notizie sparse: i soldi di Goering

Potrà sembrare strano, all’inizio della guerra molti gerarchi nazisti videro nel Brasile un Paese dove mettere i propri fondi al sicuro.
Un documento segreto, declassificato solo nel 2013 dagli Archivi Nazionali Britannici, rivela dati importanti al riguardo.
In un foglio si evince che in una piccola banca Hermann Goering, ministro dell’aviazione e leader nazista, possedeva assicurazioni sulla vita per un milione di franchi svizzeri, 400mila dollari, 1,5 milioni di corone svedesi e 3,5 milioni di fiorini olandesi. Il tutto gestito da 4 brokers ben insediati nell’America del sud.
In un’altra di San Paolo aveva depositato 1.225mila dollari.
Poi si è trovata una lista contenente una dislocazione precisa di altre infinite obbligazioni in banche degli Stati Uniti!

Ovviamente, depositi importanti furono impostati da Rudolph Hess, Joseph Mengele, Eichmann, ecc. .

Unitamente a queste operazioni economiche si cercò segretamente di creare insediamenti nazisti in territorio brasiliano. Lo rivela il giornalista tedesco Jens Glüsig nel suo libro “progetto Guyana”: un’iniziativa tedesca in Amazzonia. nei rapporti nazisti si indica che “le due grandi aree scarsamente popolate del mondo, ma ricche di risorse naturali, si trovano in Siberia e nell’America del sud, con grandi possibilità di immigrazione ed insediamento per i popoli nordici e con eccezionali margini di sfruttamento“.
Lo stesso Himmler sembra che abbia inizialmente incaricato Kampfhenkel (fedele soldato che aveva risalito i territori amazzonici fino alla Guyana francese) di realizzare il “Progetto Guyana”: il conquistare, con l’aiuto degli indigeni, i territori coloniali francesi e olandesi in Sud America per occuparli con popolazioni nordiche.
Poi, con la sconfitta in Russia, Himmler abbandonò il progetto, l’Argentina si sostituì al Brasile e divenne la piattaforma principale dei nazisti.

Con la dichiarazione di guerra del Brasile all’Asse le cose cambiarono solo all’apparenza: i nazisti, con l’appoggio di molti generali e settori pro-nazismo, continuarono a lavorare in segeto con la complicità di settori nazionali anticomunisti in cui militavano anche numerosi americani. Proprio mentre al fronte si combatteva l’Asse mandando spedizioni contro Napoli (zona assegnata loro dagli americani). Non è pazzesco?

Ancora a proposito di avvistamenti.

La presenza di Hitler, accompagnato da una donna dai capelli rossi (quasi sicuramente Eva Braun), è segnalata nei pressi di Praia do Cassino, stato di Rio Grande do Sul, vicino allo stato di Rio Grande, in cui esistevano forti colonie tedesche.
Un gruppo di tedeschi riuniti attorno ad un tavolo sono stati visti all’hotel Cassino e per certo fra i commensali c’era Adolf Hitler.
Leggermente emaciato, senza barba e coi capelli molto corti.
Visto anche il giorno seguente, dato che alloggiava nello stesso hotel.
Sembra che oltre alla donna ci fosse anche una ragazza, sui diciassette anni, in un tavolo vicino.
Avvicinata, disse di chiamarsi Abava e di essere la nipote della donna dai capelli rossi. Rivelò che tutto il gruppo di tedeschi resideva a Viña del Mar, Cile e che erano là di passaggio.

L’avvistamento è anche documentato in un rapporto dell’FBI e classificato come “plausibile” poichè “mancavano le evidenze legali della morte di Hitler a Berlino”.

Un altro fatto curioso.

Quattro americani vennero arrestati in Brasile col pretesto di avere materiale di contrabbando, mentre il vero motivo era un altro:
perchè casualmente videro, nei pressi della pista di atterraggio di Tres Marias, un anziano signore che certi funzionari brasiliani temettero fosse stato riconosciuto!

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: