Archivi tag: fascismo

prospettiva

Chi ha scritto queste righe probabilmente oggi non è più…, ma anche se l’argomento non è più attuale, trovo corretto riproporre una prospettiva che merita qualche riflessione.

.

Non atteggiamoci tutti a vittime dell’oppressione.

 Venti anni di storia li abbiamo fatti insieme: lui, il Duce, inebriandosi dai balconi per le «oceaniche» adunate, e noi pettoruti e tronfi, cantando “Giovinezza”.

Noi non siamo stati un popolo oppresso né martiri di una dittatura; chi più chi meno, abbiamo preso gusto al gioco, qualcuno reagendo debolmente con le barzellette sussurrate, qualche altro adagiandosi quieto quieto, tutti facendo a gomitate per le patacche. Persino il re fece festa quando fra queste ultime fece capolino l’aureola imperiale… 

Gli antichi saggi, quelli che con la sola forza dello spirito e dell’intelletto illuminarono il cammino dell’uomo, scrissero sui templi sacri «conosci te stesso, indicando non essere permesso avvicinarsi alla purezza senza aver prima guardato dentro di noi e giudicato noi stessi.

La nostra natura fisica e psicologica ci ha sempre portati ai facili entusiasmi ed alle ancor più facili lacrimazioni. La nostra emotività risente indubbiamente della natura che esplode nei giardini, nel sole inebriante, nei fiori… La brevità non consente ulteriore analisi storica, sociale e psicologica, ma è antica conoscenza che un popolo ha il governo che merita. Ha torto chi vuole scagionarsi, ha ancora torto chi accusa. Guardi quest’ultimo dentro se stesso ed ancora oggi si accorgerà quanto sia difficile giudicare con giustizia…


aggiornamento documentari (fine luglio)

 

• 26/07/10 – Ultima puntata di “Breve storia del Fascismo” curata da Folco Quilici; da Rete4, conclude la serie: “Dalla guerra parallela alla guerra tedesca“, film di Renzo De Felice.

• 25/07/10 – Interessanti documentazioni in “La parola a Dino Grandi“: gli eventi storici nell’ Italia fascista del 1943, di Adriano Pino, Giovanni Cervigni (1984); e “Dal Gran Consiglio al GranSasso“: interviste a testimoni oculari dell’ arresto di Mussolini, di Sergio Zavoli (1989). Una bella nota a margine da Giovanni De Luna nei <100 secondi> sulla caduta del Fascismo e i suoi interrogativi a noi rimasti.

• Il 27 luglio è ri-andato in onda “Il Re e i Generali son fuggiti a Brindisi” su RaiStoria; argomento, questo, a me tanto caro sul quale tanto ho scritto (e male) in recenti articoli. Di Walter Preci e Stefano Munafò (1974). Qui cito la pubblicazione precedente: 

08/09/09 – una ricca suite di filmati e notizie sulla ignominiosa fuga del Re a Brindisi, costituita da “Armistizio, Settembre43, fuga a Brindisi e Brindisi: capitale d’Italia“.

Si sa; in estate fioccano le repliche e RaiStoria di nuovo, nel palinsesto, ha pure implementato  la pubblicità! Ci manca solo che Hitler venga interrotto dai pannolini e siamo a posto!

• “Il prezzo della Resistenza” è un documento che traccia nuove prospettive di interpretazione della lotta contro il nazifascismo. Il grande dubbio: il costo dell’inevitabile rappresaglia tedesca vale il gesto? Il gioco val la candela? L’on. Amendola consegna alla storia una dichiarazione sulla strage di v. Rasella (e Fosse Ardeatine…dopo) che francamente io non accetto in nessun modo. Poi è chiaro che io non valgo nulla…, è chiaro che io non c’ero, è chiaro tutto quello che vuoi; ma non sono assolutamente propenso a digerirla. Gli interessati sono pregati di ascoltarlo e di ragionare: non puoi mettere in gioco 330 persone (civili o galeotti fa lo stesso) per colpire 33 inutili e spocchiosi fanti. Trovi un altro modo. La legge tedesca si conosceva anche prima: 1 tedesco-10 italiani! E c’era chi voleva distruggere tutto il quartiere! Ne valeva la pena?

• “I giorni dell’insurrezione” è un DvD che contiene 2 puntate di RaiStoria di indubbio valore; la liberazione di Genova, Milano e Torino attraverso i racconti dei protagonisti (1975).


Le radici della libertà

11/07/10 – “le radici della libertà” è un documentario per la regia E.Olmi, del 1974, sull’ opposizione al fascismo e ai primi tentativi di resistenza al regime. Da RaiStoria.


Tributo a Montanelli

21/06/10 – Un ulteriore tributo a Indro Montanelli con questa intervista (da YouTube) sul “Fascismo” come il giornalista l’ha inteso. Il fascismo è stato…Mussolini. Merito anche al rip che ha fatto l’upload. Solo una nota. A volte si leggono commenti che umiliano solo chi li scrive. Con rispetto parlando. Questo è uno di quei casi dove le democrazie falliscono. Con la scusa della libertà di parola, chiunque è sempre abilitato a dire la sua puttanata. Ognuno però, può uccidersi come vuole.

L’intervista merita proprio.

sul sito 557.it


tragico e glorioso 43

Prosegue la serie di RaiStoria <tragico e glorioso 43> con “i torturati di via Tasso” con i testimoni e sopravvissuti alle torture. Impressionante. Questa è una roba fatta bene, firmata Gianni Bisiach ed altri, che ci racconta con estrema cura eventi, cronologia e personaggi di quei giorni. Gira e rigira c’è sempre di mezzo Kappler! Se avete visto ” deportazione dell’esercito italiano” e ci aggiungete “morte a Roma” vi farete un’idea precisa del momento storico.

25/03/10 – “Morte a Roma – (da via Rasella alle Fosse Ardeatine)” spiega cronologicamente gli avvenimenti precedenti e seguenti il famoso attentato. Raramente ho sentito spiegare le cose con tanta dovizia di particolari; Gianni Bisiach è un maestro in questo.


nascita di una dittatura

10/06/09 – Di assoluto valore l’analisi politica di Sergio Zavoli sull’avvento del fascismo, dal titolo “nascita di una dittatura” (in 6 puntate di un’ora circa) con le interviste ai personaggi chiave dell’epoca.

Questa serie, mandata in onda in Rai nel ’73 (credo) e riproposta nel 2009 da RaiStoria, a mio modo di vedere è una perla di Sergio Zavoli che gli appassionati e curiosi di storia non possono non apprezzare. Personalmente, non ho mai compreso sino in fondo il perchè la Rai (o chi per lei) non abbia messo in vendita a disposizione raccolte di questa caratura. Tra l’altro, e parlo per esperienza diretta, chiedere le cose alla Tv di stato è sempre molto difficile da sempre tanto da far desistere chiunque dall’intento. 

Un altro bel documentario che ci parla del “ventennio” e dintorni, da Rai3, è la serie “Dittatura“, in 3 filmati, di assoluto valore per quantità di contributi. Il Duce, su “la Grande Storia”, in una puntigliosa analisi a cura di Luigi Bizzarri. Gli inglesi direbbero: un “must have”.

le anteprime di questi filmati si possono gustare (è il caso di dirlo) su http://www.557.it

NB. per esempio, ieri il server si era impallato e una nota di merito va a Telecom che prontamente è corsa a riparare il guasto. Devo dire la verità. Per quanto scalcagnata, almeno l’assistenza di Telecom c’è!  Viva. Con altri (non so voi…) mi tocca sudare 7 camicie e a volte non basta…


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: