la sconfitta, le ombre …

Ancora a proposito della sconfitta della IX Armata italiana in Grecia, a mio modestissimo parere, mi occorre attonito evidenziare l’indifferenza del Governo italiano, da un lato, che nulla ha mosso in favore dei suoi soldati quando doveva e poteva e dall’altra, l’eco sui giornali italiani del giorno dopo che hanno fatto di tutto per minimizzare l’accaduto.
Forse per disposizioni di regime. Lo posso capire.
Comunque è un disastro.

Solo che, a forza di prendere scapaccioni a destra e a manca, l’opinione mondiale sull’esercito italiano crolla miseramente.
Sì, c’è anche questo. Ed entrare a piombo nel discorso del merito dei soldati è un attimo; e invece qui sarebbe il caso di parlare di demerito di qualcuno, al di sopra di loro.
Nel blog ho già (credo) descritto alcune condizioni insostenibili che hanno attanagliato le nostre truppe sin dall’inizio di questo stupido conflitto:
– non si possono fare errori di valutazione così abnormi sulle forze avversarie;
– non è possibile mandare tante anime allo sbaraglio, figlie di una tale impreparazione tecnica e morale. Di questo ho parlato, spero diffusamente, raccontando lo stato d’animo di chi è andato sul campo;
– non si può essere così presuntuosi da pensare di poter fare a meno della propria marina e della propria aviazione, non è possibile.
Queste cose le valuterebbe correttamente un bambino di 6 anni.
– la scelta idiota del periodo di inizio delle ostilità; non si inizia un conflitto quando sta per arrivare la brutta stagione, soprattutto conoscendo il campo di battaglia rivelatosi così difficoltoso e ostico per le nostre truppe appiedate e non attrezzate;
– non si cambiano all’ultimo momento le armi ai soldati con le quali si erano addestrati.

Ne parlo io che fortunatamente sono nato molto tempo dopo la guerra. Ma probabilmente ci sarebbero ancora mille ed un argomento che un veterano potrebbe dibattere, ma nessuno di questi andrebbe a tangere il discorso del merito.
Lo stesso discorso è applicabile ai soldati presenti sul fronte africano. Che ci urlerebbero tutte le difficoltà che hanno dovuto e, spesso non potuto, superare.

Poi, sulla stampa estera sono nati gli adagio: “gli italiani-spaghetti non sanno combattere, è gente che non ne ha voglia, che pensa solo a fare festa, ecc.” e questo è quello che fa più male. E non parlo di onore (che sembra un discorso fascista), parlo di chi comandava, di chi decideva a fronte di informazioni completamente sbagliate e/o travisate.
Con una situazione logistica così da terzo-mondo, come quella italiana, i tedeschi avrebbero forse potuto fare ciò che hanno fatto? Se gli americani avessero avuto i fucili a tappi e noi i loro, quali successi avrebbero conseguito?

Facile sembrare valorosi quando si gioca solo in attacco, quando cioè non ci si deve difendere! Quando non si è attaccati e bombardati ogni 20 minuti.
E per curiosità: che gusto c’è a sconfiggere uno Stato 200/250 volte più piccolo di te?
Questa non mi sembra una vittoria della democrazia sul fascismo; sembra solo un’imposizione della legge del più grande e quindi del più forte. A prescindere dalle idee politiche che sostiene.
E questa è l’opinione corrente di moltissimi europei.

Per valutare il merito dei soldati bisognerebbe fare come i Greci di 1500 anni fa che opponevano solo 100 soldati avversari a giocarsi il futuro della propria fazione. Lasciando però incolumi i civili (questa postilla la indirizzerei agli inglesi…).
E allora, volentieri, tirerei le orecchie Winston Churchill quando decanta il valore degli inglesi ed il loro destino vittorioso, acquisiti per natività, come ha lasciato scritto nelle sue memorie. Cazzate, di un vincitore per meriti altrui. E basta.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: