13 marzo 1940: news

Attività politica e diplomatica.
war-NewsLa conclusione odierna della guerra d’inverno tra la Russia e la Finlandia ed il ripristino della pace sucitano vivo cordoglio in Finlandia, dove il popolo male si rassegna ai sacrifici impostigli dal trattato.
(vista dal 2016, un aspetto mi risulta particolarmente indigesto:
il fatto, una mattina e all’improvviso, di scoprirmi di nazionalità diversa. Io posso capire che visivamente non cambi nulla, ma il sapere che la gente normale, per colpa di un disegno geo-politico, cambi improvvisamente nazione dopo che per anni ha vissuto in un’altra, lo trovo intollerabile. Io capisco oggi la tolleranza, la rassegnazione, l’obbligo al dovere e volere dei nuovi capi, ma è uno sradicamento più che violento, magari per chi non lo voleva proprio. E’ un modo per creare un potenziale e forzato esodo o sfollamento di migliaia di persone che dovranno ricominciare una vita da un’altra parte, trovare un lavoro. Ripartire.
Per il volere di uno solo. Con la complicità – a mio modo di vedere – di molti e non russi, però. E questo fa male. Molto.
Il 10% dei territori usurpati dal trattato, anche se la Finlandia è una nazione a bassa densità di popolazione, è una marea umana a testa bassa che si muove per continuare a vivere. Io non so come si stava lì, in Finlandia, nel 1940, ma finire oltretutto nel comunismo più becero non lo definirei un futuro luminoso
).

13-14marzo1940Finlandia
Alla Camera dei Comuni, Chamberlain fornisce chiarimenti sull’atteggiamento del Governo britannico nel conflitto russo-finlandese.
In seguito alle conversazioni fra il Duce e von Ribbentrop, si riunisce il Comitato il Comitato Misto per gli scambi commerciali italo-tedeschi per adottare i provvedimenti necessari ad avviare per via di terra i rifornimenti di carbone dalla Germania all’Italia.

Attività militare.
A Roma, alla Camera dei Fasci e delle Corporazioni il Ministro della Guerra, Soddu, illustra, in sede di bilancio, il potenziamento dell’esercito italiano.
Un vapore germanico, di cui si ignora il nome*, affonda nelle acque dello Yutland settentrionale.

* Non è vero. La notizia è apparsa decisamente più tardi. La nave Eschersheim S/S, era un piroscafo di acciaio partito da Brema e perso oggi, 13 marzo 1940, con 5 annegati e 26 sopravvissuti, affondato per un naufragio. Sembra che il battello abbia urtato un ostacolo sommerso che abbia sfondato parte della chiglia causando l’episodio.

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: