war report: 14lug1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale (Alleato).

warReport1941

 

Mediterraneo: un convoglio dell’Asse parte da Napoli per Tripoli con cinque navi scortate da cacciatorpedinieri italiani Malocello, Alpino e Fuciliere e tre torpediniere.

I bombardieri Ju-88 attaccano Suez da Creta danneggiando installazioni e navi in porto.

 

Medio Oriente: l’Alto Commissario francese per la Siria e il Libano ha firmato l’Armistizio di San Jean d’Acre, un mandato britannico in Palestina, cedendo il suo comando agli inglesi. In cambio, ha ricevuto l’accordo britannico per i soldati francesi per mantenere le loro armi personali e gli onori. L’accordo non conteneva alcun riferimento alla Francia Libera.
Le forze di Vichy in Siria e in Libano si sono arrese lasciando i due stati arabi occupati dalle forze britanniche e francesi.
La maggior parte delle forze di Vichy è stata lasciata uscire come parte dell’accordo di armistizio. Il cessate il fuoco comincia alle 21:00. Le vittime della campagna sono state circa 2500 sul lato dell’Alleato e 3500 tra le forze francesi di Vichy. Inoltre, le autorità del Vichy hanno avuto la garanzia  di reimpatrio in Europa, per un numero di prigionieri,incluso nei termini dell’armistizio che normalmente vietavano questo tipo di accordo.

 

Nord Africa:  caccia tedeschi Ju88, con sede a Creta, hanno attaccato Suez, in Egitto, danneggiando le strutture del porto e le navi in porto. Il trasporto truppe britannico Georgic è stato bombardato nel Golfo di Suez con la perdita di 26 vittime e arenato.

 

Nord Europa: navi da guerra sovietiche sbarcano il 325 ° reggimento di fucilieri a Baia di Litsa per contrattaccare la Gebirgsarmee Norwegen.

 

Fronte Occidentale: il Comando di Bomber della RAF invia 29 aeromobili in raid costieri attaccando Le Havre da bassa quota.
I danni sono risultati notevoli per l’ancoraggio degli impianti, ma c’erano poche navi in porto. Due aerei sono stati persi per l’operazione.

prove di sbarco britanniche per un prossimo attacco nel continente

Il comando caccia della RAF fa attaccare Hazebrouck.

L’ambasciatore giapponese presenta a Vichy richieste per una base aerea e navale nel sud dell’Indocina.

Il generale Agustin Munoz Grandes, comandante della Divisione Blu, parte in aereo per Berlino per un briefing.

 


Fronte Orientale: Unternehmen Barbarossa. Osservando i successi delle forze tedesche nel raggiungere il fiume Luga e aspettandosi così una rapida vittoria nella Russia settentrionale, Hitler ordina all’industria degli armamenti di passare dalla produzione di armi e carri armati ad aerei e sottomarini. Hitler ha emesso la 32a direttiva Guerra che comprende, tra le altre cose, un invito ad una futura riduzione delle dimensioni dell’esercito per reindirizzare nuove forze alla flotta aerea.

Armata Nord: la 6.Panzerdivision raggiunge una testa di ponte sul fiume Narva. Le truppe tedesche raggiungono il fiume Luga e ora minacciano direttamente Leningrado, essendo ora a sole 100 miglia di distanza. I granatieri di Oberst Erhard Raus, aiutati da un gruppo affiliato di truppe speciali “Brandeburgo” che guidavano camion catturati ai sovietici e travestiti in uniformi dell’esercito russo, hanno sequestrato i ponti gemelli sul fiume Luga a Porechye, rimuovendo così l’ultimo ostacolo naturale all’ultimo piano di Heeresgruppe Nord Obiettivo alla cattura di Leningrado. Il 4.Panzergruppe cattura Soltsy. Il Gruppo Operativo Sovietico Luga ha iniziato a contrattare il Heeresgruppe Nord tedesco. L’11esima esercito sovietica contrattacca il LVI.Panzerkorps, a Soltsy.

Armata Centrale: il 3.Panzergruppe si spinge verso Nevel mentre il  2.Panzergruppe attacca verso Smolensk. Nel frattempo, vicino a Orsha, le forze dell’artiglieria dell’esercito rosso lanciano una salva di razzi Katyusha, per la prima volta, contro un trasporto ferroviario tedesco causando notevoli danni e panico. Durante uno scontro vicino a Smolensk, solo sette dei lanciatori sperimentali hanno decimato una formazione tedesca di fanteria, nella città di Rudnya. La squadra di camion lanciatori Katyusha ha colpito con tanta intensità, che le truppe dell’Asse sono fuggite dalla città. La dimostrazione è stata sufficiente a convincere l’alto comando sovietico che i razzi potevano essere un mezzo innovativo e disarmante. Originariamente progettato come alternativa speciale a basso costo per l’artiglieria convenzionale, il lanciatore Katyusha, di 132 mm, dall’autocarro può sparare fino a quattro dozzine di colpi a più di 9 miglia di distanza in un singola sequenza di soli dieci secondi.

Armata Sud: il III Corpo Rumeno del Gen. Vasile Atanasiu ha ripreso l’attacco sul Prut e sulle Cornesti Heights, mentre sulla sua sinistra il 54° Armeekorps (generale del Kavalry E. Hansen) si è unito al 50° Infanterie Divisionen (il tenente generale K. Hollidt) e il V gruppo rumeno (generale L, Gheorghe) per un attacco al fianco settentrionale. Nonostante i forti contrattacchi sovietici, l’offensiva rumeno-tedesca si è spinta avanti.

Sei bombardieri russi sono stati inviati per attaccare le raffinerie rumene a Ploesti. I caccia tedeschi hanno abbattuto quattro dei bombardieri sovietici.

Asia: l’ambasciatore giapponese Hiroshi Oshima ha informato il ministro degli Esteri tedesco, Joachim von Ribbentrop, che, per quanto riguarda la richiesta del Giappone per attaccare Vladivostok, in Russia, il 10 luglio 1941, il ministro degli Esteri giapponese Yosuke Matsuoka era d’accordo con la proposta mentre il gabinetto governativo giapponese non era d’accordo generalmente con tale operazione.

 

Germania: Hitler ha detto che Mosca doveva essere bombardata dall’aria se il centro della resistenza comunista veniva colpito e quando il governo sovietico ne ordinava l’evacuazione.

Il governo nazista ha catturato la proprietà della chiesa cristiana in Germania.

Nelle discussioni con l’ambasciatore Oshima, Hitler invita il Giappone ad invadere la Siberia ed esorta a collaborare per schiacciare l’America.

Il comandante di Bomber RAF invia 97 aeromobili per attaccare Brema e 85 aerei per attaccare Hannover, durante la notte.

 

Nord America: Il generale tedesco Wilhelm Keitel è apparso sulla copertina della rivista americana Time Magazine.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: