bollettino 1024: 15 marzo 1943

Il maltempo ha limitato in Tunisia le operazioni terrestri ed aeree; un velivolo nemico é stato distrutto dal tiro delle artiglierie.

Sul Canale di Sicilia cacciatori germanici abbattevano in combatti­mento un bimotore inglese.

Nostri aerosiluranti hanno attaccato nelle acque di Bona un convo­glio, scortato da navi e da aerei, centrando con siluri un piroscafo di grosso tonnellaggio.

Nella notte sul 13 motosiluranti tedesche si sono scontrate, al largo della costa tunisina, con un gruppo di cacciatorpediniere britannici due dei quali venivano affondati e altri due sicuramente colpiti senza alcuna perdita da parte germanica.

In Atlantico un nostro sommergibile, al comando del tenente di va­scello Gianfranco Gazzana da Milano, colava a picco il transatlan­tico inglese Empress of Canada di 23.500 tonnellate, carico di truppa. Mas italiani, in agguato sulle coste nord – orientali del Mar Nero, attaccavano un numeroso gruppo di motosiluranti e motovedette rus­se danneggiandone due e rientrando incolumi alla base.

Aerei nemici hanno sorvolato il territorio della provincia di Frosinone e la località di Pozzallo (vicino a Ragusa), provocando lievi danni; un morto fra la popolazione di Pozzallo.

A nord del fronte Orientale, le truppe sovietiche prendono Kholm e Zharkovskiy, a nord ed a est di Velikye Louki.
Le truppe del Centro del Gruppo Heeres continuano a ritirarsi.

In Nuova Guinea la settima flotta americana dell’ammiraglio Carpender è stata formata per controllare le operazioni navali intorno all’isola.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: