21 giugno 1940: news

Attività politica e diplomatica.
war-NewsL’Ufficio Informazioni germanico comunica:
Alle 15:30, alla presenza dei comandanti delle Forze Armate, del capo del Comando superiore delle Forze Armate, del Ministero degli Esteri edel Ministro Hess, il Fuhrer ha oggi ricevuto la consegna delle condizioni dell’armistizio, la Delegazione francese composta dal generale generale Huntziger, dal Generale di Aviazione Bergeret, del Vice Ammiraglio Leluc e dell’ambasciatore Noel. La consegna delle condizioni ha avuto luogo nel bosco di Compiegne, sullo stesso vagone sul quale il Maresciallo Foch, il giorno 11 novembre 1918, dettò, in circostanze disonoranti, ai plenipotenziari tedeschi, le condizioni di armistizio.
L’atto odierno che ha cancellato quelle pagine di onta, si è svolto in termini e forma di grande dignità che erano in stridente contrasto con le lapidi sature di odio eterno collocate in quel luogo, dove, la bassezza gallica di allora, insultò l’esercito tedesco NON vinto.
Per incarico del Fuhrer, il Capo del Comando Superiore delle Forze Armate, Generale Keitel, ha dato lettura del seguente preambolo alle condizioni di armistizio:
«Le Forze Armate del Reich deposero le armi nel novembre 1918 le armi confidando nelle assicurazioni date alla Germania dal Presidente americano Wilson e riconfermate dagli alleati.
Con ciò terminava una guerra che il popolo tedesco ed il suo Governo non avevano voluto e nella quale gli avversari, ad onta della loro schiacciante superiorità, non erano riusciti a vincere decisamente l’esercito, la Marina e l’arma aerea del Reich.
La violazione delle solenni promesse date cominciò nello stesso istante dell’arrivo della commissione tedesca. Il giorno 11 novembre 1918 ebbe inizio così, in questo treno, il calvario del popolo tedesco, tutta la messe di disonorevoli umiliazioni, sofferenze materiali e morali inflitte alla nazione germanica. Mancamento di fede alla parola data e spergiuro si erano realizzati contro una nazione che, dopo quattro anni di resistenza eroica, aveva commesso l’unica debolezza di prestare fede alle promesse dei Governi democratici.
Il 3 settembre 1939, venticinque anni dopo lo scoppio della guerra mondiale, l’Inghilterra e la Francia hanno dichiarato nuovamente la guerra alla Germania, senza alcun motivo. Ora è venuta la decisione delle armi. La Francia è vinta. Il Governo francese ha pregato il Governo tedesco di rendergli note le condizioni per un armistizio.
La scelta per la consegna di queste condizioni è caduta sullo storico bosco di Compiegne, per cancellare una volta per sempre, con questo atto di giustizia riparatrice, un ricordo che per la Francia non era un capitolo glorioso della sua storia e che dal popolo tedesco, era sentito come la sua più profonda vergogna di tutti i tempi.
Dopo una resistenza eroica la Francia è stata vinta in una serie di sanguinose battaglie ed è crollata.
La Germania non intende dare, quindi, alle condizioni e ai negoziati di armistizio il carattere di un insulto verso un nemico così valoroso.
Pertanto le richieste sono:

1. impedire una ripresa della lotta;
2. dare alla Germania tutte le garanzie per la continuazione della guerra impostale dall’Inghilterra;
3. creare le premesse per una pace nuova, il cui contenuto — più sostanziale — sarà la riparazione dei torti arrecati con la violenza
alla Germania stessa.

Dopo la lettura di questo preambolo, il Fuhrer ha abbandonato il luogo dei negoziati, mentre la musica intonava il “Deutschlandlied”».
Il Generale Keitel leggeva quindi e consegnava ai parlamentari francesi le condizioni specifiche per la cessazione delle ostilità.
I delegati francesi hanno lasciato immediatamente Compiègne diretti a Bordeaux.

Compiègne1940

Attività militare.
Comunicati tedeschi. Lione occupata in combattimento. In Alsazia e in Lorena le truppe francesi, divise e circondate, si difendono con accanimento. Nei Vosgi occupata le località di Weilerkopf, Schlettstadt e Colmar sono occupate.
Alla foce del Gironda una nave trasporto di 10mila tonn. è affondata.
Incursioni aeree inglesi in Germania. 6 apparecchi nemici distrutti.
2 apparecchi tedeschi perduti.

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

I Commenti sono disabilitati.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: