war report: 18ott1940

Il sottomarino britannico H49 è stato affondato dalle torpediniere DKM aux SC UJ.116 e UJ.118, fuori Terschelling.  Dell’equipaggio, tutti tranne uno, sono morti.
L’unico sopravvissuto è stato salvato e fatto prigioniero di guerra.

La nave ASW Kingston Cairngorm ha colpito una mina al largo di Portland ed è affondata;
la nave-cargo Mv Sandsend è stata affondata dall’U-48, uccidendo 5 uomini di 39 dell’equipaggio;
la nave MV Creekirk è stata affondata dall’U-101 e ha perso tutto l’equipaggio di 36 uomini;
la nave MV Shekatika è stata affondata dall’U-123;
la nave MV Beatus è stata affondata dall’U-46;
la nave MV Convallaria è stata affondata dall’U-46;
la nave MV Boekelo è stata affondata dall’U-123;
la nave MV Gunborg è stata affondata dall’U-46;
la nave MV Empire Miniver è stata affondata dall’U-99;
la nave MV Fiscus è stata affondata dall’U-99;
la nave MV Niritos è stata affondata dall’U-99.

(vedi foto sotto)

le navi sopra elencate (ove non specificato) hanno perso quasi tutto l’equipaggio di bordo. In un solo giorno.
Alla media di 38 ciascuna fanno poco più di 300 persone (308).

La Francia di Vichy ha ufficialmente pubblicato lo statuto del 4 ottobre 1940, secondo il quale gli ebrei che non sono cittadini francesi non sono saranno più protetti dalle leggi francesi e saranno confinati.
‘Campi speciali’ sono stati designati (vedi: Velodrome) per iniziare l’alloggiamento di questi ebrei apolidi.

I sottomarini tedeschi hanno attaccato il convoglio alleato SC-7 per tutto il giorno; l’U-38 ha attaccato la nave britannica Carsbreck alle 06:36;
l’U-99 ha affondato la nave britannica Fiscus, a 100 miglia a nord ovest di Irlanda, uccidendo 38 dei 39 a bordo;
l’U-100 e l’U-123 hanno danneggiato la nave britannica Shekatika, a 100 miglia a nord ovest di Irlanda, alle 22:25.
Il sommergibile tedesco U-48 ha affondato la nave britannica Sandsend, a 500 miglia ad occidente dell’Irlanda, alle 22:25, uccidendone 5.
I cacciasommergibili tedeschi UJ-116 e UJ-118 hanno affondato il sottomarino britannico H-49 al largo di Texel, nei Paesi Bassi; 21 sono stati uccisi e 1 sopravvissuto e catturato.
Il peschereccio britannico anti-sommergibile HMT Kingston Cairngorm ha colpito una mina nel canale della Manica; è stato in grado di essere rimorchiato in porto, ma  affonderà domani.

Due idrovolanti britannici della RAF hanno avvistato il sommergibile italiano Durbo 120 miglia ad est di Gibilterra, fuori Alborán. I caccia britannici HMS Firedrake e HMS Wrestler hanno attaccato con bombe di profondità, costringendo il Durbo in superficie per poi affondare. I marinai britannici sono riusciti a catturare informazioni riguardanti le disposizioni del sommergibile italiano prima che affondasse. L’equipaggio di 48, del Durbo,  è stato fatto prigioniero.

sub-dumboimmagine del trasbordo degli occupanti del Durbo dopo essersi arresi e poco prima dell’affondamento

I cannoni tedeschi di Calais, in Francia, hanno sparato 10 proiettili su Dover, in Inghilterra; due dei colpi sono esplosi a segno creando devastazione.

La Gran Bretagna ha riaperto la strada della Birmania, la via di rifornimento per la Cina.

La nebbia ha limitato la capacità tedesca di attaccare l’Inghilterra meridionale,  quindi solo pochi scontri aerei sono state combattuti.
Durante la notte, Londra è stata bombardata, colpendo il Rose and Crown Pub che hanno provocato 42 morti e 6 feriti;Liverpool e Birmingham sono state attaccate.

18-1-h4918-2-sandsend18-3-creekirk

 

 

 

 

 

 

 

18-5-beatus

18-6-convallaria

 

 

 

 

 

18-7-boekelo18-8-gunborg

 

 

 

 

18-9-empire-miniver18-10-fiscus

18-12-convoysc7

18-11-niritos

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Battaglia di Inghilterra.

Il tempo e visibilità si sono rivelati scarsi ed hanno impedito eventuali missioni su larga scala alla Luftwaffe, durante il giorno e la notte.
La maggior parte dei voli della Luftwaffe hanno fatto ricognizioni e quelli che hanno cercato di impostare dei raid sono stati allontanati dai caccia. Una intercettazione di successo per il Fighter Command è stato fatto dagli Hurricane della RAF di Northolt, che hanno intercettato alcuni Ju88 su Kent mentre si avvicinavano a Londra.
Tra il pranzo ed il tè, trentacinque incursioni sono state contate volare alto, sopra l’East Anglia.
Quarantacinque caccia della RAF sono stati lanciati. Alcuni hanno intercettato e abbattuto 4 macchine della Luftwaffe.

Le condizioni climatiche avverse hanno creato molti incidenti per entrambe le parti, i piloti e gli equipaggi sono stati disorientati dalla nebbia. Un tragico incidente ha coinvolto i piloti polacchi della RAF. Mentre erano in pattuglia si sono persi e si sono ritrovati a corto di carburante e costretti ad atterraggi di emergenza, in seguito hanno perso quattro Hurricane e i suoi piloti.
Per la prima volta le variazioni di frequenza cardiaca, dovute alle frequenti variazioni di altitudine, hanno procurato le uniche perdite della Luftwaffe: sono stati visti due piloti tedeschi perdere il controllo dei propri Messerschmitt per motivi sconosciuti; inspiegabile.

Durante la notte, dopo aver effettuati i raid su Londra, Bristol, Birmingham, Liverpool, Southampton e East Anglia, tutti i 160 bombardieri partecipanti sono tornati ai loro campi d’aviazione, all’01:45 – ora locale. La posa delle mine è stata effettuata intorno alle aree del Tamigi.
In prima serata una formazione di Heinkel di II./KG 27 ha attaccato Birkenhead con uno degli attentatori del raid di Bristol delle 20:15.

Goering ha ribadito ai suoi piloti: « avete ridotto la plutocrazia britannica alla paura ed al terrore!».

 

Note a margine su Londra di questi giorni.

Una seconda evacuazione di mezzo milione di bambini nella zona di Londra è in corso. Essi stanno lasciando al ritmo di 2.000 al giorno in piccole quote, nell’ambito di un sistema di evacuazione chiamata “trickle”. Oltre 20.000 hanno lasciato nel mese di settembre. Un ulteriore evacuazione di 89.000 madri e bambini  lasceranno Londra in ottobre. Quando il bombardamento pesante iniziò il 7 settembre, migliaia di East Enders fuggirono dalla devastazione. Circa 5.000 “trekkers” scapparono nella foresta di Epping e si accamparono lì.
Altri presero i camion per i campi di luppolo del Kent dove letti sulla paglia erano disponibili in baracche. Circa 10.000 londinesi e la popolazione locale ora vivono nelle grotte di Chislehurst nel Kent. Essi sono dotati di luce elettrica, una mensa e un’infermeria. Le famiglie hanno preso rifugio in grotte avvalendosi di letti e mobili pre-installati.
Circa 25.000 sono andati a Paddington, città che permetteranno luoghi di lettura come Basingstoke e Oxford, e che da sole alloggiano già 15.000 rifugiati. La maggior parte di questi “trekkers” ora sono rientrati a Londra.
Alcuni odiano questi rifugi improvvisati e le scomodità che offrono; preferiscono ancora i loro quartieri nativi, anche quando se sono sotto i bombardamenti.

Per ulteriori info su questo esodo si veda l’articolo:
Londra: la paura fa 90.

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: