Archivi tag: Rawalpindi

28 novembre 1939: news

Attività politica e diplomatica. A Mosca, il Commissario agli Esteri Molotov riceve il Ministro di Finlandia e gli comunica che il Governo sovietico denuncia il patto di non aggressione.
In Russia aumenta, negli ambienti militari, l’agitazione contro la Finlandia.
A Londra, la nuova sessione del Parlamento è aperta con il consueto cerimoniale.
Giorgio V pronuncia un discorso della Corona in cui è detto:
Nel Paese, in Francia ed in tutte le guarnigioni oltre mare, il mio esercito e le mie forze aeree compiono pienamente il loro dovere e sono certo che esse saranno pronte ad ogni sforzo e ad ogni sacrificio che possa essere loro richiesto “.
war-NewsSi preannunciano quindi, come necessari, nuovi provvedimenti per il finanziamento della guerra.
In risposta Chamberlain pronuncia un lungo discorso, dichiarando che il sistema di sequestri in alto mare delle merci esportate dalla Germania sarà messo in vigore il 4 dicembre.
Il Primo Ministro afferma poi che l’inasprimento del blocco è la conseguenza di « numerosi  atti imperdonabili compiuti dalla Germania contrariamente agli accordi e alle convenzioni cui essa aveva aderito. I nuovi provvedimenti contro le esportazioni dalla Germania — ha aggiunto — potranno causare danni e perdite ai neutrali, ma si tratta di provvedimenti che aiuteranno la Gran Bretagna a terminare vittoriosomente la guerra ».
Essi vengono riassunti in un decreto immediatamente pubblicato cui ha seguito un analogo decreto da parte francese.

(diciamo intanto che le note di protesta di Giappone, Belgio, Olanda, Danimarca, Svezia, Iran e di altri Stati neutrali NON hanno avuto alcun peso e anche in questo caso l’Inghilterra non esista a mostrare la sua proverbiale sensibilità per gli altri. Qualcuno, a guerra finita dirà che Churchill ha fatto di necessità una virtù;   a me sembra che abbiano fatto solo i loro interessi…)

 

Attività militare. Il comunicato tedesco annuncia l’affondamento dell’incrociatore ausiliario britannico Rawalpindi, in seguito alla battaglia svoltasi presso la Groenlandia.
Il comunicato francese annuncia la cattura delle navi mercantili germaniche Triseis, di 6000 tonnellate e Santafè.
Sono affondati i piroscafi inglesi Uskmouth, di 2493 tonnellate e James Maguire, nave cisterna di 10.525 tonnellate.

HMS-Rawalpindi


war report: 23nov-1939

warReport3Nel Nord Atlantico tra l’Islanda e le isole Færøer, l’incrociatore mercantile armato inglese, Rawalpindi, armato di solo quattro cannoni da 6 pollici, incontra l’incrociatore tedesco Scharnhorst, e viene fatto saltare in aria, uccidendo 265 uomini dell’equipaggio. Lo Scharnhorst stava navigando in compagnia del Gneisenau. Essi eludono le ricerche di molte navi inglesi nel corso dei prossimi giorni e rientreranno alla base interi. La loro fuga è favorita dalla capacità tedesca di leggere molti dei codici navali britannici.

In Gran Bretagna nelle prime ore del mattino, due Royal Engineers officers, esperti di mine, riescono a disinnescare una mina magnetica tedesca bloccata nel fango e riescono a recuperarla per studiarla. Sarà poi esaminata per elaborare contromisure. Queste mine sono in uso dal 16 ottobre e sono state già responsabili della perdita di 50.000 tonnellate di naviglio. Nel frattempo, pancetta e burro sono razionati.

In Francia il governo polacco in esilio si stabilisce ad Angers, nell’ovest.

In Germania viene annunciato il razionamento del cibo per gli animali domestici.

A Berlino in un discorso davanti ai suoi generali più anziani, chiamati alla Cancelleria del Reich, Hitler dice che ha condotto il popolo tedesco a grandi altezze, mentre hanno mostrato solo una mancanza di fede. “Io sono insostituibile” una frustrata affermazione di Hitler. “Io attaccherò la Francia e l’Inghilterra al più presto. La mia decisione è immutabile”.

A Cracovia il Dr. Frank, governatore del governo generale nella Polonia occupata nazista, ordina a tutti gli ebrei di età superiore a dieci anni a indossare bracciali contrassegnati con la stella di Davide.

Il totale dei morti in Boemia e Moravia in seguito alla soppressione della dimostrazione cecoslovacca si dice che sia 1700.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: