Archivi del mese: settembre 2015

30settembre-1939 news

30 settembre
Roma.  Ribbentrop propone:
Ribbentrop
1°) un incontro tra Hitler e Mussolini a Monaco;
2°) un incontro a Berlino tra lui e Ciano;
3°) un incontro al Brennero tra Hitler e Ciano.
Ciano convince Mussolini a spedirlo a Berlino, dove egli intende battersi
«come un leone per conservare la pace del popolo italiano».
In Boemia e Moravia, nell’anniversario del patto di Monaco i movimenti antinazisti invitano la popolazione a boicottare i mezzi di trasporto pubblico e organizzano
scioperi nelle fabbriche e nelle scuole. La replica poliziesca non si fa attendere ed è spietata.

Germania. Karl Dönitz fu promosso contrammiraglio e comandante dei sottomarini.

Inghilterra. Viene avviato l’arruolamento di uomini inglesi di età compresa tra 20 a 22 anni.


in 2 righe: 30sett-1939

gen.-SikorskiIn Francia, il generale Sikorski forma un governo polacco in esilio diventando Primo ministro.
Il governo sarà riconosciuto dagli Alleati.


radio Mussolini: 30sett1939

Mussolini30settNella sala delle Battaglie, raduno di duecento rappre­sentanti del Fascismo genovese. Faccio loro un di scorso molto duro — espongo la realtà del momento in modo che non lasci dubbi sulla gravità degli eventi —Non c’è speranza alcuna di fuggire ad una guerra che ormai è sulla bocca di tutti da un capo all’altro del­l’Europa — e varcati gli oceani e raggiunte le sponde d’oltremare. I popoli ricchi e privilegiati difendono le loro fortune con qualsiasi mezzo — la giustizia non esiste — chi la invoca è un usurpatore, chi la nega passa per galantuomo — La diplomazia è un complotto di birboni — Le grandi democrazie pilotate dal potentato ebraico di qua e di là dall’oceano incitano alla guerra per schiacciare i popoli poveri stretti dalle pri­vazioni e dalle rinunce — e vi sono degli illusi come i polacchi.  Wie­niawa era sicuro che la cavalleria polacca avrebbe raggiunto Berlino in poche settimane — Tutti sono con­vinti di essere invincibili di non temere nulla — Tutti alzano la voce e vantano la propria forza e la propria gloria — Tutti hanno dimenticato il testo del Patto di Versailles e tutti accusano Hitler di essere guerrafon­daio — intransigente pazzo usurpatore.
Questi avrà i suoi difetti ma riconosciamogli anche una parte di ra­gione.
Riconosciamogli di voler l’unione del territorio germanico e di voler ricondurre alla madre patria i te­deschi sparsi sotto altri domini dopo le conseguenze di Versailles — Udiamo le parole di Montesquieu: l’autore di una guerra non è mai chi la dichiara ma chi la rende ne­cessaria.
Non ho divagato su questi argomenti con i fascisti genovesi che plaudenti e osannanti per il mio discorso, fieri e immoti in un patto di fede, gradivano uscire al più presto per cogliere la tiepida carezza dell’Urbe.


in 2 righe: 29sett-1939

Oggi capitola la fortezza polacca di Modlin.  L’ultimo baluardo difensivo impose alla Germania le perdite più pesanti dell’intera campagna di Polonia.

fortezza-di-Modlin


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: