Archivi tag: Pietro Badoglio

Ettore Muti: la fine

Una cosa è certa: la guerra civile è incominciata il 24 agosto 1943.
Alle due di notte, com’è di rigore per i fattacci più misteriosi, l’ex segretario del Partito Nazionale Fascista Ettore Muti viene arrestato a Fregene da una squadra di carabinieri.
Poco dopo il suo corpo giace nella pineta con un colpo alla nuca (vedi foto) cappelloEM
La versione ufficiale parla di colpi d’arma da fuoco sparati dal bosco contro la scorta, poi di tentativo di fuga, di inseguimento, infine di ferimento ad opera dei moschetti dei carabinieri.
Ma è accettabile questa versione ufficiale?
Quali sono i motivi di dubbio?
Chi aveva interesse a sopprimere Muti?

Continua a leggere

Annunci

Note (rock around il 25 luglio)

rockaround25-luglio-manifes

NOTE

— 01   Il Duce, dopo l’arresto, non avrebbe potuto essere ospitato nella sua residenza roma­gnola (come aveva chiesto espressamente, tramite il gen. Ferone al Capo del Governo, Badoglio, la notte stessa sul 26 luglio) in quanto il comandante la Tenenza dei carabinieri di Predappio, ten. Roberto Genova, lo aveva sconsigliato in una riunione tenutasi a Forlì con il questore e il prefetto della provincia, dott. Marcello Bofondi.  Motivo addotto: le temute manifestazioni ostili degli abitanti.

— 02   Per Badoglio, in preda a fremiti e forte depressione dopo l’arresto del Duce, ‹ le misure di polizia non erano sufficienti per la salvaguardia dei membri del nuovo Governo e le nuove cariche dello Stato ›; dovunque vedeva pericolosi movimenti di camicie nere, anche dopo che la camicia nera era stata sostituita con la camicia grigio-verde e messe le stellette al bavero, in luogo dei fasci littori; anche dopo che i gerarchi spauriti erano scomparsi . Proprio lui che aveva complottato sino a due giorni prima col Re, vedeva complotti ovunque e alternava momenti di panico a grottesche manifestazioni di euforia.

— 03   Badoglio protestava, seccatissimo, perché la sua au­tovettura era stata fermata da una pattuglia in servizio di ordine pubblico­ che paventava sicure epidemie a causa dei morti ancora insepolti. ” Moriremo tutti ” diceva, chiedendo l’aiuto dell’autorità militare perché gli affossatori rifiutavano la loro prestazione.

— 04   Casa Reale, era talmente nervosa che era infastidita dal ‹passo cadenzato delle pattuglie›, però non rinunciava alla sorveglianza. Badoglio chiese ed ottenne, per lo stesso motivo e anche per paura di probabili ritorsioni, nientemeno che l’abolizione del traffico stradale per un raggio di duecento metri dalla propria casa. ( questo fino al 9 settembre – ndr)

— 05   Come testimonia anche Giorgio Pini (vedi filmato) Benito Mussolini arrivò alla seduta del Gran Consiglio in condizioni fisiche debilitate dalla sua ulcera, che lo inibirono fortemente nell’uso della sua proverbiale verve. Era vittima di forti dolori già da alcuni giorni (si dice dal 21 notte) e la moglie Rachele lo aveva preavvertito che qualcosa sarebbe successo. ” u me dis nec e sang’... ( me lo anche dice il sangue!…)

— 06   Il 25 luglio, alle ore 18.20, l’ex ministro Guardasigilli prof. Demarsico ebbe un lungo colloquio con Vittorio Emanuele III. Il Re riferì i termini in cui si era svolta la famosa udienza tra lui e Mussolini. De Marsico accenna in particolare ad un punto: «Mussolini sosteneva che l’o.d.g. non aveva alcun valore giuridico perché il Gran Consiglio era ammesso, dalla legge, ad esprimere pareri, ma NON a votare…» il Re ribatté: «Se voi lo avete ammesso a votare, valido o no il voto dal punto di vista giuridico, esso ha per me un valore politico che non mi permette di restare inerte!»

(ndr) il Re erano circa due mesi che stava complottando con Badoglio il rovesciamento del Regime. Il dialogo sembra solo una scaramuccia tra due ladroni: il primo con discorsi falsi e di comodo, l’altro che si arrampica solo sugli specchi. In più, il Re aveva già le valigie pronte per la fuga verso Pescara.

— 07   il 3 ottobre 1943 in moltissimi giornali anglo americani si riportava la notizia che all’ annuncio formale di Badoglio, avvenuto il 28 luglio a Roma, – ” la caduta di Mussolini è avvenuta per l’azione del Gran Consiglio ” – , i giornalisti d’ oltre-manica in sala scoppiarono in una fragorosa risata perchè da mesi erano a conoscenza del piano ordito dal Re. Vittorio Emanuele III avrebbe in ogni caso licenziato Mussolini, meglio se attraverso una formula para-legale, senza però ‹ escludere un atto di forza ›. Per questo motivo, all’incontro delle ore 17 vi giunse armato di una pistola (era sotto un cuscino).  (ndr)

— 08   Dino Grandi, in quel momento Ministro della Giustizia ( per 4 giorni nascosto in casa di amici), in una intervista rivelò: «l’aspetto più impressionante del 25 luglio non fu quello delle folle scese, all’annuncio della radio, in piazza ad acclamare la caduta del Duce e del fascismo, ma la totale assenza di qualsiasi segno di opposizione, di dubbio, di perplessità. E alla domanda: « e allora, scusi, perché si è nascosto tutti questi giorni?»- rispose: «ma io non mi sono affatto nascosto! ero qui a disposizione di chiunque…!». Una bugia clamorosa. Molti dei 19 consiglieri che votarono sì lo avevano cercato disperatamente invano in ogni luogo. La madre aveva allertato anche i Carabinieri Reali.

— 09   Dino Grandi il 26 luglio espresse un doloroso stupore per le frasi “la guerra continua” e ” l’Italia rimarrà fedele alla parola data..” perché, secondo lui, ‹ capovolgevano il significato del 25 luglio e rischiavano di annullare i benefici sia all’estero, sia all’interno ›. Cercò diretti contatti coi Governi Alleati, offrendo di recarsi in volo a Madrid o a Lisbona, ma gli interlocutori si fecero negare appellandolo, tra le righe, come traditore.

— 10   Galbiati, Comandante della Milizia, appena lo incontrò (ancora Grandi) gli chiese: «o’, ma ci hai pensato alla guerra civile? Oggi si grida ancora Viva il Re, ma domani si griderà “a morte il Re! “». Grandi impallidì e replicò: « non è colpa mia, ma di Badoglio! ».

note-prodotte

Note a margine.

Non è detto che la Storia vera coincida con la memorialistica, o che essa si edifichi solo come un cumulo di biografie. La storiografia è una selezione vera, o almeno veridica ma non intera, dei trascorsi umani che cerca di avvicinarsi, quanto possibile, alla verità partendo da tutte le prospettive possibili. Parlarne non è revisione, non è apologia, ma ricerca del perché. Anche delle bugie.

avatar185solo


le bugie di Badoglio

SGiorgioIonico

Clamorose e grottesche. A S. Giorgio Ionico, ad un mese dalla sua fuga da Roma e durante un rapporto di ufficiali, il Maresciallo d’Italia faceva delle dichiarazioni politiche che Spampanato riporta in alcuni brevi passaggi:

  • «Signori Ufficiali, non vi dovete meravigliare se mi presento a voi in questo abito borghese; sono ne­cessità del momento, ma io sono sempre il Maresciallo Badoglio, il vostro Generale del Sabotino, di Vittorio Veneto, di Addis Abeba». (1). gen.Caviglia

1)     Falso:  il Maresciallo Caviglia e al­tri comandanti della prima guerra mondiale di­mostrarono che la fama di Saboti­no e di Vittorio Veneto era stata ignobilmente usurpata


  • « S. M. il Re mi chiamò subito ad assumere il Governo. Voi sapete che alla mia età, ed alla mia con­dizione, non avevo ancora bisogno di gloria: ma fu una necessità, per salvare ancora, fin dove era possi­bile, questo nostro povero e disgra­ziato paese». (2).

2)    Falso: era stato Badoglio ad organiz­zare il colpo di Stato e l’incarico datogli dal Re non fu casuale, dato che lo avevano progettato insieme.

  • «Il ministero della Cultura Po­polare era diventato un vero e pro­prio lupanare. Aveva alle sue di­pendenze un numero infinito di si­gnore romane con stipendi che tal­volta oscillavano dalle 8 alle 10 mi­la lire al mese e con incarico… la­scio intendere a voi. Ma vi dirò di
    più: quelle signore non si permette­vano nemmeno il fastidio di andare a riscuotere lo stipendio, perché ba­stava che mandassero le loro perso­ne di servizio per farlo. Ecco per­ché noi ci siamo trovati in guerra coi fucili del 1891…» (3).

3)    Falso: non si corrisposero mai stipen­di del genere. L’unica a usufruire della protezione della C. P. fu tale Elena La­bedinsky Solinas, proprietaria di locali pubblici a Tripoli col governatorato Bado­glio, e poi a Roma della <Quirinetta ». Si rivelò a Nord che la Solinas era pro­tetta dal decrepito guerriero, che aveva sposato un suo stesso congiunto, e che era munita di passaporto americano.

Badoglio-al-Sud

  • Nell’assumere il governo tele­grafai a Hitler dicendo che avrei mantenuto l’impegno e continuavo la guerra. Hitler a questo telegram­ma non rispose… Mandò truppe in Italia, non richieste». (4).

4)    Falso: le truppe erano state chieste a Hitler ripetutamente, e furono manda­te dopo la dichiarazione del Maresciallo (<la guerra continua>) e l’aggravarsi del­la crisi del fronte italiano.

  • «I tedeschi ci volevano offendere nel nostro onore di ufficiali; vole­vano per la resistenza in Italia im­porci il Comando tedesco senza al­cuna consultazione dei nostri Ge­nerali, del nostro Stato Maggiore. Essi volevano imporci il comando unico di quel famoso generale Rom­mel, che è stato fonte di tutte le nostre disgrazie in Africa. Io mi so­no ribellato ed eccomi qui tra voi e con il nostro popolo il quale ha risposto ad unanimità». (5).

5)    Falso: nessuno ha mai sentito parla­re di un comando unico Rommel. Dopo l’armistizio Rommel stabilì un comando sul Garda, in attesa che si chiarisse an­che militarmente la situazione: e intanto Kesselring restava al comando del fronte meridionale. Che non si pensasse a Rommel per l’Italia, lo dimostra il fatto che con assoluta libertà d’iniziativa in Ita­lia, e proprio in conseguenza dell’armi­stizio, non si scelse lui ma il Feldmare­sciallo Kesselring quale unico Comandan­te Superiore per il fronte Sud.

  • « In questo momento si combatte ovunque contro i tedeschi. A Tori­no ed a Milano gli operai hanno impugnato le armi e combattono a fianco dei nostri soldati contro i tedeschi ed i fascisti. La IV Arma­ta al completo combatte vittorio­samente contro di essi. Noi dobbia­mo scacciare questi ladroni ed as­sassini». (6).

6)    Falso: nessun incidente, nell’ottobre 1943 a Torino o a Milano e nessuna no­tizia di azioni della IV Armata. Ancora il 22 febbraio ‘44 Churchill dichiara ai Comuni a proposito delle truppe cobel­ligeranti: <Il maggior numero è occupa­to in indispensabili servizi per le forze alleate nelle retrovie>.

  • «Io sono un vecchio che ho rag­giunto i miei 72 anni e non credevo di finire i miei giorni vedendo ca­dere la Patria in questo disastro. Adesso è stato formato in Italia un Governo detto “Governo fascista repubblicano” agli ordini dei tede­schi; ma non crediate che Mussoli­ni sia con loro e si arrischi a veni­re in Italia. Egli è al sicuro lonta­no, in Germania. Ma ve lo giuro, noi li ricacceremo e li raggiungere­mo ovunque. Io vi prego di trasfon­dere nei nostri soldati questo sen­timento che deve portare le nostre truppe alla rivincita e alla vitto­ria» (7).

7) Falso: Badoglio non ignorava che, mentre lui stava parlando, Mussolini era alla Rocca delle Caminate dove aveva già presieduto un Consiglio dei ministri. Cir­ca l’annunzio di Badoglio che <lo ricac­cerà e lo raggiungerà dovunque>, ma poi non gli avvenne di farlo.

: articoloB

:

Il lettore curioso può gustare un approfondimento

in una bellissima lettera a sostegno, di qualche anno fa.

avatar185


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: