bollettino 1064: 24 aprile 1943

La battaglia in Tunisia ha ieri segnato una sosta sul fronte meridio­nale dove il nemico, gravemente provato dalla salda resistenza e dallo spirito controffensivo delle nostre truppe, non ha continuato la sua azione. La lotta si é invece riaccesa violenta nel settore occi­dentale in cui vigorosi attacchi di forze corazzate venivano infranti da reparti germanici.

Per i combattimenti dei giorni scorsi meritano l’onore della cita­zione la divisione Trieste, il 340° battaglione mitraglieri, due com­pagnie della divisione Folgore ed una compagnia di granatieri. Uno speciale riconoscimento spetta anche all’artiglieria italiana che ha dato ancora una volta prova di alta capacità e completa abnegazione. L’aviazione dell’Asse ha agito senza tregua su concentramenti di mezzi blindati e su aeroporti avversari.

Un’incursione aerea sul territorio della provincia di Nuoro faceva danni non gravi: si deplorano fra la popolazione 12 morti e 6 feriti. Tre apparecchi nemici, intercettati da cacciatori germanici al largo delle coste orientali della Sardegna, venivano abbattuti in mare.
Nostri mas hanno stroncato con brillante azione un tentativo di attacco di mas russi ad un porto della Crimea.

Polonia. Inizio delle operazioni delle SS contro il ghetto ribelle di Varsavia. I tedeschi innescano esplosioni e bruciano gli edifici.
Gli insorti si rifugiano nelle macerie e nelle fogne per continuare il combattimento; molti troveranno la propria fine coi gas incanalati nelle fognature.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: