war report: 3 gennaio 1941

t557_warbullettin_sxcBollettino di guerra internazionale.

warReport1941Germania: L’azienda svedese della Saab consegna l’ultimo dei bombardieri Junkers Ju 86 alla Luftwaffe, il più veloce del tipo: la serie Bristol con motore ‘K’.

I bombardieri della RAF hanno attaccato Brema e il canale di Kiel, in Germania.
Il ponte del Canale di Kiel ha subito un colpo diretto ed è crollato sulla nave finlandese Yrsa.

Un decreto (Normalschrifterlass) promulgato da Martin Bormann, in nome di Adolf Hitler, richiede la sostituzione dei caratteri blackletter con Antiqua.

Nord Africa: Operazione Compass. La battaglia di Bardia. Le fasi iniziali dell’Operazione Compass su Bardia hanno avuto molto successo. Gli italiani sono stati sorpresi negli accampamenti fortificati che avevano stabilito all’interno dell’Egitto. Dopo poco sono stati respinti in Libia oltre il confine, ma hanno avuto l’opportunità di consolidare una serie di posizioni fortificate lungo la costa. La necessità di portare la 6° divisione australiana di sostituire la Divisione 4a indiana ha dato loro qualcosa di più di un attimo di respiro.
Le forze britanniche ora non avevano più il vantaggio della sorpresa, ma sono stati determinati nel  portarsi avanti. Le truppe australiane sono state messe in campo non appena arrivate. Nelle prime ore, le truppe australiane si sono riunite per un assalto al presidio di Bardia, alla prima città portuale piccola nella linea di avanzamento lungo la costa. E ‘stata una notte molto fredda nel deserto e alcuni uomini trovato l’acqua gelida nelle loro bottiglie d’acqua. Alle 05:30, lo sbarramento dell’artiglieria britannica ha ha cominciato, colpendo le posizioni difensive italiane a Bardia, Libia. Alle 06:00, la 6° divisione australiana ha iniziato il suo attacco da ovest, la colpendo gli ostacoli anti-carro per i 23 carri della British 7° Reggimento Reale Carri, che ha cominciato ad attaccare alle 06:50.
Poi la fanteria ha spostato in avanti il principale assalto coi siluri Bangalore che facevano saltare punti del filo italiano. Molto presto le posizioni difensive italiane erano state violate. La resistenza è stata molto varia. Alcune unità si sono arrese subito nei loro bunker; in alcuni punti c’erano ancora aspri combattimenti.
Nel corso della giornata un numero sempre maggiore di italiani ha cercato di fuggire lungo la costa. Tra le 08:10 e le 08:55, le corazzate HMS Warspite, l’HMS Valiant, e l’HMS Barham, insieme ai cacciatorpedinieri, al monitor e alle cannoniere, hanno bombardato Bardia con 244 proiettili da 15 pollici, 270 proiettili da 6 pollici, 250 da 4.5 pollici, e molte colpi di calibro più piccolo. Le forze di terra sono penetrate 2 miglia entro le linee italiane.

(c’è onestamente da chiedersi come sia stato possibile che gli italiani nella battaglia siano stati colti di sorpresa.
Da una parte: mettiamo in conto che gli inglesi siano pure perticolarmante bravi da riuscire a nascondersi sempre; lo hanno fatto da 20gg ad oggi; mettiamo che riescano a diventare anche invisibili agli occhi italiani;
dall’altra parte: o siamo completamente sordi e ciechi da non vedere a 450m [ho scritto ieri che i nemici erano insediati in una depressione a quella distanza], ma che restiamo completamente sorpresi francamente mi sembra davvero troppo.
elementi a favore: ci sono difese perimetrali controllate e pattugliate; c’è un numero di soldati che da’ una certa fiducia; ieri ci hanno bombardato ma abbiamo tenuto bene; ci sono campi minati e poi se arrivano si vedranno, no? che siamo in guerra ce lo ripetono continuamente; non siamo qui per un torneo di briscola..;
elementi contro: [da radio-naja] il morale è decisamente basso; non è la nostra guerra e non ce ne frega niente; meglio finire subito, tanto qui non c’è nulla che si possa fare… e poi ci sono poche munizioni…

Chi lo sa. ci sta tutto. Ma la sorpresa no. La sorpresa, proprio no. Se un’armata di 36mila uomini è a 450m devo vederli ad occhio nudo. Poi ci sono 23 carri nemici; con un’artiglieria che da 2 ore che mi spara in testa; non posso essere sorpreso. Posso essere militarmente inferiore, non competitivo, ma imbecille del tutto, questo no. Però nei rapporti, sui libri inglesi è scritto così.)

 

Regno Unito: Bombardieri tedeschi hanno attaccato Bristol, in Inghilterra durante la notte, per 12 ore consecutive, prendendo di mira le banchine e la stazione ferroviaria.
149 persone sono state uccise e 351 sono state ferite. Il granaio di Princes Wharf è stato distrutto, insieme con la maggior parte delle 8mila tonnellate di grano all’interno. Una bomba di 4.000 libbre,  non esplosa e soprannominata ‘Satana’ dalla gente di Bristol, verrà mostrata nella parata per la vittoria a Londra nel 1945.

Dublino è stato di nuovo colpita dalla Luftwaffe tedesca, con le bombe che sono cadute sulla terrazza Donore nella zona di South Circular Road con 20 feriti, ma senza nessuna perdita in vite umane.

Il Corpo Aereo Italiano, che ha partecipato alla battaglia d’Inghilterra a fianco di unità della Luftwaffe presso le basi in Belgio, è stata richiamata in Italia dopo aver subito pesanti perdite.

 

Mediterraneo: I Fliegerkorps della Luftwaffe X sono arrivati in Italia.

Gli italiani hanno lanciato una controffensiva a nord e ad ovest di Korce, in Albania. Due nuove divisioni italiane sono state impegnate nel settore Klissoura sulla strada Valona per riprendere l’iniziativa.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: