bollettino 1053: 13 aprile 1943

In Tunisia forti retroguardie dell’Asse sono impegnate in combatti­menti contro colonne anglo – americane.

Cacciatori tedeschi abbattevano 2 birotori.

Formazioni dell’arma aerea italiana e germanica hanno agito contro aerodromi dell’Algeria e bombardato efficacemente le attrezzature del porto di Bona.

Al largo delle coste algerine nostri aerosiluranti attaccavano un con­voglio avversario, colpendo un mercantile da 6.000 tonnellate.

Il nemico ha rinnovato ieri azioni di bombardamento aereo su città e centri dell’Italia meridionale ed insulare; soltanto a Cosenza e a Vibo Valentia (Catanzaro) sono segnalati danni e vittime fra la po­polazione civile: complessivamente 60 morti e 124 feriti.

Risultano distrutti 3 velivoli, dei quali uno dalla nostra caccia a Napoli e 2 dalle artiglierie contraeree a Messina e Ustica (Palermo). Nelle ultime settimane la R. Marina ha perduto in seguito ad azione nemica aeronavale 3 siluranti, 2 sommergibili, un incrociatore. Gran parte degli equipaggi é stata salvata dai nostri mezzi o catturata dal nemico.

Nello stesso periodo unità della R. Marina hanno affondato due sommergibili nemici.

Nelle Isole Aleutine inizio di una serie di raid aerei americani contro Kiska.

I lanciasiluri tedeschi affondano il cacciatorpediniere britannico Eskdale al largo della Cornovaglia, durante la notte.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: