5 novembre 1940: news

Attività politica e diplomatica.
Da San Sebastiano si ha che alla Camera dei Comuni, Churchill ha pronunciato un discorso, dicendo fra l’altro quanto segue:

war-Newsdurante i mesi in cui fummo minacciati di invasione non desistemmo dall’inviare in Egitto il maggior numero di soldati consentito dalle disponibilità dei mezzi di trasporto (più che altro, dalla disponibilità oggettiva di soldati…perchè le navi avrebbero potuto fare anche più viaggi se ne ce fosse stata la possibilità. Oltretutto, si doveva soprattutto non sguarnire l’Inghilterra…)
Ed assieme ai soldati mandammo mezzi bellici di ogni genere, sottraendoli alla difesa metropolitana. (non è così vero. Nelle sue memorie spiega l’impossibilità, nonostante le pressanti richieste egiziane, data dai motivi sopraelencati) Decine e decine di migliaia di soldati lasciarono questa isola ogni mese, ininterrottamente ed altri furono ritirati dalle varie parti dell’Impero per essere concentrati nel Medio Oriente.
Ho già precedentemente esposte alla Camera le preoccupazioni molto serie che concentrano la nostra attenzione sulla Manica, sulla Metropoli e sull’Egitto, dove abbiamo da affrontare un esercito molto poderoso e numericamente molto superiore al nostro. Tenendo conto dei nostri nuovi impegni per la difesa della Grecia, invito la Camera a non insistere per sapere quel che potremo fare (
come ho scritto … La Grecia paga l’Inghilterra 5 milioni di sterline per gli aiuti! Vorrei tanto sapere se Churchill ha mai informato la Camera sull’affare in corso; perchè di un affare si tratta e non di aiuti umanitari pro-bono… E qui comincia a giostrare).
Se valorizzassi i nostri aiuti, susciterei in Grecia speranze infondate; se li sminuissi provocherei un senso di scoraggiamento e di allarme; se dicessi la verità pura e semplice rivelerei quel che il nemico vuole sapere. Prego quindi la Camera di accontentarsi di questa mia dichiarazione“.

nota. Nelle Memorie di Churchill (12 vol. + appendice) questo passaggio è stato omesso.

Da Washington si informa che le autorità federali americane hanno autorizzato la vendita all’Inghilterra delle seguenti navi da carico (sono sempre stato convinto che le guerre sono un grandissimo affare per chi ha da vendere qualcosa):

Queenstonmack, di 5140 tonn.;
Jelee, di 4194 tonn.;
Liberty Bell, di 5170 tonn.;
West Ebonk, di 5630 tonn.;
Ohkmann, di 6081 tonn.

 

Attività militare.
Comunicati tedeschi.    Pessime condizioni atmosferiche.
Attacchi aerei su Londra, l’Inghilterra e la Scozia (Coventry, Liverpool, Hillington, Edimburgo e Leith).
Posa di mine innanzi ai porti inglesi. 1 apparecchio inglese e 1 tedesco abbattuti.

12_411

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: