Archivi tag: 7 aprile 1941

7 aprile 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-NewsIl dott. Ante Pavelic, capo del movimento nazionale di Croazia, ha inviato al Duce il seguente messaggio:

«Duce, in quest’ora decisiva — che il popolo croato soggiogato con l’impostazione di Versaglia dalla tirannia serba e dai suoi promotori pluto-democratici, attendeva da 22 anni — mi rivolgo a Voi e Vi porgo il saluto di tutti i nazionalisti croati, di tutte le organizzazioni combattenti e dell’intero popolo croato.
Tutta la Crazia attende con giubilo i Vostri gloriosi soldati e giuro che tutte le nostre forze nazionaliste combattenti organizzate ed inquadrate combatteranno insieme con loro per la libertà del nostro popolo e per l’indipente Stato di Croazia per il quale abbiamo lungamente e sanguinosamente lottato.
Salutiamo in Voi il grande Amico dei piccoli popoli ed il promotore di un nuovo governo di giustizia e vi testimoniamo la nostra eterna gratitudine.
Vi assicuro che come ora così anche nell’avvenire sempre con Voi. Viva l’indipente Stato di Croazia! Viva il Duce! Viva l’Italia!».

Il Presidente del Consiglio dei Ministri di Ungheria, Bardossy, ha inviato al Duce il seguente telegramma:

«Mi affretto a comunicarVi, Eccellenza, che S.A.S. il Reggente di Ungheria si è degnato di nominarmi  Presidente del Consiglio.
La rettilinea continuità della politica di intesa fra i nostri due Paesi mi dispensa dal sottolineare l’importanza che io attribuisco al mantenimento di una direttiva politica che negli ultimi anni ha dato molte tangibili prove.

In questa occasione Vi prego, Eccellenza, di voler conservare nei riguardi dell’Ungheria quei sentimenti di sincera amicizia che Vi hanno, fino ad oggi, ispirato di riservare alla mia persona tutta la fiducia di cui ho bisogno nell’adempimento del mio grave compito.
Nella speranza che vorrete darmi il Vostro prezioso appoggio, Vi prego, Eccellenza, di accogliere i sensi della mia più alta considerazione».

Da Ankara si informa che il governo jugoslavo ha abbandonato Belgrado per destinazione sconosciuta. Il Ministro di Jugoslavia ha lasciato, insieme al personale della Legazione, la capitale tedesca. Con i diplomatici sono partiti anche i giornalisti che prestavano la loro opera a Berlino.

Il Ministro di Gran Bretagna a Budapest si è recato presso il Presidente del Consiglio e Minstro degli Esteri, von Bardossy, al quale ha comunicato che la Gran Bretagna ha rotto le relazioni diplomatiche con l’Ungheria.

L’Argentina rappresenterà gli interessi greci in Germania e la Svezia quelli germanici ad Atene. La Svizzera avrà cura degli interessi tedeschi in Jugoslavia e di quelli jugoslavi nel Reich.

Secondo le ultime notizie pervenute da Baghdad si hanno i seguenti particolari circa il colpo di Stato avvenuto giovedì scorso nell’Iraq.
Il Capo dello Stato Maggiore dell’esercito ha emanato un proclama nel quale afferma che il reggente Emiro Abdul Ilah ha mancato ai doveri della Reggenza.
A Bassora, l’Emiro Abul Ilah ha pronunciato un discorso nel quale afferma che il nuovo Governo sarebbe incostutuzionale.

 

Attività militare.
FRONTE SUD ORIENTALE. L’attacco prosegue malgrado la resistenza nemica. Belgrado è stata più volte bombardata da formazioni aeree tedesche. Nella Jugoslavia meridionale e centrale attacchi aerei contro aerodromi. Incursioni aeree inglesi sulla Stiria. 89 apparecchi nemici abbattuti.

FRONTE NORD OCCIDENTALE. 4 piroscafi inglesi per 16mila tonn. affondati dall’aviazione. Altre 3 navi mercantili centrate. Attacchi aerei contro centrali ed impianti portuali ad oriente dell’Inghilterra. altro attacco aereo contro 3 navi nel canale di Bristol. Complessivamente, tra il 4 e dil 7 aprile, 13 navi inglesi per 52mila tonn. affondate; 14 danneggiate. Incursioni aeree inglesi sulla Germania nord-occidentale e sulle zone della Francia occupata. 6 apparecchi inglesi e 2 tedeschi abbattuti.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: