bollettino di guerra – 7ott1940

bollettinimidIl Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 7 ottobre:

La stessa flottiglia Mas citata nel predente bollettino ha affondato un altro sommergibile nemico.
Nel Mar Rosso  un convoglio nemico, scortato da incrociatori e cacciatorpediniere, è stato bombardato da una nostra formazione aerea.
Nell’Africa Orientale attività di nostre pattuglie oltre Cassala e nella zona di El Zuan (ovest di Om Ager). L’aviazione nemica ha bombardato Gallabat uccidendo quattro ascari e ferendone sei.
Altre incursioni aeree su Otumio (Massaua) e su Matemmà hanno causato tre morti e due feriti tra i nativi, distruggendo qualche capanna.
Un sommergibile nemico, emerso nei pressi di Savona, ha sparato alcuni colpi di cannone sulle città colpendo abitazioni private e causando un morto e sei feriti tra la popolazione. Danni materiali lievi.

bollettinisxUn nostro sommergibile ha affondato una vedetta armata inglese. Nel Mediterraneo occidentale è stato silurato un nostro piroscafo mercantile di 1800 tonnellate.
Nell’Africa orientale uno scontro di pattuglie svoltosi ad El Katulo (Kenia) si è risolto a nostro favore; il nemico  è stato posto in fuga con perdite sensibili.
Nel mar Rosso una nostra formazione aere ha nuovamente bombardato il convoglio di priscafi già attaccati ieri.
Altri nostri aerei hanno colpito la stazione radio a Uadi Jusui ( anord di Ghedaref) e nuclei armati nemici presso il confine con il Sudan.

Nove formazioni aeree hanno attaccato con siluramento la Valletta ed i depositi di Calafrana, a Malta; si è svolto un combattimento tra i nostri velivoli e i caccia nemici, uno dei quali è stato abbattuto in fiamme. Un nostro velivolo non è rientrato.
Speronato e mitragliato un nucleo motorizzato nemico presso Bir Kamsa (a sud di Sidi Barrani) immobilizzando tre autoblindate; un nostro velivolo è perduto.
Nell’Africa Orientale nostre pattuglie hanno posto in fuga formazioni di cavalieri sudanesi al confine eritreo.
Un piroscafo colpito ha abbandonato il convoglio dirigendosi  a velocità ridotta verso la costa egiziana.
I nemici hanno lanciato bombe su Tobruk causando tre morti e sei feriti. Un aereo inglese è abbattuto dalla difesa a terra della R. Marina.

L’aviazione britannica ha bombardato impianti, imbarcazioni e magazzini portuali nel porto di Aden, come anche su Cheren, Buna, Decamerè, Gura, Mai Edagà, senza causare vittime nè danni e ad Assab, dove si sono avuti due morti e qualche ferito tra nazionali ed indigeni. Incursioni aeree nemiche su Gura, Tiselli e Decamerè hanno provocato il ferimento di due donne.

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: