Archivi tag: bollettino 826: 31 agosto 1942

bollettino 826: 31ago1942

 

 

Colpi di mano tentati da pattuglie nemiche sono falliti sul fronte egiziano, dove vivace è stata l’attività aerea; in combattimento con­tro formazioni avversarie, superiori di numero, due apparecchi ve­nivano abbattuti dai nostri cacciatori e molti altri efficacemente mi­tragliati.

Nel corso di attacchi contro nostri mercantili, quattro velivoli ne­mici sono stati distrutti nel Mediterraneo dalla caccia italiana, due dal tiro contraereo di una nostra unità navale, due altri da aviatori tedeschi; un piroscafo risulta non gravemente danneggiato.

Non hanno fatto ritorno dalle loro missioni di guerra due nostri aerei.

Sul lago Ladoga un trasporto sovietico di 1.300 tonnellate, in navi­gazione verso Leningrado, è stato silurato e affondato il 27 corrente da un mas italiano al comando del sottotenente di vascello Aldo Benvenuto.

Le truppe di Rommel non riescono a perforare le fortificazioni di Alam Halfa, ostacolate dagli attacchi del RAF, campi minati, mancanza di carburante e presenza sul loro fianco destro della 7a Divisione corazzata. Rommel annuncia alle sue truppe che saranno ad Alessandria in tre giorni. L’artiglieria britannica e la RAF bombardano posizioni tedesche giorno e notte.

Il ministro dell’Agricoltura Claude Wickard annuncia che probabilmente sarà necessario introdurre il razionamento del cibo.

A ovest di Stalingrado, le truppe tedesche continuano ad avanzare verso la città e sono a soli 26 chilometri di distanza nonostante la forte resistenza sovietica.

Atterraggio di 1200 soldati giapponesi sotto gli ordini del generale Kawaguchi.

Ripresa dell’offensiva da parte delle forze australiane. Di fronte al peggioramento della situazione, il comando giapponese ordinò al generale Horii di mettersi sulla difensiva. Il generale giapponese Hyakutake, alla testa della 17a armata, dirige le sue truppe dalla baia di Milne, in Nuova Guinea, per concentrarsi su Guadalcanal.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: