Archivi tag: morte di Bormann

Martin Bormann. more info

La curiosità ha spesso un prezzo: per ottenere risultati appaganti occorre essere abbastanza bravi e determinati. Nel mio caso, invece, credo sia solo una questione di mera fortuna. Ecco cosa ho potuto reperire su Bormann, DOPO il 1945.

  • Esistono documenti ufficiali argentini su Bormann, anche se la maggior parte di essi sembra essere misteriosamente scomparsa dagli archivi. C’è comunque ancora un documento, datato 5 ottobre 1960, firmato dal vice Commissario Justo Horacio Gómez – capo dell’Ufficio Divisione Federale – che riporta informazioni precise della presenza di Bormann in Argentina (rapporto 5-5-2. n° 99786). Altri rapporti sono contenuti in documenti della SIDE (Servizio di Intelligence dello Stato) datati 1960, mai desecretati, che si riferivano ad un libro segreto DAE (sempre del 1960) in cui c’era la pratica molto chiara, n. 3163, incredibilmente sparito o distrutto secondo quanto riportato dalla documentazione ufficiale del Coordinamento Federale.
    (qui la storia si allungherebbe ulteriormente, ma qui bisogna avere dei privilegi che io non ho)
  • Il 21 gennaio 1949, gli Stati Uniti richiesero ufficialmente la cattura di Bormann all’Argentina.
    (gli americani non richiedono ufficialmente una cattura se non sono matematicamente sicuri delle informazioni in loro possesso)
    Un sollecito fu inoltrato a tutte le unità del Coordinamento Federale (Polizia federale), secondo pratica dell’Interpol n.7490, ma la richiesta fu abbandonata clamorosamente per mancanza di un documento nel momento in cui si doveva effettuare una copia dei tanti spostamenti a cui il materiale relativo era sottoposto.
    Documentazione “mancante” ab libitum.
  • Nel 1953, nella casa che Perón aveva a Buonos Aires, in calle Teodoro García nel quartiere di Belgrano, il commissario Jorge Colotto (capo della guardia personale del presidente argentino) è stato testimone di almeno un paio di incontri fra Juan Domingo Perón e Martin Bormann.
  • Nel 1996 è stata visionata una copia, autenticata da notaio, di un passaporto che sarebbe stato usato da Bormann. Il documento, emesso a nome di Ricardo Bauer – di nazionalità italiana – (italiano, con un nome così?) era in ottimo stato e apparteneva alla Repubblica dell’Uruguay, con n. 9862. Come registrato nel documento, lo stesso sarebbe stato emesso dall’ambasciata uruguayana di genova, il 3 gennaio 1946 e, conformamente ai timbri dell’ufficio migrazione, sarebbe stato usato per viaggiare fra Italia e Francia nel 1947. Il passaporto scadeva  il 3 gennaio 1951 e non fu mai rinnovato. Nella foto appare un uomo di fisionomia molto simile a Bormann, registrato con professione di agricoltore con la particolarità singolare di una cicatrice vicino all’occhio sinistro, riportata anche alla voce “segni particolari”.
  • Il capitano delle SS Herbert Habel – che arrivò in Argentina con l’identità falsa di Kurt Repa, raccontò che Bormann era scappato da Genova nel 1947 (intervista apparsa sul quotidiano La Mañana del Sur) con l’aiuto dell’agente Franz Ruffinengo (un austriaco che lavorava con Perón) incaricato specializzato nell’aiutare nazisti in fuga dall’Europa. Esiste (se non si è perso) un foglio, scritto a mano, di Bormann che ringrazia Ruffinengo con queste parole: «voglia Dio che io abbia la possibilità di aiutarla così come Lei ha fatto con me. – f.to Martin Bormann -».  Era datato 24 aprile 1947, giorno in cui Bormann si stava imbarcando su una nave, battente bandiera egiziana (che trasportava banane), per uscire dall’Europa.
  • Nel 2011, il collaborazionista belga Paul van Aerscholdt disse che Bormann visse in Paraguay e Bolivia, dopo la guerra, con l’identità del prete Agustin von Lembach. Il belga disse inoltre di essersi incontrato con Bormann “quattro volte nel 1950” a La Paz. “Veniva dal Paraguay e stava preparando, con una ventina di ufficiali un colpo di stato per spodestare Perón, in Argentina”.
    Può sembrare folle che Bormann volesse far cadere Perón che tanto aveva aiutato i nazisti, ma i due erano entrati in conflitto sul tema della confisca dei beni espropriati ai tedeschi dal governo quando l’Argentina  dichiarò guerra all’Asse nel 1945.
    Nel 1945 Perón aveva restituito una percentuale bassissima di queste proprietà ai loro legittimi proprietari tedeschi, nonostante i reclami degli stessi. Il leader del giustizialismo aveva trattenuto alcuni valori introdotti clandestinamente nel Paese dai nazisti, che “non gli spettavano” provocando le ire di Bormann.
    Si parla di una montagna di soldi e proprietà immobiliari. Più propriamente, di una “catena montuosa” di soldi, di cui anche Evita Perón si era avvantaggiata negli anni precedenti.

Certo è che Bormann visse gli ultimi anni della sua vita in Paraguay, dove manteneva rapporti con l’Ambasciata tedesca di Asunción, come rivelato dai documenti ufficiali di quel Paese. Alcuni di questi attestano che anche il suo decesso, causato, come ho già scritto, da un cancoro allo stomaco e la sepoltura nel cimitero di Itá.
Solo il suo cranio venne riesumato e insieme ad altre ossa, sepolto a Berlino, dove fu successivamente dissotterrato per far credere al mondo che là era morto nel 1945, vicino alla stazione Lehrter.

 

secondo la rete:

  1. La testimonianza è di Erich Kempka, autista di Hitler, che lo vide addirittura colpito dall’esplosione di un carro armato.
  2. un’altra rivelazione è di Guido Giannettini, famoso agente «Z» del Sid che lo vedrebbe sepolto a Roma (vedi articolo)

E’ sempre impressionante la montagna di bugie riportate sui libri, sui giornali, nella rete, di moltissime cose relative ai nazisti.

Per ulteriori info:

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: