Archivi tag: Carlo Slama

il sogno segreto _2

Quando Hitler salì al potere nel 1933, il motore a scoppio aveva meno di 30 anni; le menti tedesche approntarono progetti così innovativi che, a guerra appena terminata, diventeranno la base di buona parte della scienza areonautica e areospaziale odierna.

L’Arado 234: il primo bombardiere-ricognitore a reazione della storia. Quasi impossibile da intercettare per i caccia alleati ma, come per altri modelli tedeschi, entrò in scena troppo tardi per cambiare il corso del conflitto.Arado234

Come per altri progetti, dal 44 in poi non c’erano più risorse per lanciare produzioni significative per la guerra in corso.  L’ME262 e lo Schrieversche: la futuristica arma che avrebbe dominato il mondo.

Me+ufo

Ma c’è ancora un episodio chiave. Marzo 1944. Nella foresta delle montagne dello Hartz si svolge un test: si deve provare una macchina ultrasegreta che emette un raggio invisibile che distrugge ogni cosa. Nonostante il periodo di grandi ristrettezze,Xray-full i tedeschi dispongono ancora di quantità di metalli preziosi e strumenti di misurazione estremamente rari. Il test va a buon fine e dimostra che la macchina può sparare un raggio fino a 40 Km di distanza.

Gefahren_zone

Ma a quel punto, misteriosamente, il fascicolo di sperimentazione viene chiuso e non se ne saprà più nulla. L’unità di sviluppo verrà sciolta nell’ottobre del 44 nel più grande silenzio. Un vero mistero.

Ma la folle corsa alle tecnologie aveva ora un’altra priorità. Sempre in ottobre del 44,  nel corso di un discorso, Hitler pronunciò la famosa frase: “Dio mi perdoni gli ultimi cinque minuti di guerra “. Alcuni storici ed esperti di guerra sono convinti che nei primi mesi del 44, egli fosse ormai pronto a disporre di  una “bomba disgregatrice ” (come la chiamavano i generali) e la cosa mise in allarme il mondo intero. RugenQuesta ipotesi è sostenuta da una letteratura imponente; da Luigi Romersa, a Rainer Karlsch, a David Porter, J.McGovern, Carlo Slama, + un migliaio di pagine web sul tema. (nota polemica)

|

testimonianza di titoloRomersa (readMe)

atomic-blast

L’operazione Alsos è la serie di attività spionistiche che gli Alleati intentarono per capire a che punto di sviluppo fosse l’atomica di Hitler e 100scienziatiper reclutare esperti idonei al Progetto Manhattan, impedendo loro di finire in mano ai sovietici. I tedeschi, a detta di Goebbels, centinaia di scienziati stavano lavorando alla disgregazione dell’atomo dal 1942.

|
uncovered-secret
Il punto finale.

– L’ordigno sarebbe stato comunque a basso potenziale -. Contrariamente a quanto sostenuto da tutti, la bomba esisteva davvero ma di potenza 200mila volte più piccola di quella di Hiroshima. E’ quanto sostengono le ricerche dello storico di Berlino Rainer Karlsch nel suo libro “Hitler’s bomb”. Centinaia di persone morirono negli esperimenti atomici di Hitler, e vicino a Berlino esisteva “il primo reattore atomico tedesco funzionante”. Si trovava nel paese di 350 anime di Gottow (Teltow-Flaeming, Brandeburgo) in una zona definita di massima sicurezza. “Versuchsstelle Gottow”, era la sua denominazione (centro sperimentale Gottow) e l’accesso era vietato al pubblico. I dipendenti erano mal protetti contro le radiazioni e almeno uno fu contaminato e ricoverato al vicino ospedale di Zossen dove morì di una morte atroce -.

atomicBombLa bomba prodotta in segreto dalla piccola equipe di scienziati di Hitler, fatta esplodere nei test, è piuttosto paragonabile a una “Dirty Bomb” (bomba atomica sporca): ovvero una piccola quantità di materiale nucleare avvolta in una grande quantità di esplosivo.

Il Reich nazista “stava per vincere la corsa per la prima bomba atomica“, RynerKarlschafferma l’autore, dopo aver cercato negli archivi russi, in dozzine di interviste a storici amatoriali nei nuovi Laender della ex DDR e basandosi su fonti, finora inedite, perizie fisiche e rilevamenti non effettuati per ostruzioni politiche.

W.HeisenbergLa Germania non costruì la bomba atomica come le bombe americane; si trattava di un tipo di ordigno atomico “speciale”. Ciò che vide Romersa fu una  sorta di bomba ibrida, ciò significa una combinazione dei processi di fissione e fusione nucleare. La bomba nucleare (termine corretto) NON fu realizzata probabilmente perché mancarono le conoscenze effettive, poi, le materie prime: uranio e plutonio; forse non riuscirono a mettere a punto l’innesco ed, infine, sarebbero poi mancati anche i mezzi per trasportarla.

Per mancanza di risorse, per dispersione di energie, per mancanza di collaborazione tra le varie strutture scientifiche e per l’ossessione per il segreto di stato, svanirono nel nulla tutti i progetti del sogno nazista. Le “wunderwaffe” rimasero solo speranze, naufragate nel maggio del 1945.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: