bollettino 1120: 19 giugno 1943

In riuscite azioni notturne lungo le coste algerine, nostri aerosilu­ranti hanno affondato un piroscafo da 6.000 tonnellate danneggian­done gravemente un altro di eguale stazza.

Navi alla fonda nell’avamporto di Pantelleria sono state ieri attac­cate da velivoli germanici che centravano un mercantile da 5.000 ton­nellate e colpivano un cacciatorpediniere. Sulla rotta di ritorno un bombardiere nemico veniva abbattuto.

Formazioni aeree avversarie ed apparecchi isolati hanno bombardato e mitragliato centri urbani e località in Sardegna, Sicilia, Calabria e Campania. In tali incursioni il nemico ha perduto 27 apparecchi dei quali 6 a Trapani ad opera delle artiglierie della difesa, 4 col­piti dalle batterie contraeree di Olbia e 17 abbattuti dalla caccia dell’Asse dei quali 15 sulla Sardegna e 2 a Messina. Alcuni degli equi­paggi sono stati catturati.

Gli aerosilurante che hanno compiuto le azioni segnalate dal bol­lettino di oggi, erano al comando dei seguenti capi – equipaggio:

— tenente Raffaele Durante da Campobasso;
— tenente Mario Maltinti da La Spezia;
— sottotenente Luigi Morselli da Villa Poma (Napoli).

A seguito delle incursioni di cui al bollettino odierno, sono state fi­nora accertate le seguenti perdite fra la popolazione civile: 10 feriti ad Olbia; 10 morti e 54 feriti a Messina; 11 morti e 20 feriti a Si­racusa.

Goebbels annuncia che Berlino è “finalmente liberata dagli ebrei”.

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: