Archivi tag: fronte orientale inverno 1941

Aerial Oriental front – inverno 1941

part 2

Verso la fine del 1941 un problema balzò alla ribalta del Comando tedesco: gli Stuka erano troppo lenti ed erano diventati una preda facile per le contraeree sovietiche.
Ma un punto sul quale vorrei porre l’attenzione è la presunzione tedesca e la grande ignoranza militare dell’Abwehr.

L’intelligence tedesca ignorava

Non si erano informati. Il punto è che non sapevano.
Ora io mi chiedo come si possa improntare una guerra di aggressione senza disporre di tutte quelle informazioni utili a valutare il proprio nemico.
Ho sempre sostenuto, nella mia ignoranza, che le battaglie sono spesso vinte dai generali, ma le guerre sono vinte dalle industrie.
Dai popoli. E’ la capacità produttiva che fa la grande differenza.
I tedeschi avrebbero dovuto capirlo dopo la Battaglia di Inghilterra; dopo aver distrutto, almeno inizialmente, i campi-volo inglesi.
I britannici hanno saputo rialzare la testa lavorando a ritmi forsennati per ricostruire ciò che gli serviva: navi ed aerei.
E così hanno fatto i russi e mettendo al lavoro tutti. Fino ai ragazzi di 16 anni.
Detta in altre parole e per ragionamento contrario, non puoi non sapere a cosa vai incontro.
Non ti puoi avventurare in un bombardamento su Mosca, con 150 aerei, e trovartene 600 improvvisamente contro.
E, oltretutto, stupirtene.
Non puoi non sapere che la capitale sovietica possa essere strenuamente difesa. L’Abwehr non può non conoscere l’ubicazione delle difese ed e i punti sensibili della città da colpire.
Altrimenti è tutto una lotteria. E non può essere così.

L’informazione preventiva era un sistema usato persino dai Romani di Cesare, che mandavano civili a visionare e spiare il nemico; e non si muovevano se prima non avevano tutte le informazioni chiave.

Continua a leggere

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: