8 febbraio 1940: news

Attività politica e diplomatica.
Chamberlain annuncia ai Comuni che gli aiuti britannici alla Finlandia sono già stati inviati.
war-News(una domanda: se per inviare gli aiuti alla Finlandia è stata sufficiente la volontà di una o due persone, senza quindi la necessità di una delibera della Camera dei Comuni, perché non lo si è fatto prima? Forse perchè l’amore verso quella nazione era ancora troppo tiepido?)
Sino a questo momento l’Inghilterra aveva potuto far pervenire in Finlandia solo quantitativi minimi di materiale e poche migliaia di volontari provenienti dai paesi scandinavi. Solo a metà gennaio fu aperto a Londra un ufficio di reclutamento e qualche decina di aerei partì per la Finlandia, ma in pratica non si mise mai in opera nessuna misura veramente utile.
Questa situazione era figlia dei rapporti decisamente freddi con Svezia e Norvegia che finì per coinvolgere anche la Finlandia che da sempre non aveva mai mostrato nessuna sudditanza nei confronti dell’Inghilterra.
A Vilna è scoperta un’organizzazione polacca tendente a rovesciare il Governo Lituano.

Attività militare.
A Roma si riunisce, sotto la presidenza del Duce, la Commissione Suprema di difesa.
In Finlandia la resistenza finlandese ha ragione degli attacchi russi nnella linea Mannerheim e nella regione del lago Ladoga. L’aviazione finlandese compie voli di difesa e di ricognizione.
Sul fronte occidentale attività di pattuglie in vari settori. Giunge in Inghilterra il terzo contingente di truppe canadesi.
Da Berlino si comunica che durante il periodo fra il 21 decembre 1939 e il 31 gennaio 1940, si sono avute le seguenti perdite di naviglio mercantile avversario e neutrale:
1) secondo informazioni controllate, 371.898 tonn. di registro;
2) secondo informazioni che lasciano supporre la perdita delle navi, 91.898 tonn. di registro. In totale 463.796 tonn. di registro.
In tale modo le perdite totali della marina mercantile avversaria e neutrale, dal principio della guerra, comprendono 409 piroscafi per 1.493.431 tonnellate.
Le perdite della marina mercantile tedesca sino al 31 gennaio 1940 sono state le seguenti:
1)    13.196 tonn. di navi sequestrate nei porti nemici;
2)   82.236 tonn. di navi catturate dal nemico;
3) 141.525 tonn. di navi affondate dagli equipaggi per sottrarle alla cattura.
In tutto le perdite tedesche ammontano così a 42 navi per 236.957 tonnellate.

Secondo un comunicato britannico, dall’inizio della guerra fino a domenica scorsa le perdita della marina mercantile britannica, causate da azioni nemiche, sono state 143 navi, quella della marina francese 14 e quelle dei paesi neutrali 117.

Secondo un comunicato francese, durante la settimana dal 28 gennaio al 4 febbraio, la marina da guerra francese ha fermato 18 piroscafi, sequestrando 34.682 tonnellate di merci dirette o provenienti dalla Germania.
Ciò porta il totale delle merci sequestrate sinora a 536.934 tonnellate.

Il piroscafo francese Mary Davon, di 2.156 tonn., affonda nel Mare del Nord per urto contro mina; il piroscafo inglese Highcliffe, di 3847 tonn., per sfuggire ad un sommergibile tedesco, si getta sugli scogli della costa nord dell’Inghilterra, arenandosi.

Highcliffe

 

Annunci

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: