18 dicembre 1939: news

Attività politica e diplomatica. Il discorso del Ministro Ciano continua a suscitare larga eco di commenti nella stampa internazionale. Particolare risalto per il passo: “La nostra posizione odierna è dunque di non belligeranza, che non deve confondersi con neutralità, anche perchè neutralità è parola nettamente antifascista. Abbiamo sott’occhio una frase di Mussolini non equivoca, che tutti debbono oggi rammentare: « Bisogna agire, muoversi, combattere e, se occorre, morire. I neutrali non hanno mai dominato gli avvenimenti. Li hanno sempre subiti. E’ il sangue che dà il movimento alla ruota sonante della Storia!“. Secondo l’opinione di molti, il conte Ciano ha tenuto un discorso che ha il tono di inno funebre alla politica dell’Asse. In un altro punto, Ciano afferma: “l’Italia non ritiene che la costituzione di blocchi di qualsiasi specie possa essere utile, né ai paesi che dovrebbero farne parte, né al fine più alto di affrettare il ristabilimento della pace“.

war-News
Attività militare. Sul fronte occidentale duelli di grossi calibri d’artiglieria fra la Sarre e la Mosella.
L’aviazione britannica compie un’incursione aerea contro le coste germaniche del Mare del Nord. Secondo informazioni tedesche 34 apparecchi britannici sarebbero stati abbattuti nella battaglia svoltasi a nord di Helgoland. Secondo informazioni inglesi il numero di bombardieri perduti sarebbero 7, contro 12 caccia germanici. (raro che un bombardiere abbia la meglio in un duello contro un caccia…).
Continua l’impressione sucitata dall’auto-affondamento della Corazzata tedesca Admiral Graf Spee. Il Comandante e gli ufficiali approdano a Buenos Aires e sono internati. Il Governo germanico presenta una protesta al Governo uruguayano, che cedendo a pressioni inglesi non avrebbero concesso alla nave avariata il tempo necessario alle riparazioni.
L’Ammiragliato britannico annuncia che il sommergibile Ursula ha affondato alla foce dell’Elba un incrociatore tedesco, classe Koeln.
Aerei germanici affondano il guardacoste Newchoice, i dragamine Evelina, Sedgefly e il Pearl.
Per urto contro mine affondano la navi norvegesi Strindheim di 460 tonn. e Glittrefjaelt, di 2400 tonn. e il vapore finlandese Capella, di 1280 tonnellate.

Advertisements

Informazioni su team557

storie e contro-storie della seconda guerra mondiale. La Romagna in guerra. Vedi tutti gli articoli di team557

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: