Escaping_files2017•18


dopo Hitler.

 

Oggi, e sto scrivendo nel 2017, non risulta più sorprendente che grandi magistrati e cartelli economici statunistensi abbiano sempre appoggiato Hitler e la sua politica. E questo deve far pensare.
Imprese come la Union Banking Corporation (Prescott Bush), la Brown Brothers, Harriman, Rockfeller, Ford, IBM, General Motor, Standard Oil e tantissime altre hanno finanziato e sostenuto Hitler perchè arrivasse al potere e poi lo hanno aiutato durante la guerra, nonostante gli Stati Uniti, formalmente, fossero nemici del Terzo Reich.
Gli aiuti non si sono limitati a fondi in denaro, ma anche minacciando l’embargo di forniture a clienti nel caso non avessero aderito alle operazioni.
La stessa cosa è successa in gran parte del sudamerica, in Paesi come Argentina, Brasile, Cile, Bolivia e Paraguay.


Se nel mondo civilizzato tante persone hanno creduto nel nazismo una ragione ci doveva pur essere, una ragione tanto valida da poter muovere capitali immensi e un lavoro, spesso clandestino o semplicemente occultato; un’idea diversa e molto lontana dall’idea che oggi si ha del nazismo che è solo accostato (per desiderio Alleato) all’Olocausto. A questo proposito il discorso che vorrei fare si allargherebbe molto e non è questa la sede per poterlo fare.
Mi limito a dire che centinaia di giornali, libri e film – Hollywood, come altre grandi aziende di comunicazione, nel dopoguerra hanno usato il verbo del consolidare le versioni concordate ufficiali allo scopo di diffondere un’idea comune per influenzare le coscienze e per mettere un punto definitivo ad una storia che era andata in una maniera completamente diversa.

Ci si domandi perchè si è creata l’operazione Paperclip. In realtà nazisti ed americani, verso il finire della guerra, avevano fatto un patto militare. E questo patto permise il trasferimento di uomini, valori e tecnologia verso gli Stati Uniti, salvando anche migliaia di nazisti che altrimenti sarebbero potuti cadere in mano sovietica, il che avrebbe significato per loro morte certa o, nel caso migliore, il confino in Siberia.

Per fare un punto chiaro si può ricordare che la fantastica tecnologia segreta nazista esisteva davvero. Potrà sembrare quasi incredibile ammetterlo, ma i nazisti avevano uno sviluppo eccezionale in tutti i settori della scienza, come ad esempio – la tecnologia antigravitazionale – che permetteva il sollevamento dei dischi volanti, creati dagli ingegneri tedeschi, usati in seguito dai militari americani a partire dal 45.

Il ruolo del Fuhrer, a partire dal suo esilio, era ormai quasi inesistente. In quel periodo era diventato un uomo anziano e debole, nascosto ai confini del mondo e senza alcun peso né potere reale.
Per questo, a mio modo di vedere, il fatto più significativo della storia non è la fuga in sè, ma, insieme ad essa, tutto ciò che ci è ancora nascosto dopo più di settanta anni.
Questo insieme di informazioni chiave, le loro implicazioni, dimostrano il vero e proprio intreccio operato da un’elite mondiale con gravi conseguenze per l’umanità.
Sembrerà ora logico che i vincitori della guerra abbiano nascosto la verità per non essere collegati ad un trama criminale di complicità che li coinvolgeva direttamente.

 

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: