Archivi tag: Arturo Bocchini

Ovra

titoloOvra

Già dall’attentato di Bologna del 31 ott ’26, l’allora capo della polizia, Arturo Bocchini, fu pervaso dall’ossessione di prevenire i crimini politici. Per questo motivo, nel 1927 venne aperta una sede, a Milano, sotto l’insegna di copertura di «Società anonima vinicola meridionale». Perché Milano? Per il motivo che la città era considerata la più attiva e reazionaria nei confronti del regime. A.BocchiniNasce così una squadra di agenti segreti e di ispettori incaricati delle indagini e del lavoro quotidiano e, soprattutto, una fitta rete di informatori prezzolati e reclutati in ogni ambiente. A capo c’è Francesco Nudi, un poliziotto allora molto stimato. Questa rete si prefigge di spiare e riportare TUTTO quello che capita di sentire, i rumors e di osservare in giro. Per fare questo si rivolge al “popolino” di tutte le risme: ladri, prostitute (molto attive), camerieri, portinai, operai; fino ad arrivare a medici, docenti universitari, giornalisti e dame di alta borghesia. Non ultimi, anche molti commercianti e scrittori (ad es. Dino Segre – pseud. Pitigrilli).

Tutti gli italiani dovranno sentire in ogni momento della loro vita di essere sotto controllo, tenuti a bada, scrutati, sorvegliati da un occhio che nessuno sara’ in grado di individuare”!disse Mussolini. “Il nuovo organismo avra’ poteri e possibilita’ illimitati e dovra’ esterderli su tutto il Paese come una gigantesca piovra…”aggiunse dopo una riunione con alcuni gerarchi.

gotha-OvraQuesto nuovo organismo, al di fuori di ogni controllo statale ed estraneo ad ogni struttura politica, fu conosciuta solo dopo un comunicato dell’agenzia Stefani del 3 dicembre 1930, nel quale si diceva: “La Sezione speciale Ovra della direzione generale di PS, dipendente direttamente dal ministero dell’ Interno, ha scoperto un’organizzazione clandestina che ordina delitti contro il regime, alcuni dei quali dovevano avvenire in occasione dell’ottavo annuale della marcia su Roma”. Ovra = Opera di vigilanza repressione antifascismo.

archiviOvraCon un finanziamento di 350mila lire (di allora) e promettendo stipendi che potevano raggiungere anche le 5000 lire al mese + i premi-produzione, si trovò ad aprire in breve altre sedi a Bologna, Avezzano, Palermo, Catania, Napoli, Firenze , Roma, Pescara, Bari e Zagabria. E con il crescere dell’Ovra crescevano anche le assegnazioni di fondi fuori controllo, tipo Sisde: e come si usava nel Sisde, anche allora se c’era bisogno di denaro per operazioni sporche e arricchimenti privati si ricorreva a questi pozzi di San Patrizio. Ovra-MAd arricchire il consistente gruzzolo c’era anche il pensiero ripugnante di poter colpire impunemente alle spalle le persone odiate, certi di non venire smascherati. A liberazione avvenuta, i nomi di moltissimi informatori ( più di 5000) stipendiati dell’Ovra compariranno, in un fascicolo della Gazzetta Ufficiale, che pubblicò solo 622 nomi maschili, 98 femminili. La lista era stata riveduta e corretta. Come sempre avviene in questi casi. Grazie all’operato del capo, Guido Leto, furono arrestati Riccardo Bauer, Umberto Ceva (che si uccise in carcere per non parlare), Dino Gentili, Ferruccio Parri, Ernesto Rossi, Nello Traquandi, ossia il vertice di “Giustizia e liberta’,” in Italia. Altri nomi colpiti furono: Vittoria Foa, Cesare Pavese, Leone Ginzburg, Carlo Levi, Massimo Mila e Michele Giua, i cervelli dell’ antifascismo torinese. Un altro personaggio equivoco (a detta di molti) fu il questore di Roma Saverio Polito, abile ad arrestare con l’ inganno il capo dell’ufficio stampa di Mussolini, Cesare Rossi, al tempo delle sue rivelazioni sulle responsabilita’ del Duce nel delitto Matteotti, attirandolo in Svizzera e di la’, a Campione, dove gli mise le manette.

ovra-copL’Ovra era comunque un mezzo per sfogare vendette personali e per attuare esagerazioni di ogni tipo. A completamento, nasce anche il Tribunale speciale per la difesa dello Stato, l’estensione “pubblica” e legale del Fascismo; dietro l’Ovra a fare il il “braccio operativo”. Tra il 1927 e il ’29 il binomio fruttò 5046 persone giudicate per antifascismo; tra il ’31 ed il ’38, per 33 milioni di segnalazioni, vennero arrestate 579.341 persone e 13.105 mandate al confino. L’Ovra sarà poi operativa fino al 1943, diventerà poi POLPOL fino al 45, poi SIM, SIFAR e SIOS, SID, SISMi e SISDe con moltissimi elementi che saranno sempre al servizio del governo in carica.


Secret diktat del Duce

Secret-Ufo

titolino-far-sparire

Misteriosi velivoli non convenzionali ? Come ? Dove ?

I fatti (in breve)

Nel 1933, in Lombardia, sembra sia atterrato (è una parola grossa; forse schiantato…) un veivolo non convenzionale; immediatamente recuperato in grande fretta dalla polizia segreta fascista e poi fatto sparire nel nulla. L’astronave, caduta il 13 giugno tra Milano e Varese ed i suoi occupanti sarebbero stati trasportati a Vergiate, nelle famose officine SIAI-Marchetti. Nello stesso anno un altro avvistamento importante fu fatto a Forlì il 14 agosto. Il sign. Elvano Frerrini, di 16 anni, assiema a numerose altre persone osservarono un ‘sigaro volante’ che attraversò, apparendo e scomparendo fra le nuvole, tutta la volta del cielo per una trentina di secondi, verso le 14.30, maestoso e velocissimo. ‘Né prima né dopo ho mai visto qualcosa di simile’, ci ha dichiarato il testimone nel 1991.” Un altro avvistamento pubblico, del 22 ago 1936 e confermato dai militari che si alzarono in volo, sopra Venezia. I caccia ne persero subito il contatto. Poco dopo, l’astronave-sigaro fu notata dalle parti di Trieste.

Il telegramma delle 17. 07 del 13 giugno 1933 – Ag. Stefani – recitava:
«D’ordine personale del Duce disponesi immediato – dicesi immediato – arresto diffusione notiza relativa at aeromobile natura et provenienza sconosciute di cui at dispaccio Stefani data odierna ore 7.30 (…) Dir Gen Affari Generali. Fine stop»

Quindi, non appena i servizi segreti del Duce si trovarono dinanzi a qualcosa di non controllabile direttamente dal loro sistema, operarono la più completa censura di qualsiasi notizia sulla stampa nazionale. Dall’arresto dei testimoni, all’allerta di tutti gli uomini dell’OVRA lungo tutta la penisola. E soprattutto, istituirono pesanti sanzioni e procedimenti contro chi si fosse semplicemente azzardato a spifferare qualcosa. L’elemento interessante di questi primi documenti – è che, de facto, nel 1933, presso l’università La Sapienza di Roma, sarebbe stato istituito un Majestic 12 fascista, che riferiva esclusivamente alle alte gerarchie del Regime (Mussolini, Balbo e Ciano) e che lavorava in stretto contatto con l’OVRA, la polizia segreta fascista comandata da Arturo Bocchini, con diramazioni in tutta Italia e la complicità dei prefetti del Regno. Mussolini però volle una struttura più intima che chiamò RS/33. L’ufficio “Ricerche Speciali 33″ (dall’anno di fondazione) era composto, tra gli altri, da Galeazzo Ciano, delfino di Mussolini, da Italo Balbo, pioniere del volo, dal suo braccio destro Filippo Eredia, da Guglielmo Marconi, illustre scienziato e convinto sostenitore della vita extraterrestre, cui fu affidata la presidenza, dall’ingegnere aeronautico Crocco, che nel 1934/35 studiava la fattibilità di un viaggio sulla Luna, da Giancarlo Vallauri professore di elettrotecnica e ferromagnetismo ed accademico dei Lincei, ma anche da Dante De Blasi medico igienista delle università di Napoli e Roma, Filippo Bottazzi chirurgo e biologo sperimentale dell’Università di Napoli.
Ma per tornare al caso del velivolo di Vergiate, occorre far notare che i fascisti tentarono in tutti i modi di carpirne i segreti  cercando di riprodurne la tecnologia. Senza ovviamente riuscirvi. Ma la cosa singolare è  che sembra che nel 1940, anno in cui il Gabinetto fu chiuso, i resti della misteriosa aeronave” furono requisiti dalla Gestapo. Nel 1943 gli stabilimenti della SIAI-Marchetti di S.Anna, nei pressi dei quali l’anno seguente si stabilì una Divisione della X-Mas, furono gravemente danneggiati da un incendio doloso del quale fu accusato un dirigente dell’azienda, tal Moretti (ne parlo tra poco) caduto in disgrazia proprio nel 1940.

documenti-uff

Da qui la parte che ci interessa. L’operato dell’ O.V.R.A.

Le cose strane. I misteri.

In questo clima di forzato silenzio e repressione delle informazioni, il prefetto Bruno di Milano venne, tutto ad un tratto, “promosso e spostato” e sostituito dal triestino Gaetano Laino. Molto più sfortunato tale Moretti, al quale si accenna in una missiva Stefani, che fece una brutta fine (nel testo si accenna anche ad un “caso analogo precedente conclusosi col ricovero in manicomio”). Si chiamava Ugo Moretti, viveva a Roma, era un giornalista palesemente di regime. Evidentemente, pensando di non combinare nulla di male, ebbe a scrivere del Gabinetto RS/33 o degli avvistamenti UFO; che fine fece non lo sappiamo, ma la lettera divulgata da un informatore adombra i sospetti più cupi.
MarchettiUna brutta fine deve aver fatto anche il pilota francese che sulle Alpi Marittime ebbe a filmare o fotografare un UFO. L’anonimo divulgatore dei files fascisti ha difatti inviato ad altra pubblicazione, a mo’ di sfida, un ritaglio di giornale senza data, che smentiva “ipotesi straniere sulla scomparsa di un aviatore”. “In seguito alla scomparsa di un sergente aviatore francese, che non ha fatto ritorno da una gita sulle Alpi Marittime, alcuni giornali stranieri hanno avanzato l’ipotesi che egli, avendo sconfinato in territorio italiano, sia stato tratto in arresto dalle nostre autorità confinarie”, riferiva il quotidiano. Aggiungendo: “Siamo in grado di smentire tali voci fantastiche, nessun arresto del genere essendo stato operato dai nostri reparti di frontiera”. Fatto sta, che il gitante sparì nel nulla per la colpa di avere documentato il passaggio di un velivolo non convenzionale.

A titolo di curiosità si può aggiungere infine il fatto che quando Italo Balbo, uno dei vertici del Gabinetto RS/33, venne per sbaglio abbattuto dalla contraerea italiana durante un volo, vi fu chi insinuò che si fosse trattato di un evento premeditato ordinato segretamente dal Duce, in quanto il pilota italiano era palesemente antigermanico. Curiosamente nei files fascisti si accenna, con rammarico, proprio alla progressiva germanizzazione del Gabinetto RS, con tanto di esclusione degli italiani, a cominciare dai cronisti Stefani.

nazi-weaponsAltra curiosità, Balbo, sin dal 1932, collaborava gomito a gomito con il professor Filippo Eredia, direttore dell’Ufficio Presagi della Regia Aeronautica (ovvero l’Ufficio Meteo); curiosamente quest’ultimo nel dopoguerra divenne uno dei classici UFO-scettici d’ufficio…

Nessuno doveva parlare e nessuno doveva sapere!!

Ancora nel 1940, a Tradate, circa 30 km ad est, un altro avvistamento incredibile: un cosiddetto” incontro ravvicinato del terzo tipo” tra un operaio e dei misteriosi omini di blu vestito che stavano riparando un velivolo di forma ovale. extraIl testimone di quell’episodio, sostenne sempre che si trovò di fronte ad un prototipo americano, forse proprio addirittura, secondo le credenze popolari, quel misterioso oggetto che si diceva nascosto a Vergiate. Ma questa è un’altra storia. Forse… La forma descritta dal testimone, per intenderci, è piuttosto simile a quella ricostruita da Spielberg in “E.T.”).

Qui di seguito, un documento (scaricabile) sugli avvistamenti segreti indirizzati, tra il ’33 ed il ’37.  Segnalazioni


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: