Archivi del mese: marzo 2017

Matsuoka a Berlino. assets e retroscena


All’Anhalt station di Berlino Josuke Matsuoka è giunto accolto dal Comandate in capo della Wehrmacht, Keitel, dall’ambasciatore giapponese Oshima, dal ministro Goebbels.

Nell’incontro del pomeriggio, Hitler rivelò a Matsouka 2 concetti base della sua politica del momento:

  1. La Germania non aveva militarmente bisogno di aiuto;
  2. lui non intendeva spartire la vittoria in Europa con nessuno.

Il 29 marzo Ribbentrop confidò a Matsuoka l’eventualità certa di una guerra russo-tedesca, allorchè Matsuoka parlò della ineluttabilità di una guerra fra il Giappone e gli USA.
A quel punto Hitler affermò che «egli non avrebbe esitato un istante a rispondere a qualsiasi estensione della guerra che fosse derivata a causa della Russia o dell’America».
Il botta a risposta in questo delirio di intenzioni continuò con il ministro giapponese che disse che un’idea poteva essere prendersela con gli inglesi attaccando Singapore e d Hitler replicò dicendo che lui stesso si aspettava una guerra contro gli americani, ma per il momento non voleva fare nulla perchè bisognava vincere i nemici uno per volta.
Un altro modo per dire che la Germania avrebbe sicuramente attaccato la Russia, in primo luogo.
Ma qualche novità stava per farsi largo di lì a qualche giorno.

Annunci

Siluri umani: uomini sul fondo

uomini-sul-fondo
Descrivere decentemente quest’epopea di eroi è un’impresa che forse mi supera, ma mi farò coraggio dicendo qualcosa di sconvolgente, da anticonformista, da eversivo.
Questa è stata una della cose più eroiche e più disastrose che gli italiani hanno compiuto durante la guerra.
Una completa follia, portata avanti con un senso del dovere, una voglia, una determinazione senza eguali quasi da psicopatici.

Continua a leggere


28 marzo 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-NewsA Berlino il Ministro degli Esteri giapponese, Matsuoka, ha avuto colloqui con il Ministro degli Esteri e con il Ministro dell’economia del Reich.

A Belgrado, Re Pietro II ha prestato giuramento a Palazzo Reale dinanzi al Patriarca circondato dai membri del Santo Sinodo. Erano presenti alla cerimonia il generale Simovic, presidente del Consiglio, tutti i membri del Governo e i componenti delle case militari e civili del Sovrano.
Successivamente nella cattedrale è stato celebrato un solenne Te Deum con intervento del Sovrano, dei componenti del Governo e delle alte cariche delle Stato.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. 15mila tonnellate di naviglio mercantile inglese affondate da aerei tedeschi; oltre a 5 navi danneggiate. Attacchi aerei sull’Inghilterra meridionale.
Incursione aerea nemica sulla Germania occidentale.
6 apparecchi inglesi abbattuti. 1 apparecchio tedesco mancante.


war report: 28mar1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

Germania: Prima dell’alba a Berlino, Germania, il generale Franz Halder ha completato il piano di invasione tedesca per la Jugoslavia.

Hitler ha assegnato ad Hanna Reitsch la Seconda Classe Croce di Ferro, facendo di lei la prima donna della guerra a ricevere una medaglia.

 

Nord Africa: Battaglia di Cheren: I trasporti Indian Pattern e le autoblindo del 4° e del 5° Indian div. inseguono gli italiani Est da Cheren (2000  italiani sbandati fatti prigionieri). Gli italiani resistono in ritirata sulla strada verso Asmara, per diverse miglia lungo il lato di una valle, in una gola. Riusciranno a respingere l’avanzata inglese e gli indiani con pietre sabbiate lanciate dalle colline e con artiglieria nascosta.

 

Mediterraneo: la battaglia di Capo Matapan è stata decisa al 98% dall’efficenza dei radar inglese. Mai prima era stata evidenziata, agli occhi italiani e in modo così preminente, l’importanza di questo strumento.
L’intera operazione era affidata, a tavolino, interamente al fattore sorpresa. Ed è proprio qui il problema principale.
Il pensare di poter sorprendere un nemico tecnologicamente molto più avanzato fa intuire una presunzione ed una ignoranza bellica senza precedenti. Aggiungerei, anche il poco intuito. Davvero poco.

La strategia di Supermarina consisteva nel mettere in mare tutte le forze disponibili (che nel frattempo si erano assottigliate): la Vittorio Veneto, due divisioni di incrociatori pesanti e una di incrociatori leggeri, oltre a cacciatorpedinere di scorta, per impostare alcune rapide incursioni a caccia dei movimenti alleati. Le navi italiane, se in condizioni di superiorità, avrebbero dovuto attaccare i convogli intercettati per poi rientrare facilmente nei porti italiani.
Questo, ripeto, se lo stato della situazione bellica in mare avesse dimostrato una certa superiorità italiana.

Ma non era così. Gli inglesi erano venuti a conoscenza dei piani italiani avendo intercettato i messaggi, quindi fermarono il traffico mercantile e, come ho già scritto, fecero arrivare forze considerevoli da Alessandria e dal Pireo.

La Regia Marina però non era attrezzata per gli scontri notturni, mentre la Royal Navy aveva preparato metodologie e tattiche fin dal 1934 ed in più, ora aveva il radar che offriva una capacità bellica che gli italiani non avevano.

Il risultato sancirà una perdita di tre incrociatori pesanti e due cacciatorpediniere che porterà al dimezzamento della flotta italiana.

In Jugoslavia, le manifestazioni contro l’Asse sono continuate. A 17 anni, Pietro II di Jugoslavia, considerato dal nuovo governo di essere già di età per prendere il trono, ha prestato giuramento come Re di Jugoslavia, mentre la folla lo applaudiva a Belgrado. Il capo di stato maggiore britannico, Generale Dill, è volato a Belgrado per colloqui con le autorità dove si raggiungeranno accordi di una certa rilevanza.

La torpediniera italiana Chinotto ha colpito una mina britannica ed è affondata al largo di Palermo, in Sicilia. Le mine della zona erano state rilasciate dal sommergibile inglese HMS Rorqual il 25 Mar 1941.

Il sommergibile inglese HMS Utmost ha affondato la nave tedesca Heraklea e danneggiata la nave Ruhr, al largo delle coste della Tunisia in Nord Africa.

 

Oceano Atlantico: Sulla strada di Brest, gli incrociatori tedeschi Scharnhorst e Gneisenau sono stati avvistati da un pilota di caccia inglese Spitfire.


27 marzo 1941: news

Attività politica e diplomatica.
war-NewsA Berlino, il Fuhrer ha ricevuto il Ministro Matsuoka nel proprio ufficio alla Nuova Cancelleria. Il colloquio, al quale hanno presenziato oltre al Ministro degli Esteri del Reich anche l’Ambasciatore Oshima e l’Ambasciatore tedesco a Tokio e secondo i termini del comunicato ufficiale, si è esteso a tutti i problemi politici di attualità e si è svolto nello spirito della cordiale amicizia esistente fra la Germania ed il Giappone. All’arrivo come alla partenza, il Ministro giapponese ha ricevuto gli onori della guardia del corpo delle SS.

A Belgrado il Governo jugoslavo, presieduto da Zvetkovic, ha presentato le sue dimissioni.
Il Re, accettandole, ha sciolto il Consiglio di Reggenza assumendo personalmente il potere regio ed incaricando il generale Simovic di costituire il nuovo Governo.
(c’è da chiedersi: può un Re imporre una sua volontà, a tutti i costi, mentre il 90% del popolo si manifesta contrario?
e ancora; se un Re si trova a sovraintendere un Governo di persone che la pensa in modo differente, significa che qualcosa non va, che qualcosa è sbagliato)
In pari tempo, il Sovrano ha rivolto al popolo jugoslavo il seguente proclama:

«Serbi, Croati, Sloveni, in questo momento così grave della storia del nostro popolo ho deciso di assumere nelle mie mani i poteri sovrani. I membri del Consiglio di Reggenza hanno apprezzato la rettitudine dei motivi che hanno ispirato la mia azione e si sono dimessi di loro spontanea volontà.
L’esercito e la Marina, lealmente, si sono messi immediatamente a mia disposizione ed eseguono i miei ordini.
Io mi rivolgo a tutti i Serbi, i Croati e gli Sloveni, perchè si riuniscano attorno al trono. Nelle gravi circostanze attuali è questo il mezzo più sicuro per mantenere l’ordine all’interno e la pace all’esterno.
Ho incaricato il generale Simovic di costituire di costituire un nuovo Gabinetto. Chiedo a tutti i cittadini e a tutte le autorità del Paese di fare il loro dovere verso il Re e la Patria
.
.                                                                                         . PIETRO II».

Il generale Simovic, serbo, ha costituito il nuovo Governo che ha avuto la seguente costituzione:

Generale Duscian Simovic – Presidente del Consiglio;
Macek – primo sostituto del Presidente del Consiglio;
prof. Jovanovic – secondo sostituto;
Moncilo Nincic – ministro degli Esteri;
Andres (croato) – ministro del Commercio;
Kulenovic (bosniaco) – ministro Foreste e Miniere;
Kulovec (croato) – Lavori Pubblici;
Sutej (croato) – Finanze;
Budsavljevic – Interni;
Dakovic – Ministro senza portafoglio
Generale Hic – Guerra e Marina (provv. anche Ed. Fisica);
Voja Markovic – Giustizia;
Trifunovic – Istruzione Pubblica;
Jeftic – Comunicazioni;
Kubrilovic – Agricoltura;
Milan Grol – Igiene:
Torbar – Poste e Telegrafi;
Kosanivic – Approvvigionamenti.

Sono stati infine nominati ministri senza portafoglio:
Benjamin, Boljar Gabrilovic, che era finora ministro a Mosca e lo sloveno Krek.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi. Altre 7mila tonnellate di naviglio mercantile inglese affondate ieri: 10 navi per circa 44mila tonnellate danneggiate. Nel Mediterraneo 2 navi-trasporto inglesi colpite a sud di Creta. Ricognizione armata sull’Inghilterra meridionale.
2 apparecchi inglesi e un pallone frenato abbattuti e 2 apparecchi tedeschi perduti.
In Africa settentrionale occupazione di El Agheila da parte di truppe motorizzateitaliane e tedesche.


war report: 27mar1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941

Germania: Adolf Hitler emette la direttiva n ° 25, ordinando l’annientamento militare della Jugoslavia in rappresaglia per il suo colpo di stato. L’Operazione Barbarossa, l’attacco pianificato contro l’Unione Sovietica, è stata rinviata di un mese: al 15 maggio.

Il Ministro degli Esteri giapponese Yosuke Matsuoka ha incontrato il ministro degli Esteri tedesco Joachim von Ribbentrop a Berlino, in  mattinata. Ribbentrop ha detto a Matsuoka che gli Stati Uniti sono intimiditi dall’Asse e quindi non entreranno in guerra, anche se il Giappone si è deciso a colpire i possedimenti britannici in Asia. Nel pomeriggio, Matsuoka ha incontrato Adolf Hitler.

I primi trasferimenti di prigionieri dal campo Oflag IV-C al castello di Colditz, in Germania, hanno avuto luogo oggi; 27 ufficiali polacchi sono stati spostati da Oflag VII-B ad Eichstätt, in Germania.

Nord Africa: battaglia di Cheren: carri armati alleati e di fanteria hanno catturato le altezze al di là della gola Dongolaas, in Eritrea. In 10 ore, Cheren è stata catturata quasi senza opposizione e le truppe italiane sono fuggite verso Asmara.
La battaglia si è conclusa con 536 alleati uccisi e 3.229 feriti, mentre gli italiani hanno subito 6.500 vittime.
Con Cheren persa, tutta l’Eritrea è ora aperta agli inglesi. L’11° Divisione africana cattura anche Harar in Abissinia, dopo che gli italiani la avevano dichiarata una ‘città aperta‘.

 

Nord America: Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato oggi uno stanziamento di 7.000.000.000 di dollari per il programma di Lend-Lease.

Ufficiali di stato maggiore americani e britannici hanno concluso le loro conferenze  su una strategia comune, a Washington, in caso l’America entri in guerra.
La Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo anche per il trasferimento di basi navali e aeree britanniche in Newfoundland, Bermuda, Giamaica, Saint Lucia, Antigua, Trinidad, Guiana britannica e nelle Bahamas.

 

Mediterraneo: La Jugoslavia si toglie oggi ufficialmente dal patto tripartito e si unisce agli Alleati nella guerra contro la Germania. La folla, alla notizia, a Belgrado sputa di fronte all’ambasciatore tedesco. Ispirato da sentimenti anti-nazisti e da vaghe promesse britanniche di aiuti militari, il Generale Dusan Simovic dell’Aeronautica e altri ufficiali serbi nazionalisti della Reale Air Force jugoslava rovesciano il governo pro-Asse di Jugoslavia, mettendo il principe reggente Paolo con il re Petar II.
Il nuovo ministro degli esteri jugoslavo immediatamente ha assicurato al ministro tedesco a Belgrado che il suo paese vuole mantenere i suoi rapporti amichevoli con la Germania. Anche se fuori dal Patto Tripartito, la Jugoslavia non vuole annullare eventuali accordi presi.
(insomma, vorrebbe la botte piena e la moglie ubriaca…).

Hitler se lo aspettava e il giorno prima ha ordinato a forze tedesche di trasferirsi in Romania, in Bulgaria e in l’Italia in preparazione di un assalto.
Il ministero degli Esteri tedesco ha preparato i messaggi ad Ungheria, Bulgaria ed Italia per unirsi nella spartizione della Jugoslavia.
Churchill immediatamente ha promesso aiuti britannici, ma il nuovo governo di Belgrado sotto il generale Dusan Simovich ha giurato di rimanere neutrale.
Hitler dopo aver appreso del colpo di stato, ha convocato una riunione dei comandanti in capo dell’esercito e della Luftwaffe, con i loro capi di stato maggiore, Ribbentrop, Keitel, e Generaloberst (Generale) Alfred Jodl per 13 ore.
Li ha informati che ha deciso di:

con durezza spietatadistruggere subito la Jugoslavia come unità nazionale.
La Jugoslavia deve essere battuta il più velocemente possibile … e Belgrado sarà rasa al suolo dal cielo
“.

Contemporaneamente Salonicco e la Grecia orientale devono essere occupate (Operazione Marita).
La decisione genererà un ritardo cruciale di un mese nell’invasione della Russia.
In giornata, 500 aerei militari tedeschi sono stati inviati in Bulgaria e in Romania. La IV Luftflotte ora aveva solo 135 caccia da combattimento e da ricognizione in Romania con arrivi previsti per il mese successivo. I principali aeroporti utilizzati per le Luftwaffe durante l’invasione saranno: Arad, Deva, Sofia, Plovdiv, Krumovo, Krainitzi, Belitza e Turnu-Severin.
Battaglia di Capo Matapan: L’intelligence britannica suggerisce che una grande operazione navale italiana è in corso. L’Ammiraglio Pridham-Wippell porta quattro incrociatori leggeri e quattro caccia dal Pireo e Cunningham compone ed invia una task force con la corazzata HMS Warspite, la corazzata HMS Barham, la corazzata HMS Valiant, portaerei HMS Formidable e nove cacciatorpediniere della British Mediterranean Fleet, da Alessandria d’Egitto, a caccia della flotta italiana perchè sa che si è allontanata dalle basi in Italia. Un idrovolante Sunderland viene inviato in ricognizione. Però le navi da guerra italiane si trovano a mezzogiorno, senza la copertura aerea promessa della Luftwaffe.

 

Oceano Atlantico: Il sommergibile tedesco U-98 ha affondato la nave britannica Koranton, a 400 miglia a sud ovest di Islanda, alle 13:50 ore, uccidendo l’intero equipaggio di 34 uomini.

Le navi britanniche britannici Somali, Caroline Thorden e Faraday sono state gravemente danneggiate da aerei della Luftwaffe e successivamente affondate. L’SS Empire Mermaid (638t) nave da carico, in viaggio dagli USA ad Hull è stata danneggiata da un aereo Focke-Wulf Condor, a NW delle Ebridi e  affondata il 28 marzo. Ventitré del suo equipaggio sono morti.
La SS Faraday (5,533t), una nave posacavi, era a ½ miglio al largo di St Abbs capo quando è stata attaccata da aerei tedeschi; ha preso fuoco ed è affondata dodici ore più tardi. Sedici dei suoi 125 uomini dell’equipaggio sono stati uccisi. La SS Somali (6,809t) è stata bombardata da aerei tedeschi fuori Blyth ed è stata presa a rimorchio dal rimorchiatore Sea Giant. Non appena fuori da Beadnell Point, vicino Seahouses, è scoppiato un incendio sul ponte che ha causato una tremenda esplosione che l’ha poi affondata in soli 110ft di acqua.

 

Oceano Pacifico: Una spia giapponese, Takeo Yoshikawa, è arrivata a Pearl Harbor. Yoshikawa ha notato che le navi da guerra sono stati ancorate a coppie e che la navi sono state protette dagli attacchi con i siluri e dai fuoribordo con esplosivi.


just a little goodie

In questi giorni ho girato  e visitato ogni interstizio di internet (in tutte le lingue), facendomi devastare dalle pubblicità più assurde e registrandomi là dove indispensabile, per vedere se trovavo cose che non conosco su Colonia Dignidad e affini.

Continua a leggere


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: