deplo­rano tra le popolazioni. civili: 41 morti e 88 feriti finora accertati a Napoli; 3 morti e 12 feriti a Messina; 5 feriti complessiva- mente a Siracusa e Lampedusa.

In Tunisia le truppe britanniche prendono Sidi Abdallah.

Incontro tra Hitler e Laval a Berchtesgaden all’Obersalzberg.

Una “commissione medica internazionale” inviata dai tedeschi seleziona otto cadaveri polacchi della fossa comune di Katyn e conclude che il massacro ebbe luogo nella primavera del 1940, da parte dei sovietici che usarono appositamente armi tedesche per ingannare.
Per la cronaca. I sovietici non hanno mai pagato qualcosa per le 12mila vittime polacche, neanche nei decenni dopo la guerra.


28 aprile 1943: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

Risposta del Governo nominale polacco alla nota sovietica in tono polemico.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE.
Attacchi nemici respinti nel settore della testa di ponte del Kuban respinti.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO.
In Tunisia attacchi nemici locali in alcune zone del settore occidentale. Bombardamento aereo di Bona e di Philippeville.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.
Nessuna incursione nemica registrata.

FRONTE del PACIFICO.
In India bombardamento aereo giapponese di Calcutta e di Chittagong; Attacco aereo nipponico sulle isole Ellica e Salomone.


bollettino 1068: 28 aprile 1943

 

 

Lungo tutto il fronte tunisino sono anche ieri falliti gli attacchi con­dotti dall’avversario con intenso appoggio di artiglieria e di mezzi blindati.

Ai reparti citati dai precedenti bollettini merita di essere aggiunto, per il suo valoroso comportamento, il gruppo corazzato comandato dal maggiore Oderisio Piscicelli Taeggi da Napoli.

Formazioni aeree italiane e germaniche hanno efficacemente bat­tuto colonne nemiche in marcia e in sosta.

Quattro apparecchi anglo – americani sono stati distrutti: uno da cacciatori tedeschi in Tunisia, uno da batterie contraeree sulle coste del Peloponneso, due da una nostra silurante nel Canale di Sicilia. Un’incursione di quadrimotori americani nei dintorni di Cagliari causava danni non gravi: nessuna vittima fra la popolazione civile. Tre nostri velivoli non sono rientrati alle basi.

In Tunisia ripresa di Jebel Bou Aoukaz dopo un feroce contrattacco dell’8° reggimento corazzato tedesco.

In Atlantico il Convoglio britannico ONS-5 è attaccato da 51 U-Bootes per una settimana. Perde 13 delle sue 42 navi, ma 7 U-Boote sono affondati, altre 5 gravemente danneggiati e altri 12 leggermente.
Questione di prospettive.
Per i tedeschi è un successo mentre gli inglesi gridano vittoria.


27 aprile 1943: news

Attività politica e diplomatica.
war-News

I quotidiani pubblicano una dichiarazione del Governo sovietico circa la rottura dei rapporti diplomatici con il Governo polacco avvenuta ieri.

 

Attività militare.
FRONTE ORIENTALE.
Su tutto il fronte attività di reparti esploranti.
Attacco aereo nemico su Duisburg, Oberwausend e Mülheim.
16 apparecchi nemici abbattuti.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO.
In Tunisia violenti attacchi nemici respinti.

FRONTE NORD-OCCIDENTALE.
nulla da segnalare

FRONTE del PACIFICO.
nessuna notizia di rilievo pervenuta in data odierna


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: