Archivi tag: documentario

Amedeo Guillet

Il comandante diavolo.

Sembra di parlare di un mondo quasi fiabesco, lontano nel tempo, ma è tutto vero.

Il documentario è la storia straordinaria di un uomo dai mille volti: ufficiale, agente segreto, ambasciatore, stalliere, acquaiolo, scaricatore di porto e soprattutto guerrigliero. Un uomo imprevedibile e temerario che per restare fedele al suo codice d’onore cambierà identità, patria e lingua. La sua avventura comincia con la disfatta fascista in Africa orientale. Oggi, sembra più conosciuto in Inghilterra che in Italia. Eppure la sua epica storia è tutta italiana. Nel 1938, sotto il comando del duca Amedeo d’Aosta, forma il “Gruppo Bande a Cavallo dell’Amhara” composto da circa 1500 ascari di varie etnie del Corno d’Africa, col quale si distinse per alcune eroiche vittorie. Tra tutte quella più importante è forse quella del gennaio 1941, quando, a Cherù, in Eritrea, la cavalleria di Amedeo Guillet caricò una formazione di carri armati inglesi armati, la “Gazelle Force”, di sole spade, pistole, fucili e bombe a mano. Carne contro acciaio: tra morti e feriti persi 800 uomini. Ma vinse. Nell’ aprile del 1941, in Africa Orientale, mentre le truppe britanniche entrano vittoriose ad Asmara, l’esercito italiano è costretto alla ritirata. Nel caos generale gli Ascari disertano, i civili fuggono dove possono. Il giovane ufficiale italiano il tenente Guillet, rimasto solo con un centinaio di Ascari a cavallo decide di non arrendersi. Continua la sua guerra personale. Gli Inglesi mettono sulla sua testa una taglia di mille sterline oro, vivo o morto. Tolta l’uniforme militare, il tenente indossa il turbante e la futa, tipici dell’abbigliamento abissino. Inizia qui una vita densa di avventure, di travestimenti, di fughe.

Da leggere c’è un libro scritto da Sebastian O’Kelly:

o per approfondire c’è il documentario sul sito www.557.it

Bello poter parlare di uomini così.

Annunci

aggiornamento documentari (fine luglio)

 

• 26/07/10 – Ultima puntata di “Breve storia del Fascismo” curata da Folco Quilici; da Rete4, conclude la serie: “Dalla guerra parallela alla guerra tedesca“, film di Renzo De Felice.

• 25/07/10 – Interessanti documentazioni in “La parola a Dino Grandi“: gli eventi storici nell’ Italia fascista del 1943, di Adriano Pino, Giovanni Cervigni (1984); e “Dal Gran Consiglio al GranSasso“: interviste a testimoni oculari dell’ arresto di Mussolini, di Sergio Zavoli (1989). Una bella nota a margine da Giovanni De Luna nei <100 secondi> sulla caduta del Fascismo e i suoi interrogativi a noi rimasti.

• Il 27 luglio è ri-andato in onda “Il Re e i Generali son fuggiti a Brindisi” su RaiStoria; argomento, questo, a me tanto caro sul quale tanto ho scritto (e male) in recenti articoli. Di Walter Preci e Stefano Munafò (1974). Qui cito la pubblicazione precedente: 

08/09/09 – una ricca suite di filmati e notizie sulla ignominiosa fuga del Re a Brindisi, costituita da “Armistizio, Settembre43, fuga a Brindisi e Brindisi: capitale d’Italia“.

Si sa; in estate fioccano le repliche e RaiStoria di nuovo, nel palinsesto, ha pure implementato  la pubblicità! Ci manca solo che Hitler venga interrotto dai pannolini e siamo a posto!

• “Il prezzo della Resistenza” è un documento che traccia nuove prospettive di interpretazione della lotta contro il nazifascismo. Il grande dubbio: il costo dell’inevitabile rappresaglia tedesca vale il gesto? Il gioco val la candela? L’on. Amendola consegna alla storia una dichiarazione sulla strage di v. Rasella (e Fosse Ardeatine…dopo) che francamente io non accetto in nessun modo. Poi è chiaro che io non valgo nulla…, è chiaro che io non c’ero, è chiaro tutto quello che vuoi; ma non sono assolutamente propenso a digerirla. Gli interessati sono pregati di ascoltarlo e di ragionare: non puoi mettere in gioco 330 persone (civili o galeotti fa lo stesso) per colpire 33 inutili e spocchiosi fanti. Trovi un altro modo. La legge tedesca si conosceva anche prima: 1 tedesco-10 italiani! E c’era chi voleva distruggere tutto il quartiere! Ne valeva la pena?

• “I giorni dell’insurrezione” è un DvD che contiene 2 puntate di RaiStoria di indubbio valore; la liberazione di Genova, Milano e Torino attraverso i racconti dei protagonisti (1975).


la tragedia di Cefalonia

19/07/10 – Da RaiStoria una serie di testimoni raccontano “la tragedia di Cefalonia” attraverso la voce di alcuni militari sopravvissuti; del 1970. Imperdibile. Probabilmente, questo è uno dei più esaustivi documentari sull’argomento.


il canale Mussolini

04/07/10 – Intervista a Antonio Pennacchi, autore del libro “il canale Mussolini”, andata in onda tardi su RaiDue, nella quale l’autore esprime il proprio punto di vista sulla obiettività dei giudizi sul Fascismo e l’importanza delle storie narrate nel romanzo.

Solo un commento. A Cesare quel che è di Cesare. Però tutto.

not to forget


lo sbarco di Anzio e la battaglia per Roma

09/04/10 – Nel percorso del settembre ’43, ora siamo allo “sbarco di Anzio e la battaglia per Roma“. Lo sbarco degli alleati e le operazioni per la liberazione attraverso le testimonianze dei sopravvissuti.

Allora il mio amico forse aveva ragione: “alla fine l’acqua che si pesta è sempre la stessa…”. Sto parlando con un filo di amarezza per via di alcuni titoli di documentari che RaiStoria manderà in onda nelle prossime settimane; si tratta di cose già viste e straviste su History channel, credo, 2 o 3 anni fa. Certo, i palinsesti vanno riempiti; mi aspettavo però che ci fosse una qualche implementazione di testimonianze, chessò…qualche documento ritrovato. No. E’ proprio la sola produzione di Istituto Luce con l’add on di un paio di inserti di G.Minoli. In realtà so che la mia lamentela non ha senso; cosa pretendevo? che si rigiocasse la partita? no! Però a questo punto mi aspetto che mi mandino in onda il “pacchetto completo” dell’Istituto Luce che tutti i canali (compreso l’antico MT channel di Cecchi Paone), a turno, mandino “Mattatoio Cassino” e altre cose che si trovano già sul sito 557.it, addirittura nelle prime pagine. Ok, adesso la smetto. I lati positivi: avevano cominciato benissimo (parlo di RaiStoria) con servizi del 1965, praticamente inediti, con immagini quasi inedite (a quei tempi ero un bimbo..) e commenti ancora infuocati, quasi rabbiosi, giornalistici e quasi di cronaca. Poi, forse, non hanno trovato servizi sulla battaglia di Roma e dintorni e allora… vai con l’Istituto Luce! E’ il canto accorato di un appassionato di storia, mica di un rompi…!

Insomma mi aspettavo qualcosa sul generale Clark che si è sempre visto poco, di lui si sa poco, degli abitanti di Littoria (Latina), del cannone K5 (Bertold) che sparava su Anzio…


la Guerra del secolo 9

30/03/10 – E’ uscita la nona puntata della <Guerra del secolo> con “arrivano i russi“; lo sfondamento delle linee fino al fiume Oder e il terrore degli abitanti del Reich più orientale; poi “vittime di guerra” e “i colori della guerra” ancora sul versante del Pacifico.


la Divisione Aqui

Un documentario dedicato alla “Divisione Aqui” a Cefalonia; una storia per la quale si continua a ricercare documenti dopo che l’ultimo processo di Monaco ha assolto di fatto il comandante tedesco Huber Lanz di strage. Queste cose non sono di dominio pubblico e non lo saranno mai, ma fa male sapere come vengono gestite. No comment.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: