bollettino 625: 16feb1942

Un brillante successo è stato conseguito dai mezzi aerei e navali dell’Asse intervenuti, in armonica efficace collaborazione, delle varie basi mediterranee.

Il grosso convoglio nemico, articolato in più gruppi e potentemente scortato, sorpreso dalla nostra ricognizione nel tentativo di raggiun­gere Malta da Alessandria, è stato ancora ripetutamente attaccato e in parte distrutto, in parte costretto ad invertire la rotta.

Nelle azioni dei giorni 13, 14 e 15 risultano complessivamente af­fondati sette piroscafi, un cacciatorpediniere, una vedetta; danneg­giati otto piroscafi, cinque incrociatori, due cacciatorpediniere; di­strutti due aeroplani.

Anche in Cirenaica l’aviazione italiana e germanica ha svolto par­ticolare attività mitragliando da bassa quota, con impetuosa audacia, mezzi meccanizzati, postazioni di artiglierie, concentramenti di trup­pe, infliggendo all’avversario perdite ingenti. Squadriglie di nostri cacciatori impegnavano combattimento con gran numero di Curtiss abbattendone quattro e colpendone molti altri. Un nostro apparecchio non é rientrato.

Formazioni italiane e tedesche hanno in più riprese bombardato gli obiettivi di Malta, con visibili effetti. Vasti incendi sono stati osser­vati dagli aviatori, ancora a grande distanza dall’isola, durante il volo di ritorno.

Un nostro sommergibile non è rientrato alla base.

Il nemico ha compiuto incursioni, senza conseguenze, su Tripoli e Bengasi.

Numerose bombe, sganciate nelle prime ore di ieri su Augusta, Si­racusa e Floridia, hanno gravemente danneggiato alcuni edifici; tra la popolazione civile si contano alcuni morti e feriti.

 

 

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: