Archivi tag: contratto CLNAI-Alleati

per 30 denari

contrattoCLNAIApprendo e pubblico una vicenda sicuramente poco nota al grande pubblico:  un contratto con il quale il CLNAI, in pratica, vendette i propri diritti  (conquistato sul campo) agli Alleati, in cambio di forti sovvenzioni ma accettando però pesanti condizioni politiche che oggi direi, come minimo, ” … da definire “.

.

riga

Tutto parte da un bisogno pressante: trovare soldi per aiutare la guerra partigiana, in quel momento in grande difficoltà (1944), dato che il governo italiano, sotto tutela della Commissione di Controllo Alleata, non poteva fare nulla. Dopo un incontro di Parri e di Valiani in Svizzera con esponenti inglesi, fu stabilito che una delegazione del CLNAI  sarebbe andata nelle Puglie per trattare questioni essenziali per la lotta clandestina col comandante della  Special Forces e con l’O.S.S.

delegazione

Un problemino; gli alleati mettono a disposizione un aereo con soli 4 posti, quindi decidono di andare Pizzoni      (presidente e tesoriere del CLNAI), Parri (Comando Volontari), Sogno (partigiano di collegamento fra gli alleati e il CLNAI) e Pajetta, (vice-comandante nazionale CLNAI e comunista), questo con un certo riserbo perché i comunisti non erano ben visti (eufemismo) dagli Alleati.   Bene.    Il 14 novembre 1944 il gruppo giunge a Monopoli, sede degli uffici ed inizia una serie di trattative che si prolunga per 3 settimane. Dopo aver rischiato di veder crollare miseramente la guerra partigiana per posizioni intransigenti dettate da esigenze opposte, si concluderanno il 7 dicembre a Roma firmando l’accordo (che pubblico sotto). Gli Alleati riconoscono così il Cvl e si impegnano a sostenerlo con regolari finanziamenti; dall’altro, il CLNAI accetta come comandante del Cvl il generale Raffaele Cadorna e garantisce di operare in modo militarmente totalmente subordinato agli anglo-americani, oltre che di mantenere la legge e l’ordine nelle zone via via liberate, di cedere successivamente i poteri al governo militare alleato e di sciogliere e disarmare le formazioni alla fine del conflitto.

In base a questo testo, politicamente e militarmente, al CLNAI, in compenso di una sudditanza assoluta e totale, gli Alleati offrirono un contratto mercenario di 160 milioni mensili.

contrCLNAI

contratto (in formato .doc – scaricabile)

Sintomatico è che nei loro rispettivi memoriali, Longo non fa il minimo accenno al patto; Valiani dà per certo che i 160 milioni li versava il governo di Roma. Viene da credere che gli stessi firmatari provassero un profondo senso di umiliazione, disgusto e vergogna. Nei successivi anni, il patto segreto e la dipendenza dall’O.S.S. sono stati dimenticati e non se ne è più parlato; cancellati dalla memoria storica così come tante altre cose non troppo gradite.

arrendetevi

avatar185solo


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: