bollettino 879: 22 ottobre 1942

 

Nella vittoriosa battaglia aerea del giorno 20 ottobre sul fronte dell’Egitto alla quale hanno partecipato circa 200 apparecchi nemici e altrettanti dell’Asse, sono stati abbattuti 44 velivoli nemici dai cacciatori italiani e 11 da quelli germanici; risultano perduti 11 ap­parecchi dell’Asse. In altre azioni nemiche, abbiamo perduto due aerei, mentre altri 15 venivano più o meno gravemente danneggiati. Ieri l’aviazione italo – tedesca ha nuovamente svolto efficaci azioni contro squadriglie avversari e dirette sul nostro schieramento soste­nendo violenti combattimenti con forti aliquote di caccia: 8 veli­voli britannici sono stati distrutti; 4 altri precipitavano al suolo cen­trati dalle artiglierie contraeree.

Un nostro aeroplano non é ritornato.

Nelle notti sul 20 e sul 21 bombardieri italiani hanno attaccato gli obiettivi, militari di Gibilterra con visibili effetti.

Sono proseguite le azioni, diurne e notturne, di nostre formazioni sull’isola di Malta.

La prima neve cade su Stalingrado.

Nelle Isole Salomone nuovo attacco giapponese al Matanikau.
I giapponesi sono respinti con molte perdite, soprattutto grazie all’efficienza dell’artiglieria americana.

In Nuova Guinea un battaglione della 18a Brigata Australiana si è imbarcato su due cacciatorpediniere ed è sbarcato sull’isola di Goodenough per assicurarsi il controllo della parte settentrionale di Milne Bay. La maggior parte delle truppe giapponesi ha già evacuato l’isola.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: