war report: 7dic1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale (Alleato).

warReport1941

Oceano Atlantico: i cacciatorpediniere britannici Harvester ed Hesperus hanno affondato il sottomarino tedesco U-208 a 115 miglia a ovest di Gibilterra, uccidendo l’intero equipaggio di 45 persone.

La corvetta canadese Windflower, scortando il convoglio alleato SC-58 al largo di Terranova, si è scontrato con il mercantile olandese Zypenberg per scarsa visibilità, a causa della nebbia ed è affondato; 23 sono stati gli uccisi.

L’unità operativa della marina statunitense 4.1.2, sotto il comando del comandante Fred D. Kirtland, accompagnata dalla nave di salvataggio Redwing e dalla petroliera Sapelo (Oceano Atlantico 11), mentre scortava il convoglio HX-162, ha raggiunto il punto d’incontro sull’Atlantico medio-atlantico.
21, dei 35 mercantili sparsi per la tempesta incontrata il 1° dicembre, sono rientrati nel convoglio.

 

Mediterraneo: l’U-208, tentando di entrare nel Mediterraneo, è stato affondato dai cacciatorpediniere britannici Harvester e Hesperus, a 115 miglia a ovest di Gibilterra (tutte e 45 dell’equipaggio sono persi).

La nave britannica Chantala è stata affondata da una mina, a Tobruk. Lo sloop RN Flamingo è stato danneggiato dagli aerei nemici mentre faceva rifornimento a Tobruk e preso a rimorchio.

 

Nord Africa: Erwin Rommel, con meno di 40 carri armati operativi, ha ordinato alle sue forze di ritirarsi di circa 10 miglia verso la Linea Gazala, abbandonando l’obiettivo Tobruk.
Le forze tedesche si sono ritirate dalle immediate vicinanze di Tobruk occupando posizioni difensive intorno a Gazala.
Al contrario, gli inglesi sono stati in grado di portare nuovi carri armati dall’Egitto. Il primo assedio di Tobruk è così terminato. Mentre gli inglesi continuano ad avanzare verso Tobruk, la Luftwaffe è costretta a lasciare gli aeroporti e ritirarsi.
La divisione italiana “Bologna”, come al solito, ha coperto la ritirata della 90.leicht Division tedesca.

 

Nord Europa: Mannerheim ha ordinato all’esercito finlandese di Carelia di fermare tutti gli attacchi e di assumere posizioni difensive. Le operazioni di terra finlandesi finiscono con un totale di 75.000 vittime.

 

Fronte Occidentale: la RAF ha effettuato numerose operazioni aeree nel continente. Il Comando Caccia Fighter della RAF ha effettuato un’operazione Rhubarb. Il RAF Bomber Command ha inviato 23 aerei per attaccare Ostenda, 30 aerei per attaccare Brest, 24 aerei per attaccare Calais, 22 aerei per attaccare Dunkerque e 19 aerei per attaccare Boulogne, durante questa notte.

 

 


Fronte Orientale
: le forze sovietiche hanno ri-catturato Tikhvin, ad est di Leningrado. Zhukov prolunga il contrattacco a Mosca, ordinando al Fronte Occidentale di attaccare la sovraestesa 2.Panzerarmee di Guderian, nell’area di Tula.
La 30a Armata sovietica ha attaccato il 3Panzergruppe tedesco a Klin, mentre la 50a armata sovietica ha attaccato la 2.Panzerdivision tedesca, vicino a Mosca.
La 16a armata sovietica inizia ad attaccare il 3.Panzergruppe sul fianco meridionale del gruppo tedesco. La prima armata sovietica e la ventesima armata continuano a spingere in avanti.

Le navi da guerra sovietiche iniziano a traghettare la 388ª Divisione Rifle da Novorossisk e Tuapse a Sebastopoli.

 

Asia: senza dichiarare guerra, il Giappone ha lanciato una serie di attacchi altamente coordinati sul territorio britannico e americano (che attraversa l’International Date Line). La mossa di apertura è un atterraggio di 5500 soldati dal Golfo della Thailandia per catturare l’aeroporto di Kota Bharu nell’angolo nord-orientale della Malaya tenuta in ostaggio, due ore prima dell’attacco a Pearl Harbor. Sono seguiti numerosi atterraggi più grandi sulla costa in Tailandia, che hanno incontrano la dura resistenza thailandese fino a mezzogiorno, quando il governo thailandese ha accettato un armistizio.

12 battaglioni di truppe giapponesi hanno attaccato dalla Cina continentale attraverso i Nuovi Territori, verso Hong Kong.
I difensori britannici sono stati costretti a rientrare nella Gindrinkers Line, la principale linea difensiva che protegge Hong Kong. I giapponesi hanno occupato l’insediamento internazionale a Shanghai. L’incrociatore corazzato giapponese Izumo è affondato, la cannoniera britannica HMS Peterel, a Shanghai, in Cina. La  cannoniera USS Wake è stata catturata dai giapponesi a Shanghai, in Cina. La portaerei Hosho ha lasciato il Mare Interno, in Giappone, con una grande flotta.

 

Germania: Hitler ha pubblicato il suo celebre decreto Nacht und Nebel (Night and Fog) che consente alla Gestapo di disporre dei propri prigionieri senza lasciare alcuna traccia.
Il SS-Reichsführer Heinrich Himmler ha trasmesso il desiderio di Hitler alla Gestapo dicendo questo;

“Un deterrente efficace e duraturo può essere raggiunto solo con la pena di morte o adottando misure che lascino la famiglia e la popolazione incerte sul destino dell’autore del reato.
La deportazione in Germania serve a questo scopo. ”

Il maresciallo Wilhelm Keitel, capo dell’Alto Comando delle forze armate tedesche, ha emesso istruzioni simili. Questo decreto sostituisce la politica nazista fallita di prendere ostaggi per colpire le attività clandestine. Sospetti agenti segreti e altri sarebbero ora scomparsi senza lasciare traccia nella notte e nella nebbia.

Dopo aver subito un infarto, il Feldmarschall von Brauchitsch ha rassegnato le dimissioni. Lo stress della battaglia sul fronte orientale ha preso il suo pedaggio. Hitler non ha accettato formalmente le dimissioni, ma Brauchitsch non prenderà decisioni importanti dopo questa data.

Il Comando di bombardieri della RAF ha inviato 130 aerei per attaccare Aachen, durante la notte.

 

 

Regno Unito: Winston Churchill stava cenando a Checkers con i diplomatici americani John Gilbert Winant e W. Averell Harriman quando arrivò la notizia dell’attacco di Pearl Harbor. Churchill si rese conto che gli Stati Uniti ora sarebbero entrati nella guerra e che la Gran Bretagna non avrebbe più dovuto combattere da sola e tirò un gran sospiro di sollievo.
Più tardi scrisse di quella notte: “Essendo saturo e sazio di emozioni e sensazioni, andai a dormire e dormii il sonno dei salvati e dei grati”. Sollevato dal fatto che gli Stati Uniti erano finalmente in guerra e la Gran Bretagna non era più sola“.

Donald Bennett ha assunto il comando del 77 Squadron, RAF Bomber Command.

 

Nord America: l’Intelligence dell’esercito ha ricevuto la quattordicesima (finale) parte della risposta in codice giapponese all’ultimatum americano. Il messaggio indica che l’ambasciatore giapponese interromperà i rapporti con Washington alle 13.00, ora legale orientale (0700 ore alle Hawaii). L’ammiraglio Stark, comandante in capo della marina, ha letto la parte finale decodificata della risposta del Giappone all’ultimatum americano, poi il capo di stato maggiore dell’esercito, il generale Marshall, poi il presidente.
Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, il Generale Marshall, ha inviato un messaggio da inviare alle Hawaii e a tutti gli altri comandi del Pacifico, dicendo loro che i giapponesi interromperanno le loro relazioni alle 7.00 ora delle Hawaii e che saranno avvisati di conseguenza. Il messaggio non può essere inviato tramite radio, quindi viene inviato tramite il cavo Western Union a San Francisco, quindi alla radio commerciale RCA a Honolulu e infine con consegna, via-motocicletta, sei ore dopo, alle 11:58, alle Hawaii.

Franklin Roosevelt ha incontrato l’ambasciatore cinese Hu Shih alla Casa Bianca, a Washington DC, ha pranzato con Harry Hopkins e alle 13:47 è stato interrotto da una telefonata di Frank Knox, che lo informava dell’attacco di Pearl Harbor.
Alle 20:30, Roosevelt ha tenuto un briefing ad un piccolo gruppo di membri del Congresso.

L’ufficio del capo delle operazioni navali della Marina degli Stati Uniti ordinò all’aviazione e alla guerra sottomarina di reagire senza limiti contro il Giappone.

 

Oceano Pacifico: 360 aerei giapponesi (104 bombardieri, 135 bombardieri da immersione, 40 aerosiluranti e 81 combattenti) hanno attaccato Pearl Harbor, Territorio delle Hawaii, affondando o danneggiando 8 navi da guerra, 3 incrociatori, 3 cacciatorpediniere, 1 nave da addestramento antiaerea, 1 posamine; distruggendo 188 aerei e uccidendo 2.459 (di cui 57 civili) e ferendone 1.282 (di cui 35 civili).
I giapponesihanno perso solo 29 aerei e 5 sottomarini nani; con 55 uccisi e 10 feriti. Isaac Kidd è diventato il primo ufficiale di bandiera della marina statunitense ad essere ucciso in azione durante la seconda guerra mondiale.

Gli aerei giapponesi hanno bombardato Singapore, Guam e Wake, mentre due cacciatorpediniere giapponesi hanno bombardato l’Atollo di Midway, causando 14 vittime e danneggiando molte attrezzature. L’ufficiale comandante del 7° Battaglione di Difesa del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, presso le Samoa Americane, ha ordinato alle sue truppe di occupare le loro posizioni mentre veniva informato degli attacchi alle posizioni americane attraverso l’Oceano Pacifico. Chiamò anche il battaglione della riserva marina di Samoan in servizio attivo.

I bombardieri giapponesi di Formosa (ora Taiwan) hanno bombardato gli aeroporti statunitensi sull’isola principale delle Filippine, Luzon, detenute negli Stati Uniti, distruggendo i bombardieri statunitensi del Boeing B-17 sul terreno (ironicamente, inviati come deterrente per minacciare basi aeree giapponesi su Formosa) insieme a il loro supporto per caccia Curtiss P-40. Dopo aver stabilito la superiorità aerea, la Marina giapponese ha catturato la piccola isola di Batan, a 120 miglia a nord di Luzon.

Un’ora dopo l’attacco giapponese, il primo ministro australiano John Curtin ha annunciato che ” da un’ora, l’Australia è in guerra con l’impero giapponese”. La guerra sarebbe formalmente dichiarata due giorni dopo.
Curtin estende la mobilitazione delle forze armate e annuncia:

Questa è l’ora più grave della nostra storia“.

Un giorno prima dell’apertura della Guerra del Pacifico (a causa dell’International Date Line), i primi tre bombardieri medi Hudson australiani sono arrivati a Rabaul, nelle Isole Bismarck. Erano sotto il comando del tenente di volo John Murphy.

A circa mezzanotte, proprio all’inizio della giornata, alla nave Tatsuta Maru è stato ordinato di invertire la rotta.

La goletta americana a vapore Cynthia Olson, sotto la guida dell’Esercito degli Stati Uniti, è stata bombardata ed affondata dal sottomarino giapponese I-26, senza alcun sopravvissuto.

 

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: