1943: la fuga del re. altri dettagli_2

Questo, secondo un racconto di Marchesi.
Arrivammo sulla banchina del porto che era già notte. Buio pesto.
C’erano già 4 o 5 automobili. Al centro della banchina c’era un gruppo di persone: tra esse il re, la regina e Ambrosio. Mi avvicinai a lui e gli feci vedere l’auto dove saremmo rimasti ad attendere. Poi ritornai alla macchina e mi addormentai. In breve, sulla banchina si erano ammassate tutte le auto. Ufficiali silenziosi si aggiravano nei corridoi tra le macchine; erano gli stati maggiori delle tre armi al gran completo. C’era anche una marea di generali. Sembrava irreale vedere un assembramento così ampio di personalità, tutte insieme, sulla banchina di un molo.
Vide il re e la regina seduti su due valigie; certamente un’immagine poco regale. Più tardi, sulla banchina di attracco, vidi un fascio di luce di una lampadina tascabile. Si creò subito un certo movimento. In breve si udì il caratteristico battito di un motore e un fascio di luce illuminò la scaletta di imbarco di una nave da guerra. Salirono il re, la regina e il principe di Piemonte. “Avanti i generali” gridò una voce, e sospinti si fecero avanti Ambrosio, De Francesco, Adam, Mallaby, il maresciallo Baldanza, che portava sulle spalle la radio, il sergente Della Corte ed io. De Courten aveva cercato di opporsi al passaggio della nostra carovana (chissà perchè…) ma aveva dovuto cedere all’ordine di Ambrosio.
Qualcuno gridò di ritirare la scaletta e urlò, vedendo il gran numero di generali ancora a terra, di non accalcarsi perchè stava per arrivare un’altra corvetta. La voce creò immediatamente una grande agitazione.
E per i restanti fu un vero miracolo che i tedeschi non giungessero in tempo: sulla banchina non meno 100/120 generali e ufficiali, abbandonati al loro destino, presero a disperdersi imprecando.
La seconda corvetta si presentò a Ortona verso le 7 del mattino e verso l’una del 10 settembre, la corvetta Baionetta, sulla quale eravamo imbarcati, salpò dalla rada di Ortona.
A bordo gli animi erano ancora molto preoccupati, complice il fatto che sul ponte non brillava la minima luce. Vidi il re, la regina e il Principe di Piemonte seduti su delle sedie a sdraio, un po’ appartati rispetto agli altri.
La corvetta aveva imbarcato un numero relativamente piccolo di persone sia per ragioni di sicurezza, sia per non ostacolare le manovre di bordo.
All’alba, sulla nostra sinistra, nella foschia, intravidi l’incrociatore Scipione l’Africano che non aveva imbarcato nessuno. Ci aveva raggiunti in alto mare e assunto il compito di civetta.. Avvicinai Ambrosio e chiesi dove eravamo diretti. Nessuno lo sapeva. Forse in Sicilia, forse a Taranto.
Verso le 11 si udì il legero ronzio di un motore di aeroplano. Subito suonò la sirena d’allarme e tutti i marinai raggiunsero i posti di combattimento.
Qualcuno portò la cintura di salvataggio al re e alla regina.
Poi, in alto proveniente da poppa si distinse nettamente un ricognitore tedesco. L’aereo fece due larghi giri intorno a noi tenedosi sempre in quota mentre i mitraglieri nostri lo tenevano sotto mira.
Poi se ne andò.
La possibilità che avvertisse una formazione di bombardieri fece deviare la corvetta verso terra, che si intravedeva in lontananza.
Fu questo che decise lo sbarco a Brindisi.
Non altro”.

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: