war report: 30apr1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

Germania: Adolf Hitler conferisce con Jodl sugli ultimi dettagli sull’operazione Barbarossa e ha fissato la data di lancio per il 22 giugno 1941.

Il Comando Bomber RAF invia 81 aerei per attaccare Kiel, durante questa notte.

 

Fronte Occidentale: Il Comando di Bomber RAF ha inviato 13 aerei per attaccare gli obiettivi costieri.

 

Nord Africa: Dopo che il generale Paulus ha deciso di consentire a Rommel un ulteriore sforzo contro Tobruk, l’aggressione tedesca si fa più pesante con un bombardamento da parte degli artiglieria e di molti caccia Stuka. L’assalto terrestre è stato lanciato alle 20:00, dopo un’intera giornata di bombardamenti di artiglieria a Ras el Madauar, vicino a Tobruk. I carri armati tedeschi hanno attraversato il perimetro difensivo e la fanteria tedesca ha superato alcuni posizioni di cannoni australiani penetrando fino a 3 chilometri nell’interno, ma alcuni australiani hanno resistito, impedendo un crollo completo delle difese. Alla loro destra, la divisione italiana di Brescia non è riuscita ad entrare. Il secondo tentativo di catturare Tobruk dell’Africa Korps è di nuovo respinto dagli australiani. Un saliente nella sezione occidentale del perimetro intorno alla collina di Ras el Madauar viene guadagnato ma l’attacco è respinto ancora una volta da una vigorosa difesa.
Alla fine del mese, la piccola forza aerea della Luftwaffe, degli Afrika Korps, ha successo il controllo completo nei cieli del Nord Africa.
I britannici hanno perso ventiquattro caccia durante aprile, a differenza delle perdite tedesche che ammontano a soli quattro aerei. Questo costringe gli inglesi a ritirare i loro aerei dalle basi intorno a Tobruk.

Le cannoniere britanniche HMS Aphis e HMS Ladybird hanno bombardato le posizioni dell’Asse a Gazala, Libia e Sollum, in Egitto.

Ribbentrop ha risposto alla lettera di Re Farouk d’Egitto con un messaggio che indica che la Germania non ha ambizioni territoriali nelle terre arabe.

 

Oceano Atlantico: Il sottomarino tedesco U-107 ha affondato la nave britannica Lassell, a 300 miglia a sud-ovest delle Isole di Capo Verde, alle 22:00; 2 uomini sono stati uccisi e 51 sono sopravvissuti.

Sulla strada per Liverpool dalla Nuova Scozia, il cargo SS Nerissa, stava portando 145 militari canadesi della RAF e della Royal Norwegian Air Force, poi tecnici Northern Electric, membri della stampa e un certo numero di civili. Aveva navigato solo dall’Atlantico e si trovava a soli 200 miglia dalla sua destinazione quando, alle 23.30, è stata colpita da un siluro sparato dal sottomarino tedesco U-552. Mentre le barche di salvataggio si stavano calando, un’esplosione divideva la nave in due, distruggendo le barche di salvataggio. L’U-552 aveva sparato un siluro aggiuntivo per assicurarsi l’affondamento della nave, colpendo “Nerissa”, tre minuti dopo la prima. Nel breve tempo tra i due impatti e il suo rapido affondamento, l’operatore radio della nave è stato in grado di inviare un segnale Mayday, insieme alla posizione della nave. A prima luce un Bristol Blenheim del Comando Costiero è arrivato sulla scena. Il cacciatorpediniere britannico HMS Veteran è arrivato un’ora dopo e ha raccolto i sopravvissuti poi trasferiti sulla Corvetta HMS Kingcup e infine sbarcati a Derry. Tutti gli 84 del totale della nave di 290 passeggeri e dell’equipaggio sono stati perduti.

 

Mediterraneo: gli inglesi hanno concluso la difesa della Grecia e si sono ritirati a Creta ed in Egitto. Dall’inizio dell’invasione del 6 aprile a oggi, la Luftwaffe ha distrutto 64 aerei britannici nell’aria e altre ottantasei sul terreno.

Il 2° battaglione di paracadutisti italiani della divisione ‘Folgore’ è sceso a Zante, in Cefalonia e San Mauro, catturando le isole greche e 250 soldati  greci.
L’isola greca di Creta, con una grande base della Marina reale a Suda Bay, è un’evidente tappa successiva nell’invasione tedesca.
Il Generale Bernard Freyberg, dalla Nuova Zelanda, è stato nominato comandante delle forze alleate in Creta, in Grecia, comandando una guarnigione di truppe poco armate di 29.000 soldati britannici, australiani e neozelandesi e 9.000 truppe greche. Molti sono disarmati e la maggior parte delle armi e dei veicoli sono stati abbandonati sulla terraferma. Freyberg è stato informato dal generale Wavell sui piani tedeschi di attaccare con “truppe in volo e con un possibile attacco dal mare” utilizzando l’intelligenza da “fonti Top Secret” (la macchina Ultra ha intercettato, ma Freyberg è perplesso).

Gli aerei tedeschi hanno bombardato Malta con una pesante raid e il porto di Valleta. Una bomba è passata attraverso l’incrociatore britannico HMS Gloucester senza esplodere. La cattedrale e una chiesa ortodossa greca sono andati distrutti.

Georgios Tsolakoglou è stato nominato Primo Ministro dello Stato fantoccio ellenico-tedesco. La Germania nomina Milan Acimovic, capo del governo fantoccio serbo.

Un convoglio italiano è partito da Messina e Augusta per Tripoli con cinque navi scortate dai cacciatorpedinieri italiani Euro e Fulmine e da tre navi a torpedo.

In Croazia, il governo di Pavelic ha fatto passare leggi anti-ebraiche, che prevedono lo spogliare gli ebrei della cittadinanza.

 

Medio Oriente: nella notte, 6.000 truppe irachene con 30 pezzi di artiglieria, non avendo risposta dai britannici, hanno sparato su Baghdad. All’alba, occupano un altopiano che si affaccia sull’aeroporto di RAF a Habbaniyah (45 miglia a ovest di Baghdad). Rashid Ali si aspetta l’arrivo di aerei tedeschi e delle truppe aeree, ma sarà deluso. Il campo RAF di Habbaniyah è rinforzato con 300 uomini del primo Reggimento Regale del battaglione del Re, volato da RAF Shaibah. L’ambasciatore britannico, Sir Kinahan Cornwallis, avverte i civili britannici di lasciare Baghdad (230 accompagnati in strada per Habbaniyah e poi imbarcati su aerei a Shaibah, 350 rifugiati nell’ambasciata britannica e 150 nella Legazione americana).

 

Nord America: Gli USA propongono di trasferire una parte della flotta degli Stati Uniti dal Pacifico all’Oceano Atlantico. Il primo ministro britannico Winston Churchill è d’accordo con l’operazione.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: