war report: 6gen1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941Germania: Parlando della questione del supporto aereo nella battaglia dell’Atlantico, Hitler impone che il I./KG 40, con i suoi nuovi 200s Fw, saranno sotto il comando del Comandante in Capo della Marina Doenitz. Per placare però le contrarietà del Reichsmarschall Göring per questo cambiamento Hitler emette l’ordine che il Kampfgruppe 806, con i suoi Ju88, debba essere rimosso dal comando navale e riportato alla Sperrle Luftflotte 3 per i raid di bombardieri sull’Inghilterra.
Ora che l’ammiraglio Dönitz ha acquisito il controllo dei ricognitori verrà presto deluso dalla realtà operativa. Anche se la struttura completa è di 20-25 velivoli solo circa otto aerei realmente sono sempre disponibili per le operazioni.

 

Nord Africa: op. CompassBattaglia di Bardia -Day4: La 4° Brigata Corazzata britannica è avanzata di 50 miglia verso Bardia, per catturare Belhamed ad est di Tobruk ed il campo d’aviazione di El Adem, 8 miglia a sud.
Le pattuglie sono state ora condotte a 10 miglia ad ovest di Tobruk ad Acroma. Churchill ha chiesto che le truppe siano liberate dall’offensiva di Wavell ed inviate in Grecia.

Una forza della Francia Libera, sotto il tenente colonnello Jean Colonna d’Ornano, ha attaccato l’aeroporto di Murzuk, nel sud-ovest della Libia dal Ciad, catturandolo, ma il colonnello è stato ucciso in azione.

prigionieriitaliani-a-bardi

Nord America: Nel suo discorso sullo Stato dell’Unione, il presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt ha enunciato delle quattro libertà (vedi le news di giornata).
Roosevelt ha sostenuto la necessità di sostenere la Gran Bretagna e gli altri paesi in guerra.
In questo momento ha cercato di convincere molti americani che è nel loro interesse allinearsi contro il nazismo e la dittatura.
In precedenza aveva parlato del progetto Lend Lease (la legge Affitti e Prestiti), che consentirebbe aiuti militari alle nazioni straniere. Nella sua chiacchierata intorno al caminetto del 29 Dicembre 1940 aveva proclamato l’America come ‘l’arsenale della democrazia‘.
Adesso, con la sua visione, egli è andato ben oltre di ciò che l’America vuole rappresentare.
Le quattro libertà sono due valori che vanno oltre la costituzione degli Stati Uniti ‘-: la libertà di parola, la libertà di culto, la libertà dal bisogno e libertà dalla paura. Le idee espresse qui sono diventeranno la pietra miliare della Dichiarazione universale dei diritti umani e la creazione delle Nazioni Unite.
Essi affermando uno scopo morale che è in diretta contraddizione con la guerra di Hitler si propone:

“Nei giorni futuri, che cerchiamo di rendere il mondo sicuro; non vediamo l’ora di un mondo che sia fondato su quattro libertà umane e fondamentali. La prima è la libertà di parola e di espressione -. In tutto il mondo. La seconda è la libertà di ogni persona di adorare Dio. a modo suo -. In tutto il mondo. La terza è la libertà dal bisogno – che, tradotta in termini mondiali, significa intese economiche che garantiranno ad ogni nazione una vita in tempo di pace in buona salute per i suoi abitanti – ovunque nel mondo. La quarta è la libertà. dalla paura – che, tradotta in termini mondiali, significa una riduzione a livello mondiale di armamenti a tal punto e in modo così accurato che nessuna nazione sarà un domani in grado di commettere un atto di aggressione fisica nei confronti di qualsiasi prossimo – in qualsiasi parte del mondo. Questo non è la visione a un millennio di distanza. Si tratta di una base definitiva per una sorta di mondo realizzabile nel nostro tempo e per le generazioni future.
Questo tipo di mondo è l’antitesi del cosiddetto nuovo ordine di tirannia, che i dittatori cercano per creare con il crollo di una bomba “.

Questa non è una chiamata alla guerra, ma era una dichiarazione inequivocabile che dimostra da quale parte stanno gli Stati Uniti.

Regno Unito: L’Irlanda neutrale ha inviato una nota di protesta in Germania dopo che Dublino era stata “accidentalmente” bombardata per tre notti di seguito da parte di aerei della Luftwaffe.

I cacciatorpedinieri britannici HMS Mashona e HMS Sikh sono entrate in collisione nella base navale di Scapa Flow, in Scozia.

Mediterraneo: Durante la notte, torpediniere greche hanno bombardato il porto albanese di Valona.
20 miglia a sud, i cacciatorpediniere italiani Alfieri, Carducci, Fulmine e Gioberti, le torpediniere Partenope, Pallade, Romeda e Altair hanno bombardato le posizioni greche di Porto Palmermo. L’offensiva greca contro le posizioni italiane nelle montagne dell’Albania ha raggiunto il passo Klisura sul fiume Vjosë, strategicamente importante che, se catturato, permetterebbe alle forze greche il raccordo con le truppe sulla costa nel centro del fronte. Però incontra una rigida resistenza italiana, che annovera i nuovi carri Fiat-Ansaldo M13/40 in breve devastati dall’artiglieria greca molto più poderosa.
Il Blitz Illustrious. il Convoglio MC 4 ha lasciato Gibilterra e facendo finta di dirigersi verso l’Atlantico e dirigendosi invece verso Malta, col buio della notte si è nascosto alla vista degli agenti dell’Asse vicino a Gibilterra. La Forza B, che comprendeva gli incrociatori britannici HMS Gloucester e HMS Southampton e scortato dai cacciatorpediniere HMS Ilex e HMS Janus, è partito per Alessandria d’Egitto, alle 13:15, per trasportare 510 unità dell’esercito e della RAF a Malta e per incontrare il convoglio Excess che era partito da Gibilterra lo stesso giorno.
La Luftwaffe vedendo questi movimementi, ha lanciato i suoi primi attacchi contro i convogli britannici diretti a Malta.

Oceano Atlantico: Il sommergibile tedesco U-124 ha affondato la nave britannica Empire Thunder, a 200 miglia a nord-ovest delle Ebridi Esterne, in Scozia, alle 11:37.
9 sono i morti e 30 i sopravvissuti.

La torpediniera tedesca Kormoran ha fermato la nave greca Antonis, nell’Oceano Atlantico, a 200 miglia a nord ovest di Capo Verde. L’Antonis è stato affondato quando 4.800 tonnellate di carbone britannico sono state trovate a bordo. Tutti i 29 dell’equipaggio e 7 pecore sono state prese a bordo del Kormoran.

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: