Archivi tag: Jorge Antonio

Ecco dove è sepolto Hitler…

… e dintorni.

 

Avevo già preannunciato, nella serie Evidence file (che invito a rileggere), relativa alla passata edizione di Hunting Hitler, che il dittatore era sepolto in una cripta, secondo notizie ultime, sotto un albergo visitato ogni anno da nostalgici tedeschi; e finalmente ho trovato l’albergo!

Ciò significa che chi ha i soldi per il viaggio potrà andare a metterci il naso per vedere se è vero. Intanto la foto.


Si chiama: Hotel del Lago ed è sulle rive del lago Ypacarai, nel cuore del centro storico a San Bernardino.
Secondo info, che sembrano precise, per accedere alla cripta bisogna usare un ascensore e sembra che le visite siano molto riservate e controllate. Inutile dire che non si troverà il nome Hitler, ma quello di Kurt Bruno Kirchner, nome dietro al quale si è nascosto, perlomeno, dal 1955 e dove sarebbe sepolto dal 5 febbraio 1971.
Ribadisco che questo Hotel-stabilimento, nella prima settimana di ogni mese di febbraio chiude le sue porte per un gruppo di nazisti o presunti tali che ritornano ad onorare il loro leader.

La cittadina di San Bernardino, fondata nel 1888 da famiglie tedesche, incredibilmente e paradossalmente un anno prima della nascita di Adolf Hitler, oggi ospita ancora una importante e folta colonia tedesca. Anticamente, l’Hotel è stato costruito sopra un vecchio e famoso club germanico. Già dalla metà degli anni 30 il nazismo qui è diventato popolare grazie alla propaganda sostenuta da Bernard Förster, promotore di una delle prime colonie ariane in Paraguay. Il club nazista era al tempo al n.19; 19 come la sua data di nascita vera (e non il 20 – come è stato poi registrato).
Qui, a queste cose ci credono molto.

E a proposito di certezze (o quasi), sempre a bassa voce, qui si sostiene che il Fuhrer sia volato da Berlino in Austria, a Hörsching, poi da qui a Barcellona su un aereo pilotato da Werner Baumbach (morto poi in Argentina nel 1953), poi a Cantabria en Hosteria Las Quebrantas del pueblo de Somo, a sud della baia di Santander, ancora da lì a Vigo (secondo i rapporti dell’MI6) con un sommergibile in Patagonia, dopo una breve sosta di 3 giorni alla Canarie (rileggere il rapporto Evidence 4). Qui riuscì ad insedirsi più stabilmente grazie all’aiuto di Jorge Antonio (nella foto), il proprietario di casa Inalco che abbiamo già conosciuto.
Questa trafila ci ricollega però ad Hunting Hitler 2016.

La saga continua.

Forse un po’ come il closing del Milan, che ha superato lungamente la telenovela di arrivo di Maradona dei tempi passati.
Boh, la battuta forse ci stava, forse no. Vabbè.

Tra le cose folkloristiche c’è anche questa; la camera dove il Fuhrer ed Eva Braun avrebbero dormito.

Tra le notizie mormorate si ricorda il vescovo Alois Hudal, rettore dell’Istituto Pontificale Romano di Santa Maria dell’Anima, che era un seminario di sacerdoti germanici e austriaci che si sono adoperati per far fuggire i criminali di guerra nazisti ricercati e procurare loro documenti di identità tramite l’organizzazione del Vaticano per i rifugiati. Questi documenti falsi erano il primo step necessario per ottenere il passaporto tanto desiderato del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) che rilasciava la prova di identità sulla base delle informazioni rilasciate sulla parola del vescovo Hudal.
I protetti sarebbero stati Erich Priebke, Klaus Barbie, Edward Roschmann, Walter Rauf, Alois Brunner, Franz Stangl, Gustav Wagner, Alois Brunner, Adolf Eichmann e Josef Mengele.
Senza tralasciare Martin Bormann.

Annunci

Escaping_files2017•15


Reinhard Schabelmann

 

Il Fuhrer in Argentina va visto in quest‘ottica: un uomo senza alcun potere, senza influenza sul futuro, quasi vecchio, riluttante e totalmente demoralizzato, ritirato dalla politica, con il dolore per lo sradicamento forzato e tenuto a distanza da tutto l‘alto comando; era questa la condizione del nostro Fuhrer in quel momento e si trattava solo di sopravvivere “.
Reinhard Schabelmann

Negli anni novanta, tramite la sua segretaria Nelly, si ebbero contatti con un vecchio tedesco che si faceva chiamare con il falso nome di Reinhard Schabelmann.
Schabelmann dettava a Nelly le mail che ricevevo. Fu lei a dirmi che il suo capo, nato nel 1916, era troppo anziano per sedersi a scrivere davanti a un computer. L’uomo assicurò che mi trovavo sulla via giusta, quella di Hitler fuggito in Argentina e offrì la sua testimonianza visto che – come disse — aveva partecipato lui stesso all’operazione di evacuazione del Fuhrer verso il Sud America.
I rapporti con Schabelmann — che visse prima in Argentina e poi in Uruguay — si mantennero per anni anche se non acconsentì mai a un‘intervista faccia a faccia, perché di questo la sua famiglia aveva molto timore.
Per sua serenità e convinzione che la storia vada corretta per il futuro, effettivamente il Fuhrer sopravvisse alla guerra e morì in Argentina. Sono stato giovane, responsabile e importante testimone dei fatti, compreso il tempo del suo arrivo e gli anni a seguire, uno degli ultimi superstiti di questo intrepido e viaggio dall’Europa. Passeranno anni, molte generazioni, prima che si possa svelare la verità, ci sono ancora troppe tracce economiche e interessi in movimento riguardo al denar introdotto, un’indagine porterebbe allo scoperto troppi affari che coinvolgerebbero importanti imprenditori del Paese, come pure causerebbe una crisi di proporzioni inimmaginabili nel governo degli Stati Uniti e della stessa Europa. Passeranno cento anni prima che una ricerca vera possa essere portata a termine. Quando ormai non ci saranno più i responsabili diretti.
Il Fuhrer è stato solo una pedina sulla scacchiera di certe corporazioni e non dell‘epoca, ma attuali. Lei si stupirà di come si mantiene intatto il fatturato e, nella ricerca di parte del bottino perso in Argentina, non hanno piste, ma le tracce non gli mancano. In un ambiente umano in cui il tradimento è come l’aria, tanto necessaria per respirare, il Fuhrer perse solo la guerra, ma l’economia era sul punto di conquistarla, la perse a causa dell’età e di certi personaggi che a volte chiamò “camerati”. Sono certo del dolore del nostro Fuhrer nei suoi ultimi anni. Disse: “mi sono sbagliato tre volte nella mia vita, fidarmi di Heinrich (Himmler), fidarmi di loro (banchieri e imprenditori) e non fidarmi di me stesso “. Ogni giorno della sua vita, dopo Berlino e fino a che non ci lasciò, furono ore di angoscia e non troverà pace fino a che la verità non verrà alla luce, ma ancora non è tempo. E’ sulla strada giusta, ma non dimentichi che il tradimento e il movimento che il mondo considera morto, godono ancora di ottima salute “.
Alla seconda comunicazione con Schabelmann, mi rispose: “ Nessuno ha idea dell‘effettiva proporzione degli interessi a cui mi riferisco. Da qui il rischio cui mi sottopongo. Spiego il perché della mia assoluta decisione di mantenere l‘anonimato. In diverse occasioni ho cercato di sbarazzarmi di questi problemi e di non farmi coinvolgere oltre, ma ho partecipato a riunioni in cui si decideva di far sparire fisicamente membri o persone interessate al destino dei valori sottratti, non credo che abbiamo cento anni di perdono, come dice la parabola “.

“Ero uno di quegli uomini, un giovane a quel tempo, con una vita inimmaginabile, ho avuto competenze che superavano lo stesso Von Ribbentrop, lui aveva meno libertà di azione ed era molto meno a conoscenza di cosa si tramava ad altri livelli, sono stato uno degli agenti migliori e forse è per questo che sono arrivato alla mia età “.
“Il Fuhrer in Argentina va visto in quest’ottica: un uomo senza alcun potere, senza influenza sul futuro, quasi vecchio, riluttante e totalmente demoralizzato, ritirato dalla politica, con il dolore per lo sradicamento forzato e tenuto a distanza da tutto l’alto comando, era questa la condizione del nostro Fuhrer in quel momento, si trattava solo di sopravvivere e tali erano le condizioni, da quel momento in poi i nemici del comunismo sarebbero stati unicamente gli Stati Uniti; il mondo può solo accettare e capire che Hitler sopravvisse alla guerra e si stabilì in Argentina. Se guardiamo all‘uomo da questo aspetto, posso garantire che attraversò gravi difficoltà economiche nei suoi ultimi giorni e che, molti di quelli che, fino alla caduta di Berlino, davano la vita per lui, in Argentina si rifiutarono di aiutarlo e si negarono perfino di fargli visita per precauzione, per convenienza o semplicemente perché erano nazionalsocialisti di nome ma non di fatto “.
Sapevamo dell’imminente arrivo di Hitler ma, fino a tre giorni prima, non conoscevamo data e luogo esatta dell’arrivo, io ero il collegamento tra le ambasciate e posso assicurare, con tutta certezza, che le più alte cariche del governo americano sapevano che il Fuhrer si trasferiva in Argentina, ma mai si parlò della possibilità che si suicidasse veramente, il suicidio da sempre fu come calare il sipario sulla sua vita politica e personale.
La strategia venne ispirata dall‘Intelligence americana, la logistica passò interamente ed esclusivamente per noi ed era semplice: dare rifugio a un uomo esiliato e senza alcun potere, dare protezione a uno dei creatori del nazionalsocialismo e garantire massima riservatezza sul suo nascondiglio. Dovevamo preoccuparci solo di un civile: Adolf Hitler, questo facemmo e la nostra missione sarebbe finita alla sua morte. Quando Bormann arrivò in Argentina la faccenda prese un‘altra piega e alcuni di noi ignorarono il caso. Il governo di Adenauer era praticamente gestito dagli americani sul piano economico e da Bormann su quello politico fino al 1951. Dopo la morte della signora Perón, Bormann lasciò il Paese e ognuno fece quello che voleva… “.
“Sfortunatamente i peronisti difendevano ciecamente il loro mentore, il generale Perón, cercando di allontanarlo dalla sua tendenza filotedesca, dal suo gradimento e dalla sua ammirazione per il nazionalsocialismo. Mentre ciò accadeva, nessuno voleva accettare la verità, il Fuhrer era suo ospite. Perón fu a tutti gli effetti un maggiordomo e i servizi segreti americani, finanziati dalle grandi corporazioni che beneficiarono del Piano Marshall, i padroni dell’hotel chiamato “Nuovo Ordine Mondiale “.

Erano vere tutte queste informazioni e le altre che l’anziano signore continuò a fornire fino al 2010? In seguito non si seppe più nulla di lui. Era morto? All’epoca avrebbe avuto 94 anni.
Schabelmann riportò diversi fatti relativi a Hitler in Argentina e mi assicurò che un suo grande amico, che considerava un fratello, era stato Jorge Antonio, il braccio destro di Perón, proprietario di Inalco, in Patagonia, dove Hitler visse per anni.


casa Inalco: qualche notizia oltre …

Casa Inalco (“casa sul lago”), chiamata al momento “Residencia Inalco”, ora è in vendita dopo aver attraversato alcuni proprietari; il primo è Enrique García Merou, un avvocato di Buenos Aires legato a diverse aziende tedesche di proprietà che presumibilmente hanno collaborato alla fuga in Argentina di alti membri del partito nazista e funzionari SS.  Ha comprato il lotto dall’architetto Alejandro Bustillo, che ha creato i progetti originali della casa nel marzo del 1943. Bustillo costruì anche altre case per fuggiaschi nazisti che furono poi fermati nella zona. Il terreno in cui la casa è stata eretta, in Bajia Istana nei pressi della cittadina di Villa La Angostura, era abbastanza lontana e di difficile accesso, al tempo. I piani sono simili alle architetture di rifugio di Hitler sulle Alpi, con camere da letto collegate a bagni e passaggi che si collegavano ad una casa da tè, ben nascosta dietro la casa.
left-group-marginCome il Berghof, casa Inalco poteva essere osservata solo dal lago; nella parte posteriore, una foresta molto densa limitava la vista da terra. Come in Baviera, attorno aveva persino mucche svizzere importate dall’Europa grazie a Merou. Più tardi, Merou vendette la casa a Jorge Antonio, personaggio vicino al Presidente Perón, che è stato il rappresentante tedesco della Mercedes Benz in Argentina.
Secondo il libro “Grey Wolf: The Escape of Adolf Hitler“, nel 1970 Hitler era già morto, dopo aver lasciato anche due figlie,  la casa fu venduta a José Rafael Trozzo. In più, sembra che Trozzo abbia acquistato anche altri immobili di proprietà di qualcuno chiamato “Juan Mahler”.
Mahler era il nome falso di Reinhard Kopps, SS ufficiale e criminale di guerra. Kopps era collegato a Erich Priebke, ex Hauptsturmführer nelle Waffen SS che ha partecipato al massacro di Fosse Ardeatine a Roma, in cui 335 civili italiani furono giustiziati dopo un attacco partigiano contro le forze SS. Priebke era un membro rispettato della alta società della zona.
E ‘stato il direttore di una scuola Primo Capraro. Il figlio di Capraro ha venduto i terreni della casa Inalco a Bustillo.
La famiglia Trozzo ora ha in vendita la casa e i piani originali sono stati pubblicati, sfruttando la pubblicità creata dalla leggenda di Hitler recentemente riportata alla luce dal libro “Grey Wolf”, nel tentativo di aumentare l’interesse sulla proprietà.
Il complesso è stato reso completamente autonomo, con propri animali e nelle aree agricole. Nel piccolo porticciolo che si affaccia al lago,  ha ancora una rampa capace di ricevere un idrovolante.
Come è stato mostrato recentemente, per accogliere un personaggio di alto livello, era stato costruito un bunker sotterraneo fortificato al quale si accedeva dalla casa principale tramite un passaggio che partiva dalle cantine. Negli anni il bunker è stato poi demolito ma ne rimangono ancora le tracce.

casa-Inalco-collage


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: