4 giugno 1940: news

Attività politica e diplomatica.
war-NewsAlla Camera dei Comuni il Primo Ministro, Churchill, pronuncia il discorso sulle operazioni militari nelle Fiandre.
(nel discorso non è mancata una ingenerosa, quanto sterile, polemica; a Londra ed a Parigi la sorpresa causata dalla decisione inattesa, sì, ma spiegabilissima del Sovrano belga ha impedito (a mio modo di vedere, anche oggi) ogni serenità di giudizio.
In maniera diversa, come ho già affermato, si sarebbe dovuto ammettere che erano stati proprio  gli errori strategici e la dichiarata impotenza di quelli che hanno la direzione inglese della guerra a porre l’esercito belga in una condizione tragica di doversi sacrificare fino all’ultimo uomo (in pieno stile Hitler), oppure, come in effetti ha fatto, arrendersi. E’ comunque vero che gli alleati avevano già preso di diverse batoste ovunque; il BEF -BritishExpeditionaryForce – si è dimostrato assolutamente insufficiente ed inadeguato.
Io dico che è facile fare gli eroi con la vita degli altri, è vero comunque che l’Inghilterra ha fatto quello che poteva fisicamente fare: con la Polonia non ha fatto fisicamente nulla, con la Finlandia non ha fatto nulla, con la Norvegia ha farfugliato qualcosa, cosa ci si aspettava per l’Olanda ed il Belgio? Churchill ha sempre detto che si faceva forte delle immense forze francesi, poi quando la Francia ha cominciato a tentennare ha mandato 4 soldati non addestrati a soffrire inutilmente. E questo ai cittadini inglesi però non l’ha detto.
)
forze-belghe-stremateforze beghe stremate che, secondo Churchill, dovevano combattere fino alla morte…

Attività militare.
Secondo i tedeschi, dopo aspri combattimenti è stata conquistata la fortezza di Dunkerque (ma quale fortezza…); 40mila prigionieri.
(in realtà ne potevano/dovevano – secondo loro – fare 300mila!
Invece la RAF glielo ha impedito, poi la nebbia, poi gli ordini confusi di Hitler, poi le discussioni con Goering, hanno fermato la forza dirompente che li aveva proiettati fino a quel punto in un baleno).
Nel corso dei combattimenti aerei 79 apparecchi alleati abbattuti: al suolo quasi 400; per difesa contraerea, 21; 9 apparecchi mancano.

Secondo i francesi l’imbarco è stato completato sotto il comando dell’Ammiraglio Abrial e del gen. Fagolde che si sono imbarcati per ultimi. L’operazione è riuscita grazie alla stretta collaborazione delle forze francesi e inglesi di terra, del mare  e dell’aria; anche se, in verità e contrariamente a quanto dichiarato, nell’evacuazione si è sempre preferito lasciar strada ai britannici anzichè ai francesi…

Secondo gli inglesi: notizie di azioni aeree su Dunkerque; attacchi in Germania a raffinerie, depositi di benzina e magazzini di rifornimenti, depositi ferroviari nella Ruhr, nella Renania Prussiana e presso Francoforte.
2 aereoplanini tedeschi abbattuti, 2 inglesi mancano (quindi è un pareggio!).

E comunque ne voglio dire un’altra. Anche nel proseguo della guerra vedremo come sarà evidente il concetto di “armiamoci e partite…”; gli inglesi, nell’invasione dell’Italia e in Africa, hanno mandato avanti prima i neozelandesi, gli indiani (di tutti i tipi), africani, brasiliani, canadesi ecc., ma di inglesi veri e dell’Inghilterra se ne sono visti pochissimi.
Non come nei film del dopoguerra…visti in Tv.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: