Archivi tag: bollettino 926

bollettino 926: 7 dicembre 1942

 

 

 

Intensificata attività di artiglierie e dei reparti esploranti nella Cire­naica occidentale.

Nel settore tunisino, ultimate le operazioni di rastrellamento del nodo stradale e ferroviario di Tebourba — dove si è duramente com­battuto dal 1° al 4 dicembre — le perdite nemiche sono complessi­vamente salite a 1100 prigionieri, 72 mezzi corazzati, 41 cannoni, 40 mortai, 374 autocarri.

Aerei italiani e tedeschi hanno ripetutamente bombardato i porti di Bona e di Philippeville e alcuni centri ferroviari della Tunisia causando notevoli danni ad impianti, depositi, materiale rotabile. Cacciatori dell’Asse abbattevano in combattimento, nei cieli dell’Afri­ca settentrionale, 7 apparecchi avversari.

Tre nostri velivoli non hanno fatto ritorno dalle operazioni belliche.

La Royal Air Force attacca Tripoli.

InTunisia combattimento localizzato. L’aviazione aerea bombarda il porto di Phillippeville.

B-17 Flying Fortress della 12a US Air Force, scortati dai P-38 Lightning, bombardano il porto e le banchine di Biserta.

Sul fronte orentale i sovietici attaccano per costruire una testa di ponte sul fiume Chir, minacciando le basi aeree utilizzate dai tedeschi per rifornire le truppe circondate da Stalingrado. L’undicesima Panzerdivision ferma l’avanzata sovietica al prezzo di perdite molto pesanti.

Sul fronte di Sanananda, la trentesima brigata australiana sostituisce il sedicesimo, alla fine servizio rimpiazzando chi soffre di malaria.

I distaccamenti australiani che volevano liberare gli americani circondati dalla pista Soputa-Sanananda falliscono nel loro tentativo.
Le altre unità americane sono sostituite da nuove truppe australiane.

Nuovo attacco australiano contro il perimetro giapponese di Buna.
A sud, gli australiani riescono a rimuovere i giapponesi dalle loro posizioni.

B-25 Mitchell della 5a US Air Force conducono missioni di attacco radente contro posizioni di truppe giapponesi dall’aerodromo di Buna e Lae.

B-17 stanno prendendo di mira navi giapponesi al largo di Gona e Gasmata Island.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: