Archivi tag: la strage di Codevigo

Gino Gatta – Zalet

Gino-Gatta

Questo simpatico signore si chiamava Gino Gatta. Qualcuno ancora lo ricorderà come il ” sindaco della liberazione” di Ravenna ma era conosciuto dapprima come commissario politico della 28° Brigata Garibaldi.

orapolitica3

Sulla figura del commissario politico ho scritto e riportato reperti storici negli articoli  de ” l’ora politica “, ma il soggetto in questione forse merita una menzione speciale. Il merito è quello di aver fatto parte di una cricca speciale; quella composta da Bulow, Ennio Cervellati e Gino Gatta. Il commissario politico era la mente che consigliava, che segnalava. E in effetti, dal 29 aprile al 10 maggio 1945 la Brigata comandata da Boldrini con commissario politico Gino Gatta segnalò gli obiettivi e organizzò il famoso rastrellamento di giovani ex militari già smobilitati nelle zone di Bussolengo-Codevigo. Se Bulow fu il braccio, Gatta ne fu la mente. C’è poco da stupirsi. Se la parte hardware (legare i prigionieri col fil di ferro,  trapassare le mani con chiodi da 20 cm e una “ciudela” nella nuca) fu compito degli sgherri sfuggiti al controllo¹, la parte software che regolava il tutto ne era il lato strategico. Se ne è sempre parlato meno. Direi… affatto. Questa era tecnica del consiglio. Di selezionare e provvedere. Ce lo diceva Vittorio Tabanelli. Suo padre, medico condotto a Ravenna, spesso curava l’on. Boldrini e, in 30 anni di professione in cui ebbe modo di vederlo professionalmente, mai un volta si disse pentito della responsabilità degli eccidi ordinati; la stessa cosa accadde anche per Gino Gatta che si trovò costretto a chiamare il medico per le doglie della moglie perché non si fidava più dei medici di partito! Curiosamente, il dottor Giacomo Tabanelli (padre di Vittorio) curò anche il commissario politico poi senatore del PCI Ennio Cervellati, di cui era amico d’infanzia, che fu l’unico a pentirsi di ciò che era successo tanto che rifiutò un funerale di partito.

criccaBulowD

La cricca sembra che consigliasse anche per le zone dove potevano avere qualche influenza. A Faenza, le esecuzioni furono compiute da partigiani della 36° Brigata Garibaldi, una unità comunista che operò nelle zone collinari sotto le direttive che arrivavano da Ravenna. E parliamo di Alfredo Succi, Guido Bissi, Silvana Castellani, Pietro Liverani, Achille Mamini, Sante Bulgarelli, Pasquale Chiodi, Primo Donati e ce ne sono finché se ne vuole. Selezionati e curati.

Bulow+ZaccagniniCè stato un secondo momento in cui l’amico Gatta² vedeva e provvedeva. Come giurato o come giudice; « questo sì, questo no ». Deve essere bello poter disporre del futuro di altre persone, quasi …divino. Nel periodo successivo ebbe l’incarico di faccia pubblica difronte alle suppliche dei parenti delle vittime che gli si prostravano davanti per chiedere informazioni. Gatta li mandava da Bulow. E Bulow li rimandava dal sindaco. Divertente no? « andì da Bulow, lo ul sa!». Con l’aiuto saltuario di Zaccagnini, la cosa ha funzionato per 30 anni. Poi la vita ha avuto il sopravvento. Gino Gatta finì i suoi giorni malamente. Molto. Abbandonato dal Partito (non si seppe per quale motivo) tornò a fare i mestieri più umili; in ultimo portava a domicilio le bombole del gas da cucina. Ritiratosi in un casolare nella pineta di Classe, ove, malato,  lo colse la morte a 63 anni.

.

¹ lo disse Boldrini interrogato nei vari processi fino al 1957

² Boldrini si avvalse anche della testimonianza di Gino Gatta per sostenere che nei giorni indicati degli eccidi era assente per malattia ( non c’era o se c’era dormiva…). Una tecnica vecchia come il mondo. Far testimoniare il falso da un amico o di far in modo di risultare all’oscuro di tutto.

avatar185solo


il lato oscuro di Bulow (la strage di Codevigo)

In questa sede, e credo in nessun altra, nessuno vuol disconoscere i meriti di Arrigo Boldrini che in questi ultimi 60 anni sono stati più volte ricordati, celebrati e insigniti di riconoscimenti. Ribadisco che, personalmente, mi limito soltanto a consegnare alla memoria di chi mi legge gli interrogativi e tutti gli aspetti che il personaggio ha presentato nello svolgere del suo ruolo. E per essere più chiaro mi appoggerò a fonti che di volta in volta citerò.

Vengo al punto. Ho letto di recente “la strage di Codevigo” di Gianfranco Stella e non nascondo che la cosa mi ha mosso pensieri che avrei preferito non avere. Prima di cominciare il libro mi sono ricordato di un detto contadino: «un soldo da solo non suona..!» e mi sono fatto un giro in internet e la cosa che mi è apparsa subito è la lista di detrattori di Bulow piuttosto lunga. Le grida non si placano nemmeno dopo la sua morte avvenuta nel 2008 e ho trovato notizia che in quasi tutte le manifestazioni tenute in suo onore siano apparse contestazioni di un certo peso. Sarà…

A gettare ulteriore benzina sul fuoco è il parere dello storico Gianfranco Stella, autore di “Ravennati contro”, del recente “Crimini partigiani” e di altri testi sulla Resistenza che hanno riaperto vecchie ferite. “Arrigo Boldrini e’ stato il boia di Codevigo”, sostiene Stella nel ricordare Bulow. Parlando alla conferenza stampa organizzata dal Popolo della Libertà ravennate sulle ragioni della protesta contro il monumento a Bulow, Stella spiega: “E’ storia, non ho paura di querele”. A dargli ragione c’e’ una sentenza, riferisce, esito di un “processo lunghissimo e imbarazzante per i magistrati di Ravenna, Rimini e Forli'” che prova “oggettivamente” la strage. Si tratta di un massacro, secondo Stella, con ben 120 vittime, “ma sono solo quelle accertate, io credo che siano molte di piu’. Perche’ i testimoni oculari raccontano che per liberare il fiume Bacchiglione dai cadaveri hanno dovuto usare mine anticarro”. Stella condivide la contrarietà al monumento a Bulow collocato di fronte all’ingresso del Consiglio comunale, perchè “un sindaco deve evitare le provocazioni, cosi’ Fabrizio Matteucci non aiuta il processo di pacificazione”. Il capogruppo di An Sergio Covato, chiarisce che il Pdl “non vuole riscrivere la storia, ma sulla scelta di intitolare o dedicare strade e statue ci vuole, se non l’unanimita’, almeno la massima condivisione”. Per il centrodestra Bulow resta, se non un “boia”, quantomeno il principale rappresentante di un movimento partigiano che “non è quello che combatteva per la liberta’ – spiega Gianluca Palazzetti (An) – ma quello che voleva sostituire al totalitarismo fascista quello staliniano”.

Qui si dirà certamente che sono solo voci della destra revisionista, ecc. ecc. anche quando si cita Giampaolo Pansa (che non è propriamente di destra, anzi…); ma il punto NON è chi lo dice ma cosa viene detto e come viene sostenuto. E a questo proposito colgo l’occasione per riportare alcune frasi, tratte dai diari di Bulow che sono state usate negli anni, non tanto a discolpa ma per chiarire meglio la sua posizione di quei giorni.

ricordo che in quei momenti (fine aprile 45), dopo l’occupazione di Mestre e Venezia, la grande unità ha raggiunto il suo compito offensivo e che perciò tutti i reparti dovranno sostare nelle posizioni raggiunte ma  con il compito di rastrellare residue resistenze, raccogliendo e riordinandosi in attesa di ulteriori ordini ”.

E ancora:

si informa il Governo Alleato della non facile situazione determinata dalla presenza in zona di reparti della RSI sbandati. Per  noi inizia un lavoro nuovo e complesso: bisogna far intendere ai patrioti che la guerra è finita e che si dovranno affrontare i nodi politici, sociali e culturali per la ricostruzione della nuova Italia ”.

Il 6 maggio:

ci giunge notizia che «Cremonini» (della divisione Cremona) e altri partigiani, sollecitati dai rispettivi comandi, danno caccia a fascisti e presunti tali. E’ molto difficile intervenire a causa dell’asprezza criminale della condotta nazifascista durante il conflitto. Il nostro compito è di raccomandare l’autodisciplina, di avere rapporti con il CLN e le forze partigiane della regione “.

Gli eventi si succedono incontrollati e velocissimi.

Per una cronologia più completa si veda: http://torino19.splinder.com/post/12096810 .

Il 10 maggio:

Si ricorda che la direttiva del CLN per il nord Italia del 19 aprile è allineata a quella dei comandi Alleati: «annientare il nemico ovunque si trovi» e anche in questo caso la 28° si assume la piena responsabilità degli ordini che le sono stati impartiti!”.

In questo clima di epurazione legalizzata Arrigo Boldrini accenna a “gruppi autonomi ed incontrollati cheagiscono di notte senza rendere conto dell’operato. Occorre ricordare che gli animi sono esasperati; molti partigiani hanno avuto le famiglie massacrate dalle forze nazifasciste e che abbiamo fatto richiesta ai membri del CUMER (Centro Unico Militare Emilia Romagna) di un premio di smobilitazione da assegnare a tutti in aiuto reale alle famiglie dei caduti e dei feriti e chiediamo inoltre il sostegno del Governo a queste nostre richieste“.

 

Il risultato tangibile di queste esortazioni/richieste di autodisciplina porteranno alle sevizie e alla eliminazione di oltre 365 vite umane inermi, arrese, rassegnate ed ignare. Erano soldati e civili.

Ma Bulow non ne parla. Disse che non sapeva nulla. Possibile? Umanamente accettabile? Alla storia non si consegnano chiacchiere ma fatti , deposizioni, testimonianze. E i libri ci sono. Le testimonianze partigiane pure.

Qualcuno, dopo 50 anni ha parlato prima di morire.

Gianfranco Stella è stato assolto nella causa intentata da Arrigo Boldrini per vilipendio alla Resistenza, il 15 luglio 1998.

 

Per par condicio e per onestà si vuole tenere a mente tutti la memoria per garantire la correttezza della “memoria condivisa” (tanto cara a Larussa), al riparo dal lasciapassare dell’antifascismo che sino ad oggi ha concesso e perdonato sin troppo.

piccoli appunti  (per curiosi)

Ulteriori info in:

eroi senza macchia

crimini partigiani provati

crimini partigiani successivi

not to forget


linea Gotica

05/07/10 – Molto ricca di immagini non di dominio pubblico nella “linea Gotica” di RaiStoria. Focus sul fronte di Vidiciatico e dintorni. Del 1995.

Se solo si ascolta il trailer del documentario redatto da Gianni Bisiach ci si potrà chiedere se sia possibile dire che gli Alleati abbiano valicato gli Appennini un po’ (come dire…) da turisti! Beh, forse turisti proprio no, ma quasi! e non lo dico io, lo dicono i libri, i fatti, i resoconti; ma non è questo il punto; quello che mi piacerebbe far notare è il tipo di atteggiamento che ad un certo punto gli Alleati hanno preso nei confronti del fronte che via via si poteva presentare sulla linea Gotica. Molto di questo nuovo approccio fu adottato subito dopo la battaglia di Cassino e fu frutto dell’aiutante del generale Clark che un bel giorno, vedendo che i partigiani stavano ottenenendo strabilianti risultati contro le armate di Kesselring e cito ad esempio la liberazione totale di Firenze (ho detto ..niente…), suggerì al suo Comandante: «lasciamo che si ammazzino tra di loro, questi italiani!…», alludendo ai partigiani contro i repubblichini e i tedeschi.

Come dargli torto? Ho sempre pensato che se gli italiani (tutti, però) si fossero rivoltati contro gli Alleati con la stessa determinazione, gli Americani non avrebbero passato nemmeno lo stretto di Messina e la storia sarebbe un’altra. Con le varie insurrezioni i tedeschi sono stati buttati fuori da Napoli, Salerno, Roma, Firenze. Attorno a Roma, 4 volontari in tutto hanno tenuto fermo il fronte americano per 2 mesi. dico 2 mesi. E coi fucili a tappi. Viva gli Americani. Dopotutto noi italiani potevamo essere sia gli “spaghetti”, sia il “sugo” (col nostro sangue..) e così è stato. Viva. 

Però il documentario è bello. C’è molto filmato originale ed è del 1995.

Domanda: che effetto può fare vedere e sentire lo scomparso Arrigo Boldrini (Bulow) che apre il documento, dopo aver letto «la strage di Codevigo»? (di G. Stella).

Mah!

not to forget


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: