Sonderbestimmungen: particular dispositions

Il 28 agosto il comandante supremo delle SS Heinrich Himmler ordina la seguente classificazione dei campi di concentramento:

1. livello I: campi di concentramento di Dachau e
Sachsenhausen, per «Schutzhäftlinge», detenuti in carcerazione protettiva, con colpe lievi e senz’altro passibili di miglioramento, oltre che per casi speciali e celle d’isolamento;
2. livello Ia: campo di concentramento di Dachau, per tutti i detenuti anziani e ancora idonei al lavoro, che possono essere utilizzati in lavori di giardinaggio e coltivazione di erbe medicinali;
3. livello II: campi di concentramento di Auschwitz, Buchenwald, Natzweiler, Flossenbürg, Stutthof, Neuengamme, Lublino, per detenuti in carcerazione protettiva con colpe gravi, ma comunque passibili di rieducazione e miglioramento;
4. livello III: campi di concentramento di Mauthausen-Gusen e Groß-Rosen, per detenuti in carcerazione protettiva con colpe gravi, pregiudicati e asociali, dunque per detenuti inadatti alla rieducazione.
Contemporaneamente, Himmler sottolinea che dal livello Ia devono essere esclusi i detenuti vecchi e inabili al lavoro che richiedano una cura medica. Questi devono rimanere nei reparti previsti per loro, nei singoli lager: i vecchi, i malati e non in grado di lavorare non sono affatto esclusi dal lavoro; essi muoiono per sfinimento oppure sono uccisi per passare il tempo o per altre futili ragioni.
Uno dei modi cui ricorre preferiti per uccidere è lo strangolamento, che si attua schiacciando con il piede un bastone stretto al collo del detenuto, gettato a terra. In altri casi si assestano calci con gli stivali nel petto del malcapitato o lo si fa schiacciare dentro il terreno pressato, per ricavarne piazzali per gli appelli.
In seguito, la classificazione del KL Auschwitz verrà rivista nuovamente.

Ancora oggi, migliaia di visitatori del campo, ignari di questi particolari, camminano sui resti dei corpi dei prigionieri finiti sul selciato o sul piazzale.   Raro.

Auschwitz-road-DEF

Advertisements

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: