27 maggio 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-NewsLondra. Alla Camera dei Comuni Churchill ha pronunciato un breve discorso per cercare di calmare le vive apprensioni in seguito ai durissimi colpi inferti dall’Asse alla Marina britannica nell’Atlantico e nelle acque di Creta. Dopo il chiaro monito rivolto ai bellicisti americani dal grande Ammiraglio germanico Raeder, circa le conseguenze che potrebbe avere l’adozione del sistema dei convogli navali scortati da navi da guerra americane per recare gli aiuti promessi all’Inghilterra (e quelli già consegnati), un nuovo monito si è levato da Tokio in occasione della celebrazione della celebrazione del trentaseiesimo anniversario anniversario della battaglia navale di Tsuscima che consacrò la potenza navale dell’Impero giapponese.

(una nota di Team557. Sui rotocalchi italiani dell’epoca, o almeno in quelli che ho potuto visionare, non ho notato commenti di rilievo dopo la notizia dell’embargo sul petrolio apparsa qualche giorno fa. Per l’importanza dell’argomento e le sue implicazioni nella situazione internazionale ritenevo di dover vedere noto ufficiali, articoli di ambienti politici, dichiarazioni di autorità sia giapponesi, sia americane, Invece niente.
Strano, perchè un proclama di Roosevelt di questa caratura, in quel momento, avrebbe dovuto ricevere una risonanza mondiale).

Ancora da Londra. Chuchill ha affermato alla Camera dei Comuni, che le navi dirette alla Francia non occupata non riceveranno per il futuro i “navicert( Navi gational Cert ificate).
(questa notizia non deve passare inosservata. In sostanza si trattava un passaporto commerciale applicato alle merci prima di essere spedite e utilizzato su larga scala per poter passare indenni attraverso i blocchi navali imposti dalla Germania e dai britannici di Sua Maestà.
Il fatto di non possedere questo foglio-di-via potrebbe procurare ripercussioni militari, economiche, ma soprattutto sociali (di sussistenza, direi) destinate a giocare ruoli decisivi nel conflitto.
Aggiungo, che anche le navi passeggeri erano soggette ai controlli del contrabbando perchè portavano bagagli -fino ad un certo peso-, piccoli articoli da carico -posta e pacchi – e gli americani erano particolarmente furiosi per l’insistenza britannica per l’apertura ed il controllo -chiamato “censura”- della posta destinata alla Germania.
Le navi fermate senza certificato venivano fermate per uno o due giorni e diplomaticamente rovesciate dagli inglesi, nel tentativo di trovare materiale associabile allo spionaggio, materiale vietato [sempre dai soli inglesi], piccole armi o componenti speciali. Un’ostinazione assoluta sostenuta da una determinazione efferata che condurrà a gesti estremi; come quello accaduto alla nave americana Manhattan, che trasportava 400 tonnellate di piccola posta, da New York all’Italia. Venne fermata da un cacciatorpediniere britannico vicino a Gibilterra e sebbene il capitano fosse andato a terra per fare una protesta furiosa presso le autorità del posto, la nave sarà ritardata di 40 ore per il controllo del contrabbando britannico e poi, una volta avviato eliminerà 235 sacchi di posta rivolti verso la Germania e l’Italia
. Chiudo questo inserto per informare che la questione sarebbe tanto complicata nei dettagli e piena di così tante implicazioni che, da sola, occuperebbe tantissimo spazio in questo blog).

Il Ministro della guerra economica ha poi annuciato oggi che la Siria ed il Libano, con effetto immediato, saranno trattati come territorio  occupato dal nemico.

Londra. L’Ambasciatore degli Stati Uniti a Londra, Winant, alla fine di questa settimana rientrerà a Washington per fare un rapporto sulla situazione.

 

Attività militare.
FRONTE NORD-OCCIDENTALE. 77.600 tonnellate di naviglio mercantile nemico affondate nell’Atlantico da sottomarini tedeschi.
3mila tonn. da apparecchi. Attacchi aerei tedeschi sulla costa meridionale dell’Inghilterra.

FRONTE LIBICO E MEDITERRANEO. Le truppe germaniche proseguono la loro avanzata nell’isola di Creta, appoggiate da formazioni aeree. Nel Mediterraneo orientale attacco aereo a navi da guerra britanniche.

Nell’Africa settentrionale attacco inglese respinto presso Sollum. Attacco aereo tedesco a ovest di Dar el Hamia. A Tobruk due navi mercantili, per 9mila tonnellate, affondate. Un incrociatore leggero britannico colpito.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: